Jump to content
Melius Club
GuidoR

naim nd5xs2 o ndx o nd5xs? cosa prendere?

Recommended Posts

GuidoR

ciao a tutti. ho iniziato ad ascoltare la musica liquida l'anno scorso con un Node 2i, ottima macchina con interfaccia molto intuitiva, legge tutto, ma non ha il suono naim, qualcosa manca. vorrei fare un upgrade per ascoltare musica che ho in un hard disk e tidal. vorrei fare un upgrade con uno streamer della casa, sto valutando diverse opzioni:

a) nd5xs2 ottime recensioni, si trova solo nuovo e costicchia, ma da valutare

b) ndx: macchina un po' datata ma hi end davvero, potrei tenere il node 2i come lettore per i file che l'ndx non legge e usare ndx come dac in questo caso (mqa, dsd etc)

c) nd5xs: alternativa più economica, rispetto a nd5xs2 è anche upgradabile con alimentazione esterna, anche qui con possibilità di tenere il node 2i per i file non leggibili da nd5xs

e) acquistare un dac chord come il qutest o il mojo

qualcuno ha ascoltato alcune di queste opzioni? ndx è uscito nel 2012, oramai è da considerarsi passato o può dare ancora soddisfazioni?

nd5xs2: ottima macchina ma non legge mqa: è importante?

se collego il node2i come lettore a ndx/nd5xs posso avere dei problemi con file che ndx/nd5xs non leggono?

dal punto di vista sonoro, cosa consigliate?

grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
danielet80

@GuidoR Ciao, hai valutato l'NDX2? E' tra la lista dei miei prossimi acquisti, sono stato ad ascoltarlo in quanto da poco proprietario di un Uniti Nova e sono rimasto molto colpito dal sound Naim, non posso fare paragoni con le elettroniche da te citate però l'NDX2 suona molto bene e a me è piaciuto, anche quest'ultimo ha la possibilità dell'upgrade dell'alimentazione. Ottima macchina, te la consiglio senza dubbi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
GuidoR

grazie, ottima macchina ma siamo quasi a 5000 euro, oltre al costo elevato in se ho il dubbio che possa uscire qualche altra tecnologia e renderlo obsoleta, difficile dire quanto è giusto spendere negli streamer

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69

@GuidoR gli Streamer Naim, sono molto performanti e suonano decisamente  bene. Comprare uno streamer, oggi, deve poter leggere i file DSD e per chi come me usa Tidal HiFI, leggere gli MQA. Purtroppo, i modelli precedenti non li leggevano, per cui, per me sono obsoleti. Altra cosa che non mi piace di Naim, sono, la mancanza di uscite bilanciate, e l’unico ingresso coax (mentre ci sono due inutili ottici), aggiungiamoci il costo elevato ... 😏

Share this post


Link to post
Share on other sites
antonew

Non mi pare che i nuovi modelli leggano MQA, se Naim 

avesse pensato fosse utile l' avrebbe implementato 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Simo

@antonew infatti.. un ndx alimentanto, per mia esperienza e gusti mette l'animo e orecchie in pace, in barba alle ultime trovate..

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69

Per me, Se uno streamer adotta Tidal, non può non avere la lettura in MQA, che piaccia o no. Ps:Vogliamo scommettere che prima o poi lo adotterà? 
@Simo l’alimentazione è una cosa, i formati di lettura, sono un’altra. Che dell’implementazione dell’alimentazione, Naim, ne sia un porta bandiera (e io sono uno di quelli convinti della sua importanza), ma anche un’eccessiva speculazione, è chiaro a tutti, ma il formato DSD, ormai è in uso ovunque, e non può essere sostituito da un alimentatore. Comprare oggi, uno streamer senza questa funzione, è come comprare un’auto, pur performante, ma sempre Euro 3! 😉
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69

Detto, questo, più di una volta ho pensato di acquistare stremer Naim, d’occasione, delle generazioni precedenti, ma poi, per i motivi sopra citati, ho desistito. 
Oggi, uno streamer, deve evere la possibilità di essere costantemente implementato da remoto, altrimenti è out. Non si può cambiare un modello, ogni volta che esce una nuova codifica! 

Ci sono modelli, molto meno costosi, che lo fanno, ad esempio il mio Pioneer N50AE, che ho da più di 2 anni, quando l’ho acquistato non aveva la lettura MQA, ma è stato aggiornato successivamente  (gratuitamente) da remoto e oggi, è ancora aggiornatissimo. Ma qualche azienda fa la furba ... è come se dovessimo cambiare il computer, ad ogni nuovo sistema operativo. 😏

Share this post


Link to post
Share on other sites
Kindblue

@iBan69 concordo con te, è strano che una casa serie come Naim adotti TIDAL ma non permette la codifica mqa tramite aggiornamento. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Maunad83

@GuidoR ho “risolto” il dubbio separando lo streamer dal dac. Come dac ho scelto il naim ndac, usato si trova a circa 900 euro, dicono sia migliore dell’ndx, per alcuni anche dell’ndx2. Come streamer gli ho abbinato un Allo Digione Signature con alimentatore Allo Shanti. La decodifica Mqa (First unfold) viene eseguita da Audirvana o Roon ma devo dire che il Naim Dac già di suo ha ridotto il gap tra redbook e Tidal Masters

Share this post


Link to post
Share on other sites
GuidoR

Grazie a tutti per i consigli.ho al momento un bluesound node 2i che legge tutto, l’opzione di un dac naim è valida. Gli streamer di ultima serie naim leggono i dsd e non gli mqa, sembra una scelta. Naim fa scelte forti: le sue elettroniche vanno sempre lasciate accese, hanno un’estetica teutonica, ma hanno un ottimo suono e a parte gli streamer mantengono il valore nel tempo. Non condivido l’approccio verso gli mqa. Sono così diffusi gli mqa? Tra uno streamer nd5xs e node 2 per mqa e altri file moderni e node2 e dac naim cosa potrebbe andare meglio? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
jj@66
Il 1/8/2020 Alle 15:55, GuidoR ha scritto:

Tra uno streamer nd5xs e node 2 per mqa e altri file moderni e node2 e dac naim cosa potrebbe andare meglio? 

Difficile dare un giudizio, di Naim ho avuto modo di ascoltare la serie Uniti (Nova e Star) collegate a dei bookshelf della Focal (se ricordo bene erano le Kanta) ed era un bel sentire, però parliamo di un impiantino da qualche migliaio di €.. da quello che so Naim ha un suo suono e chi lo apprezza non lo lascia facilmente, dipende molto dai gusti e dalla sinergia che si crea con gli altri componenti.

Se hai modo di andare da un rivenditore Naim ti porti dietro il BS così puoi fare una comparativa almeno tra gli apparecchi in questione, in linea teorica con il Node2 e un dac hai modo, con il tempo, di migliorare la qualità mantenendo come punto fermo il BS e salendo con il dac, tieni presente però che il Node non passa il segnale MQA dall’usb e la stragrande maggioranza dei dac MQA veicolano questo segnale proprio da quella specifica porta.. se invece la codifica MQA non ti interessa hai risolto il problema alla radice 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
jack1966

Ciao ti porto la mia esperienza se può esserti utile. Sono appena passato da un Node 2i al Naim Nd5 Sx2 e la differenza è notevole. Io utilizzo quasi esclusivamente con Qobuz e pertanto non mi interessa la codifica MQA. Detto questo il Naim è nettamente superiore al Node 2i, l'estensione armonica è molto maggiore ed anche il prospetto è molto più realistico sia sulle 3 dimensioni che come posizionamento degli interpreti.

La differenza di prezzo è importante, è vero, però la differenza è veramente notevole. Prima del Naim ho provato, stessa amplificazione e diffusori, i Cambridge CXN e 851N e non avevo riscontrato questa differenza.

Anche per quanto riguarda l'App di controllo, quella di Naim è fatta se possibile meglio di quella Bluesound che è già fantastica rispetto a quella Cambridge.

Non costa poco ma, credo per parecchio tempo sia una scelta definitiva.

Share this post


Link to post
Share on other sites
antonew

il Naim è di un altro livello ,l'unico appunto 

è che con i nuovi bisogna passare direttamente a NDX2

per aggiungerci la PSU qualora si voglia crescere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Simo
Il 1/8/2020 Alle 05:14, iBan69 ha scritto:

ma il formato DSD, ormai è in uso ovunque

Ma non esiste sulle piattaforme streaming se non erro e comunque tutti i naim li leggono, ovviamente i primi non a risoluzioni altissime, sempre che servano a qualcosa

Alla fine quello che conta è come funziona e suona, almeno per me.

La corsa alle nuove tecnologie, formai, codifiche per me va in secondo piano, un po' come i chip dei fax usati nei lettori CD quando iniziarono ad apparire i primi 24bit.. a che servivano all'atto pratico (ascolto) se non solo a rimpiazzare fine produzioni?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gici HV
Il 31/7/2020 Alle 13:43, iBan69 ha scritto:

Comprare uno streamer, oggi, deve poter leggere i file DSD e per chi come me usa Tidal HiFI, leggere gli MQA.

Ma quanti sono i file realmente in dsd? E,soprattutto, di quali generi musicali? 

Usando Tidal trovo più utile,per quel che vale,la codifica MQA..

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69
35 minuti fa, Gici HV ha scritto:

Ma quanti sono i file realmente in dsd? E,soprattutto, di quali generi musicali? 

Ma c’è ne saranno sempre di più ...

35 minuti fa, Gici HV ha scritto:

Usando Tidal trovo più utile,per quel che vale,la codifica MQA..

Assolutamente d’accordo ...

Ma, penso anche, che chi voglia spendere certe cifre per la musica liquida, pretenda giustamente un apparecchio che sia il più possibile aggiornato, o aggiornabile, anche perché un apparecchio che non lo sia, nella l’ambito digitale, subisce una svalutazione importante in caso si voglia rivenderlo. Pur tuttavia, ci sono ancora alcuni apparecchi con alcuni anni sulle spalle, ancora molto ben suonanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    305757
    Total Topics
    6862745
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy