Quantcast
Jump to content

il maxi regalo di Conte alla multinazionale Philip Morris.


radio

Recommended Posts

@marchesinogiò scusa tu e scusa a chi legge il thread, l'ho preso dalla pagina pubblica del fatto ed essendo loggato mi ha fatto leggere l'articolo senza che mi accorgessi che invece era per gli abbonati. Usando una finestra "in incognito" in effetti non riesco a leggere l'articolo completo, che dovrebbe comunque essere consultabile da chi vuole nelle prossime ore.

Alberto

Link to post
Share on other sites
luckyjopc

la philip morris ha aperto un centro con circa 500 occupati al sud per pubblicizzare un prodotto senza combustione sostitutivo della classica sigaretta

Link to post
Share on other sites
mozarteum

Non vedo lo scandalo. Il potere decide in ogni ora del giorno bilanciando interessi e quindi infarinandosi (in senso lato, quindi accettando compromessi, pressioni ecc.).

Un buon governante non e’ quello che non si infarina (neanche in germania e giappone ne sono certo) ma quello che lo fa scegliendo pero’ nell’interesse il piu’ vicino a quello generale.

Non ho capito qui il nucleo della faccenda: perche’ philipp morris pagava piu’ tasse prima?

Link to post
Share on other sites
35 minuti fa, mozarteum ha scritto:

Non ho capito qui il nucleo della faccenda: perche’ philipp morris pagava piu’ tasse prima?

evadeva il fisco?

Link to post
Share on other sites

pare che la diatriba sia tra aumentare le tasse alle sigarette elettroniche bilanciando il discorso con una

leggera diminuzione a quelle tradizionali o forse hanno cancellato l' aumento previsto ad uno dei due rami

aumentandolo di poco all' altro. qualcosa del genere. quello di certo che so è che ( io non fumatore ) al bar

sempre più spesso mi devo sorbire qualcuno che fuma l' elettronica, anche se dentro ci può essere nicotina

o altre immondi profumi dolciastri misti a formaldeide e ciò non mi va bene per niente visto che il divieto è

di fumare, senza tante specificazioni tra sigaretta pipa narghilè o quant' altro. in questo periodo poi.

Link to post
Share on other sites

Abstract

RIASSUNTO La diffusione delle sigarette elettroniche (e-cig) e delle cosiddette heat-not-burn (HnB), note anche come prodotti del tabacco riscaldato, presentate come alternativa meno nociva alle tradizionali sigarette, ha richiesto ulteriori studi approfonditi atti a dimostrare i benefici reali o i possibili rischi legati a questo tipo di abitudine tra i fumatori ed eventuali nuovi fumatori. Sono numerose le sostanze nocive prodotte da questi dispositivi, per esempio metalli, composti organici e aldeidi. È particolarmente preoccupante la presenza di formaldeide, la cui concentrazione indoor è di 2,7, 1,2 e 40 μg/m3, rispettivamente, per HnB, e-cig e sigarette tradizionali. L’evidenza di tale sostanza, che numerosi studi epidemiologici hanno già mostrato essere dannosa per la salute (in particolare, dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro è stata classificata come cancerogeno di gruppo 1), condurrebbe alla necessità di apportare modifiche restrittive alla legislazione che norma l’utilizzo di questi dispositivi in ambiente pubblico, in particolare in presenza di soggetti maggiormente suscettibili, come i minori e le donne in gravidanza. ABSTRACT The spread of electronic cigarettes (e-cigs) and of the so-called heatnot- burn (HnB), also known as heated tobacco products, presented as a less harmful alternative to traditional cigarettes, required further in-depth studies to demonstrate the real benefits or possible risks linked to this type of habit among smokers and possible new smokers. There are numerous harmful substances produced by these devices, such as metals, organic compounds, and aldehydes. The presence of formaldehyde is particularly worrying: its indoor concentration is 2.7, 1.2, and 40 μg m3 for HnB, e-cigs, and traditional cigarettes, respectively. The evidence of this substance, which numerous epidemiological studies have already shown to be harmful to health (in particular, the International Agency for Research on Cancer classified it as a group 1 carcinogen), would lead to the need to modify the legislation with more restrictive rules on the use of these devices in public environment and in particular in the presence of more susceptible subjects, such as minors and pregnant women.

fonte : researchgate.net

Link to post
Share on other sites
Schelefetris

Formaldeide, Farsalinos replica studio: “Dati irreali, allarme infondato”

https://www.sigmagazine.it/2017/09/farsalinos-formaldeide/

Cranfield smonta la tesi della formaldeide nelle sigarette elettroniche

Il dottor Robert Cranfield rivela quanto la sigaretta elettronica sia meno dannosa di quella di tabacco. Scopo principale di Cranfield era smascherare lo studio “Hidden Formaldehyde in e-cigarette aerosol” di Paul Jansen pubblicato nel gennaio 2015 sul New England Journal of Medicine sotto forma di lettera al direttore.

studi pagati da PM con risultati si reali  ma impossibili da realizzare, per svilupparsi dovresti tirare a secco con resistenza da locomotiva  :D:D

quando non si segue un argomento da 12 anni come me e altri meglio evitare di  seguire le marchette tv di 5 anni fa o di 12 come "sono peggio delle tradizionali" :D:D:D 

Link to post
Share on other sites

si si certo, pare la stessa storia dell' amianto che è dagli anni venti del secolo scorso che si sapeva che era altamente cancerogeno

ma hanno continuato a venderlo fino al 1992.

se fumi buona fumata, basta che però te ne stai ben lontano dalle altre persone.

Link to post
Share on other sites
Schelefetris

va be betta a cuntrariusa su tutto, invidio la tua onniscienza : :D:D

basterebbe la logica ma  evidentemente... 

Link to post
Share on other sites
appecundria
1 ora fa, mozarteum ha scritto:

perche’ philipp morris pagava piu’ tasse prima?

Si parla di una modalità di fumo del tabacco che non lo brucia, un brevetto Philip Morris. Dato che fa uso di una sigaretta elettronica è stato tassato come i liquidi delle sigarette elettroniche e non come le sigarette normali.

I concorrenti della Philip Morris stanno facendo fuoco e fiamme per questo e hanno orchestrato la campagna di stampa che l'attentissimo @radio ha tosto affisso costì.

Link to post
Share on other sites
appecundria
47 minuti fa, audio2 ha scritto:

al bar sempre più spesso mi devo sorbire qualcuno che fuma l' elettronica,

Ma 'ndo abiti, tra i mau mau?

Link to post
Share on other sites
mozarteum

Il punto e’: le sigarette philpp morrison fanno meno male? Se fanno meno male un trattamento fiscale differenziato e’ comprensibile.

un domani che una ditta creasse energia piu’ pulita sarebbe uno scamdalo tassarla meno anche se abbia contribuito alla campagna elettorale di decio cavallo?

Link to post
Share on other sites

@appecundria

1 ora fa, appecundria ha scritto:

I concorrenti della Philip Morris stanno facendo fuoco e fiamme per questo e hanno orchestrato la campagna di stampa che l'attentissimo @radio ha tosto affisso costì.

abbi pazienza sò regazzi, nun sopportano...

Link to post
Share on other sites
appecundria
58 minuti fa, mozarteum ha scritto:

fanno meno male?

Teoricamente sì, non essendoci la combustione. Bisogna vedere se esistono ricerche in merito, cosa che ignoro.

Link to post
Share on other sites
  • Statistiche Forum

    307,499
    Total Topics
    7,092,023
    Total Posts


×
×
  • Create New...