Jump to content
Melius Club

Robbie

Componenti per crossover - Consigli per gli acquisti

Recommended Posts

Robbie

Ciao a tutti,

mi trovo a voler dare una sistemata al cross-over delle mie B&W 801F, come da consiglio dell'ottimo @ulmerino.

Premesso che non intendo mettere niente di esoterico nel crossover, mi basta sostituire le resistenze con alcune nuove non cotte (magari in grado di reggere più potenza) e i condensatori elettrolitici con altri nuovi e in materiale plastico.

Le bobine invece lascerò quelle già presenti.

Dove ci si può approvvigionare di siffatti componenti a buon prezzo? Accetto anche suggerimenti su eventuali brand dal rapporto q/p stellare.

Grazie in anticipo
Roberto

Share this post


Link to post
Share on other sites
camaro71

cerca online audiogears o audioselection o su lidi stranieri c'è da sbizzarrirsi, partsconnexion , audiphonics, hi fi collective ecc ecc

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

c'è anche axiomedia che è italiano. io consiglierei però di tenere i cross originali intatti e farne di nuovi con componenti migliori comprese le induttanze

e poi fare le prove.

Share this post


Link to post
Share on other sites
pro

Se è quella a cassa chiusa, c'è un articolo su AR  di dicembre, dove GPM ha effettuato la sostituzione dei componenti del cross.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

@Robbie cerca anche degli stock a buon prezzo di condensatori nuovi...su subito capita qualcuno che li vende...tempo fa presi una grossa quantità di Epcos (Quelli azzurri) a un prezzo irrisorio...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Robbie

@ulmerino Vedrò quello che trovo... Non vorrei fissarmi troppo sulle marche (sbaglio?) quanto su tecnologia e tolleranze. A tale proposito che tipo di condensatori e resistenze sono consigliati per un utilizzo su cross-over?

Share this post


Link to post
Share on other sites
camaro71
38 minuti fa, Robbie ha scritto:

A tale proposito che tipo di condensatori e resistenze sono consigliati per un utilizzo su cross-over?

dipende in quale parte del circuito devono lavorare

su un tweeter di solito si sceglie di usare un condensatore diverso di quello del woofer

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

@Robbie per le grosse capacità e in genere per i condensatori che vanno a massa usa gli elettrolitici, per i condensatori che sono in serie al segnale su midrange e tweeter usa dei polipropilene o poliestere,  al limite se vuoi contenere la spesa usa elettrolitici e bypassali con piccole capacità in poliestere...per il condensatore da 1000 micro in serie al woofer, se decidi di tenerlo, monta un elettrolitici ma sempre bypassare da un polipropilene...resistenze Montale da 20watt...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

Le marche prendi roba consumer se non vuoi svenarti...monacor, epcos, icel ecc...magari sul tweeter potresti montare gli jantzen   i  wonder CAP o i mundorf ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
camaro71

@ulmerino quoto. 

specie sul tweeter potrebbe essere interessante provarne piu di uno, le differenze si sentono

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

robbie, se ci metti le mani io farei così: intanto guardi che cablaggio c'è dentro e casomai le ricabli con roba decente, tipo van den hul a metro che non costa tanto, o simili. poi per i condensatori io metterei solo polipropilene ad alto voltaggio, sopra i 400 volt per dire. le resistenze vanno molto bene quelle antiinduttive al 5% - 10 watt le fanno jantzen o wirewound o altri. le induttanze vanno cercate avvolte in aria con la stessa o simile resistenza di quelle originali. se ci sono condensatoroni in serie a qualcosa tipo il woofer o li togli e provi come si sente o lo lasci magari mettendone uno buono tipo mundorf appunto bypassato da uno più piccolo in polipropilene. il cross lo terrei su basetta ma cablato in aria magari con piccoli spezzoni di filo. buon lavoro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Robbie

Si, grazie a tutti dei consigli.
Intanto volevo avere un'idea di dove andare a parare per la lista della spesa.

Il primo passo sarà disassemblare gli oggettoni e confrontare quello che mi si presenta davanti con lo schema teorico che dovrebbe avere, sperando che ci siano somiglianze... :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

sai che serie sono delle 801 ? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
leosam

@audio2 Ciao

Mi puoi spiegare il motivo per cui si devono usare solo condensatori da 400V in su?Allora i Duelund da 100V non vanno bene,o gli Alumen della Jantzen ,o altri di un po' tutte le marche?Per la tenuta di potenza o cosa?

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

non è che si devono usare, ma senza spendere follie normalmente quelli ad alto voltaggio suonano meglio di quelli normali, le armature sono più robuste

e ciò influisce. poi c'è la gioielleria.

Share this post


Link to post
Share on other sites
leosam

Ma i condensatori ad alto voltaggio costano quasi sempre di più di quelli bassi,a parità di marca (Duelund sono un mondo a parte,anche se quelli da 100V nei crossover suonano molto meglio di quelli da 630V).E poi se uno ha bisogno di valori alti,e non vuole mettere nessun elettrolitico nel proprio crossover,e' obbligato a mettere voltaggi più bassi,prova a prendere ad esempio un 56 o un 47uf da 400V in su e poi li si che si vedono i salassi.Secondo te un Jantzen Cross-Cap o uno Standard z-Cap,tutti e due da 400V suonano meglio dei Claritycap ESA o Csa da 250V? Solo per fare due esempi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Robbie

@audio2 Sono prima serie, pre matrix, ma con testa già in Fibercrete.

