Jump to content
Melius Club
CarloCa

Un fantasma girava sur castello

Recommended Posts

mom

Ma il fantasma del castello, parla? In che lingua o in che dialetto? Come è il timbro vocale? Spaventoso, minaccioso o amichevole? 😱 👻

Share this post


Link to post
Share on other sites
bungalow bill

Parla la lingua d'oil , la lingua dei trovieri .

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pasquale SantoiemmaGiacoia

Quindi nel cestello oltre quelle lenzuola c'è pure un meccanico e un tranviere?

Che si abbassi il ponte lavatoio. Almeno,

Share this post


Link to post
Share on other sites
CarloCa

L’occhio vo’ la parte sua, ma l'avete vista bene 'a castellana? Donna che move l’anca si ‘n’è mignotta poco ce manca.

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria

Anvedi er sor Lello da fantasma! Mó va gonfio, impreciuttito, a panza avanti: nun pare più, dar modo che cammina, ch'ha dovuto inchinasse a tanti e tanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bungalow bill

Questo Lello che vive nel castello vuole fuggire sul cammello .

Share this post


Link to post
Share on other sites
CarloCa

Ogni maravija dura tre giorni, er sor Lello se n'è è bell'e ito cor cammello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mom

Ma se la fine della storia volete conoscere,  quel furbone di Trilussa dovete interrogare...

( vi do un indizio perché sono buona: correte a cercare il poeta che finge... 😉 ).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Clouseau

Quanno, de notte, sparsero la voce 
che un Fantasma girava sur castello, 
tutta la folla corse e, ner vedello, 
cascò in ginocchio co' le braccia in croce. 
Ma un vecchio restò in piedi, e francamente 
voleva dije che nun c'era gnente.

Poi ripensò: «Sarebbe una pazzia. 
Io, senza dubbio, vedo ch'è un lenzolo: 
ma, più che di' la verità da solo, 
preferisco sbajamme in compagnia. 
Dunque è un Fantasma, senza discussione». 
E pure lui se mise a pecorone.

😎

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pasquale SantoiemmaGiacoia

Eppure la telefonata era precisa:

Sono la castellana del castello qui vicino, 

urge un idraulico, corra, voli che paghiamo bene...

sì, sì... anche senza fattura...

Share this post


Link to post
Share on other sites
bungalow bill

L' idraulico rispose : corro ma non posso volare , l'indirizzo non conosco e non so dove andare .

Share this post


Link to post
Share on other sites
Clouseau

... senti l’odore del frutto antico

egli ti guidera’ ovunque io dico....

Share this post


Link to post
Share on other sites
CarloCa

Svelato è er mistero, niuno resta al maniero, ma... er sor Lello?

Dice ch'er gran talento è stato quello che j'ha scombussolato un po' la mente

pe' via de lo sviluppo der cervello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pasquale SantoiemmaGiacoia

Niuno resta al manieroooo; anvedi questo,

mo' famo come l'antichi, che magnavano le cocce e cacavano li fichi.

Miodio cos'è questa voce che rintrona, niente scherzi neh...

accendete la luce e ridatemi indietro la chiave inglese!

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria

Give me back the key.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bungalow bill

Ma la chiave inglese è stata presa da uno scozzese che furtivamente nel castello girava ma non sapeva dove andava .

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pasquale SantoiemmaGiacoia

Ladri e pure imboscati! ...fatemi uscire... ma lei chi è?

Sono Lord Geoff Hurst del gol fantasma del '66. Piuttosto dica lei chi è e cosa ci fa nel mio castello.

Aridanga, non vede la tuta !? ... IO SONO L'IDRAULICO!

Share this post


Link to post
Share on other sites
bungalow bill

L'idraulico invadente si fermò perché gli faceva male un dente , mentre lord Hurst uscendo la porta sbattè , gridando dov'è il mio caffè ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pasquale SantoiemmaGiacoia

Non sbattè sulla porta ma sotto la traversa, ridacchiando Lord Geoff Hurst continuò a parlare come fosse una radiocronaca...

sessantasei... stadio londinese di Wembley... finale: feci partire una stangata che sbatté contro la faccia inferiore della traversa e rimbalzò sulla linea prima di tornare in campo...

... Tiè! così vincemmo la Rimet noi inglesi... con un mio pallone che mai varcò quella linea di porta...

Ma che caffè... sono le cinque della notte... Tu, idraulico fammi il mio té. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
bungalow bill

Alle cinque del mattino anche il gallo ha finito il suo pisolino esce e si fa un giro in giardino a cercar qualche gustoso bocconcino , incontra lord Geoff e gli grida : il te fallo te .

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pasquale SantoiemmaGiacoia

Lord Geoff Hurst sorseggiando quella bevanda ancora bollente

sorrise beffardo al galletto che saltellava allegramente attorno al tavolino.

Fu poi, annegando lentamente un biscotto in quella tazzina,

che trionfalmente rivolse verso il pennuto la prima pagina sgualcita

di un vecchio giornale sportivo del 1969:

Inghilterra Francia 5 a 0.

Ancora una tripletta di Hurst a Wembley!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Maurjmusic

Il galletto, con  fare indifferente,  si fiondo’  su  un biscottino  che sporgeva dal    consunto tavolino ma  Lord Geoff Hurst  si alzo’ di scatto prontamente  e con il giornale gli vibro’ un fendente  cosi  che il povero pennuto,  per il regale  colpo ricevuto, da quel momento rimase  sordo e  pure  muto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pasquale SantoiemmaGiacoia

Il galletto trasalì. Un tarlo, un dubbio dopo la batosta giornalistica certo l'assillava: fossi mai dentro proprio al castello di quel tale, coso, il conte... il conte Vallespluga?
Il conte Vallespluga, il dracula dei pennuti! Miodio! ...Eppure, pensò tranquillizzandosi, 'sto lord Geoff Hurst è sì tipo strano ma, salvo quando legge i quotidiani sportivi,

è uomo pacato e soprattutto, ho visto bene quando magna, è vegetariano.

Per esser strano il lord è strano; ogni mattina, spesso in mutande, con una cariola con una feritoia sotto, 

traccia delle lunghe linee bianche sul prato, nel farle ogni tanto si ferma, si abbassa i calzettoni, si toglie e getta a lato i due parastinchi è urla a squarciagóla verso nessuno: ora lo vedete che non è un gol fantasma?

Share this post


Link to post
Share on other sites
bungalow bill

In questo antico maniero un fantasma correva lungo il sentiero . Forse cercava funghi con quei suoi pantaloni lunghi . Finché incontrò Lord  Geoff che lo salutò con la mano e gli disse : io vado lontano .

Share this post


Link to post
Share on other sites
Maurjmusic

“ Abbandono  per sempre questa amata fortezza 

che ormai mi riserva solo  tanta  tristezza” 

cosi disse il   fantasma   ma mestamente 

guardando oltre ma senza veder  niente.

.

“Ma dimmi fantasma dal bianco vestito

sussurrò  Lord Geoff,  dimmi cosa ti ha cosi rattristito?

“E dimmi ancora quale grande fardello  porta 

 il tuo cuor silente sotto il bianco mantello?  

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria

Arrivare a Lord Geoff

Partendo da Sor Lello

Era buono lo spinello!

Share this post


Link to post
Share on other sites
bungalow bill

E' caduta la poesia ed ora soffro di apatia . Lord Geoff disse allo stalliere che era nel bar a bere . Preparami il cavallo che devo andare ad un ballo .

Share this post


Link to post
Share on other sites
Maurjmusic

Sor   Lello   detto   “il bello”    da sempre  era  il servo del  grande Castello.

.

Tutto il giorno nella reggia  a  lavare  o cucinare 

comunque  sempre  un gran faticare  

.

Correva  in lungo, correva in   largo  

per le cucine e  per le cantine 

sempre   tanto da  fare  e rifare 
neanche un minuto per riposare 

.

Ma quel giorno dal tempo incerto 

un'erba strana   aveva scoperto. 

Era dolce ma ben odorosa

proprio come  il  velo di una dolce sposa .

.

Cosi Sor Lello  ci pensò, 

poi il tabacco  lui   compro’,

 con l'erba verde  lo rollo’, 

d'istinto  l'accese  con il falò,

e a Lord Geoff  il cannone passò,

grandi boccate  lui  aspirò,

ed  al ballo poi penso’, 

ma la sua mente si  offusco’,

nel galletto  incespico',

la muta bestia disse: oibò allora muto per sempre non sarò,

mentre Lord Geoff  ruzzolo’,

e sulla collina si rigiro’,

e nel fiume rotolo’

e nell’acqua  quasi  affogo’, 

e  subito disse “mai piu’ fumerò, 

ma un calcio in porta io tirero”

“Ma ora al grande  ballo io devo  recarmi, 

in fretta  al castello  per prepararmi

neppure il fantasma a rincuorarmi. 

.

Il triste fantasma era ormai  partito 

ed il folle  piano ... era  già stato ordito

dal nuovo ordine costituito.

Il folle idraulico ... aveva gia’  colpito! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
Il 7/7/2020 Alle 18:44, CarloCa ha scritto:

Quanno, de notte, sparsero la voce che un fantasma girava sur castello, tutta la folla corse e, ner vedello,...


... si accorsero che era un cicalo e non un fantasma.

Cosa è un cicalo? Il cicalo si sente ma non si vede,  non emette odori, lui risuona nei meandri della rocca come riflesso della notte oscura che si sbatte sulle grigie mura.
Il cicalo si gonfia come sacca di zampogna per seguir la villanella che in abruzzese canta: amòr amòr acciùccheme ''ssa rama!

Il cicalo, si scoprì in seguito, aveva un cuore nobilesco: rubava, non visto, ai ricchi castellani per offrir propina alla bella contadina.

Si sposeranno, infine?

Share this post


Link to post
Share on other sites
bungalow bill

Il cicalo , gonfio sembrava un cicalone e passeggiava avanti e indietro nel salone . Cercava suo figlio cicalino che era uscito con suo cugino . Passarono le ore , passarono i giorni e cicalo sull'uscio di casa faceva il palo . Telefonò e rispose cicalino : non posso parlare , sto mangiando un panino .

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    306888
    Total Topics
    6918341
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy