Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
eduardo

Abbiamo perso la via maestra ?

Messaggi raccomandati

eduardo

Stavo seguendo la discussione tecnica sulle C.V., cercando (disperatamente ...) di comprendere tutti i passaggi e commenti; ma non sono granche', tecnicamente parlando, e quindi piu' di qualcosa mi sfuggiva.

Poi, ad un certo punto, mi rendo conto che l'impianto sta suonando un vecchio disco della Marshall Tucker Band, uno dei miei grandi amori di sedicenne/diciasettenne ...

E, come d'incanto, mi ritrovo catapultato in un'altra dimensione temporale ... cazzo, mi sembra addirittura che mi siano ricresciuti tutti i capelli ... che bella sensazione ... ma ... ma e' cambiata anche un'altra cosa ...

Non riesco a focalizzare ... si, ecco, ora ho capito.

E' il semplice - magari ruspante - piacere di ascoltare, e farsi rapire ...

all'improvviso non me ne frega piu' niente di come suona - o dovrebbe suonare - l'impianto ; potrei stare tutta la vita seduto qui ad ascoltare ...

Ed e' lo stesso atteggiamento che avevo da sedicenne/diciassettenne al cospetto di un buon disco che suonava ... che cazzo ne sapevo di sinergie, di acustica, di efficienza, di dinamica, etc., etc. ?

E, nonostante la mia (beata ?) ignoranza di allora, mi ricordo che godevo della musica probabilmente in maniera diversa - ma sicuramente piu' intensa - di quanto mi capiti ora.

Ma non e' che stiamo sbagliando qualcosa ? Forse dovremmo liberarci di un po' di tecnicismi, e tornare un po' alle "origini" ....

 

 

P.S. - Non intendo promuovere alcuna delle "correnti" attualmente impegnate in singolar tenzone; la mia vuole essere solo una considerazione/spunto di carattere generale.

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi -

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
fulviostrain

Buonasera

 

Quoto quanto da te affermato.

Forse sarebbe il momento di iniziare a soffermarci sulla musica e sulla piacevolezza che l'ascolto sa dare senza pensare troppo a cavi, casse, liquida, vinilica o solida.

Se poi l'ascolto ci appaga non vedo il problema.

Si potrebbe anche finirla con le guerre che molti post fanno nascere ogni tanto e deporre l'ascia di guerra nel nome della MUSICA.

 

Bel post

 

Buoni Ascolti

Fulvio

 

Modificato da - fulviostrain il 30/03/2012 22:49:32

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gefrusti

quote:

Stavo seguendo la discussione tecnica sulle C.V., cercando (disperatamente ...) di comprendere tutti i passaggi e commenti; ma non sono granche', tecnicamente parlando, e quindi piu' di qualcosa mi sfuggiva.

Poi, ad un certo punto, mi rendo conto che l'impianto sta suonando un vecchio disco della Marshall Tucker Band, uno dei miei grandi amori di sedicenne/diciasettenne ...

E, come d'incanto, mi ritrovo catapultato in un'altra dimensione temporale ... cazzo, mi sembra addirittura che mi siano ricresciuti tutti i capelli ... che bella sensazione ... ma ... ma e' cambiata anche un'altra cosa ...

Non riesco a focalizzare ... si, ecco, ora ho capito.

E' il semplice - magari ruspante - piacere di ascoltare, e farsi rapire ...

all'improvviso non me ne frega piu' niente di come suona - o dovrebbe suonare - l'impianto ; potrei stare tutta la vita seduto qui ad ascoltare ...

Ed e' lo stesso atteggiamento che avevo da sedicenne/diciassettenne al cospetto di un buon disco che suonava ... che cazzo ne sapevo di sinergie, di acustica, di efficienza, di dinamica, etc., etc. ?

E, nonostante la mia (beata ?) ignoranza di allora, mi ricordo che godevo della musica probabilmente in maniera diversa - ma sicuramente piu' intensa - di quanto mi capiti ora.

Ma non e' che stiamo sbagliando qualcosa ? Forse dovremmo liberarci di un po' di tecnicismi, e tornare un po' alle "origini" ....

 

 

P.S. - Non intendo promuovere alcuna delle "correnti" attualmente impegnate in singolar tenzone; la mia vuole essere solo una considerazione/spunto di carattere generale.

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi -


id=quote>id=quote>

 

 

 

 

 

..bel discorso...anche un po malinconico direi...(tranne per la ricrescita dei capelliicon_smile_big.gif)

 

p.s paradossalmente "tecnicamente" sono -meno- scarse di molti altri diffusori..si può sempre dimostrare..oggettivamente..che la cosa rimanga tra noi.id=size1>

 

 

 

 

ciao, tom.

 

10^(-117/20) . 2/π /11025 = 8,1564565090104319060986189622844e-11 . 10^ 12 = 81,564565090104319060986189622844 ps.id=size1>

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mattia.ds

quote:

Stavo seguendo la discussione tecnica sulle C.V., cercando (disperatamente ...) di comprendere tutti i passaggi e commenti; ma non sono granche', tecnicamente parlando, e quindi piu' di qualcosa mi sfuggiva.

Poi, ad un certo punto, mi rendo conto che l'impianto sta suonando un vecchio disco della Marshall Tucker Band, uno dei miei grandi amori di sedicenne/diciasettenne ...

E, come d'incanto, mi ritrovo catapultato in un'altra dimensione temporale ... cazzo, mi sembra addirittura che mi siano ricresciuti tutti i capelli ... che bella sensazione ... ma ... ma e' cambiata anche un'altra cosa ...

Non riesco a focalizzare ... si, ecco, ora ho capito.

E' il semplice - magari ruspante - piacere di ascoltare, e farsi rapire ...

all'improvviso non me ne frega piu' niente di come suona - o dovrebbe suonare - l'impianto ; potrei stare tutta la vita seduto qui ad ascoltare ...

Ed e' lo stesso atteggiamento che avevo da sedicenne/diciassettenne al cospetto di un buon disco che suonava ... che cazzo ne sapevo di sinergie, di acustica, di efficienza, di dinamica, etc., etc. ?

E, nonostante la mia (beata ?) ignoranza di allora, mi ricordo che godevo della musica probabilmente in maniera diversa - ma sicuramente piu' intensa - di quanto mi capiti ora.

Ma non e' che stiamo sbagliando qualcosa ? Forse dovremmo liberarci di un po' di tecnicismi, e tornare un po' alle "origini" ....

 

 

P.S. - Non intendo promuovere alcuna delle "correnti" attualmente impegnate in singolar tenzone; la mia vuole essere solo una considerazione/spunto di carattere generale.

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi -

 

 

 

La musica prima di tutto.Poi è bello anche giocare con i nostri "aggeggi"

ma non dimentichiamoci che tutto parte dalla musica.

Saluti Mattia


id=quote>id=quote>

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BLACKCIRCLE

La Musica prima di tutto (o quasi).

 

Aloha

MarKo

Più fiere a occhi chiusi, e più orecchie

aperte!!!

Di doman non c'è certezza, figuriamoci nell'HiFi

By BLACKCIRCLE!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Maurjmusic

quote:

Stavo seguendo la discussione tecnica sulle C.V., cercando (disperatamente ...) di comprendere tutti i passaggi e commenti; ma non sono granche', tecnicamente parlando, e quindi piu' di qualcosa mi sfuggiva.

Poi, ad un certo punto, mi rendo conto che l'impianto sta suonando un vecchio disco della Marshall Tucker Band, uno dei miei grandi amori di sedicenne/diciasettenne ...

E, come d'incanto, mi ritrovo catapultato in un'altra dimensione temporale ... cazzo, mi sembra addirittura che mi siano ricresciuti tutti i capelli ... che bella sensazione ... ma ... ma e' cambiata anche un'altra cosa ...

Non riesco a focalizzare ... si, ecco, ora ho capito.

E' il semplice - magari ruspante - piacere di ascoltare, e farsi rapire ...

all'improvviso non me ne frega piu' niente di come suona - o dovrebbe suonare - l'impianto ; potrei stare tutta la vita seduto qui ad ascoltare ...

Ed e' lo stesso atteggiamento che avevo da sedicenne/diciassettenne al cospetto di un buon disco che suonava ... che cazzo ne sapevo di sinergie, di acustica, di efficienza, di dinamica, etc., etc. ?

E, nonostante la mia (beata ?) ignoranza di allora, mi ricordo che godevo della musica probabilmente in maniera diversa - ma sicuramente piu' intensa - di quanto mi capiti ora.

Ma non e' che stiamo sbagliando qualcosa ? Forse dovremmo liberarci di un po' di tecnicismi, e tornare un po' alle "origini" ....

 

 

P.S. - Non intendo promuovere alcuna delle "correnti" attualmente impegnate in singolar tenzone; la mia vuole essere solo una considerazione/spunto di carattere generale.

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi -


id=quote>id=quote>

 

 

questo effetto si chiama "nostalgia" ed e' un parametro che cancella qualunque concetto audiofilo.Senti solo cio' che la tua mente vuole ed il cervello audiofilo in quei momenti non e' connesso. Se cambi disco e metti qualcosa di recente la magia si perde ... ma non dovresti perdere il piacere del puro ascolto che comunque la musica Sto arrivando! sempre regalare.

 

Maurizio

 

ps Ho piu' di 10 dischi della MTB piu un Dvd " Live in Boston " e ricordo ancora quando acquistai al New Kari di Via Torino a Milano il loro primo Lp in vinile (mi pare 1.500 lire forato in offerta anno 1978 +_ e successivamente lo splendito "Searchin' for a rainbow" Bei tempi!

 

Maurizio

 

 

 

Modificato da - maurjmusic il 30/03/2012 23:27:37

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bovello

Pagherei per riuscire a tornare alla musica

 

Renato Bovello

 

"Gli oggetti poco costosi, ben suonanti e non griffati, non piacciono al pubblico"(BM)

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
31canzoni

La risposta alla tua domanda è sì!

 

Il tuo ricordare la Marshall Tucker Band mi ha fatto ritornarea alla mente ricordare un altro gruppo di eroi del southern rock, e allora mi son rispolverato The Allman Brothers Band dai Fillmore Concerts e ora mi sto ascoltando la straordinaria Stateboro Blues d'apertura. Caspita, ecco la macchina del tempo!

Grazie per il ricordo.

ciao, silvano.

 

« Because something is happening here but you don't know what it is

do you Mister Jones? »

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
eduardo

Eh, sarebbe bello deporre l'ascia di guerra ... penso che ne guadagneremmo tutti.

La vena malinconica - caro Tom - mi viene fuori spesso, quando mi capita di ascoltare dischi che ti ri-proiettano indietro di anni ... ma e' una (bella) sensazione che sono certo proviamo tutti - chi piu', chi meno.

Sento il bisogno di una catarsi ... e se fosse questa la via per la rinascita audiofila ? icon_smile.gif

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi -

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
eduardo

quote:

 

questo effetto si chiama "nostalgia" ed e' un parametro che cancella qualunque concetto audiofilo.Senti solo cio' che la tua mente vuole ed il cervello audiofilo in quei momenti non e' connesso. Se cambi disco e metti qualcosa di recente la magia si perde ... ma non dovresti perdere il piacere del puro ascolto che comunque la musica Sto arrivando! sempre regalare.

 

Maurizio

 

ps Ho piu' di 10 dischi della MTB piu un Dvd " Live in Boston " e ricordo ancora quando acquistai al New Kari di Via Torino a Milano il loro primo Lp in vinile (mi pare 1.500 lire forato in offerta anno 1978 +_ e successivamente lo splendito "Searchin' for a rainbow" Bei tempi!

 

Maurizio

 

 

 

Modificato da - maurjmusic il 30/03/2012 23:27:37

 

 

 


id=quote>id=quote>

 

 

 

 

Se non hai anche "Where we all belong" con te neanche ci parlo icon_smile_big.gificon_smile_big.gificon_smile_big.gif.

Quanto ho amato i fratelli Caldwell ...

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi -

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
fix

Ah...la Musica,regina di tutte le Muse, la seconda cosa piu' importante della mia vita!icon_smile_big.gif.Condivido le tue emozioni ,mentre ascolto una compilation di blues con Jeff Beck,Allman Brothers,Steve Ray Vaughan,Al Kooper,Jimi Hendrix,Eric Clapton, Animals ed altri.L'ho stilata 30 anni fa ed ancora mi trasporta...

Claudio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Maurjmusic

quote:

 

questo effetto si chiama "nostalgia" ed e' un parametro che cancella qualunque concetto audiofilo.Senti solo cio' che la tua mente vuole ed il cervello audiofilo in quei momenti non e' connesso. Se cambi disco e metti qualcosa di recente la magia si perde ... ma non dovresti perdere il piacere del puro ascolto che comunque la musica Sto arrivando! sempre regalare.

 

Maurizio

 

ps Ho piu' di 10 dischi della MTB piu un Dvd " Live in Boston " e ricordo ancora quando acquistai al New Kari di Via Torino a Milano il loro primo Lp in vinile (mi pare 1.500 lire forato in offerta anno 1978 +_ e successivamente lo splendito "Searchin' for a rainbow" Bei tempi!

 

Maurizio

 

 

 

Modificato da - maurjmusic il 30/03/2012 23:27:37

 

 

 

 


id=quote>id=quote>

 

 

 

 

Se non hai anche "Where we all belong" con te neanche ci parlo icon_smile_big.gificon_smile_big.gificon_smile_big.gif.

Quanto ho amato i fratelli Caldwell ...

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi

 

 

 

Parla pure ... perche' ho anche il disco registrato nella patria di Happy Days. (Fonzie) icon_smile_big.gif i nsieme ai Sogni della Carolina e a molti altri.

 

Mauriziio

 

 

 

 

 

 

 

 

Modificato da - maurjmusic il 31/03/2012 00:13:05

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
markozilla

quote:

Stavo seguendo la discussione tecnica sulle C.V., cercando (disperatamente ...) di comprendere tutti i passaggi e commenti; ma non sono granche', tecnicamente parlando, e quindi piu' di qualcosa mi sfuggiva.

Poi, ad un certo punto, mi rendo conto che l'impianto sta suonando un vecchio disco della Marshall Tucker Band, uno dei miei grandi amori di sedicenne/diciasettenne ...

E, come d'incanto, mi ritrovo catapultato in un'altra dimensione temporale ... cazzo, mi sembra addirittura che mi siano ricresciuti tutti i capelli ... che bella sensazione ... ma ... ma e' cambiata anche un'altra cosa ...

Non riesco a focalizzare ... si, ecco, ora ho capito.

E' il semplice - magari ruspante - piacere di ascoltare, e farsi rapire ...

all'improvviso non me ne frega piu' niente di come suona - o dovrebbe suonare - l'impianto ; potrei stare tutta la vita seduto qui ad ascoltare ...

Ed e' lo stesso atteggiamento che avevo da sedicenne/diciassettenne al cospetto di un buon disco che suonava ... che cazzo ne sapevo di sinergie, di acustica, di efficienza, di dinamica, etc., etc. ?

E, nonostante la mia (beata ?) ignoranza di allora, mi ricordo che godevo della musica probabilmente in maniera diversa - ma sicuramente piu' intensa - di quanto mi capiti ora.

Ma non e' che stiamo sbagliando qualcosa ? Forse dovremmo liberarci di un po' di tecnicismi, e tornare un po' alle "origini" ....

 

 

P.S. - Non intendo promuovere alcuna delle "correnti" attualmente impegnate in singolar tenzone; la mia vuole essere solo una considerazione/spunto di carattere generale.

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi -


id=quote>id=quote>

 

Ma se la musica attraverso l'ascolto ci regala queste sensazioni, al diavolo misure, fonometri e altoparlanti con materiali aerospaziali….!

 

 

 

 

 

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mauriziox60

Bravo Eduardo, bel post pieno di verità.

Io credo che i parametri audiofili debbano fermarsi un attimo prima del minuto 0.00. Poi, quando attacca, la musica dovrebbe invadere il nostro cervello annullando ogni altra cosa.

Aggiungerei che la nostalgia, almeno per me, è un sottoprodotto del tecnicismo spinto. Cioè, a furia di bearci(?) dei parametri audiofili, spesso si perde il senso vero dell'ascolto, e più si va avanti è più ne perdiamo il filo. Ritrovandolo, come evidentemente ti è capitato, ritorniamo ad emozioni sepolte, ma non morte, da un mare di "cavolate" audiofighe.

 

 

Saluti

Maurizio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
eduardo

quote:

quote:

 

questo effetto si chiama "nostalgia" ed e' un parametro che cancella qualunque concetto audiofilo.Senti solo cio' che la tua mente vuole ed il cervello audiofilo in quei momenti non e' connesso. Se cambi disco e metti qualcosa di recente la magia si perde ... ma non dovresti perdere il piacere del puro ascolto che comunque la musica Sto arrivando! sempre regalare.

 

Maurizio

 

ps Ho piu' di 10 dischi della MTB piu un Dvd " Live in Boston " e ricordo ancora quando acquistai al New Kari di Via Torino a Milano il loro primo Lp in vinile (mi pare 1.500 lire forato in offerta anno 1978 +_ e successivamente lo splendito "Searchin' for a rainbow" Bei tempi!

 

Maurizio

 

 

 

Modificato da - maurjmusic il 30/03/2012 23:27:37

 

 

 

 


id=quote>id=quote>

 

 

 

 

Se non hai anche "Where we all belong" con te neanche ci parlo icon_smile_big.gificon_smile_big.gificon_smile_big.gif.

Quanto ho amato i fratelli Caldwell ...

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi

 

 

 

Parla pure ... perche' ho anche il disco registrato nella patria di Happy Days. (Fonzie) icon_smile_big.gif i nsieme ai Sogni della Carolina e a molti altri.

 

Mauriziio

 

 

 

Modificato da - maurjmusic il 31/03/2012 00:13:05

 

 

 


id=quote>id=quote>

 

 

 

 

Per alcuni anni ogni mattina, appena sveglio, abbassavo la puntina su "Heard it in a love song" ... quel flauto mi predisponeva bene per la giornata che iniziava.

Ed e' proprio quella sensazione che e' andata perduta ...

Lo so, pensate la stessa cosa che penso io: i sedici anni sono i sedici anni, le cose le vivi - e le affronti - in tutt'altro modo, non hai ancora da combattere con tutti i problemi che la vita poi ti proporra' ... insomma, sei mentalmente molto piu' "fresco" di quando diventi cinquantenne, e quindi anche con la musica ti rapporti in tutt'altro modo.

Ma io - fino almeno alla seconda meta' degli anni ottanta - non ricordo di aver mai neanche pensato ad una minima parte delle cazzate dalle quali ci facciamo condizionare ora.

Tanto per dirne una: ma chi pensava alla scena (e che era ? icon_smile_question.gificon_smile_shock.gif ) ed a come sistemare le casse nel modo ottimale, segnando sul pavimento la posizione precisa in modo da "memorizzarla" ?

Ma - ripeto - non e' che abbiamo perso la bussola ?

Ho come la sensazione che ci stiamo avvitando su noi stessi ...

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi -

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
eduardo

quote:

 

Ritrovandolo, come evidentemente ti è capitato, ritorniamo ad emozioni sepolte, ma non morte, da un mare di "cavolate" audiofighe.

 

 

Saluti

Maurizio

 

 

 


id=quote>id=quote>

 

 

 

 

Hai ragione, Maurizio.

Per fortuna, da qualche parte, "quelle" emozioni giacciono sopite in attesa di essere risvegliate, come mi e' improvvisamente capitato ieri sera.

Ma non dobbiamo permettere che "i tecnicismi" prendano il sopravvento.

Anche a sedici anni sbavavo per un bel paio di casse (allora impazzivo per le Altec Nineteen icon_smile_tongue.gif ), ma mi era ben chiaro che queste avrebbero rappresentato il mezzo, non il fine.

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi -

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
extermination

 

 

Io credo che molti oltre che la via maestra ..abbiamo perso anche la testa (:>)

 

Alberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

edo, attenzione, non so se tu stavi davvero ascoltando la musica o semplicemente il ricordo del bel tempo andato, un brano legato a momenti particolari dekka mia vita non è un buon test, in quel tipo di ascolto quello che mi da emozione è soptrattutto il ritorno al passato e quello che inconsciamebte ricerco è un insieme di fattori che mi riportano a quel passato (come era o meglio come me lo ricostruisco nel ricordo), un pò come certi piatti banali che mia madre mi preparava quando guardavo la domenica sportiva e che per me sono fascinosi mentre per gli altri restano banali.

La musica mi deve emozionare anche con brani non legati ad eventi del passato, ed ovviamente se la musica mi emoziona non faccio caso ai parametri audiofili, che pure ci sono, e dei quali mi accorgo solo se di botto venissero a mancare (un po come la funzionalità di un arto, ti acorgi della sua importanza solo quando ti da un problema).

buona musica

enrico

 

 

col cavo ho un gran ricavo, col resto della catena ci campo a malapena

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
peruzzini

Io vi racconto un aneddoto:

Conoscevo giovane, che, negli anni '90, investiva il suo piccolo stipendio mensile per acquistare, permutare, vendere, riacquistare, rivendere, ripermutare, preamplificatori, finali, casse, cavi..ecc. ecc...! Si posizionava, nella sua stanzetta (a volte in modo davvero ridicolo), in una posizione, al cospetto dei diffusori, calcolata attraverso una serie di calcoli geometrici e matematici che secondo le varie riviste e teorie che leggeva. Anche i diffusori naturalmente erano "matematicamente sistemati". Il suo impianto, mai uguale per più di un mese, costava parecchi milioni di lire. La sua stanzetta era piena zeppa di riviste di alta fedeltà, di migliaia di CD e soprattutto di antiestetici tubi che servivano ad insonorizzare ottimamente l'ambiente.

Ascoltava soltanto musica "raffinata", e cioè JAZZ, Diana Krall, Paolo Conte e i CD che servivano a testare l'impianto, e quando ci confrontavamo sui gusti musicali (a me, ahimè, piaceva la musica nazional popolare, Pink Floyd, Genesis) mi guardava dall'alto in basso. Quando ascoltavamo la sua musica, avevo sempre la sensazione che lui ascoltasse l'impianto, e non la musica raffinata che proponeva. Ricordo ancora quando lui, come un profeta, mi spiegava che la musica di Paolo Conte fosse una musica dinamica e coinvolgente (!?!), e mi faceva notare alcuni passaggi di charleston e di piatti che i diffusori restituivano egregiamente. Poi ci siamo persi di vista, ma ho saputo che aveva venduto tutto, anche l'intera collezione di CD, e che aveva perso la passione per l'HI Fi. Alcuni giorni fa, l'ho ritrovato su Facebook, e con vivo stupore ho scoperto che la sua musica preferita é costituita dal Pop, da Madonna e da Gigi D'Alessiooooooo!!!!!!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dufay

Io ho riesumato il mio vecchio televisore in bianco e nero Radiomarelli solo per ascoltare la tv dei ragazzi di quand'ero piccolo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
eduardo

quote:

edo, attenzione, non so se tu stavi davvero ascoltando la musica o semplicemente il ricordo del bel tempo andato, un brano legato a momenti particolari dekka mia vita non è un buon test, in quel tipo di ascolto quello che mi da emozione è soptrattutto il ritorno al passato e quello che inconsciamebte ricerco è un insieme di fattori che mi riportano a quel passato (come era o meglio come me lo ricostruisco nel ricordo), un pò come certi piatti banali che mia madre mi preparava quando guardavo la domenica sportiva e che per me sono fascinosi mentre per gli altri restano banali.

La musica mi deve emozionare anche con brani non legati ad eventi del passato, ed ovviamente se la musica mi emoziona non faccio caso ai parametri audiofili, che pure ci sono, e dei quali mi accorgo solo se di botto venissero a mancare (un po come la funzionalità di un arto, ti acorgi della sua importanza solo quando ti da un problema).

buona musica

enrico

 

 

col cavo ho un gran ricavo, col resto della catena ci campo a malapena

 

 

 


id=quote>id=quote>

 

 

 

No, Enrico, stavo semplicemente ascoltando musica, neanche legata a ricordi particolari.

Quello della Marshall Tucker Band, che mi riporta indietro nel tempo di quasi quarant'anni, era solo uno dei dischi tra i tanti (sono rimasto chiuso nel bunker che ben conosci per molte ore ... icon_smile_tongue.gif ).

Conosco bene il meccanismo dei ricordi; quello che rimane "impresso" nel nostro cervello (e nel nostro cuore) e' solo quello che "vogliamo" ricordare.

E' per questo che i ricordi - di solito - sono sempre "dolci" ...

Quello che mi da veramente fastidio e' sorprendermi - in alcuni momenti - a pensare all'impianto ed a come suona o dovrebbe suonare, invece che continuare a farmi trasportare chissa' dove dalla musica.

Vorrei riuscire a non "distrarmi" piu' ... icon_smile_wink.gificon_smile_wink.gif

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi -

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mikefr

quote:

Io ho riesumato il mio vecchio televisore in bianco e nero Radiomarelli solo per ascoltare la tv dei ragazzi di quand'ero piccolo...


id=quote>id=quote>

 

 

 

Dufay sei unico,ma come ti vengono stè battute?Mitico................

 

 

 

 

 

Michael Moscone.

 

E' sempre una questione di gusti.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Bizio

Le nostre percezioni sono condizionate dal tempo e dall'esperienza, distorciamo una realtà che apparte al passato aggiungendo la malinconia del ricordo.

Da ragazzo non avevo una lira e qualsiasi cosa riuscissi ad ottenere, incluso il nuovo ampli o le nuove casse, era goduta in maniera molto diversa da quanto lo possa essere oggi. Probabilmente se oggi ascoltassi con il mio vecchio ampli Scott e le Indiana Line con tweeter a cono, rimarrei delusissimo...

Il benessere poi mi ha portato a tuffarmi in una girandola di compra - vendi - prova che ad un certo punto non aveva più nulla a che vedere con la musica. Era solo lo sfogo di poter fare quello che non potevo fare prima... Ma intanto le cose sono andate avanti e, forse troppo tardi, mi sono reso conto che mi stavo solo sollazzando a comprare giocandoli. Troppo tardi nel senso che le cose sono andate avanti: con quello che abbiamo a disposizione oggi il disco non distorce più quando la testina arriva ai solchi interni, le testine del deck non vanno allineate, pulite e smagnetizzate per evitare suoni attufatissimi, l'ampli non clippa e non fa una fumata al primo ascolto a livelli "live", le casse economiche non fanno quasi mai pietà come quelle di 30 anni fa.

In realtà oggi ascoltare BENE la musica è semplice e direi anche economico. C'è roba buona in giro, onesta, che ti fa godere la musica al 95% di come è stata pensata e registrata... Quindi, se l'obiettivo è DAVVERO quello di ascoltare la musica, basta decidere di smettere di giocare e tornare a sederci ad ascoltare e godere di un bel disco, anche con un impianto da 2000 euro come il mio, che ho sapientemente downgradato con il tempo fino ad arrivare al giusto compromesso.

Noi, io per primo, siamo trascinati dal nostro gioco, a volte in maniera eccessiva e ridicola. Per carità, non si fa del male a nessuno, ognuno ha il sacrosanto diritto di divertirsi come crede. Però il dubbio viene a vedere i tanti, tantissimi veri MUSICOFILI, artisti, compositori, professionisti, che raramente si curano del mezzo ma puntano dritti al fine. Non voglio arrivare al paradosso del direttore d'orchestra che ascolta con la radiolina ma, di certo, l'audiofilo "tipo" esprime spesso, un pò troppo spesso, il paradosso opposto, diventando ridicolo.

 

Saluti

Fabrizio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mauriziox60

 

Vorrei riuscire a non "distrarmi" piu' ... icon_smile_wink.gificon_smile_wink.gif

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi -

 

 

 

 

Esatto!

Non è nostalgia, è amore per la musica.

 

 

 

 

Saluti

Maurizio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mikefr

Comunque un fondo di varietà c'è,io con il mio primo apparecchio per sentire la musica,un K7 della Philips regalatomi per il mio 10° compleanno dal mio papi,ascoltavo per ore i dischi registrati rigorosamente con microfono e in religioso silenzio,dagli impianti degli amici più fortunati.Confesso però che nel mio piccolo,all'ascoltare poi a casa il risultato,mi veniva già da pensare:chissà come sarebbe più godibile la musica riprodotta da quegli impianti che vedevo solo sulle prime riviste specializzate che allora uscirono?

 

Michael Moscone.

 

E' sempre una questione di gusti.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
eduardo

quote:

 

 

In realtà oggi ascoltare BENE la musica è semplice e direi anche economico. C'è roba buona in giro, onesta, che ti fa godere la musica al 95% di come è stata pensata e registrata... Quindi, se l'obiettivo è DAVVERO quello di ascoltare la musica, basta decidere di smettere di giocare e tornare a sederci ad ascoltare e godere di un bel disco, anche con un impianto da 2000 euro come il mio, che ho sapientemente downgradato con il tempo fino ad arrivare al giusto compromesso.

Fabrizio

 

 

 


id=quote>id=quote>

 

 

 

Ecco ... e se fosse proprio questa LA STRADA per ritrovarsi ?

Se ne e' parlato altre volte, ma forse se ne dovrebbe parlare ancora: un oculato downgrade per riacquistare la purezza delle origini ?

Che ne pensate di questa operazione catartica ?

Potrebbe aiutare ?

E poi, cosa ne facciamo di questa sezione del forum ? icon_smile_big.gif

Quanto moderatori resterebbero a spasso ? icon_smile_big.gificon_smile_big.gificon_smile_big.gif

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi -

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

quote:

Ecco ... e se fosse proprio questa LA STRADA per ritrovarsi ?

Se ne e' parlato altre volte, ma forse se ne dovrebbe parlare ancora: un oculato downgrade per riacquistare la purezza delle origini ?

Che ne pensate di questa operazione catartica ?

Potrebbe aiutare ?

E poi, cosa ne facciamo di questa sezione del forum ? icon_smile_big.gif

Quanto moderatori resterebbero a spasso ? icon_smile_big.gificon_smile_big.gificon_smile_big.gif

 

Eduardo


id=quote>id=quote>

caro edo, mettere insieme un impianto ben suonante a basso costo è possibile, ma siccome l'acqusto, nel nostro mondi consumistico (e non parldo solo di hifi ma di auto, moda, orologi, pelletteria, scarpe, divani ecc ecc) è un mod per colmare altre lacune, diventa sempre èiù difficile separare aspetti che razionamnete dovrebbero andare separati.

In aggiunta,un impinato budget richiede più esperienza e competenza di uno hi end.

Ma il punto nonj è questo, io sono un po la favola dei miei amici audiofili perchè cambio componewnti di rado,le miel thiel le ho da oltre 10 anni, e le ess precedenti mki hanno accompagnato per 25. Dove la roba gira è nel secondo impinato, fatto da componenti comprati a prezzi di vera occasione e che periodicamente rivendo agli amici che cercano impianti ultra budget, il che mi da l'occasione di cambiare ancora.

Più cambiamo componenti e più logicamente dedicvheremo tempo all 'ascolto dell'impianto alla dofferenza tra prima e dopo, a cosa avremmo potuto reondere di alternativo. Se si cambia poco, dopo un certo tempo si finisce per smettere di pensare all'impianto (a meno che questo non abbia un problema evidente, ma se così è e la spesa elevata, mettiamoci davanrti ad uno sepcchio e sputiamoci in faccia) e tornare ad ascoltare la musica.

Se siamo nella logica della modifica continua il downgradinh è una falsa terapia, sarà solo una pausa per ripartrie daccapo dopo un po.

L'unica è smetterla con gli acuisit hw e con le prove di componenti a casaprprioa e ricominciare a mettere la musica che ci piace, anche se registrata da cani

Buona musica

enrico

 

col cavo ho un gran ricavo, col resto della catena ci campo a malapena

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gennaro61

Ci sono persone che ascoltano attraverso l'impianto la musica e altre che attraverso la musica ascoltano l'impianto.

Io a 16-17 anni mettevo un disco lento e ascoltavo la musica cercando (quando mi riusciva) di pomiciare con la damigella di turno, chi se ne fregava della scena, dell'articolazione dei bassi e dei cavi esoterici?

Saluti

 

gennaro61

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Bizio

quote:

quote:

 

 

In realtà oggi ascoltare BENE la musica è semplice e direi anche economico. C'è roba buona in giro, onesta, che ti fa godere la musica al 95% di come è stata pensata e registrata... Quindi, se l'obiettivo è DAVVERO quello di ascoltare la musica, basta decidere di smettere di giocare e tornare a sederci ad ascoltare e godere di un bel disco, anche con un impianto da 2000 euro come il mio, che ho sapientemente downgradato con il tempo fino ad arrivare al giusto compromesso.

Fabrizio

 

 

 


id=quote>id=quote>

 

 

 

Ecco ... e se fosse proprio questa LA STRADA per ritrovarsi ?

Se ne e' parlato altre volte, ma forse se ne dovrebbe parlare ancora: un oculato downgrade per riacquistare la purezza delle origini ?

Che ne pensate di questa operazione catartica ?

Potrebbe aiutare ?

E poi, cosa ne facciamo di questa sezione del forum ? icon_smile_big.gif

Quanto moderatori resterebbero a spasso ? icon_smile_big.gificon_smile_big.gificon_smile_big.gif

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi -


id=quote>id=quote>

 

Beh, non sarei così fondamentalista icon_smile_big.gif, diciamo che questa può essere UNA delle strade, è stata la mia per una serie di motivi, il primo tra i quali sicuramente quello che la musica che ascolto io è tipicamente inadatta, direi anzi antitetica, ad essere riprodotta su un impianto hi end. Probabilmente per chi si nutre di orchestre sinfoniche o quartetti d'archi ripresi ed incisi in maniera adeguata non è QUESTA la strada.

Il mio primo campanello di allarme è stato quello di non riuscire più a mettere su un ignorante pezzo di hard rock anni 70 e, invece che stare lì a battere il piedino, mi concentravo sui DIFETTI che l'impiano "rivelatore" mi sbatteva in faccia. E' anche vero che si può costruire un impianto bello e costoso a misura anche per questo (McIntosh e JBL Monitor, per dire una banalità...), quindi il gioco può comunque valere la candela.

Sono convinto che quello che bisognerebbe davvero EPURARE sono i maghi ed i santoni, quelli che sul gioco ci marciano, quelli che speculano sul fatto che oramai, in questo gioco diventato nauseante da guardare se lo fai con un minimo di distacco e senso critico, si può dire tutto ed il contrario di tutto, tanto qualche pesce che abbocca e che apre il portafogli si trova sempre.

Ce ne sono tanti, troppi di questi figuri, purtroppo anche qui su VHF. Mi piacerebbe tanto che chi ha peso e autorevolezza in questo ambiente (ogni riferimento a Moroni è puramente voluto), un bel giorno prenda questi personaggi per il colletto e li accompagni gentilmente a mercanteggiare altrove.

 

Saluti

Fabrizio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
eduardo

quote:

 

 

Se siamo nella logica della modifica continua il downgradinh è una falsa terapia, sarà solo una pausa per ripartrie daccapo dopo un po.

L'unica è smetterla con gli acuisit hw e con le prove di componenti a casaprprioa e ricominciare a mettere la musica che ci piace, anche se registrata da cani

Buona musica

enrico

 

col cavo ho un gran ricavo, col resto della catena ci campo a malapena

 

 

 


id=quote>id=quote>

 

 

 

 

Vabbe', allora mi siedo tranquillo sul divano e non invito piu' nessuno per le prove !!!! icon_smile.gif

Solo ... condannato alla solitudine audiofila ... icon_smile_sad.gif

E no, che tristezza !!!

E con i pranzi audiofili come la mettiamo ??? icon_smile_wink.gificon_smile_wink.gificon_smile_wink.gif

Solitudine e digiuni ... icon_smile_dead.gificon_smile_dead.gif

 

Eduardo

 

- con Tannoy non t'annoi -

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.697
    Discussioni Totali
    5.874.823
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×