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

ok grazie, cassa chiusa quindi ( credo ), per il resto  io parlavo in generale, ma visto che avevo appunto inteso che robbie non voleva spendere cifroni,

il discorso andava bene anche nel caso particolare.

io non uso articoli di estremo pregio, perché se devo spendere chessò mille euro in componenti, compro musica oppure cambio un' elettronica.

per esempio, prendi una marca conosciuta tipo mundorf, condensatore un valore classico 4.7, di una certa serie quello da 250v  costa su un sito euro 4.39,

quello stessa serie ma da  400v € 4.80 e passa dal 5% al 3% di tolleranza. di solito tra i due ( quelli li nello specifico non li ho provati ) quello da 400 v va meglio. 

se quella cassa li è appunto chiusa, tanta differenza in positivo la fanno le bobine avvolte in aria con la minor resistenza possibile, e pure le resistenze.

a me per esempio le 20w mundorf non piacciono, casomai preferisco fare dei paralleli con due o più da 5w o 10w di altre marche.

se comunque il filtro è quello che penso di aver trovato in rete, le pendenze a 18 db sono impegnative per il cambio delle induttanze, specie quelle

del woofer che son grosse, ma sempre secondo me ne vale davvero la pena. se c'è andrebbe tolta anche la protezione e l' eventuale batteria ( sempre se c'è )

come pure il condensatorone  in serie al wf ( robbie: se lo togli avrai probabilmente un basso meno esteso ma più veloce e definito ).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Robbie

@audio2 si si confermo che c'è tutto quello che dici e sono in cassa chiusa.
Toglierò il grosso elettrolitico in serie al woofer e deciderò che fare delle induttanze in base a quanto si rivelerà costosa la lista della spesa. Posso pure pensare la cosa a step.

Share this post


Link to post
Share on other sites
pro

Se B&W ha messo un condensatore in serie al woofer da 1mF, io non mi azzarderei a toglierlo, almeno non prima di aver visto cosa succede alle curve di risposta, fase e impedenza del woofer stesso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

Ai più sembrerà incredibile,

ma quel cap da 1000 uF in serie al woofer serve per AUMENTARE la riposta all'estremo basso.

Coi woofer in cassa chiusa si può fare, è un espediente tipico della scuola inglese dell'epoca.

Toglierlo significa compromettere la risposta del woofer.

Tuttalpiù si può sostituire con uno nuovo di pari valore., naturalmente di tipo non polarizzato e con tensione di lavoro ben adeguata alla potenza nominale della cassa.

Tassativo, se si mette un 2000 uF sperando di aumentare i bassi si ottiene in realtà l'effetto contrario.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

@SHAR_BO si, quel condensatore diciamo che fa guadagnare qualche hertz alla risposta del woofer (salvo poi una caduta piu' brusca al di sotto della frequenza di taglio), ma introduce quello che e' stato sempre criticato alla 801 a sospensione pneumatica...una certa gommosita' della gamma bassa...si puo' mitigare con un condensatore elettrolitico bypassato da una capacita' in polipropilene, l'ideale, se si vuole salvare capra e cavoli, e' montare un condensatore da 1000 micro in polipropilene, ma i costi salgono parecchio e anche le dimensioni del componente sono importanti(siamo nell'ordine di una lattina di coca cola di quelle grosse). su alcune coppie di 801 che ho rimesso a posto l'ho lasciato, ma globalmente senza quel condensatore, pur con una leggerissima minore estensione, il basso si fa preferire per nettezza e velocita'...

Solo una prova d'ascolto ( con e senza condensatore ) nel proprio ambiente puo' far preferire l'una o l'altra opzione ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

Non ho mai potuto ascoltare quelle casse, ma così in generale:

in una cassa alzare la F3 produce come risultato la sensazione di basso più veloce, con meno code;

la gommosità può avere tante cause: assorbente interno insufficiente, il famoso elettrolitico ormai deteriorato e, non ultimo per importanza, il posizionamento in ambiente.

Non credo che B&W avesse messo sul mercato oggetti di quel costo con difetti evidenti nell'ascolto normale.

.

Nel caso specifico, io mi limiterei a sostituire il cap da 1000 uF, valore che mi sembra di difficile o nulla reperibilità oggi, con un parallelo di elettrolitici NP di qualità e tensione adeguata fino a raggiungere il valore nominale.

Nel progetto originale quel cap aveva anche la funzione di filtro subsonico per evitare che il rumble dei giradischi sollecitasse troppo il woofer.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

All'epoca era anche "di moda", usare quel filtro sui diffusori,sia per tirare su qualche Hertz sia come filtro Subsonico, oggi la seconda pare desueta, la prima è tecnicamente valida ma su un prodotto commerciale devi comunque avere dei compromessi...e quel condensatore è di infima qualità...

Avevo anni fa delle Infinity rsIII A, e il basso era si profondo,  ma un po' "molliccio"...cambiai i due condensatori in serie al woofer (1400 micro e una bobina da 50mh verso massa) con dei polipropilene (un salasso), ma il basso era impressionante...

Se si vuole avere un diffusore moderno e performante,  oggi è più facile reperire componenti di ottimo livello, in serie al segnale personalmente  non metterei nessun elettrolitico,  al limite quello da 1000 lo toglierei proprio.

Si potrebbe montarlo comunque e se si preferisce così ok, altrimenti basta cortocircuitarlo...oltretutto non si modifica nulla...

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

Nel numero 415 di AR si parla proprio del restauro di una coppia di 801 e può essere un'utile traccia per la revisione del filtro.

In particolare,

il famoso cap da 1000 uF in serie al woofer viene realizzato con 3 elettrolitici NP da 330 uF / 100V con in parallelo un 10 uF polipropilene.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Robbie

@SHAR_BO Sto provando a reperire la rivista. Grazie
Roberto

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    299495
    Total Topics
    6625087
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy