Jump to content
Melius Club
Idefix

politica ed economia Ristrutturazioni e bonus 110%

Recommended Posts

Pippo87

@stefanino Io abito in una bifamiliare con acceso unico, progetto fotovoltaico + pompa di calore preparato in attesa dei decreti attuativi: fregato !!! qui da noi in questa situazione ci sono interi quartieri di villette singole edificate negli anni 60/70 con appartamento al primo piano e garage, caldaia e stanzone tuttofare al piano terra e che con l'invecchiare dei genitori sono state modificate con un appartamento anche al piano terra per un figlio.

L'azienda che mi aveva preparato il progetto mi ha detto che con sta voce perderà almeno l'80% delle installazioni possibili: cosa c'entra l'accesso indipendente dalla strada con il risparmio energetico ???

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

perché nella mentalità pauperistica e pezzentesca dei nostri attuali se vivi in un simil caseggiato polacco allora 

...allora...allora che vadano tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mozarteum
Il 10/9/2020 Alle 17:51, regioweb ha scritto:

un prezzo spannometricamente corretto per un cappotto in polistirene grafitato da 12/14 cm. dovrebbe aggirarsi intorno ai 100 euro/mq

Figuriamoci un cappotto in cashmere

Share this post


Link to post
Share on other sites
gpb

@Pippo87 non è indipendente dalla strada, ma indipendente anche da spazio condominiale comune come una strada comune di distribuzione di un comprensorio

non va bene se l'accesso è da spazio privato condiviso (un giardino comune con ingresso condiviso per esempio)

Share this post


Link to post
Share on other sites
gpb

Comunque le principali banche si sono mosse e Intesa e Unicredit, così come credo Generali e BPM per quello che ho sentito, propongono l'acquisto del credito alle imprese per il 10% dei costo (credo che unicredit faccia addirittura circa l'8...ma oggi non mi hanno saputo dire nulla...)

mancano i dettagli operativi ma l'acquisto dovrebbe essere previa verifica della documentazione predisposta dal progettista e con un delta tempo di 2/3 mesi eventualmente prefinanziabili

suppongo che per i privati facciano condizioni simili

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pippo87

@gpb stanno cambiando questa regola del “piffero” ... c’è stata una interrogazione in parlamento ed il ministro ha risposto che questa regola restrittiva è una interpretazione dell’agenzia delle entrate non in linea con lo spirito del decreto, per cui verrà riscritta questa parte ...se cerchi in rete ci sono articoli di giornale che ne parlano, poi con la velocità di questo governo che ha cambiato nome al decreto “aprile” ... visto che è stato approvato a luglio (gli hanno cambiato nome per non fare ridere tutto il mondo ...), i decreti attuativi sono usciti ad inizio ottobre (e pure sbagliati ...) ... magari a metà dell’anno prossimo forse ci siamo ... 😱

Share this post


Link to post
Share on other sites
gpb

@Pippo87 stai sbagliando tutte le date che sono quelle di legge e sono state rispettate, e non poteva essere altrimenti ...

Decreto il 18 maggio convertito il 18 luglio e entro agosto gli attuativi

Quello che è in ritardo è l'enea che non ha ancora attivato il portale per il deposito della documentazione

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pippo87

@gpb date corrette o sbagliate ... siamo arrivati ad inizio novembre e siamo sempre “al palo” ... se a te sta cosa sembra corretta ... a me me pare “na strunz....” 

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

io nel dubbio, quando faccio sempre se faccio, opto per il bonus facciate semplice al 90%.

come fai a fidarti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge
12 minuti fa, audio2 ha scritto:

il bonus facciate semplice al 90%.

Non è una cattiva idea, credito cedibile, potenzialmente può inglobare il costo del cappotto è non è sottoposto all'obbligo della certificazione della congruità con i costi medi, almeno per ora. Secondo me prima o poi se ne accorgono.

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth
27 minuti fa, Panurge ha scritto:

Non è una cattiva idea, credito cedibile, potenzialmente può inglobare il costo del cappotto è non è sottoposto all'obbligo della certificazione della congruità con i costi medi, almeno per ora. Secondo me prima o poi se ne accorgono.

alla fine anche nel mio palazzo stiamo facendo così. tra vincoli per cui non puoi "cappottare" le facciate esterne, sfiga perché abbiamo già molte cose valide energeticamente (teleriscaldamento, muri da 80 ecc.) erano più  rischi che il guadagno.

90 per facciate, un po' meno per tetto e altri ammennicoli.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge
1 minuto fa, briandinazareth ha scritto:

tra vincoli per cui non puoi "cappottare" le facciate esterne,

Occhio che in caso di vincoli ex lege o regolamento  la norma permette parecchie cose.

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth
29 minuti fa, Panurge ha scritto:

Occhio che in caso di vincoli ex lege o regolamento  la norma permette parecchie cose.

cos intendi?

abbiamo consultato diversi professionisti e tutti ci hanno detto che la facciata non si tocca perché pre-unitaria e di valore storico, ma devoi dire che non sono rimasto così colpito dalla competenza di alcuni, quindi ben vengano altre info.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ivantaggi78

Insomma in definitiva sul Bonus 110%: Come rendere vana un'idea buona in partenza...benvenuti in Italia!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth
4 minuti fa, ivantaggi78 ha scritto:

Insomma in definitiva sul Bonus 110%: Come rendere vana un'idea buona in partenza...benvenuti in Italia!!!!!!

oltre ai soliti casini organizzativi l'idea non è male. 

non mi sembra neppure assurdo che si cerchi di usarlo per migliorare le classi energetiche, purtroppo se sei già messo bene non riesci ad entrarci ma fa parte della ratio del provvedimento.

Share this post


Link to post
Share on other sites
marchesinogiò

Secondo me in generale non conoscete bene la faccenda e qualcuno ne trae conclusioni strambe.Scusate la franchezza, non vorrei essere offensivo.

Hanno fatto fatica a mettere insieme tutte le sfaccettature e le tipologie assurde di case che esistono in italia (è spesso un pregio ma anche un bordelllo) ma adesso la situazione è chiara e tutti i tasselli sono a posto. Manca solo il portale Enea per la trasmissione degli atti e poi c’è tutto. Non è perché qualcuno ha una situazione che non rientra che questa legge è sbagliata. 

L’unico caso sciocco non ancora sistemato è l’edificio di due appartamenti che appartengono ad un solo proprietario. La legge permette DUE ristrutturazioni ma NON se si possiede l’intero edificio. L’hanno lasciata valida anche per le bi-appartamento.

Ma qualche escamotage c’è: se vende/dona uno a figli o persone di fiducia l’edificio diventa pluriproprietario. Certo costa qualcosa di notaio ma perdiana si ottengono tanti soldi, se si spende qualcosa che sarà mai!

—-

Quello che ho notato in giro, non qua, che molti hanno abusi e pendenze regolamentari e rode che si sia introdotto il principio per il quale niente 110% se la situazione non è perlacea. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge
3 ore fa, briandinazareth ha scritto:

cos intendi?

durante l’iter di conversione in legge del DL Rilancio n.34/2020 sono state apportate delle modifiche all’articolo 119.
In particolare, la nuova formulazione del comma 2 dell’articolo 119 prevede che nel caso in cui l'edificio sia sottoposto ad almeno uno dei vincoli previsti dal codice dei beni culturali e del paesaggio (decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42) o gli interventi trainanti del DL Rilancio, quindi cappotto termico e sostituzione impianto di climatizzazione invernale esistente, siano vietati da regolamenti edilizi, urbanistici e ambientali, la detrazione si applica comunque a tutti gli interventi di efficientamento energetico, anche se non eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi trainanti, fermo restando il requisito del miglioramento della classe energetica.
Pertanto, si potrà fruire dell’aliquota agevolata al 110% per l’intervento di isolamento termico del tetto e per la sostituzione della caldaia, a condizione che gli interventi effettuati rispettino i requisiti minimi previsti dai Decreti di cui al comma 3-ter dell’articolo 14 del DL 63/2013 e nel loro complesso devono assicurare, anche congiuntamente agli interventi di installazione di pannelli fotovoltaici o all’installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici, il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio, o, se non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta, da dimostrate mediante l’attestato di prestazione energetica [APE] ante e post intervento, rilasciato da un tecnico abilitato nella forma della dichiarazione asseverata.

Il problema è se l'insieme degli interventi con il limite del cappotto riesce a migliorare la classe a sufficienza.
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth
28 minuti fa, Panurge ha scritto:

il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio, o, se non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta, da dimostrate mediante l’attestato di prestazione energetica [APE] ante e post intervento, rilasciato da un tecnico abilitato nella forma della dichiarazione asseverata.

Il problema è se l'insieme degli interventi con il limite del cappotto riesce a migliorare la classe a sufficienza.

esatto, il nostro problema è stato questo, senza cappotto esterno, essendo il palazzo già con vari accorgimenti energetici, non ci rientriamo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
otaner
3 ore fa, marchesinogiò ha scritto:

di due appartamenti che appartengono ad un solo proprietario

I due appartamenti devono anche avere utenze separate...di cui non capisco in nesso con il risparmio energetico.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mozarteum

Avete affrontato l'argomento dal punto di vista degli interventi ammissibili e ipotizzando che tutto vada liscio come l'olio. Io sto invece studiando il superbonus dal punto di vista del collegamento dei contratti fra banca, committente e impresa.

E' immaginabile - mi aspetto contratti in tal senso- che i soggetti finanziatori (banche e assicurazioni essenzialmente) aprano la borsa se tutto e' in ordine. E che il fisco acconsenta se non ci sono spunti per negare  (mi aspetto ad esempio riserve nel caso in cui si abbiano contenziosi fiscali pendenti, come accade quando si vantano crediti verso le PA e quest'ultima chiede una certificazione in tal senso).

Tutto in ordine puo' essere una parola: ogni imprevisto nell'esecuzione dei lavori (slittamento dei tempi di esecuzione,  incidenti di cantiere, vicende che riguardano le imprese, dal fallimento a vertenze col fisco, ad inadempimenti di vario genere, modifiche normative in corso d'opera secondo il vezzo italico, circolari bordellose) possono grippare il meccanismo e far trovare il committente su cui incombe la responsabilita' della scelta del direttore lavori e dell'impresa col cerino in mano. E cioe' esposto per ingenti importi non cedibili e/o non recuperabili con lo spettro di un contenzioso.

Quindi oltre ai geometri serviranno avvocati per congegnare bene i contratti di appalto fra impresa e committente e i contratti d'opera fra committente  e progettista e direttore lavori.

E prevedere clausole di protezione adeguate. Sara' una gara a chi -fra gli attori della commedia del superbonus-  si para meglio

Share this post


Link to post
Share on other sites
bungalow bill

La storia è molto complicata .

Share this post


Link to post
Share on other sites
piergiorgio
1 hour ago, mozarteum said:

vezzo italico

1 hour ago, mozarteum said:

serviranno avvocati

Te pareva. 

Grazie per l'avviso.

Credo che uno della mia via abbia già iniziato, oggi gli hanno scoperchiato il tetto e montato uno strano telaio tutto attorno casa, non le classiche impalcature. Magari cambia solo il tetto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

Andate avanti voi che a me viene da ridere. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

consultato diversi del settore passerò al bonus facciate piuttosto che a quello del 110% meno fracassamento di cabasisi e pratiche decisamente più snelle, alla fine costerà qualcosa di più da appoggiare sul tavolo ma chissenefrega.

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

il punto è anche, avvocato o meno, che certi tipi di controlli da quello che ho capito li faranno a posteriori di tutto, e fate i seri che non

è una battuta peregrina, quindi a seconda di come saranno le maglie ci sarà un certo numero x di incongruenze.

ecco, non vorrei entrare a far parte delle anomalie. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ivantaggi78
1 ora fa, mozarteum ha scritto:

grippare il meccanismo e far trovare il committente su cui incombe la responsabilita' della scelta del direttore lavori e dell'impresa col cerino in mano. E cioe' esposto per ingenti importi non cedibili e/o non recuperabili con lo spettro di un contenzioso.

Questo è uno dei (tanti) rischi cui viene sottoposto il/i proprietario ed i progettisti e d.l., cui secondo me andava data maggior fiducia, meno incombenze e burocrazia, meno paletti...se davvero si vuole fare una svolta e riconversione eco-green all'edilizia esistente nel nostro paese...

@marchesinogiò non si tratta di avere casi strampalati che non rientrano nei termini di legge, è l'ordinarietà che spaventa!!! Spaventa per i risvolti e molto probabili contenziosi legali cui accennava mozarteum...ti faccio un esempio: da quest'anno grazie al fatto che hanno istituito il super bonus 110% ed un nuovo sistema per il deposito degli APE in Puglia la mia polizza rischi professionali da architetto è sensibilmente aumentata, segno che le assicurazioni (abituate a guardare più lontano di noi...) si stanno preparando alla pioggia di cause e ricorsi...

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth
14 minuti fa, ivantaggi78 ha scritto:

Questo è uno dei (tanti) rischi cui viene sottoposto il/i proprietario ed i progettisti e d.l., cui secondo me andava data maggior fiducia, meno incombenze e burocrazia, meno paletti...se davvero si vuole fare una svolta e riconversione eco-green all'edilizia esistente nel nostro paese...

però sappiamo come va a finire se non controlli e pure bene... è sempre un equilibrio difficile, soprattutto in italia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
marchesinogiò

@ivantaggi78 Perdonami ma la si fa più nera di quello che è. Ormai tra parlamento e Ade sono stati ben definiti e chiariti tutti i criteri. Capire se si rientra o no è consequenziale senza necessità di interpretazioni. Dopodiché se si fa una buona analisi dello status quo ante e si segue poi il processo operativo come definito rischi non gestibili non ce ne sono. Importante è non voler per forza aderire se ci sono requisiti che si rispettano "ni o so". Le opere eseguite anche, i criteri per definirli conformi ci sono anch'essi. 

Le polizze sono aumentate da un lato per la ovvia partecipazione alla torta gratuita e un po' anche perché qualcuno che vorrà forzare "il criterio" ci sarà sicuramente che si committente o professionista. Se non ci sono illeciti iniziali e le opere sono eseguite come d'uopo non vedo come possa l'autorità trovare quello che non c'è.

--------------

Riguardo alla scelta di usare il bonus facciate ha senz'altro senso ma solo se uno ha il solo scopo del cappotto altrimenti si perde davvero molto tra sistema di climatizzazione, serramenti e fotovoltaico con accumulo. Una villetta sgangherata da un paio di k€ la si porta tranquillamente al doppio di valore a costo quasi zero: purtroppo son solo due a testa altrimenti è da andare in giro a farne incetta... be' ci sono sempre prestanomi o figli per chi ne ha. 
Ma non diciamo che non sia un mega regalone del governo sia alla cittadinanza che a se stesso perché col moltiplicatore messo in moto i soldi li recupera in abbondanza nei prossimi anni.

A mio modesto avviso

Share this post


Link to post
Share on other sites
gpb

Chi si spaventa evidentemente non è in grado...

Fossero questi i lavori difficili...

Share this post


Link to post
Share on other sites
gpb

Dovrebbe essere in linea il portale enea

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    307020
    Total Topics
    6992772
    Total Posts

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy