Jump to content
Melius Club
appecundria

politica ed economia L'Unione Europea e la crisi economica

Recommended Posts

maurodg65
5 ore fa, appecundria ha scritto:

Ti rinnovo l'invito: ho postato i primi provvedimenti, prendine uno e criticalo.

Fatti non chiacchiere. 

Eh si, adesso pensi di riuscirci dopo che per anni è andato avanti con uno schema ben preciso? Auguri.

Ottimo thread, ho finito le reazioni. ;) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo
4 ore fa, maurodg65 ha scritto:

Eh si, adesso pensi di riuscirci dopo che per anni è andato avanti con uno schema ben preciso? Auguri.

Ottimo thread, ho finito le reazioni. ;) 

Vai bene giusto con lassativo coi tuoi vai a cagare.

si parla di economia, non di sanità.

Quello che va fatto l'ho detto, prima degli idioti. Quello che non è stato fatto, pure.

l'unico problema è che per capire occorre ragionare, e li ti fermi.

Ora vai pure avanti coi bond, europei o meno.

sono debito, quello che non si può fare secondo il tuo illuminato parere, cambia il tasso, e grazie al caz**.

distribuzione al tessuto economico e alle persone? non si sa nulla di che, piani di rilancio, ma per carità, investimenti, nulla, stiamo ancora aspettando quello dello sbevazzone col mal di schiena,

le conseguenze del crollo dei PIL e relativa impennata del rapporto col debito e col deficit, ha costretto una manica di idioti recalcitranti a fare l'ovvio?

cosa si dovrebbe festeggiare, oltre la sfiga del mal comune? Ah, be, c'è sempre il problema del capire...

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65
6 minuti fa, nullo ha scritto:

Vai bene giusto con lassativo coi tuoi vai a cagare.

si parla di economia, non di sanità.

Questo è parlare di economia secondo te? 
Il male comune viene in aiuto, in ritardo, dei più sfigati

 la Francia stava già  sbracando, ergo, la Germania si sta facendo male, ergo...

esempio di male comune”

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo
9 minuti fa, maurodg65 ha scritto:

Questo è parlare di economia secondo te? 

Caro il mio guttalax, ti ho scritto che il problema è capire.

parole dal sole24ore 

Europa, Italia, virus e Bce: servirà il peggio per uscire al meglio?

sempre dal sole24ore

problema banche francesi...

sempre..

ma che te lo dico a fare...

ah, no si comprano anche i junk bond Greci, indovina chi li ha in mano?

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65
18 minuti fa, nullo ha scritto:

Quello che non è stato fatto, pure.

l'unico problema è che per capire occorre ragionare, e li ti fermi.

Quello che tu non hai capito e non capirai mai è che ci sono modi e tempi per tutto, chiedere

anzi invocare l’Europa e l’intervento della BCE al tempo della crisi del 2011 e del primo QE voluto da Draghi era sbagliato, normale che si siano irritati i Paesi chi fino ad allora aveva gestito i loro bilanci pubblici con oculatezza se chi aveva abbracciato scelte di finanza pubblica più allegre voleva un aiuto o peggio, con la richiesta degli Eurobond, scaricare su di loro parte del debito accumulato nei decenni precedenti, oggi la situazione è radicalmente cambiata, da una crisi causata da scelte di spesa pubblica sbagliate si è passati ad una crisi che è il frutto di cause esterne che ha messo tutti nella stessa situazione, oggi chiedere cooperazione e solidarietà all’Europa ha un senso, oggi ha senso proporre gli Eurobond per la quota parte di finanziamenti necessari a far ripartire l’economia dei singoli paesi e quella europea nel suo complesso, l’importanza di un Unione si vede quando i fatti che pongono in difficoltà un Paese non possono essere addebitati a scellerate politiche clientelari della sua classe dirigente, ma quando quel paese si trova a fare i conti con calamità naturali, crisi indotte da cause esterne non prevedibili e non evitabili, la solidarietà è dovuto ed oggi l’Europa sta dimostrando quale sia la sua utilità, che non certo quella di far finanziare le cicale dalle formiche.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65
9 minuti fa, nullo ha scritto:

ah, no si comprano anche i junk bond Greci, indovina chi li ha in mano?

Peccato che si compravano già prima, la norma prevede solo di continuare a farlo, cosa vorresti fare ora, far fallire la Grecia lasciandola a se stessa?

Ma vai a cagare, ma di cuore.

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria
10 ore fa, cinemascope ha scritto:

Più di dieci anni fa Giorgio La Malfa,

Ti riferisci alla pandemia del 2009 oppure è il solito armamentario?

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo
1 minuto fa, maurodg65 ha scritto:

Peccato che si compravano già prima, la norma prevede solo di continuare a farlo, cosa vorresti fare ora, far fallire la Grecia lasciandola a se stessa?

Ma vai a cagare, ma di cuore.

Baci Guttalax

da noi si dice, beato che non...

vivi senz'altro meglio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo
2 minuti fa, appecundria ha scritto:

Ti riferisci alla pandemia del 2009 oppure è il solito armamentario?

Si riferisce alle crisi internazionali.

quale che sia la causa scatenante.

e quale che sia il coinvolgimento diretto di ognuno degli Stati.

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria

Scusate se torno a ricordare il topic: a quale santo ci dobbiamo votare? Può la UE essere quel santo? Sì, no, perché, con riferimento a provvedimenti concreti, misurabili e attuali. 

Qualcuno forse ha una posizione socioeconomica garantita e può parlare della rava e della fava. Questo thread è per quelli che non la hanno e che dopo dovranno ricostruire.

Per favore, per le polemiche ci sono gli altri thread.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65
4 minuti fa, appecundria ha scritto:

Può la UE essere quel santo? Sì, no, perché,

Si, è nella sua natura essere il soggetto principale a quale rivolgersi in situazione come questa, non a caso tutto ciò che in precedenza veniva richiesto senza neppure essere preso in considerazione, leggi Eurobond tra le altre, oggi diventa qualcosa che incontra un consenso trasversale e viene preso in considerazione, come ad esempio è già accaduto per la sospensione del patto di stabilità annunciata qualche settimana fa ed oggi ufficialmente comunicata. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo
7 minuti fa, appecundria ha scritto:

Scusate se torno a ricordare il topic: a quale santo ci dobbiamo votare? Può la UE essere quel santo?

Stai scherzando?

ovvio che devi avere un livello poi alto rispetto a quello di un singolo stato per far fronte a questa evenienza.

7 minuti fa, appecundria ha scritto:

Qualcuno forse ha una posizione socioeconomica garantita e può parlare della rava e della fava. Questo thread è per quelli che non la hanno e che dopo dovranno ricostruire.

Per favore, per le polemiche ci sono gli altri thread.

Non ci sono polemiche, quelle le fai tu con le tue risposte

ci sono fumose dichiarazioni d'intenti, ci sono un po' di soldi sul piatto, non vi è un indirizzo comunitario.

si è tolta la clausola del pareggio perché nessuno potrà sostenerla.

stanno comprando tempo, non sanno che fare.

tu vedi piani?

se li vedi descrivili. Io non posso descrivere quello che non vedo, al massimo quello che io sogno, se mai mi ricordassi ciò che ho sognato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria
5 minuti fa, nullo ha scritto:

tu vedi piani?

Uffa. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65
4 minuti fa, appecundria ha scritto:

La Commissione dovrebbe, forse, preparare questo piano e chiedere ai membri una sorta voto di fiducia. Chi non dà la fiducia è fuori, oppure (è lo stesso) chi dà la fiducia è dentro una superUE che porterà avanti il piano per caz** suoi.

Poi vediamo chi, dopo questa scoppola, vorrà restare da solo a fare il sovranista sul suo isolotto.

Da applausi. 👏

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo
20 minuti fa, appecundria ha scritto:

Uffa. 

Te pareva...

Piani di rilancio e sviluppo?

perché i prestiti, ancorché concessi vanno ripagati, e, escluso il presente, per il quale ipotizziamo la toppa, per il futuro che si fa?

Tanto a livello privato che statale,

quanto dura questo presente per settori non di prima necessità?

selezione darwiniana?

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo
12 minuti fa, appecundria ha scritto:

desalvinizzata

Che due maroni

12 minuti fa, appecundria ha scritto:

piano organico, coordinato e condiviso

E che caz**, chi sarebbe contro?

ripeto

ma quale è?

perche chiedi critiche o plausi a provvedimenti di cui poco o nulla si sa, e di cui ancora non conosciamo l'impatto visto che non conosciamo neppure l'entità dei danni?

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo

@appecundria se non sai che dire, come consiglia Mary Poppins, invece di dire Salvini, prova con supercalifragiliti...

chiusa la premessa.

come al solito in UE si va in ordine sparso, ecco fatti, non pugnette, da uno stato col rapporto deficit o PIL che era già al3%, ancora una volta, come usa normalmente fare.

riporto da idealista 

La Francia congela il pagamento degli affitti per le Pmi

Macron sospende anche il pagamento per alcune tasse e bollette di elettricità e acqua

Lunedì scorso il capo di Stato francese ha tenuto un discorso alla nazione per annunciare misure drastiche per mitigare gli effetti economici della crisi causata dal COVID-19.

Emmanuel Macron ha annunciato stanziamenti per 300 miliardi di euro per salvare le aziende ed evitarne il fallimento. "Nessuna impresa sarà a rischio di fallimento", ha affermato il presidente francese, lo Stato si farà carico del pagamento dei prestiti bancari contratti da piccole e medie imprese.

Inoltre, "le bollette dell'elettricità, del gas e dell'affitto saranno sospese per le piccole e medie imprese in difficoltà", ha aggiunto Emmanuel Macron. "Finché la situazione dura, coloro che sono in difficoltà non avranno nulla da pagare, né tasse né contributi", ha aggiunto il presidente.

La Francia ha anche decretato il confinamento della popolazione e il telelavoro per tutti quei lavoratori che possono farlo. Ci si può spostare per andare al lavoro, dal dottore o per comprare cibo. " Siamo in guerra", ha sottolineato il capo di Stato francese.

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo

Brian astutamente avrebbe scritto, liberisti quando hanno tornaconto, socialisti con le perdite. Il valore del sistema economico e le ricadute che genera, non vanno protette, vanno lasciate in balia degli eventi.

una volta evaporati, ci si può convenientemente rivolgere ad altri, in altri stati.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mozarteum

Helicopter money direttamente agli operatori economici nella misura e per il tempo necessari a riavviare il ciclo che conta su apparati produttivi integri.

 Cio’ distingue l’oggi dal 1945: operazione che se di breve durata non innescherebbe inflazione ma servirebbe solo al ripristino della normale circolarita’ delle obbligazioni economiche che poi, una volta riavviate, generano e sostengono  da se’ la domanda.  Questo il fine.

il resto riguarda il “modo” che dovra’ essere coerente col fine: quindi liquidita’ a zero interessi, assicurata dalle Banche che possono battere moneta, con graduale ritiro man mano che il ciclo si riavvia

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo
54 minuti fa, mozarteum ha scritto:

Helicopter money direttamente agli operatori economici nella misura e per il tempo necessari a riavviare il ciclo che conta su apparati produttivi integri.

 Cio’ distingue l’oggi dal 1945: operazione che se di breve durata non innescherebbe inflazione ma servirebbe solo al ripristino della normale circolarita’ delle obbligazioni economiche che poi, una volta riavviate, generano e sostengono  da se’ la domanda.  Questo il fine.

il resto riguarda il “modo” che dovra’ essere coerente col fine: quindi liquidita’ a zero interessi, assicurata dalle Banche che possono battere moneta, con graduale ritiro man mano che il ciclo si riavvia

Con buona pace di Darwin e della selezione naturale.

ora il problema rimane chi è in vantaggio su di te nel gioco *stupido* del Monopoli.

giocavano ai cravattarari per chiudere la partita, e fotterti... ma gli sta venendo meno la terra sotto i piedi, il famoso mal comune che riduce il malcostume.

@mozarteum, sei sul pezzo, niente da dire

sempre che ti interessi il complimento di un caz*one

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria
5 ore fa, mozarteum ha scritto:

Helicopter money

Ne sono abbastanza convinto. Da una certa frase "dobbiamo però sapere che fine fanno" immagino un fiorire di bandi per innovazione, crediti di imposta, defiscalizzazioni per assunzioni e linee di credito garantite. E una pioggia di opere pubbliche. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria
10 ore fa, maurodg65 ha scritto:

Da applausi

be', sarebbe un po' come la super lega di Agnelli, che l'Estonia e Cipro giochino un torneo a parte!

🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo
6 ore fa, appecundria ha scritto:

Da una certa frase "dobbiamo però sapere che fine fanno" immagino un fiorire di bandi per innovazione, crediti di imposta, defiscalizzazioni per assunzioni e linee di credito garantite. E una pioggia di opere pubbliche. 

Esattamente la linea prevista da Macron, a no, il contrario...

ovvero come far piazza pulita di un mare di imprese, i soldi servono prima di chiudere.

Pure dopo, per ripartire.

 Ma capisco che fra fatti e pugnette, chi ama le seghe menatali...

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65
6 ore fa, appecundria ha scritto:

be', sarebbe un po' come la super lega di Agnelli, che l'Estonia e Cipro giochino un torneo a parte!

🙂

:D  ...sarebbe un po’ diverso, qui Estonia e Cipro si dovrebbero autoescludere non appoggiando il piano di cui scrivi, nella Superlega verrebbero escluse anche se volessero partecipare, del resto la prima è una cosa seria e la seconda è solo calcio quindi business. ;) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo
12 ore fa, appecundria ha scritto:

"dobbiamo però sapere che fine fanno" i

Intanto la realtà è questa, parlo di vita vera.. mentre si aspetta il solito intruglio burocratico di certificazioni, comunicazioni, autentificazioni, permessi, ecc.ecc. ...

fatture emesse nei confronti di chi già ora non ha da pagare, da portate in banca a garanzia, nella speranza che gli anticipino qualcosa... sempre che... a costo di...

E questo vale per chi vanta crediti in giro, gli altri aspettano incassi che tarderanno mesi,

Come direbbe qualcuno, iperliberisti che chiedono la carità, nei fatti socialisti, che devono chiudere secondo le teorie di Darwin e come giustamente meritano,

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo

Uffa!

@appecundria

ancora disfattismo di fronte ad un sistema di governo della crisi in Italia e in Europa che ha messo sul campo un mare di... di...di?...boh...

***

Sindaco di Venezia

uno che di lavoro non sa e non conosce. Ma dice cose che mi sembra di riconoscere

ex presidente di Confindustria di zona, assolavoro ecc.ecc.

dice che se si decidere di chiudere, poi bisogna sostenere le aziende e bussa denari perché non si vede un euro e ne servono almeno due.

****

Come Sindaco sono sempre stato filogovernativo, a maggior ragione quando si tratta di affrontare assieme momenti di grande crisi. Governo e Regioni stanno gestendo direttamente l'emergenza sanitaria, ma noi Sindaci siamo in prima linea da settimane, siamo stremati e non possiamo essere lasciati da soli. Ci stiamo arrangiando in tutto, dal recuperare i DPI a ricercare i prodotti per sanificare, dall'attuazione delle disposizioni governative e regionali al mantenimento delle attività essenziali come raccolta differenziata, mobilità, sociale. Occorre che il Governo preveda coperture immediate o le città saranno costrette a ridurre drasticamente i servizi anche in futuro. Rischiamo un crollo verticale delle entrate: ecco perché Tari, Imu, imposta di soggiorno, Cimp, Cosap potrebbero essere messe a bilancio con il valore 2019 e garantite da CDP. Voglio soffermarmi sul TPL: ritengo che la cig in deroga per 9 settimane sia solo per tamponare l'emorragia, mentre servono almeno 12 mesi di ammortizzatori sociali per tutto il settore dei trasporti visto l'azzeramento del fattore turismo. Inoltre, come fatto per il comparto aereo, va creato un finanziamento ad hoc per i capoluoghi metropolitani, che sono per natura i più colpiti: un piano che consenta il riequilibrio totale dei contratti di servizio.

Il Governo abbia il coraggio di puntare i piedi con l'Europa: moratoria sul deficit/PIL per il 2020 e tanta liquidità nei sistemi economici, perché il primo problema per ripartire sarà proprio quello della difesa della produzione e del lavoro . Sul fronte pubblico, sono sempre stato il più ferreo censore del debito, ma davanti a questa tragedia, dico al Governo: Non abbiate paura di fare deficit! Noi, come Comuni non possiamo, lo Stato centrale e l'Europa si!. Imprenditori, lavoratori, cittadini esigono risposte immediate: dovrebbero avvenire con il tanto promesso decreto di aprile. Il Governo si affretti a discuterne con le parti sociali, ma soprattutto - lo ripeto - ascolti i Sindaci, che sono i primi ad interfacciarsi con i cittadini. Tantissimi mi chiamano e mi scrivono preoccupati di non trovare più il proprio posto di lavoro quando l'emergenza finirà. A loro vorrei dare rassicurazioni che non li lasceremo soli. Ma i soldi stanziati per gli ammortizzatori sociali basteranno forse per un solo mese, i 600 euro per le partite iva sono veramente briciole, occorrono semplificazioni normative da rivedere per sburocratizzare i processi di ripartenza.

da il gazzettino

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo

Dimenticavo...Estiquasti!

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo

Intanto che nella UE decidono come spendere, dove e come, tanto ch efretta c'è...

intanto che decidono come finanziare... tanto che fretta c'è...

con gli olandesi, i finlandesi che spiegano cosa non fare, tanto cosa fare non importa ...  

manca pure che dicano la loro a i ladri istituzionalizzati del Lussemburgo, che guai a toccarli, pur riempendoci la bocca di lotta all'evasione, compreso quella istituzionalizzata.

cominciano a girare numeri sul calo del PIL USA, non si capisce perché da noi dovrebbe essere diverso.

si va dal -15% degli ottimististi, al -25% dei realisti. Mi viene da pensare io l'avevo...

il -13% della produzione industriale cinese è quasi zucchero in confronto, i guai anche per loro devono arrivare per il crollo del mercato mondiale dei consumi, USA in primis.

si parla di un g20 per prendere misure concordate, ovvero debito a non finire per tenere in piedi la baracca. Mi viene in mente quel genio che parlava di iperliberisti quando si guadagna e socialisti con le perdite, lui preferirebbe la disoccupazione al 25% e i fallimenti a raffica.

**

fosse la volta buona che arriva la sveglia a quelli della UE, che tutto sono e rappresentano tranne che una UE, non adiamo oltre all'ognun per sé e al si salvi chi può.

ma avendo la Francia un mare di problemi, grazie al già citato mal comune (che genera dei va a cagare come se non fosse vero), qualche briciola toccherà anche a noi, non il quasi nulla ( nulla va...) visto fino ad ora, ovvero l'arrangiatevi...potete far debito e sono caz** vostri se vi costa più che agli altri.

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo

Dimenticavo, è chiaro che la speranza sta solo nei soldi del Monopoli, peccato, mi avevano preso per il cu** per una siffatta supposizione.

noi non potremo usarli, è uno che la sa lunga... 

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    306198
    Total Topics
    7061711
    Total Posts

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy