Jump to content
Melius Club

domenico80

Klipsch La Scala

Recommended Posts

GianGastone

E ci ho pure l' anello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
joe845

@ulmerino non hai capito. Il mio intervento era proprio per ringraziarti del tuo buon senso. Non era ironico. 

Quindi la prossima volta pensaci due volte prima di accusare, altrimenti ti vai a fare un bel giro fuori per un po'di tempo..

G

Share this post


Link to post
Share on other sites
stel1963
14 ore fa, dufay ha scritto:

ritrovato la foto del filtro delle La Scala. Così sono ascoltabili

Non è il filtro standard! Dove lo hai trovato? E molto interessante... sembra un filtro tedesco o europeo e non ha l’autotrasformatore, come invece hanno sianil Crites che l’alk.  Bei componenti, deve costicchiare. E a vedere la foto tagliansia w che mid in alto, e con pendenze serie. Hai lo schema o mi fai due fotobda più vicino?

Share this post


Link to post
Share on other sites
stel1963
13 ore fa, nexus6 ha scritto:

@stel1963 .

conosci il cross B&K Sound Type A ? è di Bob Crites ?

Si.  Ma non è un crossover normale.  Serve se si vuole montare il t in titanio.  In realtà dovrebbe essere uguale o simile a quello delle nuove la scala.  Introduce un taglio a 4500 getz , e fino qua tutto normale, ma anche una correzione con una cella che modifica Lan risposta verso i 3000 Hertz adattandola a quella del T Sto guidando e non riesco ad andare a vedere come è fatta la cella.  Ma su internet credo che cibsiano gli schemi.  Il problema è che la k400 è una tromba esponenziale degli anni 50, un Verona proprio dinosauro.  Mentre col vecchio tweet il colonnello la lasciava decadere meccanicamente, se usata col nuovo che scende di piye meglio si sipuo incrociare più in basso ma con problemi di regolarità e di fase, e dunque quel cross li corregge portando ad una risposta  piatta e corretta.  A livello acustico speculo, ma dovrebbe rendere meno “sparate in faccia” la ricostruzione prospettica, arretrando i piani e addolcendo un poco e logicamente estendendo il tw dai 15-16 K a ben più in alto, 22-23.000.   

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

@joe845 allora ti ringrazio e mi scuso, ma permettimi di dire che in mezzo a tutti quegli interventi dubbi, mi è stato un po' difficile capirne l'essenza.leggendo il tuo post sembra che mi si richieda buon senso...comunque non mi sembra di aver accusato nessuno. E con questo chiudo i miei interventi su questo thread.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stel1963

@landrupp @ulmerino grazie!!! Davvero e di cuore!   be' si ho smesso di farlo per lavoro nell’87, e da allora è stato solo un piacere, e spesso anche una grande occasione per conoscere e stringere grandi amicizie.  Ma non prendeteminper un esperto delle Klipsch. Leggo tanto e sperimento tantissimo, es un po alla volta comincio a capire la psicologia del colonnello, i suoi perché ceh ricosnosco sono sempre poco evidenti. Quando vedi una cassa di aloia capisci subito il perché delle scelte.  Ma quando vedi una Klipsch heritage spesso rimani perplesso  

Share this post


Link to post
Share on other sites
carlottina

@stel1963 ad occhio quel filtro in foto è realizzato da Franco...

Share this post


Link to post
Share on other sites
nexus6
8 ore fa, stel1963 ha scritto:

Si.  Ma non è un crossover normale.  Serve se si vuole montare il t in titanio.  In realtà dovrebbe essere uguale o simile a quello delle nuove la scala.  Introduce un taglio a 4500 getz , e fino qua tutto normale, ma anche una correzione con una cella che modifica Lan risposta verso i 3000 Hertz adattandola a quella del T Sto guidando e non riesco ad andare a vedere come è fatta la cella.  Ma su internet credo che cibsiano gli schemi.  Il problema è che la k400 è una tromba esponenziale degli anni 50, un Verona proprio dinosauro.  Mentre col vecchio tweet il colonnello la lasciava decadere meccanicamente, se usata col nuovo che scende di piye meglio si sipuo incrociare più in basso ma con problemi di regolarità e di fase, e dunque quel cross li corregge portando ad una risposta  piatta e corretta.  A livello acustico speculo, ma dovrebbe rendere meno “sparate in faccia” la ricostruzione prospettica, arretrando i piani e addolcendo un poco e logicamente estendendo il tw dai 15-16 K a ben più in alto, 22-23.000

molto chiaro, grazie !

Share this post


Link to post
Share on other sites
smile

@joe845  Potremmo suggerire ai capoccia una nuova sezione, tipo "RIDIAMOCI SOPRA"...

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlfonsoD

Un giorno che non guardo il forum e trovo la discussione ben più che animata!

Vorrei dire la mia, senza far polemiche e senza che nessuno s'incazzi:

@stel1963 hai ragione quando dici di smontare  e provare, ma se lo si fa al buio si rischia di buttare tanti soldini senza sapere dove si sta andando. Io ho cominciato da giovane a smanettare con altoparlanti e casse, ma ho fatto tanti guai proprio perché non potevo permettermi un minimo di strumentazione (e non ne avevo neanche le basi tecniche); col tempo, studiando e con un minimo di attrezzatura (che oggi si mette su con pochi soldi) i risultati si sono cominciati a vedere; certo, l'esperienza di aver visto lavorare qualcuno del campo mi manca, infatti le misure che faccio le trovo abbastanza poco attendibili visto che raramente riesco ad ottenere due volte lo stesso risultato, ma pian piano si migliora.

Io non cerco di diventare un @dufay o qualcun altro che faccia da riferimento per le sue opere (anzi, io inseguo una strada completamente diversa), semplicemente cerco di costruire qualcosa con cognizione di causa e che il suono che emette sia coerente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dufay
42 minuti fa, smile ha scritto:

@joe845  Potremmo suggerire ai capoccia una nuova sezione, tipo "RIDIAMOCI SOPRA"..

Io la chiamerei "riso amaro"

Share this post


Link to post
Share on other sites
dufay
9 ore fa, stel1963 ha scritto:

Non è il filtro standard! Dove lo hai trovato? E molto interessante... sembra un filtro tedesco o europeo e non ha l’autotrasformatore, come invece hanno sianil Crites che l’alk.  Bei componenti, deve costicchiare. E a vedere la foto tagliansia w che mid in alto, e con pendenze serie. Hai lo schema o mi fai due fotobda più vicino?

Nella foto il filtro ha gli stessi valori e lo stesso schema dell'originale. Poi si è modificato (misurando...) qualcosa. Il passa alto del tweeter, come dissi, è stato completamente cambiato più sopra ci sono le misure. In tal modo invece di 3 condensatori in serie ce n'è uno solo. 

Con questo filtro si sentono le vere qualità delle La Scala. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
dufay

In blu il passa alto originale in rosso il mio. 

IMG_20200109_183822.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
stel1963
8 ore fa, AlfonsoD ha scritto:

e, ma se lo si fa al buio

Io lo faccio sempre al buio!  😱 Di notte dall’una in poi con le luci basse per non svegliare nessuno! 🤣🤣🤣🤣. be' a parte gli scherzi  certo che prendere un altoparlante qualsiasi e attaccarlo aduna cassa quasiasi e a un crossover qualsiasi si puo fare tranquillamente, ma con la quasi certezza che il risultato sia scarso e con una buona probabilità di bruciare il componente in questione.    Ora certo che se attacchi una tromba jbl ad una Klipsch e speri che suoni bene verrai deluso.  Se già parti dai datasheet di ciascun altoparlante e fai dei tagli teorici ad hoc ottieni risultati abbastanza soddisfacenti.  Per andare un poco oltre bastano pochi strumenti che al giorno d’oggi sono molto economici (rispetto a 30 anni fa).  Se poi decidi che la tua strada è giusta, a quel punto fai come qualsiasi progettista, prendi e vai in camera anecoica ( Audiokonika ne ha una magnifica dotata di tutto il necessario!!!! Per i torinesi una manna)e cominci con grafici di emissione fuori asse, analizzatori di spettro e tutto quanto ti serve    Ma l’esperienza te la fai con l’attacca e stacca, con lo smonta e rimontaNon volevo dare l’impressione di poter operare come nel car audio, dove i crossover placcati oro manco indicano le frequenze di taglio, e gli altoparlanti si scelgono e si montano in base all’estetica e a millantate potenze al sol fine di fare bum bum  più forte degli altri. Ma dopo che Hai allestito discoteche e sale di registrazione e hai smanetta atto con crossover elettronici 12 14 ore al giorno per una decina di anni una certa esperienza uditiva te la sei fatta.   E comunque se tu non avessi cominciato a montare e smontare altoparlanti a casaccio combinando anche dei guai, adesso non avresti la soddisfazione di poter ti fare delle cose interessanti. Definiamo però una cosa importante questo vale per se stessi. Nel momento in cui pretendi di costruire qualcosa che vada un po’ più in là di casa tua a quel punto lo devi fare  in modo corretto e utilizzando i mezzi adeguati. Ma ogni costruttore e Progettista è stato in origine un casinaro che faceva esplodere altoparlanti e condensatore di amplificatori. Ricordo il primo prototipo del primo amplificatore della unison una volta atterrato a casa mia. Con un giovane ingegnere ventenne mio amico e e un altro giovane elettrotecnico siamo riusciti a farlo letteralmente esplodere  perché aveva un sacco di contro reazione, e volevamo provare come suonava con una contro reazione più bassa e un paio di modifiche relative al circuito. E con che facciatosta abbiamo spiegato alla Uninson che durante il test di ascolto appena acceso l’ampli era esploso misteriosamente da solo, facendo accuratamente sparire tutte le tracce di modifiche , E ripulendo accuratamente soffitto e pareti.   Anche la quantità di mosfet e transistor bruciati durante la moda dell’accoppiamento diretto senza condensatori sul segnale non è stata male in quanto a danni.  Ma seriamente credo che si impari tanto dagli errori e poco dei successi. Se uno attacca un altoparlante a caso a una cassa e questa suona meglio non hai imparato nulla e non saprà  Mai il perché. Rimarrà semplicemente lì ad ascoltarsi la sua nuova cassa   Se invece come succede abitualmente ti sei costruito un kit magari risparmiando su una delle tre vie oppure non trovandola dal buon Pinto di Torino, e il tuo kit suona da schifo, è lì che comincerai a imparare  in quanto a quel punto vorrai capire perché e ti imbarcherai e in un’avventura che spesso dura una vita. Peraltro qualcuno di voi va all’incontro degli auto costruttori di cui leggo tutti gli anni su costruire hi-fi? Sono sempre stato molto curioso di farci un salto. Credo che la qualità del suono generale sia nettamente superiore lì che in qualsiasi fiera Hi end.  E qualcuno sa se la mega Herz produce ancora trasformatori? Chi ha un qualche bel progettino di e L 84 single ended parallelo? Ho nel cassetto anzi in uno scatolone qualche centinaio di el84 e di tutte le marche, e mi piacerebbe pilotare le Klipsch  e a provarle un po’ tutte per vedere le Differenze di suono tra Marche e stabilimenti di produzione diversi. Ora smetto perché sono logorroico🤪🤪🤪🤪🤪🤪🤪

Share this post


Link to post
Share on other sites
viale249
3 ore fa, stel1963 ha scritto:

Peraltro qualcuno di voi va all’incontro degli auto costruttori di cui leggo tutti gli anni su costruire hi-fi?

Con questa frase ti sei praticamente impegnato a venire alla manifestazione! Ci stiamo lavorando, appena terminato l'impegno di Degustazioni Musicali ne daremo notizia.😜

Share this post


Link to post
Share on other sites
pro

@viale249 

Dove si tiene?

Share this post


Link to post
Share on other sites
viale249

@pro Audiocostruttori. San Vincenzo (LI). Se fai una ricerca in rete trovi le info...

Share this post


Link to post
Share on other sites
pro

Ah, non proprio dirtro l'angolo

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenico80

non ho ancora capito se abbia senso o meno clonarevle La Scala , con tutte le versioni prodotte e con la reperibilità di driver e woofer .

E nemmeno se si possa clonarle migliorandone qualche aspetto , vedi medi ed alti

Share this post


Link to post
Share on other sites
mariovalvola
1 ora fa, domenico80 ha scritto:

non ho ancora capito se abbia senso o meno clonarevle La Scala , con tutte le versioni prodotte e con la reperibilità di driver e woofer .

E nemmeno se si possa clonarle migliorandone qualche aspetto , vedi medi ed alti

Per me potrebbe avere senso se si ama quel tipo di approccio. I componenti "originali" o compatibili, con pazienza si trovano (un mio caro amico aveva trovato in Svizzera i filtri più vecchi (non chiedetemi di più) e i driver in Alnico dei medi e alti. Lui ne è soddisfatto (le ascolta spesso con le 71A che al massimo forniscono 0,8W). Ognuno ha il suo paradiso e, da fuori, è difficile giudicare. 

Il 15/1/2020 Alle 01:15, stel1963 ha scritto:

L’idea di provare altro (cosa che faccio spesso) era nata dal fatto che alcune la scala in ferrite sono state modificate in giappone ed usa con i 2426h della jbl

Purtroppo, con gli altoparlanti sono un dilettante e in più, sono anni che non provo più nulla. Rispetto l'approccio ludico ma qualche considerazione la farei.

Dal basso della  mia ignoranza, tra tutti i driver possibili sei andato a sceglierne uno (perché lo fanno altri)  con membrana in titano (!!) che la casa consiglia di tagliare a 800Hz con una pendenza minima di 12 dB/oct). Ora, mi pare che nelle La Scala, l'incrocio tra basso e medio sia situato a 400Hz.  (24dB/oct!!).

Guardando la scheda tecnica del driver da te citato, non mi pare che riesca ad andare bene in basso. Oltretutto, esistono ottimi componenti della stessa casa da due pollici con membrana fenolica in grado di lavorare meglio intorno ai 400Hz.  il 2482 parrebbe più facilmente utilizzabile ovviamente con una tromba con un cut-off pari a 200Hz, (JABO?).

Sto sbagliando qualcosa?

16 ore fa, stel1963 ha scritto:

E qualcuno sa se la MegaHerz produce ancora trasformatori? Chi ha un qualche bel progettino di e L 84 single ended parallelo? Ho nel cassetto anzi in uno scatolone qualche centinaio di el84 e di tutte le marche, e mi piacerebbe pilotare le Klipsch  e a provarle un po’ tutte per vedere le Differenze di suono tra Marche e stabilimenti di produzione diversi. Ora smetto perché sono logorroico

Lamberti (MHz vende ancora ferri)

Se apprezzi i DHT, perché non continui con quelli? Proprio con l'alta efficienza ci vanno a nozze. (Ora esistono ottimi sistemi per silenziarli con assoluta eleganza ed efficacia). Il parallelo di tubi, in linea di massima è una non idea che, nel tuo caso, serve solo a semplificare il trasfo d'uscita. Senza una maniacale selezione, non ci capiresti molto usandole in parallelo  rimanendo comunque una soluzione francamente rabberciata

Prova la 71A, la RE304, la RE604. Penso, però, che il massimo lo otterrai con un tubo equilibratissimo come la PX4.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    298585
    Total Topics
    6591182
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy