Quantcast
Jump to content

Il divieto di licenziamento


marchesinogiò

Recommended Posts

marchesinogiò

In cassa integrazione Covid si prende il 50% dello stipendio e ci vuole qualche mese per il pagamento vista la burocrazia necessaria alle verifiche varie. Alle imprese il lavoratore costa comunque qualche centinaio di € di gestione al mese.

.

Se il lavoratore viene licenziato ha invece diritto alla Naspi che è del 75% e viene pagata mese per mese.

.

Link to post
Share on other sites
marchesinogiò

prendiamo atto che un governo truffa lavoratori e datori e va bene così.

si vede che il 25% in più subito non è sognificativo

tanto c’è il cashback

Link to post
Share on other sites
13 hours ago, marchesinogiò said:

In cassa integrazione Covid si prende il 50% dello stipendio

Non è esatto.

In cassa integrazione guadagno, il trattamento è:

- stipendio inferiore o uguale a 2.159,48 trattamento 998,18€

- stipendio superiore a 2.159,48 trattamento 1.199,72€

Sono cifre lorde.

13 hours ago, marchesinogiò said:

Se il lavoratore viene licenziato ha invece diritto alla Naspi che è del 75%

Assunzione che non tiene conto dei termini di legge

Il calcolo è un po' più complesso ed in ogni caso:

- esiste un tetto massimo al trattamento che al momento è circa 1330€/mese per gli stipendi alti

- a partire dal quarto mese l'emolumento viene ridotto ogni mese del 30% fino ad azzerarsi 

Link to post
Share on other sites
1 hour ago, marchesinogiò said:

si vede che il 25% in più subito non è sognificativo

Applica i calcoli corretti, non c'è il 25% e comunque non è conveniente per i lavoratori a partire dal quarto mese.

A proposito, le aziende che non ricorrono alla CIG possono procedere con licenziamenti collettivi se motivati.

Link to post
Share on other sites
°Guru°
26 minuti fa, qzndq3 ha scritto:

Applica i calcoli corretti

I calcoli che applica lui sono quelli che trova sulla pagina FB di Salvini ?

Link to post
Share on other sites
stefanino
16 ore fa, marchesinogiò ha scritto:

Se il lavoratore viene licenziato ha invece diritto alla Naspi che è del 75% e viene pagata mese per mese.

che io sappia cassa e naspi sono equivalenti

80% dello stipendio con tetto 1330 euro mese.

(valori al "netto")

Link to post
Share on other sites
1 hour ago, stefanino said:

che io sappia cassa e naspi sono equivalenti

No, non sono equivalenti. Hanno regole differenti ed emolumenti differenti. 80% è la CIG, 75% NASPI ma va fatto un ricalcolo per cui aumenta un po'. Vedi anche  mio post #3 che riporta i massimali lordi corretti copiati dal sito INPS lo scorso mese.

Link to post
Share on other sites
marchesinogiò

@stefanino boh lo hanno esplicitamente detto al telegiornale. Tiggi nazionale non uno di quei locali che chissà dove le pescano.

Esplicitamente. Hanno parlato di cassa integrazione Covid.. non è che è un’indennità straordinaria con un calcolo suo?

Link to post
Share on other sites
stefanino

@marchesinogiò Che io sappia no

mio figlio ( stipendietto da 1200 netti) è andato in cassa ha preso poco poco meno di 1000

Invece il figlioccio , circa 1600 netti, è andato in naspi  per un paio di mesi e prendeva 1300

in entrambe i casi siano a 80% netto su netto

.

per la CIG quella in “ deroga” non mi risulta sia calcolata in maniera diversa.

Link to post
Share on other sites

@stefanino il calcolo non va fatto netto su netto!! Che ti venga 80% é un caso.

Entrambi i trattamenti vengono tassati, ovviamente non vengono pagati i contributi che risulteranno versati in modo figurativo. Inoltre il tuo figlioccio é andato in NASPi per un paio di mesi, al quarto -30% al quinto un altro -30% rispetto al quarto e cosí via.

Link to post
Share on other sites
stefanino
11 ore fa, qzndq3 ha scritto:

il calcolo non va fatto netto su netto!!

si cerca di semplificare. Su stipendi modesti dove il prelievo fiscale non cambia granché i conti tornano.

.

se vogliamo fare i precisi allora diciamo come funziona la cassa

Il calcolo di CIG va fatto sulle ore di CIG e la soglia di retribuzione mensile che indichi ci dice se l'indennità  oraria di CIG sara di 5,38 o 6,48 euro all'ora.

Questi due importi essendo al lordo dei soli oneri fiscali sembrano un po piu bassi (arrotondando possiamo dire che equivalgono a circa 6 e 7 euro all'ora)

.

 sbagliatissimo dire che uno che guadagni meno di 2158 euro al mese prendere 998 euro di cassa.

il calcolo si fa sulle ore quindi se , ad esempio, uno ha un lavoro part time da 2100 euro, quando va in cassa a zero ore si trova 500 euro scarsi e non quei quasi 1000

Link to post
Share on other sites

@stefanino Se vogliamo fare i precisi in modo assoluto gli algoritmi da applicare sono ben più complessi sia per CIG, sia per NASPi.

Io ho assunto nei miei post  in modo forse semplicistico, che la giornata lavorativa sia completa piena e professioni che non implichino maggiorazioni, come mi sembra sia per i lavoratori esposti alle intemperie.

Inoltre nel mio post #7 ho specificato che gli importi del mio post #3 riporta i massimali .

Ai fini del tread, e credo che anche tu ti ci possa ritrovare:

  • CIG e NASPI sono assai differenti e con massimali differenti, quelli che ho citato sono giusti
  • la NASPI dopo il terzo mese si riduce progressivamente fino ad azzerarsi
  • la CIG fino a che è autorizzata ha valore costante dipendente, come hai giustamente scritto tu, dalle ore di CIG stesse e nel rispetto dei massimali
  • gli stipendi più alti sono maggiormente impattati quindi le percentuali finali vanno a farsi benedire, se confrontiamo quanto percepisce un neoassunto (8 ore giornaliere) con una persona al più alto livello impiegatizio e ipotizziamo che entrambi vadano in CIG a zero ore, il primo avrà una decurtazione di circa il 20-25% il secondo anche del 50% o più. Senza considerare la non maturazione di 13ma e non ricordo se anche di quota TFR e Ferie.
Link to post
Share on other sites
3 hours ago, appecundria said:

con CIG + Naspi si estende il periodo di copertura. 

Copertura di cosa? Se intendi i contributi sì. 

Link to post
Share on other sites
appecundria

se un lavoratore fa prima la cig e poi la Naspi ha una copertura più lunga rispetto ad andare direttamente in Naspi, credo sia questa la risposta alla domanda.

Link to post
Share on other sites
17 minutes ago, appecundria said:

se un lavoratore fa prima la cig e poi la Naspi ha una copertura più lunga rispetto ad andare direttamente in Naspi

Copertura contributiva sì (figurativa), economica non è totalmente vero: la NASPi segue regole diverse, dura al massimo 24 mesi e decresce dal quarto mese. No so se ci siano altre limitazioni.

Link to post
Share on other sites
  • Statistiche Forum

    307,500
    Total Topics
    7,092,028
    Total Posts


×
×
  • Create New...