Jump to content
Melius Club
Sign in to follow this  
pierfra

Bach variazioni Goldberg

Recommended Posts

pierfra

per favore consigli per una ottima interpretazione per clavicembalo. Grazie in anticipo

Share this post


Link to post
Share on other sites
maverick

Ottavio Dantone , interpretazione e registrazione al top : si prende qualche libertà in più rispetto ad altri clavicembalisti, ma trovo la sua esecuzione davvero avvincente.

Leonhardt impeccabile, Scott Ross un po' più genio e sregolatezza, due alternative di altissimo livello.

Altre ( Pinnock,  Gilbert ) ugualmente apprezzabili, ma forse un pelino sotto ( almeno per i miei gusti) alle tre sopra descritte

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

@maverick A mio avviso Leonhard e Ross, ad oggi, svettano ancora su tutti. Parafrasando il poeta: tarderanno molto a nascere, se nascono, due "cembalisti" così puri e ricchi di avventura...
Le libertà di Dantone in queste Goldberg mi sembrano invero "licenziose", personalmente non apprezzo, specialmente nell'Aria trovo che increspino la pura linea del Canto per mere finalità tecnico-stilistiche. Svanisce l'aurea metaficia della scintilla bachiana. Nell'insieme è la sua "agogica", la tensione musicale sostanzialmente virtuosistica che mi non mi desta particolari stupori.

Ciò che si dovrebbe far emergere dalla partitura bachiana sono le meta-note celate tra gli spazi "segreti" del pentagramma che non tutti gli interpreti riescono a vedere/sentire, suonare...
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
faber_57

A me piace particolarmente l'esecuzione di Celine Frisch, ma non sono certo di sapere perché  😀.

Sarei felice di sentire opinioni al riguardo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ferdydurke

Un po’ indietro nel tempo consiglierei anche Andras Sciff 1983 per Decca:

206EE69D-27DE-48F3-8B7B-1A4F32DD1431.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
3 ore fa, faber_57 ha scritto:

Celine Frisch

Ci mette troppi "rubato".., ammazza quanto ruba... :D

In questa epoca di profonda crisi creativistica stanno succedendo cose strane e "pericolose"..   🤔 ...  visto che l'intepreti 'un c'hanno nulla da fare sul fronte del nuovo si scatenano a frotte sulle musiche "antiche" (con la scusa/convinzione che - cannando alla grande! - sarebbe un terreno interpretativo più libero, democratico e facile.., tanto chi ti controlla.., è in fondo musica molto più di nicchia.., mentre con i successivi repertori, con i romantici in avanti, più autoritari, ci provano molto meno.., non che proprio non si azzardino.., e ti credo, l'"accademia", la critica, il sistema di potere dello spettacolo vivono e vigilano ancora, pronti a redarguire gli abusi.., e la musica antica resti pure porto franco...) improvvisando improbabili ghirigori esecutivi arbitrari e licenziosi senza minimamente studiare i malcapitati aurori, le epoche, gli strumenti, vale a dire le musiche di cui se fa scempio, così.., un modo per non sentirsi/rimanere dis_sottoccupati? ... Ma perché non pigliano di petto i "Beethoven".., ah.. già lo fa Currentsiz - sempre a mio modestissimo avviso - approfittanto di una distrazione dell'"accademia".. chè anche lei dorvrà pur rispondere qualche  volta al business... ).
Su Bach poi c'è uno speciale accanimento, in modo particolare da parte delle giovani schiere di clavicembalisti, insieme ai pianisti, s'intende, i quali, con i progressi fatti dalle scienze e tecniche dell'insegnamento e delle didattiche conservatoriali e non, con tutta l'ovomaltina che hanno assunto rispetto alle generazioni precedenti, escono dagli studi "mostri" di tecnica e fringuellini sentimentali cinquettanti in espressione senza esperienze e memorie... 🐧  quasi quasi mi metto a rivalutare le interpretazioni "classiche" dei grandi pianisti utraromantiche ma non sempre sdolcinate... 🤣

Con intendo giocosamente provoctorio.., ma fatta una parte di tara credo resti quel poco di "verità" che dovrebbe essere sotto gli occhi di tutti... ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
faber_57
1 ora fa, analogico_09 ha scritto:

Ci mette troppi "rubato".., ammazza quanto ruba... :D

Incuriosito dalla tua analisi, al solito stimolante, ho dato un'occhiata in giro per verificare qualche altro parere. Mi pare di avere trovato qualcuno che la pensa come te...
"You may love its floating qualities, but the Erroll Garner right-hand delay can be distracting... Céline Frisch is absolutely a top performer and this is a very fine recording indeed. You will have to decide for yourself if the Erroll-Garner-effect slow music works or not."
Dominy Clements

Ora ho un buon motivo per riascoltarla verificando se l'effetto Errol Garner continua a piacermi!

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

@faber_57 Pensa tu quale collegamento è riuscito a cogliere il sig. Dominy Clemets! Fino al rubato c'ero arrivato abbastanza agevolmente, ma paragonare addirittura a Errol Garner... chapeau! ora dovrò approfondire anch'io... :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso
Il 22/5/2020 Alle 10:36, maverick ha scritto:

Leonhardt impeccabile,

... ma spesso noioso ...

Dantone tutta la vita!

ps: Chi esegue Bach "a tempo" ha fatto il suo tempo (per fortuna!)

Ciaooo,

Max

Share this post


Link to post
Share on other sites
christmas

la mia. versione preferita e quella di trevor pinnock che e' diventata il mio standard 

https://www.amazon.it/Goldberg-Variations-Bwv-988-Italian/dp/B000E0LBA4/ref=sr_1_fkmr0_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=trover+pinnock+goldberg&qid=1590236578&sr=8-1-fkmr0

a seguire Scott ross

https://www.amazon.it/Goldeberg-Variationen-Bwv988-Sonata-Maggiore/dp/B00004V87Z/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=Scott+ross+goldberg&qid=1590236847&sr=8-1

molto bella anche la versione di Jean Rondeau disponibile solo in formato video sul canale you tube Nederlands Bach Society

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Statistiche Forum

    303123
    Total Topics
    6770899
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy