Jump to content

Le nostre foto di "strada", le cosiddette "street photography"... digitali e anlalogiche, in B. & W.


analogico_09
 Share

Recommended Posts

@Partizan Appena riesco a fare qualche scatto (non di prova) provvedo. Altro che post, qui siamo ancora alla ante ante. La post non la so fare e come già detto, tendo a non farla. Piuttosto mi piacciono molto le foto "rubate" in strada, ma voi come fate? Quando il soggetto se ne accorge mi guarda in un modo interrogativo che mi suscita un non che di imbarazzo. Una volta ho fotografato un banchetto di frutta, un magnifico campionario di colori, è uscito il proprietario che mi chiese se avevo il permesso... Trattasi di merce esposta, ho rimarcato ma non ha voluto ascoltare ragioni. Mah. 

Link to comment
Share on other sites

@KIKO Intanto posta quelle che hai scattato prima di usare la X-T4 😉

Confesso che sono abbastanza sfacciato, non mi curo troppo delle loro perplessità, esercito un mio diritto, e non tolgo niente a loro. Evito però accuratamente di fotografare soggetti sfortunati, deboli.

In passato, quando usavo le grosse reflex Canon ho avuto parecchie occasioni di discussione, le piccole Fuji passano molto inosservate, fanno meno colpo, ed aiutano molto in questo senso... non ricordo un caso con questi apparecchi.

Le esperienze peggiori le ho avute in Francia, il caso limite: fotografando una piazza con un 21 mm, una signora sull'uscio del suo negozio, quando le sono poi passato davanti mi ha chiesto di cancellare la foto perchè c'era anche lei nell'immagine... l'ho mandata letteralmente a cagare!

 

Ciao

 

Evandro

Link to comment
Share on other sites

analogico_09

@Partizan  @KIKO

 

 

Sono più o meno sulla lunghezza d'onda di Evandro... Bisogna essere un po' "coraggiosi" in certe situazioni.., però senza mettere in difficoltà le persone fotografate. Io in genere riesco ad essere "cominicativo" con i miei "soggetti".., dopo l'iniziale protesta spesso, non sempre (e allora rinuncio, cancello la foto) riesco a convicerli che essendo un fotografo per diletto non speculo con le foto, non ne faccio cattivo uso. Molte persone, non solo donne, sulle prime diffidenti poi si danno allo scatto.., sorridono, si scherza, oppure non dicono nulla.., rispondo al mio sorriso e segno di ringraziamento.., c'è come una tacita, gentile comunicazione tra le persone sconosciute incontrate per strada... Queste per me sono le foto migliori di persone che reagiscono con spontaneità davanti alla fotocamera senza mettersi in posa... Altro argomento di convincimento che funziona a volte si, a volte no.., più si che no... è dire all'"interlocutore" che ti chiede: "ma che mi fotografi affare?" ... manco fosi bella/bello.., guardandoti con espressione ironica come se fossi un marziano... 😄 persone giustamente riservate o timorose, oppure che sfugga loro il senso della fotografia.., io gli pianto il discreto pistolotto che se non fosse esistita la fotografia e i fotografi molti dei quali dilettanti che fotografavano la vita, la gente, gli avvenimenti, ecc.., senza chiedere permessi, i o nel timore di compiere un'illecito, oggi non avremmo la meravigliosa e vastissima memoria fotografica, i "ricordi immaginificici" dei vecchi tempi, delle vecchie genti, dei nostri stessi parenti "ante-nati"...

Resterebbero solo le foto "ufficiali", professionali.., uno scenario limitato, "imperfetto", mentre secondo me anche nelle foto amatoriali c'è arte e pesia.., lo stesso valore documentale.., a volte in misura anche maggiore grazie all'impagabile dono della spontaneità, dell'istinto... I più grandi fotof grafi per me sono quelli che vengono dal dilettantismo e riescono a mantenere quella "aualità" di sguardo anche se la fotografia diventa una professione. 

Raramente mi è capitato qualcuno che si incavola e mi chiede con forza, di cancellare la foto.., ed io non oppongo la minima resistenza anzi cancello chiedendo scusa, pur consapevole di non aver fatto nulla di male. A volte invece ho realizzato scatti a "tradimento".., subdoli..  😋, ma, ragazzi, l'arte è l'arte.., per amore dell'arte si fa questo ed altro... 🤣

 

 

Evito anch'io di fotografare i soggetti deboli, problematici, mendicanti, ecc, persone in situazioni imbarazzanti o umilianti, lesive della dignità, salvo nei casi in cui non siano riconoscibili e quando la foto non è per riprendere l'"esotico" banale e stravisto, bensì per cercare di esprimere un'idea, un'allegoria, una sensazione diciamo espressiva.

 

Ad esempio, una volta incontrai il Nosferatu dalle recchie appuntite in un "passetto" segreto e  "mistico" di Roma.., che perlatro dalle tenebre si avviava verso la luce.. insolito per un vampiro.., da non perdere.., era di spalle quindi scattai la foto senza temere che potess'essere riconosciuto...   🧛‍♂️😄


38046410622_b1cf128488_b.jpg    

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

I più bei soggetti con cui ho avuto a che fare, sapete quando la foto la "sentite" ancor prima di scattare, sono stati anni fa, con l'analogica. Piccolo episodio che mi lascia, ancora oggi, l'amaro in bocca. Senegal, saline da un lago rosa ricco di sale. Donne coi loro variopinti e bellissimi indumenti intente a trasportare sale sulla testa, spuntavano da dietro le dune di sale bianchissime e il loro mezzo busto col loro carico sulla testa era una "cartolina". Imbraccio la mia fedele Minolta XM con 21mm, inquadratura e luce perfetta, non lo avessi mai fatto, improperi in francese di tutti i tipi, ho fatto finta di non capire, pur conoscendo un po' di francese, rimesso copriobbiettivo, e scusandomi in qualche modo... Ecco, queste sono le foto "mancate" che mi bruciano di più. Le ricordo ancora dopo circa 30 anni, purtroppo le ho solo in testa.  

Link to comment
Share on other sites

@Partizan Sono in difficoltà a postare foto ante T4, le ho tutte dia in contenitori Karousel, ho comprato uno scanner apposito Canon per poterle immagazzinare in altro modo, ho iniziato ma non finito il trasferimento (pallosissimo). Tra l'altro, ai tempi, ho creato dei diaporama, con il Revox, 2 proiettori,  centralina e cronometro. Ci ho perso nottate. Ora e tutto li, ammucchiato e inutilizzato cercando, con scarso successo, di trovare la voglia e tempo di continuare.

Link to comment
Share on other sites

@Red Eagle Buongiono Michele, Io sono su Riproduzione Audio di Melius 🙂 e non frequento il Nikon club.

Io utilizzo prevalentemente un sistema Olympus, anche se possiedo una bridge Nikon PX900.

Ciao 👋 

Link to comment
Share on other sites

@KIKO  😉Anch'io ho due proiettori Karousel, oltre ad altri, con centralina bruciata per un collegamento errato (mi pareva impossibile, eppure l'elettronica che dava l'impulso di registrazione non ha più funzionato, posso fare dissolvenze solo in manuale), una caterva di contenitori acquistata su ebay tedesca, un trespolo per la regolazione del piano e l'allineamento dei proiettori, 7-8 ottiche Kodak, sempre acquistate a buon prezzo sulla baia tedesca... MAI USATO, se non per brevissime prove! 🤣🤣🤣🤣🤣🤣    Mia moglie un paio di volte al mese mi chiede di buttare tutto, al massimo di tenere le robustissime valigette dei proiettori... fino ad ora sono riuscito a resistere.

Ciao

 

Evandro

Link to comment
Share on other sites

@Partizan Non sai quanto ti capisco..Tra l'altro ho anche un proiettore, oltre ai 4 o 5 karousel, Rollei 6x6 dove uso le vecchie dia fatte con la rollei biottica, uno spettacolo. Oggi, con l'avvento del digitale e il pc, mi rendo conto di quanto tempo si possa risparmiare per avere gli stessi risultati per creare dissolvenze con commento sonoro, anzi forse migliori. Pensa che usavo il metronomo del pianoforte per darmi i tempi di dissolvenza. Che tempi.. 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

analogico_09

@KIKO @Partizan Rega, siamo stati in milti a vivere l'effimera illusione di fare chissà cosa con 'sti aggeggi complicati, costosi e "sovradimensionati" per noi fotografica per diletto, i quali finiscono quasi sempre per essere accantonati, e per quanto riguarda l'analogico, ritiriamo invece fuori le FOTO, da pellicola a colori e in b.&w. , diapositiva, "lastra"   😅 ecc.., proiettiamole in maniera sempliche le dia, stampiamo o facciamo stampare, scansioniamo e condividiamo.., facciamo insomma vivere la sostaza della nostra "passione": l'immagine... 😉

 

Io ho un numero condiderevole di diapositive e di pellicole negative di ogni tipo..; negli ultimi anni, da qualche lustro, un po' per volta ho scansionato le mie immagini preferite, archiviate in HD,  e me le godo, quando capita le condivido ho in programma di farme stampare alcune da laboratori seri.., non mi ci metto più a stampare in casa.., troppa fatica, grande disagio...

 

Le diapositive me le rivedo di tanto in tanto con un proiettore Zeiss-Ikon Perkeo R2500 AFS caricando con santa pazienza a mano i caricatori orizzontali con le dia scelte per la visione. Avevo ben iniziato ad archiviarle in gran parte nei contenitori rettangolari a due caricatori (tante altre sono nelle scatolette di plastica originali e ogni volta tolgo, vedo, scansiono e rimetto...) poi nel corso del tempo leva e rimetti, la pigrizia di riordinare tutto per benino le diapositive nei contenitori sono tutte mischiate...

 

 

Link to comment
Share on other sites

analogico_09
11 ore fa, KIKO ha scritto:

Piccolo episodio che mi lascia, ancora oggi, l'amaro in bocca. Senegal, saline da un lago rosa ricco di sale. Donne coi loro variopinti e bellissimi indumenti intente a trasportare sale sulla testa, spuntavano da dietro le dune di sale bianchissime e il loro mezzo busto col loro carico sulla testa era una "cartolina". Imbraccio la mia fedele Minolta XM con 21mm, inquadratura e luce perfetta, non lo avessi mai fatto, improperi in francese di tutti i tipi, ho fatto finta di non capire, pur conoscendo un po' di francese, rimesso copriobbiettivo, e scusandomi in qualche modo... Ecco, queste sono le foto "mancate" che mi bruciano di più. Le ricordo ancora dopo circa 30 anni, purtroppo le ho solo in testa.  

 

 

Non dire "purtroppo".., capisco ovviamente il rimpianto.., però come dici quelle "foto" mancate sulla pellicola sono rimaste impresse nella tua mente, per sempre, stando a come riesci ancora a descrivere il luogo senegalese, la luce, i colori, le forme, l'atmosfera.

Molto belle le immagini delle "Donne coi loro variopinti e bellissimi indumenti intente a trasportare sale sulla testa, spuntavano da dietro le dune di sale bianchissime e il loro mezzo busto col loro carico sulla testa era una "cartolina" ... riesci a farle "vedere" anche a noi.., creando delle vivide "inquadrature" con le parole... Se le avessi scattate "realmente" con la tua MInolta forse, sottolineo il forse, le foto "reali" sarebbero venute meno belle, meno espressive, più "cartolina" ma meno immaginifiche e personali...

Penso capiti a tutti i fotografi di mancare "incolpevolmente" a qualche scatto ispirato ma sfumato che tuttavia non si dimentica a conforto dello scontento iniziale...

Io ne ho diversi che ricordo ancora, anche di "antichi". In  Marocco, '83/'84, scattai 540 diapositive (15 rullini) in 7 giorni circa, con la strepitosa pellicola Ektachrome Professional 64 asa; pochi furono gli scarti (c'era una situazione da phatos analoga a quella senegale da te descritta), un "reportage" molto poco "turistico" e "cartolinesco" di cui fui e resto molto soddisfatto, eppure ho il ricordo di scatti mancati, parte col tempo dimenticati, altri ancora impressi nella mente e nella "coscienza" come un sottile, remoto "rimorso"...

Quelle foto le dovetti sudare lavorando con molta accortezza, discrezione, rispetto.., non di rado entrando anche in sintonia con le persone, con gli "ambienti" più disponibili, anzi aperti e "curiosi".A

Anche in Marocco, particolarità della cultura islamico nella quali vige l'"aniconismo",  non gradivano in genere di essere fotografati.
Una volta mi trovai in una situazione simile alla tua: dovetti rinunciare alle foto ma con un finale meno drammatico. Fotografavo in un piazzaletto di un Suk di Salè davvero "magico" e remoto, eravamo noi quattro, due coppie, gli unici turisti in un luogo non turistico e per questo ancora più sorprendente: non potevo rinunciare a scattare qualche foto.
Provai con tutta la discrezione possibile. Illusorio.. alcuni ragazzi si fecero avanti con aria severa non particolarmente minacciosa ma decisa, quasi a circondarci. Abbassai la MInolta X700 e uno di loro in francese mi disse, scandendo le parolee: no(n) no(no) no(n) monsieur.... questo non si fa ... Io zitto..., prendendo tempo. Il ragazzo chiese: siete francesi? No, risposi io, teso ma non particolarmente spaventato (quella gente è meravigliosa!): siamo italiani...
E lui mi fa con un bel sorriso: italiani!?... italiani come marocchini!!! 😄 E a quel punto respirammo..,  anzi finì con pacche sulle spalle e qualche risata ricevendo da questo episodio ulteriore conferma che in Marocco i francesi non erano particolarmente ben visti... (chissà perchè...)

 

Link to comment
Share on other sites

@luigi61  scrive:

Buongiono Michele, Io sono su Riproduzione Audio di Melius 🙂 e non frequento il Nikon club.

Io utilizzo prevalentemente un sistema Olympus, anche se possiedo una bridge Nikon PX900.

Ciao 👋 

 

Allora ti chiedo scusa, avrò fatto confusione..sai l'età avanza....sigh

Ho una Nikon d5100.

ciao

Michele

 

Link to comment
Share on other sites

@analogico_09 E' finita bene, fortunatamente. Immagino un reportage splendido e "rilassato" usavo anch'io la stessa pellicola. La luce africana è unica. Sempre in Senegal altro piccolo incidente, fotografo una ragazzina intenta a tostare delle arachidi sul ciglio della strada, mi ha sputato fra i piedi. Chiesi spiegazioni in albergo, mi dissero che i locali sono convinti che una foto gli rubi l'anima. Chissà se ancora oggi è così. Un'altra "cappella" questa volta colpa mia, Venezia, condizioni ideali, mezza giornata dedicata a foto, con occhio a 21mm  ogni metro percorso  gli spunti sono diversi dal metro precedente, curo con attenzione la tecnica e inquadratura, scatto, scatto, scatto, fino a 39 foto. La pellicola non veniva trascinata. Che pirla.

Link to comment
Share on other sites

analogico_09
6 ore fa, KIKO ha scritto:

scatto, fino a 39 foto. La pellicola non veniva trascinata.

 

Capii quando andai in Marocco cosa volesse dire "mal d'Africa"... la nostalgia di quella luce e di quei colori, della natura, delle "forme" della natura e dalla nobile bellezza degli abitanti.

Successo anche a me durante un Palio di Siena di tanti anni fa. Per un caso fortuito ero riuscito a piazzarmi sopra una struttura di legno che serviva a impedire il passaggio della folla da una delle strade che confluivano in una gremitissima p.za del Campo. Ero praticamente sopra la pista, posizione strategica, privilegiata. Durante la corsa dei cavalli che durò pochi minuti scattai un intero rullino da 36 in bianco e nero e nel riavvolgerlo per inserirne un altro di diapositive mi accorsi che il trascinatore non aveva agganciato la "cima" della pellicola per colpa mia a causa dell'eccitazione di trovarmi in quella posizione irripetibile così come fu Irripetibile anche il rammarico... 😬

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...