Jump to content
Melius Club
Roberto1972

Fedeltà timbrica e musica riprodotta...Carneade o un matrimonio che s'ha da fare?

Recommended Posts

powerpeppe

mi trovo in disaccordo

trovo la voce umana e anche i fiati,assimilabili, meglio riprodotti da diffusori con dimensioni maggiori della media,specie nella riproduzione della grevi maschili.

@Vmorrison vero esce nello stesso modo

ma con propagazione ben diversa a livello di energia e costrizione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso

@Roberto1972 Ho studiato pianoforte,  organo e composizione.  Ma molto importanti sono stati i corsi complementari,  cioè storia della musica,  armonia,  fisica acustica, canto corale, ecc...  tutte cose che ti aprono un mondo senza stare "fissi" solo sul proprio strumento.

Per quanto riguarda la sequenza degli armonici,  te la spiego in modo semplice,  poi se trovo qualche link te lo inoltro (io ho ancora i testi cartacei,  ovviamente!).

Ogni nota viene emessa grazie al fatto che un elemento vibrante muove l'aria intorno e per simpatia il nostro timpano la trasforma in suono;  infatti nel vuoto non esiste suono (manca l'aria che è il mezzo di trasmissione).

Ogni vibrazione ha una frequenza fondamentale che identifica l'altezza assoluta della nota,  per esempio il LA centrale che è a 440Hz (440 vibrazioni al secondo).

Ma ogni nota è formata altresì da una serie di onde di intensità minore,  e di frequenza multipla della fondamentale:  per esempio per il LA440,  all'interno della nota suonata da qualsiasi strumento c'è anche il LA880, il LA 1760,  nonchè le quinte (ovvero alcuni MI di frequenza superiore) ed anche,  a frequenze molto più elevate, anche delle terze dalla fondamantale (il DO#).

Cosa determina il timbro di ogni strumento?  Prevalentemente, proprio l'intensità dei singoli armonici che compongono la nota,  per cui il LA440 di un pianoforte e così diverso dal LA440 di un violino o di un clarinetto.

A stasera per ulteriori spiegazioni...

Ciaoooo,

Max

Share this post


Link to post
Share on other sites
Roberto1972

@jj@66 Ciao, i diffusori erano gli Atc scm 300 in versione attiva, il preamplificatore era sempre della Atc, ma non ricordo il modello, il cd era un amc cd 777

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso
14 minuti fa, Roberto1972 ha scritto:

Atc scm 300 in versione attiva

ESTICAXQUI !!! 🤩🤩🤩

Share this post


Link to post
Share on other sites
jj@66

@Roberto1972 

Apperò!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Roberto1972

Tanta ma tanta roba, davvero...Forse anche troppa per i miei gusti

Share this post


Link to post
Share on other sites
extermination
45 minuti fa, maxnalesso ha scritto:

la voce umana esce da un corpo umano

La voce umana esce dalla " bocca" ! Che poi in una performance LIVE ( non amplificata)  a seconda delle doti canore/dell interpretazione del cantante ( pop/lirica/altro) .. dell acustica della sala e della distanza dell ascoltatore ..venga percepita  più o meno " puntiforme " ( chiamiamola con un  aura sonora più o meno ampia ) è altro discorso!! Poi in RIP..ci pensano i MIC e le tecniche di ripresa ...a rimescolare le carte ( della voce in particolar modo)!! Eppoi ci sono voci esili... come voci potenti!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
QUELEDSASOL

@Vmorrison Se mi posso permettere.......pure io pensavo che diffusori e ambiente fossero la parte più importante di un impianto ...ma non e' cosi.

L'impianto è una squadra e tutti i giocatori debbono essere dello stesso livello.

Infatti se avete un buon ambiente e degli ottimi diffusori questi metteranno inesorabilmente in risalto la mediocrita' di una elettronica non alla altezza della situazione (sia che essa sia un finale ,un pre linea o pre phono...e ovviamente una fonte CD,Liquida o Giradischi )

Share this post


Link to post
Share on other sites
Roberto1972

Conservo uno splendido ricordo di quei diffusori, la stanza in cui erano posizionati, non certo piccola in termini assoluti, anzi, parliamo di circa 50 mq, stava un po' stretta a quei colossi però...suonavano forte, senza scomporsi, per pura curiosità ho voluto sentire un pezzo di Marie Claire Alain, un'organista, per la prima volta, in un ambiente diverso da una grossa chiesa, ho avuto la stessa reazione che avverto ogni volta che sento suonare un organo maestoso in una cattedrale, cioé pelle d'oca a profusione e totale immersione in una esperienza musicale viscerale

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso
12 minuti fa, extermination ha scritto:

La voce umana esce dalla " bocca" !

be'... era sottinteso...  non mi far dire sconcerie 🤣

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vmorrison

@QUELEDSASOL ciao Alfredo...

Solo se hai un ambiente e un diffusore come quello del nostro amico @Roberto1972 puoi sentire le differenze tra le elettroniche e tra strumenti. Addirittura le diverse sessioni di registrazione di un singolo cd. 
Se hai un diffusore limitato...e non intendo nella semplice risposta in frequenza, non potrai mai apprezzare differenze. 
Poi che il risultato finale dipenda da tutti i componenti e in testa dalla qualità della registrazione nessuno penso possa negarlo.

salute 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vmorrison

@Roberto1972 a questo punto ci devi svelare I diffusori del confronto. 
Salute 

Share this post


Link to post
Share on other sites
QUELEDSASOL

@Vmorrison La differenza introdotta da tutto l'insieme armonico ( inteso come sistema studiato per lavorare in perfetta sinergia) delle elettroniche (dalla fonte fino al/ai finali) ovviamente in presenza di un ottimo file musicale ben registrato è difficilmente credibile se non ascoltata in prima persona.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vmorrison

@extermination è comunque puntiforme come tutte le sorgenti sonore. 
quindi la domanda è...cosa approssima nel miglior modo una sorgente puntiforme? 
salutr

Share this post


Link to post
Share on other sites
extermination
1 minuto fa, Vmorrison ha scritto:

comunque puntiforme come tutte le sorgenti sonore. 

Con un "punto di emissione" ..dal diametro di pochi centimetri!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vmorrison

@QUELEDSASOL costruire un diffusore è la cosa più difficile nel nostro mondo...poi approssimano tutti il violino, però però però...ci sono una serie di però.

salute

Share this post


Link to post
Share on other sites
QUELEDSASOL

@Vmorrison La' fuori c'è un mondo di cose oltre al diffusore e alla stanza...........ciao...😁

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vmorrison

Fatalità il nostro amico...gli sono piaciuti diffusori da 54k fatti da una azienda...Investire tanti soldi non è garanzia...ma se cerchiamo qualità dobbiamo purtroppo spenderli. La ricerca scientifica si paga. 
Faccio l’esempio...il tw di una Tad R1 è frutto di ricerca di un progettista che ha le idee chiare. Pensate che non sappia fare un sistema a tromba? Non farà mai un sistema a tromba...come non creerà mai un sistema con satelliti e sub woofer sparsi in una sala d’ascolto o un planare. 
salute

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vmorrison

@QUELEDSASOL purtroppo siamo in quarantena😜

salute 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano
57 minuti fa, extermination ha scritto:

La voce umana esce dalla " bocca

Anche dal naso 

Share this post


Link to post
Share on other sites
grisulea
20 minuti fa, Vmorrison ha scritto:

come non creerà mai un sistema con satelliti e sub woofer sparsi in una sala d’ascolto

Perdendosi la metà del risultato nel 99% delle sale 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vmorrison

@grisulea Questo è quello che pensi tu...ma se pensi a quello che ha scritto Max...te lo rimetto...

1 ora fa, maxnalesso ha scritto:

Per quanto riguarda la sequenza degli armonici,  te la spiego in modo semplice,  poi se trovo qualche link te lo inoltro (io ho ancora i testi cartacei,  ovviamente!).

Ogni nota viene emessa grazie al fatto che un elemento vibrante muove l'aria intorno e per simpatia il nostro timpano la trasforma in suono;  infatti nel vuoto non esiste suono (manca l'aria che è il mezzo di trasmissione).

Ogni vibrazione ha una frequenza fondamentale che identifica l'altezza assoluta della nota,  per esempio il LA centrale che è a 440Hz (440 vibrazioni al secondo).

Ma ogni nota è formata altresì da una serie di onde di intensità minore,  e di frequenza multipla della fondamentale:  per esempio per il LA440,  all'interno della nota suonata da qualsiasi strumento c'è anche il LA880, il LA 1760,  nonchè le quinte (ovvero alcuni MI di frequenza superiore) ed anche,  a frequenze molto più elevate, anche delle terze dalla fondamantale (il DO#).

Cosa determina il timbro di ogni strumento?  Prevalentemente, proprio l'intensità dei singoli armonici che compongono la nota,  per cui il LA440 di un pianoforte e così diverso dal LA440 di un violino o di un clarinetto.

A stasera per ulteriori spiegazioni...

Ciaoooo,

Salute 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vmorrison

Ma sopratutto non la pensano come te,  i progettisti, quelli che progettano solo DIFFUSORI, non progettano ponti, elettroniche, o automobili, progettano solo diffusori dalla mattina alla sera, il loro focus...hanno conoscenze ben oltre l’elettronica elettroacustica la meccanica. 
salute 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Roberto1972

@Vmorrison Sonus Faber Extrema prima serie con impianto full M. Levinson, Monitor Audio Platinum 500 seconda serie con finali Parasound Jc1 e preamplificatore Jc2.

Il proprietario di casa è una persona molto benestante, io sono andato solo una volta a casa sua, anche perché è un tantino distante dalla mia dimora...comunque da quanto ho capito di pezzi da 90, ma sì esageriamo, da 110 e lode :D da quella casa ne sono passati e tuttora passano abbastanza frequentemente, ti posso dire che ho trovato il suono dell'impianto con le Extrema sicuramente di altissimo livello, ma un tantino colorato, meglio la resa dell'altro impianto con le grosse Monitor Audio, meno colorato e con una dinamica ancora migliore, ma il dettaglio, la naturalezza di emissione e la forza pressoché senza limiti delle grosse ATC svettavano abbastanza chiaramente e non sono stato il solo ad avere questa impressione...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Roberto1972

@Vmorrison Se per sorgente sonora intendiamo, ad esempio, un pianoforte piuttosto che un organo o un violino, non credo che si possa parlare di sorgente puntiforme, o no? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Roberto1972

@Vmorrison Ad onor del vero mi sono piaciute anche combinazioni moolto meno costose, ad esempio un caro amico ha l'impianto in mansarda, Diapason Adamantes, Line Magnetic LM 219a e Yamaha cds 3000, la resa è spettacolare e coinvolgente, ovviamente sotto i 40 Hz c'è poco o nulla, l'organo manca del senso di immanenza che solo i grandi sistemi sanno ricreare, sempre in scala ridotta rispetto all'evento dal vivo...ma nella vita si può e spesso si deve ricorrere a dei compromessi, a ciascuno il suo ovviamente ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vmorrison
2 minuti fa, Roberto1972 ha scritto:

sempre in scala ridotta rispetto all'evento dal vivo..

Questo è l’alta fedeltà, mantenere i rapporti tra l’evento e la sua riproduzione. 
salute 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vmorrison
12 minuti fa, Roberto1972 ha scritto:

Diapason Adamantes, Line Magnetic LM 219a e Yamaha cds 3000,

Non ho detto che spendendo si ha automaticamente qualità. È cercando la qualità che ti rendi conto che bisogna pagarla. È un percorso, poi scopri che il suono di un martelletto del pianoforte è un punto nello spazio e il suono si propaga come una sfera. Lo dice la fisica. 

salute

Share this post


Link to post
Share on other sites
Roberto1972

@Vmorrison Bisogna poi capire cosa si intende per qualità 

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    303537
    Total Topics
    6779092
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy