Jump to content

Registratori a bobine: thread dedicato!


dipparpol
 Share

Recommended Posts

Adesso, dipparpol ha scritto:

rispetto ALL'EPOCA qualsiasi bobine andava meglio o molto meglio rispetto ad un deck a cassette di pari categoria

Su questo non discuto.

Ma ora non siamo "all'epoca", se dovessi scegliere tra usare (ribadisco usare: se si parla di collezionismo il discorso perde validità) nel mio impianto un Uher Royal Deluxe o una buona piastra a cassette di fine anni 80 non avrei dubbi.

 

 

Link to comment
Share on other sites

dipparpol

@lufranz certo.. era dovevo volevo arrivare io! mi hai anticipato 😁... il formato cassetta di per se è perdente rispetto al formato bobine... ma il formato cassette ha avuto un'evoluzione tecnica in 3 decenni che i bobine si sono sognati... infatti la tecnologia rtr grosso modo è rimasta simile a se stessa. non si dovrebbe paragonare apparecchi diversi e di classe diversa.. troppo facile: a questo punto direi: qualsiasi registratore digitale surclassa qualsiasi bobine top di gamma oggigiorno. triste realtà... e allora perché li usiamo ancora???

Link to comment
Share on other sites

dipparpol
6 minuti fa, lufranz ha scritto:

se dovessi scegliere tra usare (ribadisco usare: se si parla di collezionismo il discorso perde validità) nel mio impianto un Uher Royal Deluxe o una buona piastra a cassette di fine anni 80 non avrei dubbi.

però ammetterai che l'uher royal deluxe in salotto fa la sua sporca figura!! 😂

 

Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, azn131 ha scritto:

tra poco arriva la laurea, magari qualcosa la riesco a spuntare con quella 🤣

In bocca al lupo !

In cosa ti laurei ?

 

Link to comment
Share on other sites

@lufranz triennale economia & management presso l'università di Siena 

Non uscirò con un voto alto, anzi, però spero apprezzino la mia volontà 😅

@dipparpol mi sa che prima muoio e poi finisco di pagare le rate, dall'aldilà!!!

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

@dipparpol sul discorso qualità bobine vs cassette ti dirò: quando comprai l’Akai DS 4000 mkII partii dal tuo stesso assunto: non può andare peggio di un cassette di pari epoca e costo. Vendetti registratore e cassette, e partii in quarta con le bobine. Dopo un annetto, poiché fra gli amici “imperavano” le cassette, per ragioni di “scambio” mi ricomprai un buon registratore a cassette della Technics, di costo pari all’Akai e pressoché coetaneo; il nuovo arrivato massacrò senza pietà il DS4000, tanto da farmelo rivendere precipitosamente tenendomi le bobine e comprando poi il TEAC X-1000R che ho ancora oggi. Ecco, con il TEAC non c’è partita con quasi nessun cassette, anche se sua Maestà lo Studer A721 ci sta (poco) dietro, eccome…

Link to comment
Share on other sites

@dipparpol gli unici miei sfizi sono: un registratore a bobine, un amplificatore serie ES della Sony, un Pioneer PL-30 o PL-50, non chiedo altro 😅 il resto lo spenderei in LP e/o CD. Anche perché prima o poi un umile lettore CD lo prenderò, non necessariamente da 400 euro

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

@dipparpol non esagerare, va bene non avere paturnie, ma se allo stesso prezzo trovo un prodotto che suona bene ved uno che suona male, prendere quello che suona bene nonè paturnia. un bobine è macchina bella si ma ingombrante pesante scooda e con poco sw mativo a prezzo decente, non ha senso prenderne uno molto scarso tanto per averlo, anche senza andare nel pro ci sono rtr validi che ha senso mettersi in casa

Link to comment
Share on other sites

dipparpol

@cactus_atomo suona bene o suona male in base a cosa?? per me gli unici giudici sono le mie orecchie... dei dati tecnici mi interessa relativamente.. rimango dell'opinione che moltissime macchine entry level siano da prendere in seria considerazione, anche se qua vengono (purtroppo!) snobbate o peggio beffate...

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

@dipparpol le orecchie non sono tutte uguali se un cassette perle mie orecchie va meglio di un bobine, perchè complicarmi la vita? mediamente quasintutti i vintagisti hanno vagonate di musica su cassetta, ben pochi hanno materiale su bobina.

Dìaltra parte con la mania del vintage un cesso vecchio costa ormai quanto un prodotto iù valido ma con meno anni sul groppone. 

nel caso dei deck purtroppo quelli economici erano ostruiti in economia anche nelle parti meccaniche, non è solo questione di suono ma di funzionamento e riparabilità- a differenza di te, io credo che in questa sezione si tenda a sopravvalutare quello che è solo vecchio, mentre certe cose potrebbero benissimo finire nel dimenticatoio. l'altra metà del cielo sarebbe velicissima se valutassimo le donne come i nostri apparecchi, ossia ijn base al numero degli anni😁

Link to comment
Share on other sites

dipparpol

secondo me le uniche cose che possono finire nel dimenticatoio sono i compattoni  e la maggior parte dei sistemi portatili. tutti i componenti separati oggi giorno possono avere un perché... chi più chi meno

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

@dipparpol

3 ore fa, dipparpol ha scritto:

sì ma se stiamo sempre ad inseguire le prestazioni a tutti i costi, non saremo mai soddisfatti del nostro impianto e staremo a cambiare i componenti in continuazione

Lo dici proprio a me che non cambio mai? 😂 Giusto qualche deck a cassette, ma solo perchè mi piacciono... la loro influenza sul suono è quasi zero, un pizzico concorrono i nastri, così come con i registratori a bobine. Certo, ci sono le eccezioni ma sono come le mosche bianche: gli "Ultrawideband Linear Phase" di Harman-Kardon (la differenza si sente) e nello Studer A721 che però è quasi "fuori concorso".

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, dipparpol ha scritto:

rimango dell'opinione che moltissime macchine entry level siano da prendere in seria considerazione

Fino alla prima grana.

Considerando che sono oggetti vecchi di mezzo secolo, che in giro c'è sempre meno gente in grado di metterci le mani seriamente e che i ricambi si fanno sempre più rari, l'affidabilità e la possibilità di riparazione in caso di guasti secondo me è da tenere in serissima considerazione nella scelta. Per non rischiare di ritrovarsi un soprammobile o di dover spendere successivamente più del valore della macchina per la riparazione.

 

 

Link to comment
Share on other sites

31 minuti fa, 78 giri ha scritto:

ciao, ho un paio di 7030,un x1000r e un Crown serie 800(110v) da controllare. Magari ci sentiamo in privato... 

Dimmi pure 🙂

 

Link to comment
Share on other sites

dipparpol

@lufranz beh dai, gli akai mono motore della serie 4000 ecc hanno una meccanica a prova di proiettile robustissima, che anche dopo 50 anni va come se nulla fosse. Ne ho visti di maltrattati, eppure vanno. Unico difetto, che ben sai, su qualche raro esemplare le camme in zama si sgretolano. Ma di quelli passati nelle mie mani manco uno. Anche i grundig fino ai primi anni 70, sono impressionanti: plastica zero (a breve purtroppo avrebbe preso il sopravvento... volani enormi e pesanti, riparabili tranquillamente anche con pezzi di recupero o con del fil di ferro (!!!) Provare per credere. E cosa importante elettronica ridotta all'osso che si stara difficilmente (pochi o nessun trimmer)

Link to comment
Share on other sites

robyroadster

Vi segnalo l’offerta per alcuni nastri Velut Luna 2 tracce 38 cm/sec

 

https://www.velutluna.it/shop/category/22670803/bobine-analogiche-master-copy/

 

Io ho preso questo oggi e ora non è più disponibile forse tornerà disponibile tempo di registrarne un’altra.

Grande orchestra jazz, vi farò sapere…

https://www.velutluna.it/product/22689089/royal-big-band

quindi direi che l’offerta è particolarmente limitata mi pare fino al 10 settembre, lo dice nel video di ieri sul suo canale 

Di Lincetto Ho Mancini dry su bobina e suona da vero master.

Il prezzo non è basso ma rispetto al prezzo a da cui era partito 430 euro mesi fa a livello di quelli Sony 450 euro è decisamente calato.

Sono curioso di vedere quanto durano  i quattro nastri rimasti…..

 

 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, dipparpol ha scritto:

in questo sito ci sono i pro ed i contro degli akai!

Interessante. I contro sono tutti noti, e si risolvono con una revisione completa della macchina. C'i sono due "contro" che il sito non cita:

- le teste GX soffrono di un leggero crosstalk tra piste adiacenti e ascoltando un nastro nei momenti di silenzio è possibile sentire il lato opposto al contrario. In realtà il difetto si presenta solo se il nastro è inciso a livelli molto elevati, ben oltre allo 0VU.

- le teste GX di ultima generazione, quelle piccole montate sui modelli fine 70-inizio 80 (GX635-636-646-747-625-77 etc) , non reggono elevati livelli di magnetizzazione. Registrando oltre lo 0VU, soprattutto alle basse frequenze, la distorsione diventa udibile e i bassi "sbranano". Questo non accade su macchine più datate (p.es. GX630) che montano teste della generazione precedente più grandi, con traferro più largo e in grado di gestire un flusso maggiore. Ininfluente il fatto che le teste vecchie avendo traferro più largo abbiano una risposta leggermente più limitata in alto: si arriva comunque a 25KHz contro 30 e passa delle macchine con le piccole.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...