Jump to content
Melius Club

tibeg100

Consiglio lettore SACD

Recommended Posts

tibeg100

Cari lettori del forum,

vorrei chiedervi un parere o suggerimento sulla questione in oggetto.

La mia amplificazione e' McIntosh MA6900 ed attualmente piloto delle Altec 879a Santana +TW Fostex T90. SOno molto contento di questa combinazione e del suono caldo e avvolgente che ne esce.

Vorrei introdurre un lettore SACD di fascia medio-alta e mi sto orientando sull'usato:

- Esoteric K-05x

- Accuphase DP-560

- McIntosh MCD 500 o 550

ho raccolto informazioni da forum vari e recensioni su riviste e web e mi sono orientato su questi lettori.

Mc per affinita' di Brand, anche se i lettori digitali non sono forse il pezzo forte della casa (e so che alcuni modelli hanno avuto varie vicissitudini per affidabilita' e cambio del fornitore della meccanica).

Accuphase e Esoteric sono forse piu' specialisti in tal senso.

Dei tre sopra elencati, l'Esoteric potrei acquistarlo (sia grigio che nero) attorno ai 3K, gli altri attorno ai 4K, per cui sarei piu' propenso per l'Esoteric.

Avro' presto la possibilita' di fare un confronto diretto in negozio, con la mia stessa amplificazione.

Qualcuno puo' riportarmi esperienze con K-05x? esperienze di abbinamento con ampli McIntosh?

Grazie a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogsource

@tibeg100 Vorrei introdurre un lettore SACD di fascia medio-alta e mi sto orientando sull'usato....

^^^^^^^^^^^^^

Buon giorno, gran belle casse le Altec...

Vorrei solo chiedere se disponi già di un buon numero di SACD (dischi)? Chiedo perché Il supporto non ha molte prospettive per il futuro indipendentemente dalla qualità audio.

Io mi sono posto il problema già da qualche tempo "soprassedendo" l'acquisto di un nuovo lettore al posto di quello che ho e "dirottando" l'impegno economico verso un dac e quant'altro serve per la riproduzione della "liquida" che dispone di una maggiore disponibilità di "titoli" sia in download che streaming...

Francesco

Share this post


Link to post
Share on other sites
tibeg100

A dire la verità non molti... è più la bellezza de supporto fisico che mi attira. Attualmente ho un lettore Marantz CD14 che va molto bene.

Non vorrei finire troppo off topic, ma quali DAC offrono performance ad alta risoluzione con la funzione streaming?

Share this post


Link to post
Share on other sites
densenpf
39 minuti fa, tibeg100 ha scritto:

Attualmente ho un lettore Marantz CD14 che va molto bene.

allora prendi in considerazione anche il Marantz sa10 il salto e' notevole.

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

l'accuphase è macchina eccellente, purtroppo costa

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogsource

@tibeg100 ...ma quali DAC offrono performance ad alta risoluzione con la funzione streaming?

^^^^^^^^^^^^^^^^

Per quello che ho sperimentato in ascolto sulla riproduzione audio da sorgenti digitali quello che caratterizza al 99% il suono è il dac che esegue la conversione (a parte ovviamente la qualità della registrazione digitale nativa, nessun dac anche eccezionale può convertire quello che nella registrazione non c’è….).

Quindi poco importa se il dac è “a bordo” di una macchina “pura” o uno streamer, un SACD con ingresso COAX ecc. ecc..

Il punto è nei costi e nella flessibilità d’uso. I servizi di streaming disponibili sul web sono in continuo mutamento e non tutti gli streamer offrono la necessaria “flessibilità” e non è detto che il rilascio dell’aggiornamento del software di funzionamento sia tempestivo o che comprenda quello che ci si aspetta.

Dalla catena audio che hai selezionato e dai suggerimenti dell’hardware relativo ai lettori SACD che hai proposto direi che metti al primo posto la qualità (anche costruttiva di quello che hai intenzione di metterti in casa….).

Personalmente ritengo i SACD un supporto fantastico ma purtroppo con poco futuro. Acquistare oggi un SACD player anche eccelso ti porterebbe già adesso a disporre di un “obsolescenza” seppur magnificamente suonante.

Tornando alla qualità della riproduzione io mi orienterei invece su un ottimo dac “puro” con quanti più ingressi possibili (coax, aes/ebu, toslink, usb e uscite. Magari con funzionamento bilanciato, non una macchina sbilanciata con uscite xlr). Una volta trovato il dac con il suono che ti aggrada il 90% è fatto.

Avrai sempre il dac come punto fermo che ti farà usufruire del “suono” di tuo gradimento e potrai decidere come portare il segnale in ingresso in molti modi che incideranno sulla qualità audio in uscita molto molto poco……

A monte del dac potresti usare un pc o meglio un mac collegato in usb (che ti toglierebbe qualsiasi problema di interfacciamento futuro con il web) oppure uno dei tanti streamer senza dac, oppure decidere di non fare streaming ma solo download su un supporto come memorie di massa disponibili in rete locale (tipo NAS o hdd). In ogni caso potresti cambiare agevolmente la "sorgente" musicale a monte con il massimo della "flessibilità" senza cambiare in modo sostanziale la qualità audio in ascolto. Senza contare della già maggiore disponibilità di musica liquida in costante crescita al contrario dei SACD.

Nulla da eccepire comunque sulla qualità audio dei lettori sacdp che hai selezionato...se ascolti sopratutto classica il "parco" SACD in circolazione è abbastanza consistente.

Francesco

Share this post


Link to post
Share on other sites
Turandot

Io preferirei Esoteric. Sopratutto nel tuo sistema

Share this post


Link to post
Share on other sites
codex

La scelta di installare un lettore sacd è stata sempre di nicchia, da quando è uscito il peculiare formato a brevetto Sony, ma non è esattamente vero che i titoli disponibili siano così pochi, anzi.

E' vero, invece, che l'utilizzo del sacd comporta costi non indifferenti sia per l'hardware che per i supporti, che mediamente costano ben più dei cd, soprattutto talune edizioni e determinate etichette.

Personalmente con il 6900 vedrei meglio l'Accuphase, il 560 fa parte di un nuovo corso sonoro che, senza perdere le caratteristiche del marchio, ha implementato una maggiore ariosità e cura del dettaglio. Ad ogni modo, come ti è stato già suggerito, cercherei di provare gli apparecchi nel tuo impianto, la teoria disgiunta dalla pratica ha poco senso in questo come in altri settori.

Ah, procurati qualche bel sacd di tuo gradimento ed evita i dischi test, devi essere convinto dalla musica.

Share this post


Link to post
Share on other sites
guru1602

@codex Quoto...ascolta con le tue orecchie e poi decidi con calma😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

I sacd si trovano, anche a prezzo ragionevole, ma soprattutto classicaaa

Share this post


Link to post
Share on other sites
codex

@cactus_atomo 
Vero per quello che gira in Europa, ma in Giappone si trova anche parecchio rock e prog...basta visitare i siti giusti. Ho trovato, per esempio, diversi album di Stevie Wonder.

Il prossimo 24 gennaio esce, tra l'altro, la nuova release APO di The Dark Side of The Moon (dopo tre vinili, la bobina ed il cd, il sacd mi mancava).
Anche nella classica le migliori edizioni sono quelle made in Japan.

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

@codex in giro si trova quasi tutto, ma in genere i sacd del rock appena vanno fuori catalogo raggiungono prezzi da collezione. Il sacd di dsotm è fore quello che mi è piaciuto meno, ipercompresso. Ma forse ne hanno fatto una nuova edizione che non fa piangere

Share this post


Link to post
Share on other sites
codex
10 ore fa, cactus_atomo ha scritto:

Ma forse ne hanno fatto una nuova edizione che non fa piangere

La APO ha spiegato che è un nuovo remaster tratto comunque dai nastri originali. Ho altre cose della stessa etichetta e non sono malvage, poi è chiaro che potrebbe trattarsi del solito mezzo per prolungare i diritti d'autore, come per i Beatles. Il sacd a cui ti riferisci dovrebbe essere quello della EMI, che ora si trova solo usato.

Ad ogni modo, il brevetto Sony dovrebbe essere scaduto, non mi meraviglierei se le nuove edizioni si moltiplicassero: io sono antico, i dischi li colleziono e forse ci sono ancora persone che la pensano uguale, nonostante le sirene dello streaming.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxfabbri

mah...per i supporti fisici hai già un'ottimo lettore cd...oggi con lo streaming hires non so se abbia senso investire in un lettore sacd (se non si hanno già molti titoli in casa)...forse meglio un dac di fascia alta da sfruttarsi eventualmente anche con il lettore cd

Share this post


Link to post
Share on other sites
medio

Premetto che darei il mio voto al MCD500, sopratutto per il modo in cui suona (oltre i SACD) i classici CD.

Se avessi una collezione importante e non avessi voglia di rippare tutto per utilizzare la liquida con DAC di alto livello, la spesa la farei. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
tibeg100

Cari forumers,

oggi ho passato la giornata da Audiounion a Tokyo, che ha mi ha gentilmente messo a disposizione collegando un MA6900, I seguenti lettori:

- McIntosh MCD 550, MCD 500

- Accuphase DP560

- Esoteric K-05xs

Dopo i primi due round di ascolti sia con CD che SACD, i Mc hanno ceduto il passo... bei lettori ma più piatti e opachi, poco emozionanti.

il duello si è dunque fatto serrato trai i due Giapponesi, entrambi secondo me di un’altra categoria.

