Jump to content
Melius Club
Sign in to follow this  
ninomau

Alla scoperta del grande jazz degli anni 40 - I cofanetti Commodore della Mosaic Records

Recommended Posts

ninomau

Grazie ad una fortunata occasione sono riuscito a completare la serie delle raccolte in oggetto. Si tratta di 3 volumoni per un totale di 66 LP (23+23+20), che contengono praticamente tutto ciò che è stato registrato dalla scomparsa Commodore Records, ovvero pezzi originali, outtakes, terze versioni ed oltre dei più bei nomi del jazz anni 30/40 (Billie Holyday, Lester Young, Coleman Hawkins, Pee Wee Russel , Teddy Wilson e moltissimi altri). Molte di queste incisioni erano IV-Disc, i 78 giri che allietavano i soldati americani durante la II WW.

Il genere va dal mainstream al Dixie allo swing, ci sono molti nomi a me totalmente ignoti, ad esempio tutte le registrazioni al piano di George Zack (e chi diavolo è George Zack ?).

Per i puristi del tutto analogico, i nastri originali sono stati elaborati analogicamente con un Cello Palette, poi il risultato passato in digitale per realizzare i master. Sono state mantenute le differenze nei livelli e nella qualità delle differenti sessioni, e, per quello che ho finora sentito (tutto il volume II, e parte del Vol. I) il risultato non è male.

Il valore artistico è notevole, e molto godibile, un buon modo di impegnare il tempo in questi momenti di clausura.

https://www.discogs.com/it/Various-The-Complete-Commodore-Jazz-Recordings-Volume-I/release/2179935

https://www.discogs.com/it/Various-The-Complete-Commodore-Jazz-Recordings-Volume-II/release/8460405

https://www.discogs.com/it/Various-The-Complete-Commodore-Jazz-Recordings-Volume-III/release/7598527

Share this post


Link to post
Share on other sites
foolear

Complimenti, se uno vuole fare il pignolo nota che si tratta di quel gruppo di ristampe Mosaic che non sono in AAA, ma per come la vedo io hai a disposizione un archivio sonoro fantastico, incisioni newyorkesi da fine anni '30 sino alla metà dei '50, in questa etichetta si sono fatti le ossa come produttori anche Lion e soprattutto Wolff (Blue Note)...se avessi l'occasione li prenderei volentieri anch'io :) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ninomau

Sono riuscito a prendere anche la raccolta The complete Keynote Collection

https://www.discogs.com/it/Various-The-Complete-Keynote-Collection/master/1639622

21 Lp di ottimo jazz registrato negli anni 40 da una casa discografica ora scomparsa (il catalogo è passato alla Mercury). Il lavoro è stato realizzato in Giappone nel 1986 da Nippon e Polygram. Musica bellissima, dallo swing al bop, registrazioni con Coleman Hawkins, Earl Hines, Lionel Hampton, Dinah Washington, Lennie Tristano, Milt Hinton, Red Rodney e molti altri.

Trovo che il periodo degli anni 40 sia davvero un crocevia nel jazz, possiamo ascoltare sia gli artisti del Dixieland revival, che le ultime big band, i grandi nomi dello swing ed i primi esempi di quello che diverrà il bop. Una musica ricca di fascino ed ormai “classica” in ambito jazz. Piace solo a me e @foolear?

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@ninomau Avrò 3/400 dischi di jazz di quell'epoca, ma tutte incisioni rigorosamente su 78 giri...:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
ninomau

@oscilloscopio ti invidio, ho circa 200 78 giri ma nessuno di jazz, gli originali delle mie raccolte sono tutti usciti all’epoca su 78 giri. Sarei molto curioso di ascoltare un originale, se non hanno prezzi proibitivi provo a cercarne.

Share this post


Link to post
Share on other sites
OTREBLA

Certo poter ascoltare i 78 giri è un'altra cosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@ninomau Ho fatto incetta sui mercatini da una ventina di anni fa a questa parte e te li tiravano dietro, adesso è più raro trovarne, ma se li trovi spesso a 5/10 euro li porti a casa (se hai fortuna anche meno). Ho fatto anche un paio di stock dagli States e dal Canada ma parliamo di più di dieci anni fa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@OTREBLA Più che altro è il fascino del disco d'epoca, perché dal punto di vista qualitativo molto spesso le ristampe attuali suonano meglio, in quanto filtrate da rumore di fondo e imperfezioni più o meno gravi che hanno dischi con quasi 100 anni sul groppone.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ninomau

Un’altra cosa che ho notato nei miei 78, che ascolto con una MC idonea, è che raramente si trovano non danneggiati da letture con chiodi d’epoca. Quelli in buone condizioni hanno però un fascino ed una voce particolari.

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@ninomau Verissimo, purtroppo sono passati da grammofoni e fonovaligie che hanno messo a dura prova gli shellac (pensa se fossero stati in vinile :D). Ogni tanto qualcuno ben messo si trova, spesso nelle ultime produzioni di fine anni '40 inizio '50 e lì grazie anche al miglioramento delle tecniche di incisione è una vera goduria.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Statistiche Forum

    301080
    Total Topics
    6691014
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy