Jump to content
Melius Club
SHAR_BO

Finale di EL34 da aggiornare/modificare

Recommended Posts

SHAR_BO

Per fare esperienza mi sono accattato un finale di costruzione amatoriale, un PP di EL34.

Messo alla prova ha un suono piuttosto impastato ed una sensibilità esagerata per un finale.

L'ho aperto e mi sembra costruito anche con un buon criterio, ma lo schema mi sembra " strano " e con valori che mi sembrano altrettanto " strani ".

Preciso che so trattare i circuiti valvolari ma non ho esperienza pratica di progetto in tal senso.

Ho viso che qui nel forum ci sono persone competenti e mi chiedo

se potessi ricevere suggerimenti su cosa e come modificare per migliorare le prestazioni del finale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

Lo schema lo hai?

W

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

Domattina lo posto.

Grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

@walge 

Eccolo:

TT.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
joe845

ciao, sicuramente Walter ti saprà dire di tutto e di più. io ti dico le seguenti cose:

1) la 715 ohm in ingresso; mi sembra molto strano come valore, sei sicuro?

2) i due RC di accoppiamento 1uF-1M e 330K mi sembrano eccessivi, il condesatore potrebbe essere almeno la metà

3) le 12AX7 come driver non mi sembrano molto indicate, le sostituirei con valvole a più basso guadagno e, specialmente, impedenza interna...

4) il pentodo in ingresso lo proverei anche a pseudo triodo

almeno questo...

poi Walter ci dirà meglio..

G

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

Raddrizzamento a ponte di diodi + cap elettrolitico da 330 uF separato per i due canali ,

cap da 10 uF tipo Audyn MKP

cap da 1 uF e 100 nF tipo Wima MKS

Altri elettrolitici di tipo base.

Confermo la res all'ingresso.

.

Il circuito è montato su c.s., compreso gli zoccoli delle valvole: di base vorrei quindi evitare modifiche troppo invasive, ma non pongo limitazioni ai suggerimenti

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

Il finale è una copia del Mullard 5-20w

in attach il circuito originale

Ci sono delle varianti sull'accopiamento del primo stadio con lo sfasatore ma di base è quello

Non capisco i valori di alcuni componenti, come se qualcuno li avesse cambiati per uno scopo che non so immaginare.

La resistenza di ingresso non può avere quel valore, se deve essere usato come finale sarebbe da portare almeno a 22 kohm.

Un suggerimento molto utile è quello di configurare la EF86 a triodo per due motivi, un per abbassare la sensibilità del circuti, poi perché la qualià sonoro, amio parere, migliora.

La rete di feed back a mio parere non va bene dato che la resistenza da 68k mi sembra di valore molto elevato, dovrebbe essere, come da vecchio progetto,  intorno agli 8k-10kohm.

Nel caso poi di questo circuito, la presenza di un accoppiamento R-C tra il primo e secondo stadio potrebbe rendere instabile il finale se la rete di feedback non è ben dimensionata e se il trafo di uscita ha una banda passante limitata.

I condensatori di accoppiamento ai vari stadi non possono essere così elevati come valore e quelli del progetto originale vanno bene.

Le resistenze dello sadio sfasatore devo avere una bassa tolleranza questo per poter avere i due segnali in uscita ( sfasati di 180°) uguali come ampiezza ed al rigurado è necessaria una ottima selezione delle valvole.

E' necessario capire il tipo di trafo che hanno usato intendo come rapporti di trasformazione. Nel progetto originale il valore era di 6.600 ohm o 8k (nel caso di UL al 43%)  a-a.

Stiamo parlando di un finale in classe A.

E per le resistenze di catodo delle 34 rimarrei con il valore del progetto iniziale.

Per la sezione di alimentazione grossi problemi non ci sono; una buona riserva di energia con condensatori di ottimo livello sono più che sufficenti e 330uF  vanno bene.

Per farla breve se si segue il circuito roginale e si adotta un bel trafo di uscita il risultato è più che ottimo

A disposizione per eventuali chiarimenti

Walter

mullard_el34_pp.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

OTTIMO !

Grazie  @walge 

Credo proprio che porterò l'oggetto ai valori originali.

Ulteriori domande:

l'oggetto ha un interruttore per l'inserimento dell'anodica, in questo circuito è utile mantenerlo considerando che non c'è la L di spianamento ? 

per sollevare V2 da massa occorre un avvolgimento separato per il filamento come nell'originale ?

le finali hanno il filamento un po' sottoalimentato - circa 6V: devo preoccuparmi ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

Per la tensione anodica non vedo il motivo dell'interruttore.

Per V2 non devi sollevare niente dato che le specifiche della 83 sono rispettate

6 volt contr 6,3 non cambia niente.

Fammi sapere

W

Share this post


Link to post
Share on other sites
orsa99
11 minuti fa, SHAR_BO ha scritto:

Credo proprio che porterò l'oggetto ai valori originali.

@SHAR_BO facci sapere le differenze all'ascolto

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

Nei trafi di uscita ogni semiprimario ha un rapporto di 10:1 esatto verso l'uscita da 8 ohm, quindi l'impedenza primaria dovrebbe essere di 800+800 ohm , con prese per le G2 al 50% esatto

Mi sembrano valori parecchio diversi dall'originale o sbaglio?

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

Per misurare i trafi ho proceduto così.

ad apparecchio spento ho iniettato 1 V @ 400 Hz sul secondario da 8 ohm ed ho misurato la tensione presente sui primari.

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

C'è una procedura illustrata su Audioreview da Montanucci a margine di un articolo dove veniva presentato un mio progetto.

L'uso del secondario collegato ad un amplificatore audio è corretto ma devi mettere in serie all'uscita del finale che hai impiegato una resistenza da 8 ohm 5-10 watt.

In questo caso simuli proprio il carico collegato. L'impedenza di uscita di un buon amplificatore ss è molto al di sotto di 1 ohm quindi di fatto il l'avvolgimento è collegato tra i suoi morsetti con 8 ohm.

Fai in modo che ai terminali del secondario ci sia 1 volt, 400 Hz va bene. .

Poi devi misurare agli estremi del primario ( che di fatto è diventato il secondario) del trafo di uscita a vuoto e poi  magari mettendo una resistenza da 10kohm una decina di watt.

La tensione trovata / 1 volt ti da il rapporto di trasformazione.

Diciamo 20 ( è solo un esempio), al quadrato sono 400 x 8 = 3200 ohm questa è l'impedenza al primario a-a.

Fammi sapere

Walter

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

Rifatta la misura interponendo la res da 8 ohm, confermo il rapporto 10:1, 20:1 tra i due estremi collegati alle placche.

.

Un'ulteriore domanda:

in rete si trovano versioni "improved" del circuito con alcune variazioni dei valori resistivi, in diminuzione: sono modifiche consigliabili ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

Visto il rapporto siamo a 3200 ohm a-a

Mi sarei aspettato di più.

Di fatto in configurazione UL i valori di impedenza variano , si trovano differenti accoppiamenti.

Comunque con quella tensione anodica ( che è piuttosto alta) non dovresti superare per ogni valvola i 22-24 watt di potenza anodica dissipata a riposo.

Quindi se si prevede una tensione ai capi del catodo di ogni EL34 di 35 volt ( esempio di punto di lavoro) su 560 ohm la corrente anodica è di 65 mA

440-35= 400 x 65 = 26 watt che è un po' troppo ( ai capi del catodo scorre la I anodica + quella della g2), la selezione delle EL34 deve essere molto buona.

Ti conviene accendere il tutto e prima vedere quali sono i valori di corrente reali

Poi ne parliamo.

Per le modifche che dici vediamo cosa si intende.

Walter

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

Forse i tubi sono un po' sbolfi, sui catodi ho misurato circa 33V, quindi circa 59 mA.

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

be' non sei lontano da quanto detto

ci puoi stare 

vedi se su tutti e quattro i catodi trovi le stesse tensioni

W

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

Sui 2 accessibili col tester 33V +- qualche decimale

Gli altri sono coperti dal pegolone che fissa i cap allo stampato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

Mi procuro i componenti ed eseguo le correzioni.

Domanda:

in rete ci sono alcune proposte di miglioramento del circuito originale; in una in particolare, il piccolo cap sulla rete di retroazione viene preso - con valore molto più piccolo - da una presa intermedia G2 sul trafo di uscita anzichè dal secondario, Immagino per ridurre l'influenza del trafo sulla stabilità di anello: 

può essere una buona idea ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

La modifica a cui fai riferimento forse è dovuta al tipo di trafo che è stato usato forse ci sono stati problemi di stabilità.

Che trafo sono quelli montati?

Hai qualche strumento?

Walter

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

I trafi di uscita sono dei blocchi resinati dentro a scatole di metallo cromato, forse inox, non ci sono marche visibili.

Il rapporto spire l'ho misurato, ora vedo di rilevarne la banda passante, con calma, recupero il n. di Linear Audio dove se ne parla.

Ho generatore sin HP, oscilloscopio, millivoltmetro B&K, tester vari.

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

Con la strumentazione ci sei per capire che banda passante hanno, intendo solo i trafi.

B&K intendi Bruel&Kjaer?

l'HP quale modello è?

Walter

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

Poi misura la tensione al catodo della EF86  e sulla resistenza da 1k e poi 22 k dello sfasatore.

In ultimo le tensione ai pin 1 e 6 della 83, le resistenze da 100k.

Walter

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO
4 minuti fa, walge ha scritto:

B&K intendi Bruel&Kjaer?  si, il 2427

l'HP quale modello è? il 204D

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO
11 minuti fa, walge ha scritto:

Poi misura la tensione al catodo della EF86   2,6 V  da gnd 

e sulla resistenza da 1k e poi 22 k dello sfasatore. ai catodi pin 3 e 8 , 51,5 V da gnd 

In ultimo le tensione ai pin 1 e 6 della 83, le resistenze da 100k. 250 V da gnd, 110 V di caduta su ciascuna

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

Direi che puoi fare le misure standard.

Io farei cosi

con il generatore piloti il finale a cui collegherai in uscita in serie al + gli 8 ohm. Portaload  1 volt / 1kHz ,che leggerai ai capi del trafo ( il secondario a 8 ohm).

Al secondario una resistenza da 10 kohm

Con il tester leggi se variando da 20-30 Hz fino a 40-50 kHz quel valore cambia; poi passi a 5 volt per esempio così da avere una robusta tensione al primario e anche qui vedi se cambia.

Attenzione che non il rappporto 1:20 le tensioni sul primario possono risultare molto alte

Non dovresti trovare sbilanciamenti importanti, probabilmente ad alta frequenza vedrai che ad un certo punto ( speriamo fuori banda audio) il valore aumenta fino al picco di risonanza , e poi diminuisce.

A meno che non ci sia una decadimento precoce.

Se i 30 Hz sono a livello del 1 KHz direi che va bene

Walter

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

@SHAR_BO 

quindi la Ia della EF86 è di 1,2 mA e ci sta.

Per le 83, 1,1 mA cad. e ci sta pure questo.

Walter

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO
5 minuti fa, walge ha scritto:

quindi la Ia della EF86 è di 1,2 mA e ci sta.

In realtà 2,2 V / 2,3 ohm = 0,95 circa.

Per i trafi eseguo e riferisco.

Grazie.

.

Domanda:

per rilevare i trafi tolgo la NFB ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

Hai scritto 2,6, un errore?

poco cambia

W

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

confermo 2,6, ho sbagliato foglio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    301288
    Total Topics
    6698790
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy