Jump to content
Melius Club
Sign in to follow this  
Bill

Presentazione marchio Tum Connect

Recommended Posts

Bill

Original.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bill

DSC04439.JPG

Dal 1979 mi occupo di audio, dal 2000 in avanti ho investito la mia passione e la mia esperienza nella ricerca di un brand che costruisse i migliori sistemi di connessione possibili dedicati al settore audio

Purtroppo i più quotati brand della connessione di alta qualità: Fischer e Lemo, non a caso scelti da Mark Levinson negli anni 70 come alternativa ai classici standard di contatti a bassa frequenza esistenti non ritenuti all’altezza della qualità delle realizzazioni del marchio, non hanno mai investito nel settore che ci compete, con il risultato di forzare l’impiego costante di adattatori che vanificano i vantaggi di questi esempi di qualità Elvetica

Tum Connect nasce con un intento ben preciso: la progettazione e realizzazione dei migliori sistemi di connessione per uso audio a bassa frequenza mai realizzati. Senza alcun compromesso sia nei materiali che nella qualità costruttiva.

In pratica mettendo a frutto l’esperienza accumulata testando praticamente tutti i brand sul mercato a livello elevato, come ad esempio WBT, EICHMAN, VAMPIRE, EIZZ, CMC, AECO, FUREZ, PURESONIC solo per citarne alcuni stiamo progettando e realizzando quella che a mio avviso è una linea di connettori di un livello tale che supera di gran lunga ogni standard attualmente sul mercato.

Lo scotto da pagare è un costo di produzione (nessun particolare viene realizzato fuori dall’Italia) molto molto elevato. I numeri saranno ridotti ma siamo sicuri che quando vi troverete per le mani un articolo Tum Connect converrete che non vi sono rivali nel mercato mondiale in questo settore di nicchia assoluta

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bill

Il primo prodotto che vede la luce con il nostro brand è il più colossale ed efficace morsetto per diffusori-amplificatori mai prodotto il BP1L nella versione lunga e BP1S in quella corta. Le due tipologie differiscono solo nello spessore massimo del pannello su cui andranno installati

20 mm per il primo e 10 mm per il secondo

Partiamo dall’analizzare il progetto di base: il corpo è ricavato da una barra di rame tellurio di 20 mm di diametro. Il peso complessivo di un singolo polo è di 165 grammi, quasi tutti di puro rame.

Il massimo diametro-sezione accettata dalla parte rivolta verso l’interno dell’apparecchio è di 4.5 AWG, 5 mm di diametro e/o 20 mm2. La portata in corrente è di oltre 100 ampere. Le possibilità di fissaggio del cavo sono due: il serraggio con una doppia vite a esagono incassato di acciaio inox con inserto in ottone sul contatto o la brasatura. Una ampia asola ricavata a 90° rispetto alle viti di fissaggio consente una “colata” di lega stagno argento massiccia a patto di avere a disposizione una stazione saldante di adeguata potenza e qualità.

La parte all’esterno è in grado di accettare ogni tipo di terminazione, a forcella, a banana standard da 4mm o cavo nudo fino ad una dimensione di 7.8 x 5.3 mm per un’area di oltre 40 mm2

la particolare conformazione del ricettacolo consente però il serraggio di cavi delle dimensioni di un capello con un bloccaggio perfetto

Il meccanismo di serraggio non è il classico a rotazione, si tratta di un attuatore con movimento a pistone lineare che evita attorcigliamenti del cavo e consente un serraggio perfetto con il minimo sforzo. Il pistone, sempre in rame tellurio presenta una serie di fresature circolari nel punto di contatto per consentire uno stabile e definitivo bloccaggio, viene messo in movimento da una manopola sagomata in modo ergonomico di 30 mm di diametro in alluminio anodizzato nei due colori rosso e nero per la distinzione della polarità.

Una ghiera di serraggio in ottone placcata in oro unita ad un o-ring per fluidificare il movimento rende solidale l’insieme delle parti

L’isolante è costituito da due elementi circolari e sagomati di PTFE vergine. Due piccole spine in acciaio inox da 1 mm impediscono la rotazione dell’insieme in caso non si possa sagomare il foro sul pannello

Ultima raffinatezza il dado di fissaggio non commerciale ma realizzato appositamente sempre in rame tellurio per abbassare ulteriormente la resistenza elettrica del morsetto.

I binding posts verranno venduti in doppia coppia in una valigetta a tenuta stagna IP67 per preservare il rame dall’ossidazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

mi auguro che non restino un prodotto destinato ai diy evoluti ma che vengano utilizzati in diffusori commerciali, almeno quelli dal listino elevato

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bill

Io lo spero 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bill

DSC04426.JPG

DSC04442.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bill

DSC04446.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites
CARLO61

Gran bel prodotto, complimenti... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

Sembrano veramente "tosti"

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Statistiche Forum

    305783
    Total Topics
    6864036
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy