Jump to content
Melius Club
ar3461

Naim Nait: qual è il migliore ?

Recommended Posts

ar3461

Purtroppo questo periodo maledetto pare voglia continuare e noi appassionati di musica quasi quasi godiamo di questi " arresti semi-domiciliari..."  che ci costringono a restare in casa e con l'impianto sempre in tiro , purtroppo gira e rigira alla fine le scimmiette che dormivano all'improvviso si svegliano sia per la voglia di qualche cambiamento ,  internet e' bello ma ti mette intesta una marea di cose che vorresti avere , provare , ascoltare ...strane idee..., sia perche' e' insita nel nostro hobby la smania del cambiamento , dicevo quindi in questo periodo , be' anche un po' prima ,  mi e' venuta la fissa degli integrati , sono passato da S.F. Quid a Ion ad Exposure e poi H/K , Cyrus , A&R A60 ( quello che più mi e' rimasto impresso.. ) ed altri che ora non ricordo mi mancano i Naim quindi chiedo a chi e' più ferrato di me in materia , come si dice i Naimisti ?? chiedo venia ma non conosco il termine giusto , quale tra i rinomati nanetti di mamma Naim sia quello sonicamente più dotato  ? 

Auguro una buonaserata a tutto il Forum , un saluto

Angelo

 

p.s. parlando con un noto costruttore artigianale di cavi e chiedendo lumi sulla obbligata scelta dei cavi  ( e lunghezza ) per i Nait , quindi i vari Nac a 4 , 5 etc causa valori di impedenza che renderebbero l ampli auto oscillante mi ha detto testualmente " e' una gran putt...ta " cosa mi dite in merito ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
ar3461

Nada? Nessun forumista appassionato e conoscitore degli integrati Naim?

P. S. Notate anche voi questa lentezza esasperante del Forum...??

Share this post


Link to post
Share on other sites
max56
17 ore fa, ar3461 ha scritto:

a Ion ad Exposure

ciao , ho uno Ion Obelisk 1 acquistato da non molto tempo da uno che ha ( aveva) tutti e tre gli ampli descritti :

Ion Obelisk 1  , Exposure XX e Naim Nait 1 led rosso , io da lui ho preso lo Ion e mi diceva , parlando di differenze tra i tre ampli in oggetto, che il Naim Nait 1 era quello che suonava " più rock " degli altri , lo Ion era il più musicale e l'Exposure  era quello con più dinamica e bassi...

io non ho mai sentito ne il Naim e ne l'Exposure , ti  riporto l'esperienza di uno che li o li ha avuti tutti e tre.

ps credo abbia venduto anche l'Exposure  e si sia tenuto il Naim

Share this post


Link to post
Share on other sites
TheoTks

Io non li conosco un gran che, tuttavia, un tecnico del forum degno di attenzione, afferma che il problema della capacità dei cavi di potenza, esiste.

16 ore fa, ar3461 ha scritto:

parlando con un noto costruttore artigianale di cavi e chiedendo lumi sulla obbligata scelta dei cavi  ( e lunghezza ) per i Nait , quindi i vari Nac a 4 , 5 etc causa valori di impedenza che renderebbero l ampli auto oscillante mi ha detto testualmente " e' una gran putt...ta " cosa mi dite in merito ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
ar3461

@max56 be' io ascolto all 80% jazz... Lo elimino. ? 😂😇 Il Nait intendo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ar3461

@TheoTks anche il tecnico che mi ha riportato le sue informazioni è degno di attenzione. . Ma una spiegazione logica e tecnica da qualche parte ci deve pur essere...

Share this post


Link to post
Share on other sites
max56
3 minuti fa, ar3461 ha scritto:

be' io ascolto all 80% jazz... Lo elimino. ? 😂😇 Il Nait intendo..

non so cosa consigliarti , io ti dico , anzi ti riporto quanto mi è stato riferito , il Naim non solo non l'ho mai sentito ma non l'ho neanche mai visto...

quindi mi son fidato di qualche mess scambiato quando ho comprato lo Ion Obelisk .

Share this post


Link to post
Share on other sites
TheoTks

Era stata a suo tempo data una spiegazione circa il fatto che l'ampli fosse instabile per la mancanza della rete di Zobel, o della cella di Boucherot (il che potrebbe anche essere) ma riporto quello che ho letto che puoi anche non tenere in nessun conto, aspettando che qualcuno del forum maggiormente informato, dissipi i dubbi.

13 minuti fa, ar3461 ha scritto:

Ma una spiegazione logica e tecnica

Share this post


Link to post
Share on other sites
ernesto62

@ar3461  quello dei piccoli Naim  Nait passati 1,2,3 è una cosa che mi incurisce  quale dei tre sia il più bensuonante e se non fosse appunto sulla questione dei cavi molto probabilmente lo avrei uno dei tre cercato . Una curiosità : Ho alcuni dei piccoli integrati che hai avuto , il Cyrus One e l A&R A 60 che sto ascoltando proprio adesso. Ho pure avuto ma solo per due tre giorni un ION Obelisk 2 , dato via perché non potevo gestire la manopola volume perché alto già a pochi millimetri di giro , però ne avevo intuito le ottime doti musicali . 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ar3461

Sapete a volte ascoltando un buon integratino, una coppia di diffusori anche mini o midi ma al di sopra di ogni sospetto ed un buon cd o giralp mi chiedo perché ci incasiniamo la vita. .. 😇🤔😁

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pimpinotto

Anche io possiedo il Nait prima serie dal lontano 1983. Non l'ho usato tantissimo ma non ha mai manifestato, perlomeno nel mio impianto, problemi di autooscillazioni.

Nel tempo l'ho utilizzato con Dahlquist DQ10, casse 2 vie autocostruite (Philips AD80651w8 + Peerless KO10DT, progetto pubblicato su Suono nel 1981), AR10Pgreco, cuffia STAX SR-X Mk3 + SRD-7
Cavi utilizzati (lunghezza ampli-casse circa 8-9 metri) 2x4mmq con guaina trasparente (tipo i primi Monster Cable, forse prodotti dalla G&BL o dalla JE Speaker) e i Monster Cable Powerline 2
Casomai occorre segnalare che, sull'ingresso Tuner, i canali Sinistro e Destro, sul connettore DIN pentapolare, risultano invertiti tra di loro e non so se, successivamente (il mio esemplare lo acquistai da HIF Federici - Roma in aprile del 1983), la NAIM ha corretto l'errore.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ggr

Quello che si sa, è che su certi Naim chi dava fastidio erano cavi con alta capacità.  Infatti loro dicono chiaramente di usare i loro NAC 5, per mettersi al sicuro, e per lunghezze non superiori a 5 mt.

Però non so se le ultime serie abbiano ancora questa necessità. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pimpinotto

Si me lo ricordo anche io che, in quel periodo oltre al NAIT c'erano diversi altri ampli di scuola inglese "schizzinosi" nei confronti dei cavi. Oggigiorno, mi pare, ci sono gli NVA.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano
21 ore fa, ar3461 ha scritto:

quale tra i rinomati nanetti di mamma Naim sia quello sonicamente più dotato  ? 

Sicuramente il nait 2 serie olive 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano
22 ore fa, ar3461 ha scritto:

p.s. parlando con un noto costruttore artigianale di cavi e chiedendo lumi sulla obbligata scelta dei cavi  ( e lunghezza ) per i Nait , quindi i vari Nac a 4 , 5 etc causa valori di impedenza che renderebbero l ampli auto oscillante mi ha detto testualmente " e' una gran putt...ta " cosa mi dite in merito ?

Non c'è l'obbligo di mettere i cavi della casa 

Però devono essere a bassa capacità, per quanto ne dica il noto costruttore 

Comunque non c'è da svenarsi, va benissimo la piattina rossa e nera  :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
ar3461

Quindi anche per il Nait 1 vale lo stesso discorso? Ma un qualcosa più.. Arioso dei nac a4 e a5 penso si trovi in giro... Leggo che i cavi Naim non siano dei campioni di trasparenza e dettaglio...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano
11 minuti fa, ar3461 ha scritto:

Quindi anche per il Nait 1 vale lo stesso discorso?

Si, certamente 

12 minuti fa, ar3461 ha scritto:

Ma un qualcosa più.. Arioso dei nac a4 e a5 penso si trovi in giro... Leggo che i cavi Naim non siano dei campioni di trasparenza e dettaglio...

In giro c'è tanta roba, i Chord per esempio, gli exposure...tanti altri 

I naca sono dei campioni in termini di articolazione e solidità del basso 

Poi ad ognuno il suo 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ar3461

Gli Exposure li ho avuti insieme al XV super erano in sintonia, mai avuto i Naim, da qualche parte debbo avere dei Cable Talk, pensi vadano bene con un Nait 1?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano
3 minuti fa, ar3461 ha scritto:

Cable Talk, pensi vadano bene con un Nait 1?

Non li conosco 

Guarda se trovi in rete le specifiche 

Se la capacità non supera i 100 pF/m e non ne hai bisogno di più di 3 metri vanno bene 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano
9 minuti fa, ar3461 ha scritto:

Cable Talk, pensi vadano bene con un Nait 1?

Guardando il 3.1 sembra un clone dei naca :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
ar3461

Infatti... Stessa capacità, stesso spessore, un poco più economici I Linn k20

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano

@ar3461 allora vanno benissimo 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ar3461

si , lo so che come caratteristiche tecniche vanno bene , ma oltre alle caratteristiche tecniche esiste un cavo sonicamente più dettagliato e trasparente...?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano

@ar3461 ci sono per esempio i tellurium 

Ma se non hai ancora provato perché cerchi qualcosa di diverso? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ar3461

semplice ..il Nait 1 l'ho acquistato i cavi di potenza ancora no ...per provare devi prima acquistarli...purtroppo...per questo cercavo consigli per cavi che potrebbero incontrare maggiormente i miei gusti , ho letto in rete ( ma possono essere tutte opinioni strettamente personali e legate anche agli impianti , ambiente etc etc ) che i Nac a4/5 sono abbastanza attenuati sulle alte frequenze...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ggr

I cavi a bassa capacità,  sono ad alta induttanza. Purtroppo le due grandezze sono correlate in questo modo. Alta induttanza, coincide con una attenuazione delle alte frequenze. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
FedeZappa
23 minuti fa, ggr ha scritto:

I cavi a bassa capacità,  sono ad alta induttanza.

Esistono anche cavi a bassa capacità e bassa induttanza, ad esempio Silcable o altri marchi hi end, ma parliamo di prezzi più alti (vedi post 25):

https://melius.club/topic/260106-cavi-di-potenza-a-bassa-capacita/

Share this post


Link to post
Share on other sites
ggr

E infatti è quello il problema.  Potrebbero costare più dell'amplificatore. 

Comunque, tornando in tema, da quanto ho letto, le ultime produzioni naim, non hanno più il problema delle capacità dei cavi, e hanno comunque mantenuto il suono della casa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
FedeZappa

@ggr 

il Naim Nait 5i non so se può essere considerato di recente introduzione o meno, con cavi a medio-alta capacità come molti supra o audioquest non da’ nessun problema, ma alle mie orecchie suona peggio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ggr

Ti credo assolutamente. La coperta è sempre corta, anche per i validi ingegneri Naim.

Avranno messo qualche rete in uscita per renderli meno sensibili alla capacità,  perdendo qualcosa da qualche altra parte. È l'eterno dilemma di tutti i costruttori, ogni medaglia ha il suo rovescio. 

Da altra parte, anche noi ogni volta che cf scegliamo un componente o un cavo, accettiamo dei compromessi. È così,  non c'è nulla da fare, ma è anche il bello della nostra passione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    306665
    Total Topics
    6996879
    Total Posts

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy