Jump to content
Melius Club
Diesis #

diffusori Magnat Tempus 55 , recconto di un'esperienza

Recommended Posts

bic196060

le magnat non sono una sottomarca, semplicemente non sono mai state nel circuito dei nomi dell'hiend, come ai tempi non lo era Grundig o Canton per esempio.

Non sono sorpreso possano andare sorprendentemente bene, hai fatto bene a coprare una cosa che suona come piace a te.

Bene così.

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

@Diesis # Delle Magnat (le Transpuls)  se ne e'  gia'  parlato parecchio nel forum e,  come dice Bic,  il marchio ...  non e'  peer niente  un sottomarchio.

Detto questo,  fa sempre molto piacere leggere  di una soddisfazione cosi'  piena  e  prorompente.         Non accade spesso ...  

Concludo con un consiglio:  tienti stretta tua moglie.            Hai una grandissima fortuna,  e forse non lo sai.    😂 

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria

Magnat è una signora azienda che forse paga pegno per un'immagine commerciale un po' naif. Diciamo che è il classico prodotto di sostanza, qui al Club è ben nota e apprezzata.

Buoni ascolti e... non dimenticare l'anniversario di matrimonio! 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sonicrage

@Diesis #Da possessore delle Magnat Monitor Supreme 1002 e delle Magnat Transpuls 1500, posso solo farti i miei complimenti per l'acquisto. E' un marchio totalmente snobbato dagli audiofili, ma produce diffusori dal rapporto q/p imbattibile. Suono caldo e avvolgente, bassi da paura, medioalto setoso, estremi banda con ottimo dettaglio, ma mai affaticanti, sono il "family sound" di questo storico marchio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
newton

@Diesis # Magnat ranquillo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mxcolombo

@Diesis # complimenti per l’acquisto e come già scritto, tieniti stretta la tua signora.
Tornando alle Magnat ... non ho mia sentito questo modello ma ho un amico che una una coppia di Magnat non so cosa dal 1985. Ogni tanto gira per negozi a sentire altro e poi non compra nulla. Lui mi ricorda spesso che la musica esce dagli altoparlanti, non dal logo sul frontale del diffusore che poi, ascoltando in penombra, manco si vede.

massimiliano

Share this post


Link to post
Share on other sites
Diesis #

Sono piacevolmente sorpreso dalle vostre risposte, e soprattutto terrò presente che mia moglie è un tesoro !!! Sarebbe interessante capire come mai l'audiofilia sia un fenomeno quasi solo maschile...  In relazione a Magnat, non conoscendo a fondo il Club non sapevo ci fosse questa attenzione verso prodotti fuori dal "mainstream". Anzi, a dire il vero mi aspettavo, non dico una levata di scudi, ma qualche rimostranza riguardo alle Indiana Line Tesi 561 e Diva, considerato che il giro per il web ne parlano piuttosto bene. 

Divertente il Magnat ranquillo di @newton  😂

Invece vorrei porre un quesito a @Sonicrage  (ma anche a chiunque abbia un opinione a riguardo) visto che possiede Magnat e ben conosce il loro sound: se in prospettiva futura volessi cambiare amplificatore (lo Yamaha ha quasi trent'anni... appropposito, che sia vero che vanno cambiati i condensatori elettrolitici?) restando in una fascia di prezzo tra i 300 e i 500 euro, verso quali marchi secondo te (voi) dovrei guardare ? Il Marantz PM6006 potrebbe essere adatto ?

Grazie  e ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sonicrage

@Diesis # Le Monitor Supreme sono pilotate da un Luxman L510 (1981) 100+100 watt. Le Transpuls da un Luxman L 530 (1982) 120+120 watt. Le due accoppiate suonano favolosamente. Anche io ascolto Dead Can Dance, e ho Anime Salve 😉comunque, per il tuo ampli gli farei dare un'occhiata, quando usciremo da tutto questo, ovvio. Marantz mai coperti. Un Onkyo A9155 pilotava bene Supreme...ma eravamo anni luce dal suono attuale. Sul nuovo non saprei consigliarti... Forse Pro Ject, avevo un pre con un Luxman A312 come finale, sempre per le Supreme. Andava meglio dell'Onkyo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

@Diesis # per l'ampli finché la barca va. Se ti piace l'abbinamento tieni stretto lo Yamaha. Per scrupolo, con  ampli spento, scollegato da tutto (anche dalla rete elettrica) da un paio d'ore aprilo e controlla ad occhio se ci sono segni di bruciature e soprattutto se i condensatori sono gonfi o presentano perdite di liquido. Se non noti nulla di strano, se le manopole non  fanno rumori strani vai tranquillo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Diesis #

@cactus_atomo infatti. Come dici tu ho già fatto il mese scorso, l'ho aperto, pulito perfettamente dalla polvere e osservato minuziosamente: sembra nuovo. Anche il giro di tutte le manopole è ancora perfetto (ma tanto tengo sempre il tasto Direct inserito). Ho solo il sospetto che gli manchi un po' di dinamica. Dovrei fare dei confronti con altri amplificatori. Certamente anche stavolta se cambiassi non sarebbe a scatola chiusa.

Mi piacerebbe comunque approfondire l'argomento "cambio condensatori". Mi chiedo se dovrei riaprire l'argomento in una discussione dedicata... Casomai faccio sempre in tempo.

La teoria dell'invecchiamento degli elettrolitici non riguarda le perdite "visibili" di liquido, ma il fatto che un uso ventennale di condensaturi che si riscaldano porta inevitabilmente ad una , come dire, evaporazione del liquido. Questo determina uno scostamento dal valore nominale del componente... Ma a me questa storia non convince del tutto.. E tento di spiegarvi il perché @Sonicrage è felicissimo del suono dei suoi amplificatori del 1981... 39 anni !! Voi sapete se in questi 39 anni i condensatori siano stati sostituiti ? Il numero degli elettrolitici che ho contato nel mio amplificatore è di 50 pezzi ! Ora, a meno che uno non abbia voglia di cambiarseli da solo (forse portei hobbisticamente farlo, so come si fa, sono pur sempre perito elettronico), quanto si dovrebbe pagare un tecnico che apre un ampli lo smonta completamente, dissalda tutti i 50 elettrolitici di vari valori, e li risalda nuovi possibilmente di qualità, e rimonta tutto ? Secondo me ci vuole almeno una giornata di lavoro, ben che vada 8 ore. A pagarlo quanto un elettricista sono 25 euro l'ora più il costo dei componenti... Quanto farà? 3/400 euro? ... Comincio a dubitare che ai buoni vecchi amplificatori siano stati cambiati i condensatori... Quindi se suonano ancora così bene significa che il cambio condensatori è una inutile leggenda urbana. Ma non avendo mai provato... il dubbio mi rimane... Voi che ne pensate? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

@Diesis # la questione wletrolitici e controversa, dipende da che elettrolitica sono, da dove stanno, se son noti per avere problemi (esempio classico i condensatori ouzzoni dei revox, quelli al tantaluo ecc). Di solito i condensatori grossi sono costosi ma ancjee longevi, quelli di. Piccola capacità sono spesso tirati per i capelli. Dato il loro basso costo, farli verificare o cambiare costa la stessa cifra. Considera anche che un condensatore si degrada lentamente, e se ascolti lo stesso apparecchio per 30 anni potresti non accorgerti del degrado

Share this post


Link to post
Share on other sites
cla71

@Diesis # ciao e ben venuto, è bello leggere di audiofili felici 😃...

hai due fortune : moglie complice ... lo è anche la mia anche se di ascoltare gliene può fregar di meno 😳 e da quanto ho capito negoziante molto onesto e disponibile , ed è li che ti dovrai indirizzare qualora avessi voglia di up gradare la tua amplificazione, facendoti magari dare qcosa da ascoltare nel tuo  ambiente e con le tue Magnat , di recente ho sentito suonare un Cambridge audio cxa 60 ( un po’ più su di budget) e non e ‘ per niente dispiaciuto... anzi

ciao

cla

Share this post


Link to post
Share on other sites
buranide
Il 8/4/2020 Alle 12:44, Diesis # ha scritto:

ma non le considero neanche, è una sottomarca, mi dico

Magnat, Canton e Heco sono tre marchi di uno stesso gruppo, vai a dare un'occhiata sui lori siti e resterai stupito, altro che sottomarca.. in Italia vendono poco un pó per snob ed un pó per la distribuzione poco diffusa, in germania e paesi dell'est sono tra i marchi piú venduti, costruiscono tutto in casa altoparlanti compresi...

https://www.magnat.de/en/

https://www.canton.de/en

https://www.heco-audio.de/en/

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sonicrage

@Diesis # Dunque, nei miei 2 Luxman (presi usati e gia' revisionati) e' stato cambiato solo qualche condensatore, non tutti. E', poi, stata data una "pulita" a potenziometri, ingressi e uscite, e cambiati i led del potenziometro. Stop! comunque, in generale un apparecchio vintage ogni tanto va controllato. Il mio tecnico di fiducia (vecchia guardia), qui a Salerno, prende 25€ solo per aprire. Poi, essendo onesto, interviene solo dove necessario. Ma, se il tuo integrato suona bene, vai avanti cosi' e poi decidi.

Saluti

Pietro

Share this post


Link to post
Share on other sites
speaktome74

Grazie per la bella e sincera testimonianza

Share this post


Link to post
Share on other sites
meridian
17 ore fa, Diesis # ha scritto:

Ho solo il sospetto che gli manchi un po' di dinamica. Dovrei fare dei confronti con altri amplificatori. Certamente anche stavolta se cambiassi non sarebbe a scatola chiusa.

Ciao, la tua impressione ci può stare, a prescindere che l' ampli abbia i suoi anni . . . E' un ampli audio video dato per 55 watt a 8 Ohm, non si sa cosa eroghi a 4, sicuramente valido e ben impostato, ma le specifiche dei tuoi diffusori sono 

PRINCIPLE

2 ½ way bass reflex

EQUIPMENT

170 mm woofer-midrange

25 mm tweeter

1 x 170 mm woofer

POWER HANDLING (RMS/MAX.)

150 / 280 watts

IMPEDANCE

4 – 8 Ohms

Essendo un diffusore 2 vie e mezza, spostare 2 woofer da 170 e il relativo cross che si mangia qualcosa, con certi generi musicali potresti avere un po' l' impressione di una dinamica non fluidissima, ma con 500 €, ti dovresti orientare sull' usato e come scrivi, ascoltando qualcosa, per confronto . . Io eviterei gli entry Marantz, non sono correntosi , se sono 300 €, rimani dove sei, poi con calma, quando addocchi qualcosa , vai ad ascoltare magari con il tuo ampli a confronto . . . 

saluti , Dario 

Share this post


Link to post
Share on other sites
formentinik

@Diesis # le tempus non le conosco ma ho avuto per sei mesi le Transplus e mi sono piaciute molto poi ho ascoltato le Tannoy Arden...ma questa è un'altra storia

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sonicrage

M@formentinik Noooo! Come le hai vendute? Le pilotavi con quelle spettacolari elettroniche Angstrom... che delusione... certo le Tannoy costano 7 volte tanto, per forza suoneranno meglio. Forse il tuo pre e finali erano sprecati con le Transpuls.

be', complimenti per l'acquisto...

Saluti

Pietro

Share this post


Link to post
Share on other sites
Diesis #

@meridian grazie dell'analisi ! in effetti non avevo notato che il dato 4-8ohm può "sbugiardare" il dato di sensibilità 92dB che se non erro è valido per la sola frequenza di 1KHz . Certo, comincio a rendermi conto che se cambio amplificatore ... non lo faccio per un altro di pari livello. Inizierò con calma a spiare gli usati che ci sono in giro. 

p.s. x @Sonicrage se ti piacciono i Dead Can Dance , prova anche a dare un'ascolto agli IRFAN , album Seraphim

Ciao!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sonicrage

@Diesis # Grazie per la dritta!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    303432
    Total Topics
    6775624
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy