Jump to content

Della rivendibilitá e della voglia di cambiare dell'audiofilo


Dufay
 Share

Recommended Posts

caricolimite

anche io non ho mai guardato il nome: ma quando hai necessità di cambiare per  passare ad altro diverso sistema le difficoltà per rivendere sono molte ...

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, caricolimite ha scritto:

anche io non ho mai guardato il nome: ma quando hai necessità di cambiare per  passare ad altro diverso

Quindi più che una ricerca del miglior suono di qualcosa di diverso.

Link to comment
Share on other sites

Esistono persone che si affezionano agli oggetti..altre ..alle persone..in nessuno dei due casi al momento dell incontro pensano alla sostituzione..poi..invesce ecco che succede qualcosa....nel primo,,cambi elettronica..nel secondo .. ti separi. 

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Dufay ha scritto:
20 ore fa, antonew ha scritto:

certo, domani si rompe 

e scoprirai il 

silenzio

Le cose si aggiustano 

ed è ancor più vero il discorso ,allora,

troverai sempre chi ci saprà metterci mano .

Perché la casa ti offrirà l'unica disponibilità di pezzi

di ricambio costruiti su specifiche e perizia nel service .

Le grandi macchine non si improvvisano con pezzi e know-how generici 

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

25 minuti fa, antonew ha scritto:

Perché la casa ti offrirà l'unica disponibilità di pezzi

di ricambio costruiti su specifiche e perizia nel service .

Mi sa di pia illusione 

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

Col tempo i gusti cambiano, che si ratti di vino di cibo di letteratura di generi musicali di auto di film, cambiamo noi, cambiano le esigenze, cambia il contorno, cambia il portafoglio, cambiano le priorità. un occhio alla rivendibilità è naturale ma a mano di non cambiare con rapidità, è impossibile prevedere cosa sarà rivendibile tra 5 anni e cosa no- anche la riparabiità è un salto nel buio, i componenti possono andare uori produzione e non sempre esistono gli equivalenti. preferisco pensare a cosa mi soddisfa oggi,

ma per alcuni l'hifi è un lavoro, per altri un moloch, per altri ancora un hobby o un gioco, e cambiare giocattolo è umano 

Link to comment
Share on other sites

Un mio amico ha un preht Linn dei primi anni 2000, costato anche parecchio,da qualche anno è diventato un bel fermaporta.

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, cactus_atomo ha scritto:

Col tempo i gusti cambiano

Un giorno non lontano finirai per comprare un paio di stupende Tannoy, lo sento ! 😂

Link to comment
Share on other sites

Cambiare è un po’ come partire. È un nuovo viaggio sonoro ... sai da dove parti, ma non sai dove ti porterà. Un’esperienza che potrà essere positiva o negativa, ma che se non si fa, ci lascerà sempre nel dubbio di come poteva essere. La voglia di cambiare, non si basa su una delusione, ma sul desiderio di migliorare e scoprire fin dove si può arrivare. Il cambiamento è quasi sempre positivo, anche quello negativo, perché, passato il momento di delusione, diventa più chiaro cosa si vuole e cosa non si vuole.

L’hifi è un gioco, costoso, impegnativo, che richiede applicazione e passione, ma anche pieno di piccole e grandi soddisfazioni, che spesso possiamo capire solo noi. È il gioco delle variabili, ed una di queste, siamo noi stessi. 

  • Melius 2
Link to comment
Share on other sites

robyroadster
Il 14/9/2021 at 14:24, cactus_atomo ha scritto:

mica vero, una single con 100 lg di pasta, a meno che non mangi solo quella a pranzo cena colazione e merenda. se poi consideri che certi formati li ha presi solo per lo sconto ma che nei fatti ha un rifiuto psicologico ad utilizzarli

Pare che quei numeri di lotto siano rari e tra 2 anni potranno aumentare di quotazione🤣🤣🤣

Link to comment
Share on other sites

robyroadster
13 ore fa, subsub ha scritto:

Esistono persone che si affezionano agli oggetti..altre ..alle persone..in nessuno dei due casi al momento dell incontro pensano alla sostituzione..poi..invesce ecco che succede qualcosa....nel primo,,cambi elettronica..nel secondo .. ti separi. 

Hai proprio ragione, 

fa parte della nostra personalità,

sarà per quello che ho il soggiorno zeppo di diffusori ed elettroniche e

ho la stessa compagna da più di 20 anni😀😀😀😀

Link to comment
Share on other sites

Paranoid.Android
2 ore fa, iBan69 ha scritto:

Cambiare è un po’ come partire

Anche antidepressivo per alcuni o motivazionale esistenziale.

"E di nuovo cambio casa di nuovo cambiano le cose
E di nuovo cambio luna e quartiere
Come cambia l'orizzonte, il tempo, il modo di vedere
Cambio posto e chiedo scusa ma qui non c'e' nessuno come me" Fossati

Link to comment
Share on other sites

Paperinik2021
15 ore fa, Dufay ha scritto:

In tre mesi possono cambiare drammaticamente.

In hifi è sempre tutto molto drammatico

Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, bic196060 ha scritto:

Cambiare è positivo, è bello, in generale. Non in maniera convulsa o compulsiva, ma è parte del godimento. Quando viaggio mi piace percorrere strade nuove, quando mangio degustare piatti e

Io ho sempre pensato ad un percorso verso un fine o almeno ad un percorso migliorativo.

C'è pure la bellezza del viaggio però vedo spesso viaggi strani

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

@Dufay gli hobby sono così, imelda marcos aveva 7000 paya di scarpe, un appassionato di orologi ne comra dversi (epure al polsomne mette uno solo) i garage di messi e ronaldo sono pieni di supercar esclusive che al momento se va bene riescono a guidarne una, io preferisco provare al comprare, per fortuna ho amici che hanno avuto i tutto, boulder, aloia fm acoutics, kondo, levinson, audio research, macintosh e via discorrendo, per non parlare di diffusori gira testine cdp dac avessi dovuto comprare tutto quello che ho ascoltato avrei dovuto rapinare forte knox. e' io mio modo di giocare, poi, se di qualcosa mi innamoro, approfondisco e se posso permettermelo una volta ogni 20 anni compro

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, cactus_atomo ha scritto:

gli hobby sono così, imelda marcos aveva 7000 paya di scarpe, un appassionato di orologi ne comra dversi

Niente di male, basta avere un portafoglio adeguato..

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Dufay ha scritto:

Io ho sempre pensato ad un percorso verso un fine o almeno ad un percorso migliorativo.

questo può diventare nevrosi se perseguito in maniera asintotica, se uno "ragionasse" così col sesso o col cibo per esempio, sconfinerebbe velocemente nella devianza.

2 ore fa, Dufay ha scritto:

C'è pure la bellezza del viaggio però vedo spesso viaggi strani

Certo, c'e' anche chi degusta Tavernello. Ma chi siamo noi per giudicare (vedi punto precedente ....)?

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, cactus_atomo ha scritto:

gli hobby sono così

ma infatti, è un hobby, una passione. Ogni tanto si leggono cose e si odono toni, che sarebbero troppo anche se si trattasse di progettare una centrale nucleare.

Non è questo l'ambito dove si esercitano professioni altamente sofisticate.

E poi cosa c'e' di razionale in una passione? Razionalità e passione nella stessa frase stridono.

 

Poi ci sono le passioni che diventano devianze..... prendono il sopravvento.

Non si è più gourmet ma bulimici

Non più sommelier ma avvinazzati

Non più amanti ma maniaci

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.