Jump to content
Melius Club
Crik

ma musica nuova ne ascoltiamo?

Recommended Posts

Crik

Non è che voglio fare il difficile ma qualunque discussione legga si parla sempre di ascolto di pezzi che se va bene hanno 30 anni... ma mi chiedo, con questi mega super impianti che abbiamo nelle nostre case di musica nuova (di questo decennio) ne ascoltiamo o no?

e se si che cosa???

Share this post


Link to post
Share on other sites
delirio

Siamo tutti nostalgici

Share this post


Link to post
Share on other sites
Crik

si ma di cose nuove belle e molto ben fatte ce ne sono a bizzeffe ma nessuno ne parla o ne ascolta mai nemmeno un pezze... è peccato :/ 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Crik

@eduardo 😂 ecco appunto 🤣

Share this post


Link to post
Share on other sites
TetsuSan
21 minuti fa, Crik ha scritto:

si ma di cose nuove belle e molto ben fatte ce ne sono a bizzeffe ma nessuno ne parla o ne ascolta mai nemmeno un pezze... è peccato

"Molto ben fatte" artisticamente o tecnicamente ?

Io di nuovo ho sentito Julie Byrne e Freya Ridings, entrambe su CD. Tecnicamente parlando (registrazione e mastering) lasciamo perdere. Artisticamente capolavori. Se hai notizie di CD artisticamente validi ma BEN incisi, dicci.

Share this post


Link to post
Share on other sites
jazee

bella domanda...

me lo chiedo sempre anche io. Tentativi ne faccio ma tutta la roba nuova dopo un po' mi stanca, è come se mancasse qualcosa.

Manca forse una "scena musicale" come ne abbiamo viste dai 60 ai 70 al 77 agli 80 fino ai 90, a me sembra che con la fine degli Oasis sia finito il mio modo di intendere il rock 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Crik

ma tipo gli Interpol, gli Editors, I moderat... sono proprio bravini bravini un po elettronici forse ma io arrivo da depeche mode cure eurithmics e quindi normaleevoluzione direi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
c10m
4 minuti fa, Crik ha scritto:

Interpol, gli Editors

be', proprio nuovi non sono manco questi. Oltretutto sono molto derivativi: detto questo li apprezzo e visti in concerto diverse volte.

A me piace cambiare e scoprire sempre gruppi nuovi (a parte rari dischi, il resto mi stanca dopo una decina di ascolti). Qui molti ascoltano jazz e classica e giustamente pongono l' accento sulla qualità di registrazione ed esecuzione. Cose non esattamente alla portata di un' incisione media rock (che aldilà della qualità artistica, sono spesso deficitarie)

Share this post


Link to post
Share on other sites
cptaz

Io qualcosa si, grazie a qobuz trovo cose di nuova produzione che mi piacciono, ultimamente:

Black Art Jazz Collective - Ascension

Lianne La Havas - omonimo

AAVV - Soul Jazz Records presents Kaleidoscope

Bill Frisell - Valentine 

Nubya Garcia - Source

Ezra Collective - You Can’t Steal My Joy

Tricky - Fall to Pieces

Christian McBride - For Jimmy Wes and Oliver

Tingvall Trio - Dance

Enrico Pieranunzi - Time’s Passage

ecc... ma ho sempre la sensazione di perdermi qualcosa di buono, di roba ce n’è così tanta...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Crik

@c10m si ma per citare alcuni che incidono album interessanti anche dopo il 2010...😎

@cptaz questo è un commento che mi piace e mi stimola a nuova ricerca...

grazie!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gici HV

@cptaz @Paolo_AN vi ringrazio per i suggerimenti,io non riesco più ad ascoltare i soliti nomi (ascolto quasi esclusivamente rock blues), grazie a Tidal ho scoperto cose che non conoscevo,anche di artisti da anni sulla breccia ma che colpevolmente non avevo mai seguito.     ...mi chiedo come facciano alcuni ad ascoltare quasi esclusivamente ancora i Pink Floyd, Queen e tutti gli altri gruppi,pur grandissimi, degli anni 60/70...

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

@Crik io ascolto al 70% classica e coe di diceva mario Schiano per sfottermi forse non sn andato più in la di Bartok (ma non è vero ho anche un po di musica classica cntemporanea, ma raramente mi arriav al cuore): Sul rock e pop è divrso però anche qui non sono aggiorntisisimo ma diciamo material degli ultii 10 ann ne ho

Comunque a vlte penso che è mglio rileggere Dante e petrrca che Dan Brown, Folet e altri cotemporanei

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanobt76
11 ore fa, Crik ha scritto:

Non è che voglio fare il difficile ma qualunque discussione legga si parla sempre di ascolto di pezzi che se va bene hanno 30 anni

Vero in parte, basta aver voglia di cercare. Per esempio, personalmente, in questi due 3d ne segnalo e commento a decine di nuove uscite e proposte. E non sono gli unici 3d attivi in questo senso. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gabrilupo

@cactus_atomo Scusami ma il paragone letterario che fai non ha nè capo nè coda, anche se lontani dai "vati" che hai citato ci sono contemporanei in letteratura che scrivono infinitamente meglio di Brown e Follett😉.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gabrilupo

Anche se particolarmente eccentrica, quindi o amata o addirittura odiata, specie per lo stile del canto, consiglierei all'autore del thread un ascolto di Joanna Newsom, la qualità sonora dei suoi dischi, specie in vinile, va dall'ottimo allo stellare (l'album Ys, bellissimo anche nella fattura della copertina e del libretto).

Share this post


Link to post
Share on other sites
naim
45 minuti fa, cactus_atomo ha scritto:

coe di diceva mario Schiano per sfottermi

Non c'entra con l'argomento, ma ce li hai i suoi dischi su etichetta Splasc(h)? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
scroodge

Certo! Leggo le recensioni, seleziono con spotify e poi mi compro quel che mi piace.

La musica mi piace averla di mi proprietà e soprattutto, almeno, vederla su un hard disk.

Fra gli ultimi:

Half Moon Run

ma anche tanto jazz, country rock e blues contemporanei

Share this post


Link to post
Share on other sites
Crik

@stefanobt76 grazie del suggerimento mi vado a leggere i post dellla discussione

@Gabrilupo lei la conosco un pochino ed è effettivamente bravissima

@scroodge vado a scovarli e li ascolto con piacere

Share this post


Link to post
Share on other sites
Simo
1 ora fa, Gabrilupo ha scritto:

Joanna Newsom

Tori Amos ha copiato Lei o viceversa?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gabrilupo

@Simo Secondo me sono profondamente diverse, possono avere in comune il fatto di essere due ottime strumentiste.

Da un punto di vista cronologico la Amos è.venuta fuori parecchio prima.

Share this post


Link to post
Share on other sites
c10m
51 minuti fa, Simo ha scritto:
2 ore fa, Gabrilupo ha scritto:

Joanna Newsom

Tori Amos ha copiato Lei o viceversa?

A me ha ricordato abbastanza Regina Spektor. Ma ciò non vuol dire nulla. Ormai è impossibile non somigliare a qualcuno/qualcosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

@naim solo uno, adesso me li cerco con cama (sono anni che mi riprometto di farlo): quando lo ascolti ad un concerto di musica contemporanea sprimentale (lui con un nero americano) lo andai a trovare el camericno e mi disse papale papale "inutile che mi fai i compimenti, tanti praticamente nessuno degli spettatori  di quello che ho suonato ci ha capito un c...o"

Share this post


Link to post
Share on other sites
naim

@cactus_atomo E' stata sicuramente una figura importante del Free Jazz in Italia, ho diverso materiale. Sicuramente non è di facile ascolto, se però si ama il jazz ''libero'' vale la pena riscoprirlo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
one4seven
17 ore fa, Crik ha scritto:

si parla sempre di ascolto di pezzi che se va bene hanno 30 anni...

Parleremo dei pezzi che hanno 30 anni solo dopo aver trovato le versioni definitive di "A Love Supreme" e di "A Kind of Blue". 🤣

Si scherza eh...

Non è nuovissimo... però nell'ambito rock, a me piace molto quel filone che va sotto il nome di "post-rock". (Che alcuni hanno definito già "storicamente concluso")

http://www.progarchives.com/subgenre.asp?style=32

Preferiti: Sigur Ros, Mogway, Godspeed You Black Emperor, God is an Astronaut, Explosions in the Sky etc...  compresi gli italianissimi Giardini di Mirò e port-royal.


C'è roba "molto carina" anche nel panorama "Indie", ma c'è da spulciare parecchio.

 

Disco anno 2020 che non mi dispiace affatto: The Weeknd – After Hours


 

Share this post


Link to post
Share on other sites
bungalow bill

Nostalgico degli anni ( eroici ) '60 e '70 .

Share this post


Link to post
Share on other sites
giangi68

Personalmente solo musica nuova su CD quasi sempre non importata pescata da produzioni di giovani artiste nusoul e r&b. Incisioni mediante bensuonanti ma leggermente ripetitive. Diciamo che calibri come Erika badu o lauryn Hill non nascono tutti i giorni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    307641
    Total Topics
    6946312
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy