Jump to content

Lombardia: il caos nella sanità prosegue ancora come nulla fosse


Recommended Posts

Interessanti i dettagli della vicenda di Opera...

 

https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/21_aprile_08/mascherine-tolte-rsa-appalti-imprenditori-amici-domiciliari-sindaco-opera-antonino-nucera-6a29241e-97d2-11eb-b3c4-d1c4be2a345c.shtml

 

 

Mentre il mondo intero travolto dal Coronavirus cercava disperatamente mascherine chirurgiche, il sindaco Antonino Nucera dirottava le forniture della Protezione civile direttamente ai suoi uffici per poi distribuirle ad amici e parenti. Dispositivi di protezione che in quei giorni marzo e aprile dello scorso anno —erano stati inviati a Opera, comune di 13 mila abitanti alle porte di Milano, per i nonnini ricoverati nella Rsa «Anni azzurri Mirasole» della frazione di Noverasco, e per la farmacia comunale per poi essere distribuiti alla popolazione. Ma che Nucera mette a disposizione di amici e parenti. Il 21 marzo, ad esempio, le distribuisce alla ex moglie preoccupata per gli anziani genitori. Ma anche ad amici e parenti, oltre al personale comunale e ai vigili che però, secondo gli inquirenti, avrebbero dovuto riceverle dalla Regione.

 

Mentre sette giorni dopo chiede a una dipendente comunale di metterne da parte «500» da sottrarre alle 2 mila arrivate dalla Città metropolitana di Milano per la farmacia comunale: «Facciamo così: 1.500 vendile, e 500 gli dico di portarle da noi che le teniamo lì se ci servono». Peggio ancora accade il 9 aprile quando Nucera viene a sapere della disponibilità di 500 mascherine destinate dalla Protezione civile agli ospiti della Rsa Mirasole: «Gliene daremo 50, va bene?». Gli investigatori captano una lunga telefonata con il direttore sanitario della struttura dove il sindaco chiede «ma come sei messo a mascherine? Mi aiuti? Un po’ di mascherine per me?». La reazione del dirigente è stranita: «Ma come prima me le dai e poi me le togli?». Nucera allora spiega che “oggi mi hanno consegnato delle mascherine “tra virgolette” da consegnare a te, alla Rsa. Me ne hanno date un po’, facciamo metà e metà...». Il responsabile della Rsa, prova a fare un po’ di resistenza, poi risponde imbarazzato: «Dai tienile per te non ti preoccupare».

 

Tra gli appalti contestati, quello per la manutenzione delle strade comunali

 

A quel punto però prevale l’anima politica di Nucera (eletto con una coalizione di centro destra a forte spinta leghista): «No però io vengo lì che faccio tutta la scena, facciamo due foto...» . Quanto fosse importante l’aspetto della comunicazione per il sindaco lo dice anche la pagina Facebook di Nucera che in quegli stessi giorni pubblica foto in cui i volontari distribuiscono protezioni ai cittadini: «La mascherina che abbiamo consegnato è un piccolo dono, ma può essere un importante salvavita» (4 aprile 2020). Curioso, poi, l’attacco frontale al governo, con tanto di lettera al presidente Giuseppe Conte, contro «il prezzo imposto a 50 centesimi» per le mascherine parlando di «costi extra e fuori mercato che così dovranno essere sostenuti dai comuni» (28 aprile). In totale i magistrati gli contestano di aver sottratto 2.880 dispositivi di protezione individuale. Che fine facessero quelle mascherine «messe da parte nell’ufficio del sindaco», lo scopre involontariamente una dipendente comunale al telefono proprio con Nucera: «Ascolta sindaco, le mascherine quelle azzurre, ne hai rubate un po’ di quelle che dovevano andare alla Rsa?».

L’affaire mascherine vale al sindaco Antonino Nucera, 49 anni, originario di Melito Porto Salvo (Reggio Calabria) l’accusa di peculato nell’ordinanza firmata dal gip milanese Fabrizio Filice con la quale sono stati disposti gli arresti domiciliari. Stessa misura per il capo dell’ufficio tecnico di Opera Rosaria Gaeta, legata sentimentalmente a Nucera e per gli imprenditori Giovanni Marino, Giuseppe Corona (Marino costruzioni srl) e Rosario Bonina (Veria srl). Gli arresti sono stati eseguiti dai carabinieri nelle province di Milano, Lodi, Varese e Messina.

 

Perché l’inchiesta dei carabinieri del Nucleo investigativo di Milano, coordinati dagli aggiunti Alessandra Dolci (Direzione distrettuale antimafia) e Maurizio Romanelli (pool anticorruzione della Procura) e dai pm Silvia Bonardi e Stefano Civardi, ruota intorno non solo alla riprovevole sottrazione di mascherine agli anziani e al personale della Rsa, ma anche a giri di appalti pilotati assegnati alle imprese amiche e all’illecito smaltimento di materiali di scarto, da qui il coinvolgimento della Dda competente per il traffico di rifiuti. In cambio il sindaco e la compagna avrebbero ottenuto la ristrutturazione «a titolo gratuito» di una casa a San Donato Milanese, di proprietà della donna, da parte delle due imprese «favorite» negli appalti. L’inchiesta inizia proprio nei giorni dell’esplosione della pandemia e parte da una segnalazione che parla di stretti rapporti tra il sindaco di Opera, la sua compagna e alcuni imprenditori ai quali andrebbero sistematicamente appalti anche con il sistema dell’affidamento diretto.

 

Un post su Facebook del sindaco Antonino Nucera: si lamenta con il governo per la gestione della pandemia.

 

Tra le opere finite nel mirino dei carabinieri del Nucleo investigativo, guidati dai comandanti Michele Miulli e Antonio Coppola, il rifacimento del campo sportivo di Opera, il contratto d’appalto per la manutenzione delle strade comunali del valore di 350 mila euro circa, i lavori nelle scuole Don Milani, la media di via Papa Giovanni e l’elementare «Sacco e Vanzetti» e parte dei lavori di manutenzione del cimitero di Assago (Gaeta è responsabile dell’area edilizia pubblica di quel Comune). Ma anche l’affare dei termoscanner per il Comune, la farmacia e gli uffici della polizia locale (quasi 11 mila euro) con l’impresa dei Marino che fa da procacciatrice di clienti per l’effettivo fornitore delle apparecchiature assicurandosi un guadagno triplo rispetto al costo di mercato, come scrivono i magistrati.

 

LEGGI ANCHE

 

Sindaco di Opera sospeso dal prefetto di Milano, il vicesindaco Ettore Fusco: «Sono stupito e deluso, ho letto cose assurde»

Nucera e Gaeta, più un’altra serie di imprenditori, sono indagati anche per lo smaltimento dell’asfalto fresato a seguito dei lavori sulla ex Statale Valtidone. Materiali di scarto e di fatto rifiuti speciali che venivano riutilizzati per compattare il terreno su cui realizzare una tensostruttura, smaltiti nei campi del Parco Sud di due imprenditori agricoli, riutilizzati mescolandoli alla terra nel cantiere della passerella ciclopedonale sulla stessa strada, o smaltendoli abusivamente (1.000 tonnellate) grazie a imprenditori compiacenti. Nei confronti di un architetto bresciano, consulente del Comune di Opera, è stata emessa una misura interdittiva e il gip ha disposto il sequestro preventivo di 40 mila euro (il prezzo della corruzione) e di due camion usati, secondo la procura, per commettere i reati ambientali.

 

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, bungalow bill ha scritto:

Perlomeno non è lombardo .

Bravo compà, su questo ti devo dare ragione. 

Però per non sfigurare con i grandi arraffoni autoctoni si è dato da fare. 

😂🤣

Link to post
Share on other sites

“Io non sono vaccinato, non ho ancora 80 anni. Ma in Lombardia succede di tutto, secondo me siamo ai limiti della delinquenza. Mia moglie di 82 anni ha fatto la domanda via web e non l’hanno mai chiamata e mi sono dovuto arrangiare coi miei mezzi”.

 

indovinate chi lo ha dichiarato? 😄 

Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Schelefetris ha scritto:

fuochino

Se non googolavo non la potevo sapere. 

Comunque il fuochino mi ha mandato leggermente fuori strada. 

😂😂😂

Link to post
Share on other sites
23 minuti fa, Martin ha scritto:

Pieverly Hills e Rozzangeles  erano già famose come "posticini"  20 anni fa... 

Fai pure anche 60 o 70 anni fa, le periferie malfamate a Milano sono sempre esistite, come in moltissime grandi città, italiane e non.

Ma  cosa c'entra con la sanità Lombarda, adesso le prenotazioni funzionano bene, io e tanti amici settantenni saremo vaccinati nei prossimi giorni, altri conoscenti over 80 hanno avuto il vaccino nei giorni scorsi, le dosi arrivano regolarmente, gli ospedali non denunciano situazioni critiche, basta con la storiella della malasanità in Lombardia, per i detrattori non ci sono più elementi a cui appigliarsi.

Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, Schelefetris ha scritto:

di elementi ce ne sono tanti, questo non è un elemento valido?

Questo episodio fa ridere, mi preoccupano invece due amici ottantenni di Bologna che si sono ammalati in questi giorni per non aver fatto in tempo a vaccinarsi, nonostante la residenza in Emilia Romagna. 

Link to post
Share on other sites

non è una gara con tifo stile stadio, gli ultrà lombardi contro quelli emiliani o calabresi...

ci dovrebbe stare una gara a mandare i delinquenti in galera qualsiasi origine abbiano o qualsiasi appartenenza politica.

difendere a prescindere fa il loro gioco. Come se io difendessi a prescindere la Sicilia negando la mafia, la mafia c'è e mi fa vergognare di essere della loro stessa regione.

Link to post
Share on other sites
27 minuti fa, hfasci ha scritto:

Ma  cosa c'entra con la sanità Lombarda,

il sindaco di opera ha sottratto un pacchetto di mascherine chirurgiche dalla dotazione per una casa di cura e le ha date ai parenti, è scoppiato uno scandalo nazionale; salvini indagato, chieste le dimissioni di fontana, moratti e bertolaso sentiti dagli inquirenti

Link to post
Share on other sites
23 minuti fa, Schelefetris ha scritto:

di elementi ce ne sono tanti, questo non è un elemento valido?

Però bisogna dirla tutta: Fontana ha indossato goffamente quella mascherina quando le stesse erano ritenute INUTILI secondo la versione ufficiale di oms e di conseguenza cts/ministero. Non solo: Ben più di un esponente politico del principale partito dell'allora opposizione ebbe a dire che Fontana con quel gesto seminava il panico. Erano gli stessi che accusavano il Veneto di aver spettacolarizzato la "banale influenza" per il fatto di aver predisposto il triage su tende riscaldate davanti a tutti gli ospedali hub della regione, e questo già la sera del 22-02-2020. 

Non ho mai votato lega, ma quanto sopra "per la verità". 

  • Melius 1
Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, Schelefetris ha scritto:

per le inchieste della magistratura ed i risultati fino ad ora non ottenuti 😉 

Ovviamente quello rimane. E chissà che fine ha fatto l'ex-assessore dall'occhio pallato...

Link to post
Share on other sites

A proposito di mascherine, aggiungiamo pure le "provvigioni" di 72 milioni che sono stati pagati per le mascherine acquistate dall'allora commissario alla sanità e non si è ancora capito bene dove siano andati a finire.

Link to post
Share on other sites
Il 8/4/2021 at 16:54, Velvet ha scritto:

Rispolvero il thread per l'ennesima notizia succosa dalla Lombardia.

Però non sarebbe ora di smetterla con queste diatribe nord/sud?

Adesso arriva quell'altro che ti fa notare che il sindaco si chiama Antonino Nucera che non è esattamente un cognome lombardo e ricomincia la giostra.

Aveva ragione Metternich.

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, vizegraf ha scritto:

Però non sarebbe ora di smetterla con queste diatribe nord/sud?

Io sto più a nord della Lombardia 😄 

Link to post
Share on other sites



×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.