Jump to content
Melius Club
Sign in to follow this  
meliddo

politica ed economia Trump, questa ci mancava

Recommended Posts

meliddo

Un tweet di Mr President ipotizza il rinvio delle elezioni perché con il voto a distanza potrebbero esserci brogli.

Assicurare la regolarità delle elezioni è compito di chi governa e questa è una dichiarazione di impotenza e incompetenza,  il tipo sembra davvero disperato, spero non debbano portarlo via con l'ambulanza. O forse lo spero, sarebbe la fine più degna.

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth

Probabilmente sta accadendo quello che molti commentatori usa temono: trump potrebbe non accettare l’esito delle elezioni e sta preparando il terreno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Schelefetris
gpb

Ora dice che lo ha detto per provocare la stampa...forse qualcuno gli ha detto che in ogni caso il 20 gennaio se ne deve andare e diventa presidente la Pelosi...

Share this post


Link to post
Share on other sites
spersanti276

'cchiù Pelosi pe' tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone
7 ore fa, briandinazareth ha scritto:

Probabilmente sta accadendo quello che molti commentatori usa temono: trump potrebbe non accettare l’esito delle elezioni e sta preparando il terreno.

Facendo cosa?

Share this post


Link to post
Share on other sites
spersanti276

@GianGastone ...scavandosi la fossa con le sue mani.😀

Share this post


Link to post
Share on other sites
cesare
6 minuti fa, GianGastone ha scritto:

Facendo cosa?

Spiegato qui

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth

intanto va a testa bassa contro le scuole che danno troppa importanza alla storia del periodo della schiavitù...

 

Donald Trump denuncia «l'indottrinamento di sinistra nelle scuole e l'attenzione nelle classi sulla schiavitù» attaccando il «1619 Project» del New York Times, che ha vinto il premio Pulitzer. «La teoria critica della razza, il “1619 Project” e la crociata contro la storia americana sono una propaganda tossica, un veleno ideologico che, se non rimosso, dissolverà i legami civici che ci uniscono», dice il presidente Usa parlando dagli Archivi Nazionali.

Dalla Casa Bianca fanno sapere che il presidente preme per un'istruzione «più bilanciata, accurata e patriottica». «Le sommosse e il caos della sinistra sono il risultato diretto di decenni di indottrinamento di sinistra nelle nostre scuole», mette in evidenza Trump. «Un movimento radicale sta cercando di demolire la nostra eredità. La sinistra ha lanciato un attacco violento alle forze del'ordine, il simbolo universale dell'ordine e della legalità in America - aggiunge -. Siamo qui oggi per dire che non si sottometteremo mai alla tirannia. Rivendicheremo la nostra storia, il nostro Paese per i cittadini di ogni razza, colore e religione».

Il «1619 Project» a cui fa riferimento Trump è stato lanciato dal New York Times Magazine nel 2019 e rivede la storia degli Stati Uniti, facendola iniziare nel 1619 quando i primi schiavi dall'Africa sono arrivati in Virginia, invece che nel 1776 quando i padri fondatori hanno dichiarato l'indipendenza dalla Gran Bretagna.

Share this post


Link to post
Share on other sites
meliddo

@wow Purtroppo il suo elettorato non si scandalizza,  magari c'è pure chi lo apprezza per questo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bombolink

Il fatto è che una buona parte dell'America è come lui.

Share this post


Link to post
Share on other sites
keres

Veramente anche io vorrei uno schiavetto, anzi meglio una schiavetta, per Bacco. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth

il momento è arrivato, come qualcuno aveva pensato trump si rifiuta di dire che ci sarà una transizione pacifica se dovesse perdere, dice "vedremo"...  per due giorni di seguito. 

in democrazia questa è una follia totale, molti repubblicani hanno criticato molto duramente trump.

https://video.repubblica.it/mondo/trump-domanda-su-elezioni/367784/368364?ref=RHPPTP-BS-I257387636-C12-P6-S1.3-T1

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo

Vedremo sicuramente i carri armati per strada...

ci vuole tempra per stare dietro a certe minchiate, in ogni caso...

IMG_1423.PNG

Share this post


Link to post
Share on other sites
misterno

Non ci sarà nessun problema Trump vincerà senza dubbio.

I benpensanti in America sono la maggioranza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
daniele_g

"teoria critica della razza" ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

Più che i benpensanti i mangiaopossum o gli sparascoiattoli. Benpensante ha una connotazione troppo urbana.

Share this post


Link to post
Share on other sites
extermination
8 ore fa, briandinazareth ha scritto:

transizione pacifica se dovesse perdere,

Si scatenerà una " guerra civile" ..alla faccia degli americani "pacifisti!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth

@extermination 

speriamo di no, purtroppo però c'è tanta gente armata per strada e tra i gruppi di sostegno a trump c'è gente piuttosto armata ed estrema.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Schelefetris

tutti gli imperi prima o poi cadono per via di imperatori e antagonisti che litigano tra loro per il potere... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

@Schelefetris Il problema è che gladio e pilum sono stati sostituiti dagli ICBMs.

Share this post


Link to post
Share on other sites
31canzoni

Ovviamente come tutti spero che il Trump se ne vada, ma i segnali di un tentativo di golpe strisciante ci sono tutti, e ben che vada avvelenerà i pozzi.

Se rimarrà alla Casa Bianca anche avendo vinto regolarmente sarà la fine della democrazia americana, e l'instaurarsi di una dittatura, che  porterà alla fine della leadership mondiale degli USA, della NATO - già il lavoro di smantellamento di quest'ultima è visibile nell'alleanza di fatto tra un paese NATO (Turchia) e il nemico storico della stessa (Russia putiniana). Non s'era mai vista la flotta russa nel mediterraneo.

Le dichiarazioni di Trump e il declino drammatico di questa America, sono cose viste solo nei film. La distopia diventa realtà?

https://www.nytimes.com/2020/09/24/us/politics/trump-republicans-election-transition.html?action=click&module=Top%20Stories&pgtype=Homepage

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth

non c'è mai stato un presidente che arivasse a dire queste bestialità e sono un implicito invito alle milizie armate.

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth

e bannon, che non dimentichiamo, èamico caro dei nostri sovranisti, dichiara questo:

 «Ci sarà l’equivalente di una guerra civile, che comincerà la sera del 3 novembre, quando si rifiuteranno di dichiarare Trump presidente». A fare questa previsione apocalittica è Steve Bannon, ex consigliere della Casa Bianca, durante un webinar organizzato dal Metropolitan Republican Club a cui siamo invitati. Il titolo è «I democratici stanno rubando queste elezioni» e l’obiettivo è spiegare ai militanti del Gop la strategia per sgominare il presunto complotto, che forse aiuta a capire perché Trump si è rifiutato di garantire che accetterà la transizione pacifica in caso di sconfitta.

«Il Covid è stato creato dal Partito comunista cinese, e i democratici pensavano che li avrebbe fatti vincere. Durante le primarie però si sono accorti che avevano terrorizzato così tanto i loro elettori, da rischiare la sconfitta. Il 69%, infatti, non vuole andare ai seggi. Allora hanno pensato questo complotto per rubare le elezioni, basato sul voto postale, inviando tra 60 e 80 milioni di schede da manipolare. Lo ha spiegato il Transition Integrity Project, un gruppo di presunti intellettuali bipartisan. Hanno già assunto 800 avvocati guidati da Eric Holder, ministro della Giustizia con Obama, e presentato oltre 200 cause, per cambiare le leggi elettorali ed eliminare i limiti alla conta dei ballot spediti». La strategia si basa su tre punti: «Primo, usare le vie legali per far ammettere tutti i voti postali. Secondo, incitare le proteste di Black Lives Matter e antifa per portare la battaglia nelle strade e intimidirci. Terzo, allearsi con gli oligarchi della Silicon Valley tipo Facebook, Twitter, Google, YouTube, ma anche i cinesi di TikTok e WeChat, affinché nessuno dichiari Trump presidente il 3 novembre. Così potranno contare i voti postali per settimane. Se l’8 dicembre Biden non avrà un vantaggio sufficiente per vincere la votazione del 14 dicembre nel Collegio Elettorale, faranno scegliere il presidente a Nancy Pelosi, quando il Congresso si riunirà il 6 gennaio». Bannon incita i militanti a sgominare il complotto: «Bisogna galvanizzare la gente, affinché voti di persona ai seggi. Hanno già detto che Biden non dovrà riconoscere la sconfitta in alcuna circostanza. Useranno le cause, la violenza in strada, la disobbedienza civile e i social media, l’arma più potente, per farci accettare che il 20 gennaio un gruppo illegittimo e non eletto guidato da Biden giuri».

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone

Me la spiegate? Non basta vincere le elezioni?

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth
21 minuti fa, GianGastone ha scritto:

Me la spiegate? Non basta vincere le elezioni?

è tutto nel caso le perda...

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone

@briandinazareth Eh, cosa potrebbe fare di concreto prima dell' insediamento del vincitore eventuale?

Share this post


Link to post
Share on other sites
djansia
14 minuti fa, GianGastone ha scritto:

cosa potrebbe fare di concreto prima dell' insediamento del vincitore eventuale?

Ha già iniziato a mio parere scatenando scontri e "lotte" tra classi nelle strade. Il suo "Legge e Ordine" è spaventoso, almeno a me sembra un incitare suprematisti di ogni ordine e grado a difendere (mai minacciati perché comunque) i loro ormai "diritti" acquisiti. Trump conosce bene chi è dalla sua parte e anche se probabilmente sono una minoranza, perché non bisogna farne solo una questione di ricchezza in termini di soldi e quindi sono ancora più numerosi di quanto possa sembrare, sono armati e in testa hanno le idee di supremazia più pericolose.

Come hanno fatto ad eleggerlo? Come hanno potuto esultare alcune "parti" nel resto del mondo per la sua elezione? 

Giochiamo con parole come buonismo o teorie sul razzismo al contrario per dirne alcune, ma intanto lui è il presidente degli USA e non sarebbe mai dovuto accadere.

Il sogno americano un paio di palle. Questo agita "guerre" di ogni tipo e dimensione che potrebbero coinvolgerci tutti e in parte lo stanno già facendo.

Solo il suo atteggiamento contro la Covid-19 nel paese è da alto tradimento. Ora poi agita il vaccino per i primi di novembre e tutti muti, zitti.

Non c'è autorità sanitaria, militare, giudiziaria e via dicendo che sembra poterlo scalfire, attaccare o indurlo a ragionare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
meliddo

Credo che sia possibile fare un bilancio, sommario, di questi quattro anni: ha fatto meno danni di quello che era ipotizzabile.

In politica estera molte fanfaronate ma nessun disastro effettivo, W. Bush fece molto peggio pur avendo uno stile più accettabile.

Anche sul fronte interno molti più proclami e sparate che azioni vere, la brutalità della polizia è un problema antico anche se alcuni possono essersi sentiti incoraggiati.

Rimane la grossolanità del personaggio che per noi europei è inaccettabile.

La sconfitta, che quattro anni fa sarebbe stata accettabile, oggi sarebbe un colpo mortale per il suo ego e questo potrebbe provocare seri problemi, ma non credo in uno scenario drammatico.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Statistiche Forum

    307747
    Total Topics
    6950363
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy