Jump to content
Melius Club
LaVoceElettrica

Alfa Romeo Brennero

Recommended Posts

LaVoceElettrica

https://www.clubalfa.it/320782-alfa-romeo-brennero-sara-made-in-polonia

Ora si capisce perché si chiamerà “Brennero”, visto che, per farla comprare agli italiani, verrà importata attraversando l’omonimo passo.

Per amore (il blasone) o per forza (faticano a fare quattro auto in croce), Alfa Romeo è ormai un marchio di nicchia. O, se vogliamo essere buoni, diciamo “d’élite”, per cui il “made in …” riveste la sua importanza, ma pare non l’abbiano capito.

Ci manca che facciano la Maserati in Turchia e siamo a posto.

Ma vabbe’, consoliamoci, anche il tè Twinings da alcuni anni è fatto in Polonia. Lo chiamano progresso, ma a ‘sto punto prendo il tè dell’Eurospin, ch'è pure meglio (IMHO).

E se “a ‘sto punto” il cliente, invece della Brennero, si prende un qualunque suvvino coreano?

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

Purtroppo non è l'unico caso, mi pare che anche Jaguar abbia uno stabilimento di produzione in India...

Share this post


Link to post
Share on other sites
papàpaolo

Inizi 2023...mah! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
newton

Potevano chiamarla Alfa Romeo Danzica

Share this post


Link to post
Share on other sites
°Guru°

@oscilloscopio Però se non erro la Jaguar è di proprietà delle Tata, quindi un nesso c'è. Per quanto riguarda Alfa Romeo, che dovrebbe essere un marchio premium con un certo valore aggiunto, che vada a farsi fottere FCA e i SUV Jeep rimarchiati. Ennesima caduta di stile del povero bisciont, ripieghiamo sulle Fiat imbellettate che come abbiamo già visto non portano fortuna al marchio?

Non doveva chiamarsi Tonale? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

Che la vecchia Fiat facesse fare le auto in Brasile e Polonia è risaputo, purtroppo che debba accadere anche con Alfa, lascia l'amaro in bocca.

Share this post


Link to post
Share on other sites
newton

In italia continuano a fare il segmento Top

Share this post


Link to post
Share on other sites
papàpaolo

In una gamma completa e ben articolata può starci che alcuni modelli vengano prodotti in fabbriche dislocate dove la manodopera ha un costo più basso, il fatto è che Alfa Romeo ad oggi ha un modello vecchio di un decennio, la Giulietta e due, Giulia e Stelvio che iniziano ad invecchiare anch'esse...

Che si fa'? Si presenta un nuovo modello di cui già se ne parla da diverso tempo e che arriverà forse nel 2023? Prodotto in Polonia come la Tipo? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
andrea1972
26 minuti fa, papàpaolo ha scritto:

Prodotto in Polonia come la Tipo? 

la tipo viene fatta in turchia

Share this post


Link to post
Share on other sites
papàpaolo

@andrea1972 hai ragione, il ragionamento però rimane valido, penso...

Share this post


Link to post
Share on other sites
lufranz
2 ore fa, °Guru° ha scritto:

Non doveva chiamarsi Tonale? 

La Tonale verrà presentata nel 2021 e prodotta a Pomigliano.

Questa dovrebbe essere la "piccola" della gamma.

Share this post


Link to post
Share on other sites
°Guru°

Ah, per fortuna che Alfa doveva diventare la Ducati a quattro ruote. Di questo passo andrà in concorrenza con Seat, e sarà inferiore a Cupra. Magari ne venderanno, ma se questa è un'operazione di riposizionamento del marchio...

Share this post


Link to post
Share on other sites
lufranz
2 ore fa, °Guru° ha scritto:

Ah, per fortuna che Alfa doveva diventare la Ducati a quattro ruote. Di questo passo andrà in concorrenza con Seat, e sarà inferiore a Cupra. Magari ne venderanno, ma se questa è un'operazione di riposizionamento del marchio...

Da una entry level che pretendi ? Sarà qualcosa al livello della 500X, immagino. La "roba seria" continueranno a farla in Italia.

Anche se ho il sospetto che difficilmente vedremo una "Giulia 2.0"

Ho come l'impressione che ormai le macchine stiano diventando tutte uguali, cambia un po' l'estetica e la dotazione di ninnoli elettronici ma tanto questa è l'unica cosa che interessa alla maggior parte degli acquirenti che spesso non sanno neppure cosa stanno comprando "sotto" al tablet che occupa mezzo cruscotto. 

E con l'avanzata delle elettriche non ci sarà neppure più la possibilità di differenziare le vetture per la meccanica: un motore elettrico e un inverter lasciano ben poco spazio al cervello dei progettisti, sicuramente molto meno delle infinite soluzioni tecniche che possiamo trovare nei termici.

'na tristezza...

Share this post


Link to post
Share on other sites
marchesinogiò

io l’ho scritto più volte, l’auto così come l’abbiamo conosciuta negli ultimi 70 anni presto non ci sarà più.

Che importa dove fanno un’auto, importa se riesce bene. Eppoi con l’automazione e la precisione nei processi produttivi ogni luogo lavora allo stesso modo. Le auto di serie tutto sono tranne che prodotti sartoriali o artigianali sicché...

Share this post


Link to post
Share on other sites
papàpaolo
11 ore fa, lufranz ha scritto:

La Tonale verrà presentata nel 2021 e prodotta a Pomigliano.

Questa dovrebbe essere la "piccola" della gamma.

Questo non l'avevo capito, pensavo avessero cambiato nome al modello...

Quindi questa Brennero andrebbe sotto alla Tonale...

Share this post


Link to post
Share on other sites
°Guru°
7 ore fa, lufranz ha scritto:

Da una entry level che pretendi ?

D'accordo, ma stanno espandendo il marchio verso il basso, che è, a mio parere, esattamente il contrario di ciò che il marchio meriterebbe per il rilancio e delle intenzioni di Marchionne. Praticamente stanno ripiegando. Non penso che, con le dovute proporzioni queste nuove Tonale e Brennero incarnerneranno la filosofia di Giulia e Stelvio. Anche se queste ultime sono nate non proprio aggiornate per quanto riguarda elettronica e infotainment, c'erano tutte le premesse per poter, con un intelligente piano industriale, diventare un serio concorrente per BMW. Certo bisognava crederci, e investire. Le Fiat sportiveggianti che usciranno sono destinate a vendere solo in Italia, e poco.

Se vedremo una Stelvio 2, difficilmente avrà i contenuti di quella attuale. Fu così che tornarono a 147, Giulietta, 159...

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

In generale in tutti i settori, non solo quello delle auto, con poche eccezioni, mi pare ci sia una tendenza al livellamento verso il basso, con tanto "fumo negli occhi" e poca sostanza pur mantenendo prezzi di acquisto elevati, vorrei sbagliarmi ma questa è la mia impressione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
lufranz
1 ora fa, papàpaolo ha scritto:

Quindi questa Brennero andrebbe sotto alla Tonale...

Dovrebbe occupare lo spazio lasciato libero dalla MITO, stando a quel che si legge in rete. La Tonale potrebbe essere il sostituto della Giulietta.

1 ora fa, °Guru° ha scritto:

Anche se queste ultime sono nate non proprio aggiornate per quanto riguarda elettronica e infotainment

E questo - probabilmente anche unito alla pessima fama che Fiat si era fatta (spesso meritatamente) fino a 20 anni fa - ne ha limitato le vendite. Sapessi quante volte ho letto le esternazioni di fessacchiotti che senza aver neanche appoggiato il nobile deretano sul posto di guida di una Giulia hanno commentato "è una FIAT, è robaccia".

Il che prova quello che dicevo io: oggi alla maggior parte degli acquirenti non interessa la "susta" ( = sostanza) dell'auto che compra, l'importante è che abbia tante belle lucette colorate e un bel tablet, altrimenti non è da prendere in considerazione.

1 ora fa, oscilloscopio ha scritto:

mi pare ci sia una tendenza al livellamento verso il basso

Logica conseguenza di quanto detto sopra. Se all'utente basta un bel tablet colorato, perché dargli di più guadagnando meno ? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
papàpaolo

Con Alfa e Stelvio ho la sensazione che FCA  abbia provato a dare quello che fino a qualche anno fa l'industria automobilistica italiana ha dato, prestazioni, stile e piacere di guida, senza dubbio c'è riuscita, ma il mercato purtroppo oggi richiede altro...oggi si pubblicizzano auto che "guidano da sole" e le macchine che vendono di più hanno i terminali di scarico finti, basta e avanza per capire che è una battaglia persa...

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenico80

ma lo stabilimneto in Polonia è stato costruito e pagato con i 6,5 MLD ... prestati ...  da noialtri ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
LaVoceElettrica
5 ore fa, papàpaolo ha scritto:

Quindi questa Brennero andrebbe sotto alla Tonale...

C'è una logica. Il Brennero è a 1372 metri di quota, il Tonale a 1884 e lo Stelvio a 2758(*). Una bella scaletta ideale.

(*) dati wikipaaard.

Share this post


Link to post
Share on other sites
°Guru°
5 ore fa, oscilloscopio ha scritto:

In generale in tutti i settori, non solo quello delle auto, con poche eccezioni, mi pare ci sia una tendenza al livellamento verso il basso

Credo sia più corretto dire "tendenza ad offrire sempre meno in rapporto al costo". Nel mondo dell'auto non è che costruiscano modelli sempre più utilitari, anzi, ma vengono adottate soluzioni dal sempre più basso costo di produzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
LaVoceElettrica
21 ore fa, oscilloscopio ha scritto:

mi pare che anche Jaguar abbia uno stabilimento di produzione in India...

Sì, ma lì arrivano il CKD (complete knock-down) della XF e XJ dall'Inghilterra; in pratica delle auto in kit, spesso già verniciate, destinate al mercato indiano e limitrofi.

Succede anche in Cina (lo fanno anche BMW e tanti altri) per XE e XF, con processi produttivi più complessi, come l'assemblaggio dei motori, ma sempre per il mercato interno.

Altra cosa è l'assemblaggio a Graz delle E-Pace e I-Pace, ma la Magna Steyr ha una statura tecnologica che tante case si sognano, quasi è un plus farsi costruire le auto da loro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
°Guru°
4 ore fa, lufranz ha scritto:

E questo - probabilmente anche unito alla pessima fama che Fiat si era fatta (spesso meritatamente) fino a 20 anni fa - ne ha limitato le vendite. Sapessi quante volte ho letto le esternazioni di fessacchiotti che senza aver neanche appoggiato il nobile deretano sul posto di guida di una Giulia hanno commentato "è una FIAT, è robaccia".

Però credo che ci sia anche una nicchia, neanche tanto piccola, di appassionati di belle auto, competenti e sufficientemente danarosi. La BMW è una casa automobilistica che vende bene, pur producendo automobili piuttosto costose. Ha ridotto i costi di produzione della Serie 1, ma sui modelli che danno più margine i contenuti continuano ad essere di prim'ordine. 

Purtroppo la lunga gestazione della Giulia l'ha fatta nascere con un lieve gap elettronico rispetto alle dirette concorrenti. Aggiungiamo poi che lasciando Giulia e Stelvio per un sacco di tempo da sole la clientela ha avuto l'impressione che il marchio fosse stato abbandonato, e ciò non ha deposto a favore delle vendite. Ora si ripiega ampliando la gamma verso il basso, e di fatto si torna all' Alfa Romeo pre-rilancio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
LaVoceElettrica
19 minuti fa, °Guru° ha scritto:

Ha ridotto i costi di produzione della Serie 1

Un modo cortese per dire che la Serie 1 è stata ammazzata.

19 minuti fa, °Guru° ha scritto:

Purtroppo la lunga gestazione della Giulia l'ha fatta nascere con un lieve gap elettronico

Visto che la gestazione è stata lunga, avevano tutto il tempo per annullarlo, il gap elettronico.

20 minuti fa, °Guru° ha scritto:

clientela ha avuto l'impressione che il marchio fosse stato abbandonato

Tante volte la clientela ha delle impressioni dannatamente concrete.

Share this post


Link to post
Share on other sites
andrea1972

io capisco la filosofia di papapaolo e lufranz, ma che la macchina abbia uno scarico finto o un acrapovich, o che abbia un tablet o 2 lancette, che abbia uno sterzo diretto o da pensionato, sempre dietro in coda debbo stare. posso avere pure 400cv, ma sempre in coda per le città debbo stare. in questo caso è molto democratica la vita su strada. tralasciando le metropoli, diventate impossibili, in una qualsiasi cittadina periferica si sta in coda. il traffico negli ultimi 40 anni è aumentato esponenzialmente, e non solo nei centri abitati, ma pure nelle stradine di campagna, nelle provinciali, nelle statali. il traffico è frenetico, appena fa bellla stagione assisto al traffico straniero, polacchi, cechi, tedeschi, austriaci, invadere le strade che io frequento da 30 anni. ed è caotico un po' ovunque.

chiuso l'OT. io lo ripeto dal 2016 appena uscite la giulia e la stelvio che alfa doveva sfornare immediatamente una giulietta. subito. l'unica cosa che mi ha spiazzato e l'ascesa inverosimile dei suv e b-suv, e bene ha fatto ,alfa a far uscire questi 2 suv,  suvvettino, ma sono in ritardo cronico.

Share this post


Link to post
Share on other sites
°Guru°

@LaVoceElettrica Condivido tutto quello che hai scritto. La Serie 1, dal momento che nessuna concorrente offre contenuti tecnici superiori, non è stata ammazzata, ma solo livellata (verso il basso) alle concorrenti. Pare mantenga un feeling di guida migliore delle altre. Certo rispetto alla precedente Serie 1 è stata ammazzata, tutte le prove comparative lo dimostrano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
andrea1972
25 minuti fa, °Guru° ha scritto:

Purtroppo la lunga gestazione della Giulia

non ha avuto una lunga gestazione a mio avviso, l'hanno solo stoppata per la crisi o altro, mi ci gioco le p., la macchina doveva uscire nel 2012-2013 non nel 2016. nel 12 poteva essere una signora attualissima. nel 16 diciamo fuori tempo max.

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio
40 minuti fa, °Guru° ha scritto:

Credo sia più corretto dire "tendenza ad offrire sempre meno in rapporto al costo".

Concordo, è quello che volevo intendere. 👍

Share this post


Link to post
Share on other sites
°Guru°

@andrea1972 Ma sì, il concetto è quello. Da quando hanno cominciato a parlarne a quando l'abbiamo vista dai concessionari è passata una vita.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    305947
    Total Topics
    7052615
    Total Posts

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy