Jump to content

Della rivendibilitá e della voglia di cambiare dell'audiofilo


Dufay
 Share

Recommended Posts

caricolimite
Il 15/9/2021 at 09:35, Dufay ha scritto:

Quindi più che una ricerca del miglior suono di qualcosa di diverso.

qualcosa di diverso oppure ( od anche) un percorso migliorativo...😉

 

Link to comment
Share on other sites

networkcode
Il 13/9/2021 at 21:04, mozarteum ha scritto:

Io butto sempre le scatole quindi compro per tenere

Esattamente quello che faccio io.

Mai acquistato qualcosa con il dubbio sull'ipotetica rivendibilità e/o sul tasso di perdita.

Infatti quando qualcosa entra in casa è destinata a rimanerci!

Ale§andro.

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, networkcode ha scritto:

Infatti quando qualcosa entra in casa è destinata a rimanerci!

Quindi, o nel corso degli anni avete accumulato una quantità considerevole di ferraglia oppure siete rimasti con il vostro primo impianto.

 

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, networkcode ha scritto:
Il 13/9/2021 at 21:04, mozarteum ha scritto:

Io butto sempre le scatole quindi compro per tenere

Esattamente quello che faccio io.

A prescindere dall’intenzione di non rivendere ciò che si è comprato, gli imballi degli apparecchi, andrebbero sempre tenuti. 

Vuoi perché del doman non vè certezza, e la rivendita o permuta, di un apparecchio senza scatola, comporta un deprezzamento dello stesso,vuoi se ci fosse la necessità di spedire l’apparecchio per una riparazione, vuoi se bisogna fare un trasloco, la pratica del gettare l’imballo, è da sconsigliare.

Se avete problemi di spazio, aprite il cartone, e gettate solo il polistirolo interno, quello si può sempre sostituire con qualcos’altro.

😉

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

senza contare che, ormai, alcuni spedizionieri accettano la spedizione assicurata di apparecchi hi-fi solo se provvisti del loro imballo originale (successo a me per un lettore CD ed un paio di diffusori). 

Direi giustamente, anche..

Link to comment
Share on other sites

networkcode
1 ora fa, eduardo ha scritto:

Quindi, o nel corso degli anni avete accumulato una quantità considerevole di ferraglia oppure siete rimasti con il vostro primo impianto.

Partendo dal presupposto che sono un 30enne e quindi non ho 60 anni, in buona parte sì.

Alcune variazioni le ho fatte per completare il mastodontico impianto A/V, ma le scelte sono sempre state chiare e definitive.

Però, si sà, io sono un tecnico e non un audiofilo!

Ale§andro.

Link to comment
Share on other sites

networkcode
35 minuti fa, iBan69 ha scritto:

A prescindere dall’intenzione di non rivendere ciò che si è comprato, gli imballi degli apparecchi, andrebbero sempre tenuti. 

Vuoi perché del doman non vè certezza, e la rivendita o permuta, di un apparecchio senza scatola, comporta un deprezzamento dello stesso,vuoi se ci fosse la necessità di spedire l’apparecchio per una riparazione, vuoi se bisogna fare un trasloco, la pratica del gettare l’imballo, è da sconsigliare.

Se avete problemi di spazio, aprite il cartone, e gettate solo il polistirolo interno, quello si può sempre sostituire con qualcos’altro.

😉

Mi sembra di averlo già scritto in altro post tempo fa ma mi ripeto volentieri.

Per lavoro ho un laboratorio di elettronica parecchio attrezzato ad esattamente 2 stanze di distanza dall'impianto, quindi, per qualsaisi riparazione si rendesse necessaria, verrà fatta in home.

Ale§andro.

Link to comment
Share on other sites

Il 16/9/2021 at 09:38, Dufay ha scritto:

È tutto un dramma.

Più che altro, una soap opera . . . ! 😄

Descrivere una passione, è impossibile, ognuno vive la sua e con le personali sensibilità e idiosincrasie, rimane, secondo me, il punto fermo di un percorso, di un viaggio, anche con qualche deviazione e qualche stop non desiderato, verso una meta, che dovrebbe essere il meglio che possiamo o vogliamo ascoltare, musicalmente parlando   . . . 

Se però il viaggio, metaforicamente, è più importante della meta, forse la musica può avere un ruolo meno centrale, da qui le variazioni, 5 impianti completi in casa, collezioni di finali, accessori e complementi a non finire, e via dicendo  . . . 

A mio avviso, in certi contesti, la dispersione delle forze , del gusto, e del budget, abbassa il risultato finale, ma può essere fonte di gioco, divertimento e conoscenza . . . 

saluti , Dario 

Link to comment
Share on other sites

48 minuti fa, meridian ha scritto:

gusto, e del budget, abbassa il risultato finale, ma può essere fonte di gioco, divertimento e conoscenza

Ho qualche dubbio sulla conoscenza.

Link to comment
Share on other sites

Compro poco e non compro per rivendere.

Ho delle klipschorn prese usate, ma di fatto nuove, nel 1986 …. sono ancora lì e se ne escono solo dopo la mia morte.

Sugli strumenti musicali, invece, bado anche alla rivendibilità, perché del domani non c’è certezza e soprattutto perché valgono tutti di più di quel che li ho pagati

Link to comment
Share on other sites

23 ore fa, Dufay ha scritto:

Ho qualche dubbio sulla conoscenza.

Ciao, intesa come approccio a sonorità differenti, conoscere modi diversi di porgere la musica aiuta a capire quale direzione si cerca , parallelamente ad altre fonti, come l' ascolto dal vivo , formano la capacità critica e mostrano come siano molte le strade per la fruizione della musica  . . . 

saluti , Dario 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.