Suonano in modo diverso, difficile dire quale fosse il migliore. Accuphase più caldo e materico con un’ottima scena. Esoteric di una precisione assoluta ma mai affaticante e con i poco più di aria e apertura.

Alla fine l’abbinamento migliore col mio ampli l’ha ottenuto l’Esoteric.
Ottime le possibilità di dettaglio dei filtri. Tra l’altro era in promozione quindi l’ho portato via nuovo ad un prezzo simile aglio altri che erano usati.

Eccolo già all’opera in fase di rodaggio, il buon vecchio CD14 partirà presto per trovare una nuova casa...

18D74B6A-DCD0-4F71-8F93-73B92A332138.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
imoi san

@tibeg100 

bene!

io, in tutti questi anni, ho colpevolmente trascurato il supporto sacd.

Di recente ho acquistato un lettore usato e devo ammettere che con i sacd, quando incisi bene, non c’è cd che tenga...

Peccato per i costi...😱

Share this post


Link to post
Share on other sites
rpezzane

@tibeg100 per come descrivi il tuo impianto proverei l’esoteric. Gran bella macchina. Molto dettagliata e trasparente. Si potrebbe abbinare bene. Il Marantz sa10 è un’altra macchina eccellente ma secondo me meno abbinabile in quel contesto. Però ovvio e tutto da provare.

complimenti e saluti

@tibeg100 ops non avevo visto che avevi già colpito. Complimenti.

qualche commento ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
tibeg100

Acceso ininterrottamente da 4 ore. Superlativo anche coi semplici CD.

Meccanica silenziosissima, voci setose e pianoforte palpabile.

Sono molto soddisfatto, penso si abbini alla perfezione con l’amplificazione McIntosh in mio possesso.

Non ho ancora provato a giocare coi filtri...

Share this post


Link to post
Share on other sites
networkcode
Il 17/1/2020 Alle 20:29, codex ha scritto:

Ad ogni modo, il brevetto Sony dovrebbe essere scaduto, non mi meraviglierei se le nuove edizioni si moltiplicassero: io sono antico, i dischi li colleziono e forse ci sono ancora persone che la pensano uguale, nonostante le sirene dello streaming.

Sì nel 2019 esattamente.

La penso come te, mi piace possedere il supporto fisico, per sicurezza di fruizione ed, ovviamente e soprattutto, collezionismo.

Alessandro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
networkcode
Il 16/1/2020 Alle 14:24, analogsource ha scritto:

Tornando alla qualità della riproduzione io mi orienterei invece su un ottimo dac “puro” con quanti più ingressi possibili (coax, aes/ebu, toslink, usb e uscite. Magari con funzionamento bilanciato, non una macchina sbilanciata con uscite xlr). Una volta trovato il dac con il suono che ti aggrada il 90% è fatto.

Avrai sempre il dac come punto fermo che ti farà usufruire del “suono” di tuo gradimento e potrai decidere come portare il segnale in ingresso in molti modi che incideranno sulla qualità audio in uscita molto molto poco……

Concordo pienamente con quanto detto.

La massima flessibilità nel DAC è da ricercarsi assolutamente.

Sia per quanto riguarda formati decodificati che per quanto riguarda set I/O.

Unico appunto è legato al veicolamento del segnale DSD64 incluso nello Scarlet book (SACD).

Per evitare annose reingegnerizzazioni di interfaccia (te lo dico per esperienza avendoci lavorato qualche settimana sul mio Esoteric P02X) conviene scegliere meccaniche dello stesso brand, solo così verranno gestite in pure DSD dal rispettivo DAC.

Altra soluzione è un lettore multistandard che veicoli via HDMI un bitstream DSD, come Oppo 203/205 verso un pre processore che ne supporti la conversione (possibilmente multicanale) come il Marantz AV8805.

Alessandro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogsource

...

Share this post


Link to post
Share on other sites
networkcode
22 minuti fa, analogsource ha scritto:

...

?

Share this post


Link to post
Share on other sites
gela80

@tibeg100 

E pensa se prendevi l'Esoteric K03x!!

In casa Esoteric si comincia a fare sul serio proprio dal K03 in su (K01,Grandioso ecc...)

comunque complimenti per l'acquisto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
tibeg100

@gela80 purtroppo il K-03xs costava il doppio...

devo pur mantenere un certo equilibrio 

Share this post


Link to post
Share on other sites
TopHi-End

@tibeg100 per curiosità, quanto l'hai pagato in Giappone l'Esoteric, e quanto costava l'Accu?

Credo che i prezzi saranno molto più bassi rispetto all'Italia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
tibeg100

@TopHi-End 4.4k per l’Esoteric K-05xs nuovo imballato.

de DP-560 chiedevano 4.8k usato. Del MCD550 chiedevano 4.4k usato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    298637
    Total Topics
    6593468
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy