Jump to content
Melius Club
Carson

Danneggiamento amplificatore Synthesis Roma 510ac

Recommended Posts

scroodge
7 minuti fa, mariovalvola ha scritto:

Che tipo di verifiche hai posto in essere ex-post?

Ho preso la valvola che mi ha montato, insieme alle altre tre e le ho portate dal mio tecnico di fiducia, che so per certo disporre di tre prova valvole di varie epoche e di una grande esperienza nel settore, ha misurato vari valori, che ora non ricordo (non solo i soliti gm e mu) e mi ha detto che i valori differivano di pochissimo. Mi ha riportato a nuovo una malconcia coppia di QUAD II con delle veramente magiche KT66 grafitate, ma questa è un'altra storia...

Share this post


Link to post
Share on other sites
cuizzo1

@samana  Problemi seri . Altro che protezione. Resistenze di catodo partite e poi il resto...avevo risposto al 32...prego controllare😂😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carson

@mariovalvola @scroodge Ciao.

No, non ho avuto questa pretesa, il Sig. Lorenzon è stato molto chiaro ed esplicito su questo punto. Mi ha spiegato che la KT88 montata è stata portata agli stessi parametri delle altre tre, e che dai test eseguiti in questi tre giorni ha potuto accertare che l’amplificatore ha davvero suonato pochissimo e siamo quindi in presenza di tre valvole nuove.

Sulle cause del danno, mi spiegava infine che la più probabile è il difetto insito nella valvola, ma ha avanzato anche l’ipotesi del trasporto. Ma, ripeto, era solo una ipotesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
samana
8 ore fa, cuizzo1 ha scritto:

Problemi seri . Altro che protezione. Resistenze di catodo partite e poi il resto...avevo risposto al 32...prego controllare😂😂

Lo ricordo benissimo il tuo intervento perche’ mi parve significativo sin da subito.

Infatti reputavo, e reputo tutt’ora, eccessivo parlare di “problemi seri” per una valvola o una resistenza che si bruciano..  

Se si bruciava l’ampli il proprietario che avrebbe dovuto fare ? 

Buttarsi sotto un treno in corsa ? 😂😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
bombolink
13 hours ago, mariovalvola said:

Se era difettosa ( e ci sta ), un ampli non doveva uscire con tubi difettosi. 

C'è una casistica di difettositá che emerge nelle prime 100 ore ed è imponderabile, quindi può accadere e nessun costruttore può evitarlo.

Peraltro stiamo parlando di un componente che costa poche decine di euro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gian Balance

Anch'io auguro a Carson tante ore di piacevole ascolto con il suo ampli amorevolmente ripristinato (tutto è bene quel che finisce bene) 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carson

@silvanik @Gian Balance Riavrò l’ampli lunedì mattina, vi farò sapere.

io sono rimasto estremamente soddisfatto dell’assistenza, davvero.

Share this post


Link to post
Share on other sites
silviomecca

qualcuno si sta arrampicando sugli specchi per gettare un po' di me@@@ su Synthesis, ma magari averla sempre e con tutti gli altri marchi una assistenza così...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tronio
53 minuti fa, silviomecca ha scritto:

ma magari averla sempre e con tutti gli altri marchi una assistenza così...

E aggiungerei, soprattutto di questi tempi, di "casa nostra"... ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
mariovalvola

@silviomecca Se ti riferisci a me, sbagli di grosso.

Non ne avrei motivo.

L'acquirente avrebbe potuto legittimamente pretendere la sostituzione integrale dell'amplificatore. Ha preferito, onorevolmente, un profilo più accomodante.

Il produttore, avrebbe potuto, con relativamente poca spesa, restituirgli la cortesia rimpiazzando integralmente il quartetto di tubi. Ha preferito fare il minimo dovuto. Va bene comunque. 

Tutto qui. 

Le mie riserve sulla selezione a monte dei tubi rimangono ( spero davvero che il guasto del tubo sia la causa del problema e non l'effetto. Si vedrà ). 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carson
9 minuti fa, mariovalvola ha scritto:

L'acquirente avrebbe potuto legittimamente pretendere la sostituzione integrale dell'amplificatore

Ciao, nel pieno e totale rispetto della tua opinione, nonostante io sia parte in causa, onestamente non mi sarei mai sognato di chiedere una sostituzione una volta accertato cosa è accaduto ed il minimo danno “di consenso” ad un componente dell’ampli.

Sarebbe stato, a mio modo di vedere le cose, come dare al costruttore una responsabilità non sua. 

A mio modestissimo avviso, potrei ragionare su di una eventualità del genere se dovessi avere nuovamente a breve un altro problema analogo. Allora sì, che sarebbe davvero improbabile che di nuovo una valvola difettosa potrebbe esserne nuovamente la causa.

Ovviamente apprezzo tutti i tuoi consigli, ci mancherebbe altro.

Giuliano.  

Share this post


Link to post
Share on other sites
pifti
19 ore fa, mariovalvola ha scritto:

Le mie riserve sulla selezione a monte dei tubi rimangono ( spero davvero che il guasto del tubo sia la causa del problema e non l'effetto. Si vedrà ). 

Per quelli che se la vivono così hanno inventato i transistor.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mariovalvola

@pifti Che singolare approccio.O.o

I transistor mi fanno già dannare abbastanza quando devo selezionarmeli per i pochi CCS che utilizzo nei miei ampli ovviamente a tubi .

I transistor li utilizzerò integralmente quando ne avrò voglia. Trovo intriganti quelli delicatissimi al germanio.

Continuerò nel frattempo, a "vivermela così" ponendomi delle domande più che legittime e cercando di realizzare amplificatori a tubi sempre più prestazionali partendo, però, da valvole ben diverse (non dovendo vendere nulla, posso scegliermi il meglio del meglio che è stato prodotto dalla fine degli anni '20 del secolo scorso. Ti assicuro, è incredibile il bello che ci siamo persi per strada).

Sono sempre più convinto che le "normali" selezioni offerte dalle moderne case costruttrici di tubi siano piuttosto "lasche"

Ha senso il lavoro di aziende selezionatrici che esistono o esistevano da decenni. Pensiamo a Golden Dragon, a Tube Amp Doctor, Gold Aero, RAM, ecc. 

Ecco: con una spesa lievemente più alta, si possono avere tubi qualitativamente migliori e con maggiori garanzie di un funzionamenteo continuo in sicurezza. Anche su un tubo nuovo, un'attenta analisi strumentale, ti consente di comprendere alcuni aspetti della sua vita futura. Per un produttore di ampli sarebbe una scelta felice anche se lievemente più onerosa. Ovviamente, per una questione di garanzia, sconsiglio all'opener la sostituzione dei tubi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
pifti

Il singolare approccio deriva dall'età, purtroppo.

I primi valvolari li ho acquistati trentacinque anni fa e so bene che il tasso di guasti è maggiore di quello dei colleghi a stato solido, tutto qui.

Se il guasto di un tubo di potenza genera un thread come questo mi viene in mente di consigliare di evitare gli apparecchi valvolari.

Che il malfunzionamento di un pentodo si tiri dietro la resistenza di catodo purtroppo lo sappiamo tutti; a meno che il progetto non preveda il fusibile, che salva la resistenza ed evita di andare in laboratorio (ma il tubo difettoso va sostituito lo stesso).

Per ultimo la selezione dei tubi serve per accoppiarli per guadagno, corrente, rumore e microfonicità a seconda delle necessità.

Il tasso di guasti invece dipende dalla qualità della costruzione ed è molto alto nelle prime ore, poi diminuisce drasticamente.

Al nostro amico Carson andrebbe detto che un guasto di questo tipo è uno dei più comuni e, solitamente, non crea nessun problema. Non mi sembra giusto lasciar intendere che la responsabilità ricada nelle cattive scelte del costruttore il quale, peraltro, ha fatto tutto quello che è necessario e anche molto celermente.

Concludo dicendo che la sostituzione di tutti i tubi avrebbe quadruplicato il rischio di incappare in un altro tubo "difettoso" mentre invece in questo modo i tre che hanno già lavorato probabilmente sono di sana e robusta costituzione.

Aloha!

Share this post


Link to post
Share on other sites
mariovalvola

I primi valvolari, li ho costruiti 47 anni fa. 

Il tasso di guasti, sarebbe da vedere. Le generalizzazioni non mi appartengono. Se pensiamo a certe realizzazioni esoteriche di scuola francese che hanno provocato con la loro inaffidabilità la prematura estinzione di pregiati lotti di KT88, potrei anche darti ragione ma una cosa è esasperare un progetto per ottenere determinate prestazioni tanto formidabili quanto precarie un'altra è associare le realizzazioni a tubi tout-court a una congenita inaffidabilità. Molte realizzazioni commerciali, per tanti motivi, non brillano. Il discorso, però, è un poco più complesso. 

La selezione, mi spiace, serve anche per vedere i piccoli difetti presenti in produzioni affrettate. Esempio: corrente di griglia controllo che salgono all'aumentare della temperatura interna, leakage tra elettrodi, movimenti anomali degli elettrodi, analisi dell'efficacia della griglia controllo (più sui DHT). 

Capisco perfettamente che costruire con i tubi, soprattutto oggi, sia difficile e rischioso. Io non so che tipo di selezione venga effettuata in azienda. E' però irritante trovarsi con l'ampli nuovo non funzionante.

Rimane la perplessità di fondo: il tubo si è arrossato perché difettoso oppure perché la polarizzazione era partita oppure il condensatore di accoppiamento è in perdita oppure altro. Ovviamente, a distanza, non posso saperlo.

Un tubo, in un ampli in classe AB1, normalmente lavora molto tranquillamente in termini di dissipazione anodica media. (penso sia difficile che un appassionato lo porti al massimo della potenza frequentemente). Mi chiedo che stress possa aver provocato un guasto del tubo tale da portarlo a tirare corrente in modo così smodato. Francamente sarei più propenso a pensare a un problema originario nella tensione negativa a quel tubo.

P.S. la KT88 non è propriamente un pentodo ma piuttosto un tetrodo a fascio ( GEC li definiva beam tetrode... poi su questi termini si è sempre fatta confusione forse anche per questioni commerciali). ;) 

la resistenza al catodo non di catodo essendo in bias fisso (ammesso che sia quella guasta) dovrebbe svolgere solo la funzione di agevolare la lettura della corrente catodica. Se fosse stata una reale resistenza catodica in un circuito a bias automatico, sarebbe saltata molto difficilmente ( si montano di solito resistori grossi e con potenze anche sopra i 50W).

Se la selezione dei quartetti è alla membro di segugio, certamente il quartetto avrebbe presentato un rischio quattro volte maggiore. Ma solo se la selezione viene fatta male e alla svelta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carson
56 minuti fa, pifti ha scritto:

Al nostro amico Carson andrebbe detto che un guasto di questo tipo è uno dei più comuni e, solitamente, non crea nessun problema.

Ciao, si me ne reso conto, ma sai com'è... la prima volta che ti capita un incidente del genere un po' di timore c'è... Grazie👍🏻

28 minuti fa, mariovalvola ha scritto:

Rimane la perplessità di fondo: il tubo si è arrossato perché difettoso oppure perché la polarizzazione era partita oppure il condensatore di accoppiamento è in perdita oppure altro. Ovviamente, a distanza, non posso saperlo.

Ciao, sono stato un buon quarto d'ora al telefono col costruttore e mi ha assicurato che il problema era tutto nel tubo e che, nei due giorni di test effettuati, non è stato riscontratato alcun probema o difetto nella macchina.

@mariovalvola ho letto che costruisci da 47 anni. Ora lo fai solo per "diletto"? Semplice curiosità per conoscere la tua esperienza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mariovalvola

Assolutamente per diletto. Forse sarebbe più onesto chiamarla "malattia".  :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carson

Buonasera a tutti.

Stamattina ho riavuto il mio amplificatore, me lo sto godendo da circa 4 ore.

Mi mancava il suo suono, devo dire che ora va che è una meraviglia.

Il signor Lorenzon si è raccomandato di chiamarlo fine settimana e fargli sapere se è tutto ok.

Giuliano

Share this post


Link to post
Share on other sites
silvanik

@Carson Ottima notizia! In realtà non mi aspettavo niente di diverso che la tua piena soddisfazione. Fa piacere una volta tanto parlare dell'Italia che funziona...non è che ci siamo proprio abituati in generale. Brava Synthesis😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rossano.Marche

Ho parlato con luigi lorenzon oggi pomeriggio al telefono per un'oretta.

Mi sono permesso di chiedergli se il problema del roma si era risolto.

Mi ha risposto che ora è tutto risolto.

Luigi è una persona veramente come poche.

Magari fossero tutti così.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stel1963

@Rossano.Marche fino a che c’è Lorenzon, la Syntesis è una delle pochissime aziende serie in italia.  Piccola produzione molto ma molto curata e ingegnerizzata su begli schemi.  Ottimi materiali (non esistessero i vari Kondo e nakamura direi top) e una grande passione.  Pagare un po di euro in più paga a posteriori oltre a riconoscere il valore di fabbricanti e artigiani virtuosi.  Brava @Carson, bell’acquisto.  Tientelo stretto, e se ti stufi mettilo nell’armadio anziche venderlo.  Poi lo riscoprirai più volte come capitò a me con l’Audio innovations 500

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carson

@silvanik Si, diciamo che, in generale, fa piacere ogni tanto ricevere risposte precise e puntuali e prescindere se sia questo il campo o un altro.

@Rossano.Marche prima di parlare con Lorenzon, al telefono ho fatto una chiacchierata con un tecnico che lavora lì, anch’egli cortese e prodigo di informazioni, dicendomi che il capo era impegnato al telefono. Probabile che fosse con te. Hai avuto anche tu la sensazione dell'estrema disponibilità?

@stel1963 totalmente d’accordo con la tua disamina, da quello che ho potuto leggere su due o tre articoli una delle cose che mi ha colpito è la cura nella selezione dei materiali.

Difficilmente credo mi separerò da questo bellissimo (sia nel disegno che nella sostanza) ampli. Il progetto al momento, come da quotidiani confronti con l’amico @samana, è trovare un bell’amplificatore a SS da affiancare al Roma.

Share this post


Link to post
Share on other sites
silviomecca
16 hours ago, Carson said:

è trovare un bell’amplificatore a SS da affiancare al Roma.

si dice che Synthesis abbia un progetto di ampli ss, si dice...🤭🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carson

Ciao. Si, ne ho sentito parlare. Vediamo che novità ci saranno.

Anche se sto cercando qualcosa nel mercato dell’usato.

Sai com’è... oltre al fatto che è sempre una buona cosa avere prodotti di altre case, tra settembre e novembre ho cambiato diffusori ed ampli...😁

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rossano.Marche

@Carson 

Probabilmente stava parlando con me..sta lavorando ad un progetto nuovo e quando posso vado in azienda per fare qualche ascolto e dire cosa ne penso.

Vado la prossima settimana...di più non posso dire su cosa sta lavorando perché lui vuole cosi...personalmente con umiltà non faccio altro (quando posso andare.. Il tempo è tiranno) che dire le mie sensazioni d'ascolto. Ma io sul risultato finale non centro nulla eh...anche perché in trent'anni d'ascolti ho poca esperienza con le valvole..ascolto soprattutto ed apprezzo apparecchi a stato solido..luigi è perdona più unica che rara.👍

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carson

Sul progetto nuovo lo ha accennato anche a me al telefono un giorno, ovviamente senza aggiungere altro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
samana

@Rossano.Marche Hai ascoltato per caso gli ampli top del marchio?

Mi riferisco a quelli della serie denominata “ Metropolis”.

Se si, potresti dirne qualcosa?

Ma mi farebbe piacere anche se parlassi di quello che hai ascoltato in generale, non necessariamente dei top di gamma.

Sul nuovo progetto, pare che il nostro stia lavorando ad un integrato a valvole da 500 watt.

Se ho vagamente capito la sua filosofia, vuole coniugare il controllo e la dinamica dello stato solido rimanendo con la tridimensionalità delle configurazioni valvolari.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carson
15 minuti fa, samana ha scritto:

Se ho vagamente capito la sua filosofia, vuole coniugare il controllo e la dinamica dello stato solido rimanendo con la tridimensionalità delle configurazioni valvolari.

In altre parole, la fine del mondo.

Appena finirà questo periodaccio, sarebbe molto bello organizzare una visita a Morrovalle.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rossano.Marche

@samana 

Allora..vedo con ordine.😊

La serie metropolis  a vederla dal vivo è inquietante.

Sono bestioni da 60/70 chili costruiti molto bene..sul suono purtroppo non posso dirdi nulla perché non li ho mai ascoltati..dovrei farlo a breve poi ti dico.

Sui modelli roma invece posso dire molto di più..per quello che mi riguarda sono tutti molto validi..costruzione di prim'ordine e molto belli da vedere.

Personalmente apprezzo molto il modello roma 753 AC...ma qui sono di parte diciamo perché amo particolarmente le valvole el 34..

Però vorrei parlare dell'integrato  roma 37 DC...un ibrido con moduli icepower da 500 watt su 4 ohm e 250 su 8 ohm...con valvole sulla parte preampli(linea) con valvole ecc88...veramente un prodotto favoloso ad un prezzo ancora umano..per me...ripeto per me...nettamente superiore ad integrati che ho provato tipo il PS audio GCC 500..oppure all'integrato Jeff rowland concerto che monta gli stessi identici moduli ed infatti dichiara la stessa potenza su carico 4/8 ohm...solo che costa 7000 liscio e 7.900 con phono.insomma stiamo parlando del (quasi) triplo..😴😨

Provato con le mie magneplanar sono rimasto mooolto sorpreso.(anche gli altri due sopracitati provati con i stessi miei diffusori ovviamente) 

Suono potentissimo ma pieno di armoniche..profondità,silenzio assoluto,senso del ritmo molto elevato..buonissima musicalità... Insomma con un prodotto del genere ti viene naturale grattarti la testa mentre ascolti e farti delle domande.

Poi la prossima settimana dovrei ascoltare un prototipo ma non so di più e di cosa si tratta..

Buon pomeriggio ..Rossano

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    306199
    Total Topics
    7061818
    Total Posts

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy