Jump to content
Melius Club

alexis

Giradischi. L’epopea dei super bracci

Recommended Posts

alexis

Non sono solo i giradischi, con le loro fascinose masse rotanti a catturare le attenzioni a tratti morbosi dell’audiofilo ludens,  ma a loro degno completamento ci sono pure i bracci di lettura, nelle loro infinite declinazioni..  a metà protesi meccanica di mano artificiale degna di robocop, a metà archetto musicale pronto a far sussultare di piacere musicale quegli oscuri solchi nel vinile. :-)

Ebbene cosa ci sarà di così particolarmente complesso nell’anatomia costruttiva di un braccio, per meritarsi tanta attenzione da parte degli appassionati?

vediamo da vicino uno degli esponenti più chiacchierati e discussi dei bracci di ultima e suprema categoria.. il Durand, modello umilmente denominato dal costruttore Telos..lo scopo, il fine ultimo eccetera..

Ps: scrive di lui un utilizzatore: “ sembra di ascoltare un mastertape originale “ , “chiarezza e timbro oltre l’immaginazione, basso duro e turgido come un gancio di Tyson” eccetera..

DDF64342-F9E5-4CC2-8621-1DFE4EE38C61.jpeg

46DEAE7F-359E-4490-997E-D22DAE9604A4.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

E poi c’è il Tosca, questa volta non unipivot, ma con una articolazione degna di un Audemar Piguet.. secondo me, bellissimo davvero...

F40C9422-9B0A-47A0-9926-17B284B280B1.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

E qui il the Kairos, “ l’attimo universale, giusto bello e buono” secondo la modesta toponomastica immaginaria del costruttore..

D9A8A4D5-5E3A-4227-BC6A-4B608FA9BDCB.jpeg

662D49EF-D31C-4710-878D-6193696AA2E1.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

E poi c’è l’entry l’elenco, mi pare il thalea... e un miracoloso clamp da soli 3500 usd, e real bairgain, pare rispetto al grado di miglioramento esimenenziale e apostrofeico donato al vostro misero trascinapadelle... 🤣😂

3F16E199-6D5D-4F66-9683-45DD3BEF114D.jpeg

1BD0BEA2-CF4F-4CDA-9EF2-CB7741ECFE46.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

Qui potete approfondire...

http://durand-tonearms.com/Whattheysay/whattheysay.html

e volendo, farvi fare una Quote, visto che non sono attualmente importati in itala, e che l’intera produzione va in Asia e usa..

trovo interessante il riuso di un materiale nobile e musicalmente dotato come un certo tipo di legno stagionato e trattato come uno strumento musicale.

che sia questo il segreto del loro suono?

Share this post


Link to post
Share on other sites
aldina

A me sembra che il buon Joel si sia fatto prendere molto la mano...

Seguo sin dall'inizio il suo lavoro, da quando ha fatto uscire il Thalea e come sai bene anche tu numerosi appassionati americani con impiantoni sono passati con lui.

Boh, posso accettare che abbia indovinato il percorso segreto che gli da qualche decimo di vantaggio sul giro ma mi sembra che soprattutto le sue ultime creazioni siano figlie della mentalità highend dove ogni modello superiore (frazionalmente superiore) deve per forza costare il doppio del precedente. Filosofia malata.

Se io fossi un ricco oggi e volessi rischiare a scatola chiusa credo che andrei sul Dereneville... follia per follia, tanto per parlare... son riflessioni in aria le mie...

Share this post


Link to post
Share on other sites
66ale

🤭

Share this post


Link to post
Share on other sites
flamenko

anche questo non è male...🤗graham.thumb.jpg.d14c4e06b0d5ea4b21ba800c052c3d30.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
aldina

sembra un Graham B44

Share this post


Link to post
Share on other sites
flamenko

è il phantom 'elite 12

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bill

Cuscinetti in rubino su supporto ceramico su entrambe gli assi

18121913013218.jpg   

DSC00313.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites
meridian

Tutto molto bello, interessante e avvincente, e forse proprio grazie a questi oggetti che continuo a pensare di far bene a stare lontano dall' analogico . . . !!!

Grazie per rafforzare il mio convincimento delle scelte fatte . . . !! 

saluti , Dario 

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

@Bill bellissimo 

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE
4 ore fa, Bill ha scritto:

Cuscinetti in rubino su supporto ceramico su entrambe gli assi


si conosce l'attrito in mg? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bill

A seconda dell’umidità, senza cablaggio 4-6mg

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

@Bill  non male non male  👍👍👍     

probabilmente quel valore che indichi è il limite più basso per gli imperniati, ove nonostante siamo alle soglie del 2020 più di così non si riesce a scendere; e pensare che la Technics per l'Epa 100 già 40 anni fa (40 anni mica pizza e fichi) dichiarava su per giù lo stesso valore (5mg) anch'esso con cuscinetti in rubino; probabilmente materiali più scorrevoli per i cuscinetti in 40 e più anni non sono ancora stati inventati o, se lo sono, chissà a che costi.  😂

Immagino il prezzo di vendita una volta che lo immetterete sul mercato anche perché si nota dispendio di materiali e lavorazioni!  :o

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bill

Le sfere utilizzate sono di grado 5 il massimo possibile per le dimensioni impiegate. Andare oltre a 5 mg di frizione è possibile solo con i cuscinetti pressostatici in carbonio microporoso (ad aria) comunque non si hanno vantaggi reali considerati i normali pesi di lettura attorno ai 2 grammi (400 volte superiori all’attrito dei cuscinetti) e alla imprecisione dei sistemi di antiskating 

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

Ecco un’altro pezzo da novanta, uno dei bracci più chiacchierati tra gli audiofili di tutto il globo, che notoriamente sognano di queste cose, invece delle solite donne, calcio e auto. Se sia un bene o meno, fate voi. 🙂

Ecco a voi, quindi,  per soli 28 testoni, uno spicchio di cielo a portata di mano, anzi di braccio, il SAT, swedish audio tecnology.. a mio avviso.. bellissimo.. sotto tutti i punti di vista.
Secondo Fremer, attualmente, il migliore della sua specie.. di sempre. 

311C6CB7-4679-4B60-AF2B-B8C7EEC41322.jpeg

661F8635-1702-4679-A75F-C68D5B5EE041.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bill

@BEST-GROOVE il prezzo sarà elevato ma non scandaloso, dovremmo rimanere al di sotto dei 4000 euro per il 9”

le caratteristiche sono molto interessanti

alcune uniche come i già citati cuscinetti, un “fine tuning” della massa effettiva, la canna raggiata con 11 diversi spessori interni lungo la rastrematura, il VTA regolabile mediante ingranaggi e cinghia, la possibilità di tre tipi di base: proprietaria, SME style, FR style, il cablaggio in argento monocristallino a doppio litz realizzato appositamente da Zavfino, il fermabraccio “invisibile” e tante altri piccoli dettagli.

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

@alexis  sembra un 9"" a vederlo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bill

@alexis prezzo ingiustificato

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE
10 minuti fa, Bill ha scritto:

comunque non si hanno vantaggi reali considerati i normali pesi di lettura attorno ai 2 grammi (400 volte superiori all’attrito dei cuscinetti)


può darsi ma a mio avviso ritengo che più un braccio ha un'attrito basso e meglio è...lasciamo che gli attriti siano altrove piuttosto. :(

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

@Bill Il prezzo di un’auto bile per un braccio? Follia pura, convengo con te.

Ma stiamo assistendo nel settore dei giradischi ultra top un vero fenomemeno di esplosione dei prezzi, Techdas annuncia un gira da 500k, bracci da 50 k, testine da 20 k... non so dove finiremo di questo passo..

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

@BEST-GROOVE un braccio ad attrito zero è il tangenziale ad aria.. ma non sono solo rose e fiori 💐.. e anche gli unipivot hanno attriti vicinissimi allo zero..  penso che il braccio di lettura incida sul suono soprattutto a livello di micro-vibrazioni sulla canna,  che nell’universo ravvicinato del diamante in preda ai marosi del vinile, equivale ad un uragano in kathrina style..

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE
26 minuti fa, alexis ha scritto:

non so dove finiremo di questo passo..


che o se li tengono loro o che ...non voglio dire altro.
 

Ma chi c'è dietro a tutte ste manovre? Solo geni del marketing o progettisti conosciuti?  Perché chi prima progettava le gru, o avesse perfezionato un' ombrellone da spiaggia o fosse un'emerito sconosciuto che si mette a far bracci non mi fido proprio per niente! 😡

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bill

Un tangenziale ad aria per avere un attrito prossimo allo zero dovrebbe essere in piano assoluto, cosa praticamente irrealizzabile. Poi va considerata la resistenza dei cavetti superiore (così come nell’unipivot) rispetto a quella di un braccio a cuscinetti.Diciamo che se ben progettato utilizzando i nuovi cuscinetti al carbonio microporoso che garantiscono una uniformità di flusso omogenea è il sistema che, allo stato dell’arte, garantisce i valori più bassi di frizione. Poi vi sono grossolani errori progettuali come quello di un famoso costruttore che usa si questo cuscinetto aerospaziale ma montato sulla parte mobile quindi oltre all’attrito dei cavetti aggiunge quello ben superiore del tubicino dell’aria...

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE
10 minuti fa, Bill ha scritto:

utilizzando i nuovi cuscinetti al carbonio microporoso


quindi nemmeno la ceramica è più scorrevole? scusa la curiosità...ma in che modo e dove li hai scovati? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE
28 minuti fa, alexis ha scritto:

 un braccio ad attrito zero è il tangenziale ad aria...  unipivot

immaginavo ...ma il mio discorso era incentrato solamente su quelli a cuscinetti e non altri.

Share this post


Link to post
Share on other sites
66ale

Fosse solo un problema di attriti...

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    299858
    Total Topics
    6637956
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy