Jump to content

Ampli inglesi a prezzi umani


Sarino85
 Share

Recommended Posts

grazie, quindi la classifica è questa ?

( la classifica più hifi anzi )

1) 28mk2

2) 304

3) creek

4)48mk3

non l'ho mai sentito , ma il Creek dalla tua descrizione e da come ne sento parlare mi ricorda tanto il Cyrus One che ho avuto per molto , voci insuperabili ...tutto il resto un pò indietro...ma proprio poco poco , ma si sente quando attacchi un'altro ampli

25 minuti fa, 78 giri ha scritto:

Jennifer Warnes The hunter e  Famous Blue Raincoat Eric Bibb Migration Blues. 

bellissime canzoni 

Link to comment
Share on other sites

78 giri

@Bazza ciao, per quanto possa essere preciso ho cercato di fare ascolti allo stesso livello. È per questo che ho indicato la posizione della manopola del volume. 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...
Westender

Parlando di integrati, oggi ho ritirato dal tecnico il mio Exposure XV che stava lì da un secolo in attesa di cure. Dopo anni di minacce (era messo maluccio e le ore di lavoro erano tante) sono finalmente riuscito a farmelo ridare. Il conto non è stato proprio economico ma sono veramente soddifatto del risultato!

 

Sta suonando in sottofondo nell'impianto dell'ufficio con le Snell K3 e il dac Matrix che uso con la liquida e mi ha veramente stupito: i medioalti sono raffinatissimi e ha un senso del ritmo pari al mio vecchio Nait1. I bassi sono belli rotondi e senza code. E' in generale più rifinito e meno scuro del Sugden a28 e un pelo più rafinato anche dell'Onix OA21 che ho in cucina. Non riesco a paragonarlo bene con l'Obelisk X3+Xpak perchè ho avuto la coppia per troppo poco tempo ma l'idea è che siano lì vicini.

 

A volumi medio bassi il XV qui in ufficio è quasi pari con la coppia MF the Preamp/P140 e con il pre Magnum MP150 con i finali Quantum 205. Non ha il senso di potenza che i finali più grandi riescono a dare ma la resa sulle voci è veramente notevole. L'unica pecca (tuttosommato accettabile) è che se si alza troppo il volume la raffinatezza si perde un pò, il basso perde presenza e i medi si induriscono. Qui i 40w di corrente mostrano la corda ma quale piccolo integrato non ha questo problemi.

 

L'Exposure per gli ascolti di sottofondo e a volumi normali è veramente eccezionale e questo XV è il miglior integrato inglese che abbia mai avuto. In settimana voglio provarlo meglio col giradischi. Per ora mi godo la musica.

 

 

 

 

  • Melius 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

grazie della bella descrizione dell'Exposure XV e dei confronti.

parli anche dello Ion 3x+xpack , ha mai ascoltato un confronto con lo Ion 1 ? ( potenza  a parte)

grazie

Link to comment
Share on other sites

51 minuti fa, Westender ha scritto:

parlo solo del 3x+xpak purtroppo. Non ho mai sentito l'1.

grazie , ti chiedevo perchè ho l'1 e volevo sapere se c'erano differenze e quali .

da quel che ho letto l'1 dovrebbe essere il migliore ( come dicono del Cyrus one e del Naim per esempio) , molto più musicale degli altri due , del 3 x+xpack ho sentito dire che picchia molto di più e lo senti sopratutto nella dinamica e nel basso....volevo capire se c'erano queste differenze e se erano cos' stravolgenti o no. grazie

 

Link to comment
Share on other sites

Westender

@max56 Non saprei dirti onestamente.

 

Gli integrati inglesi con l'alimentazione separata sicuramente costano di più e forse suonano meglio. Qualche differenza tra gli integrati Cyrus e Naim da soli e con Psx/Ncap sicuramente c'è ma non saprei dirti se la regola vale anche per il tuo Ion. 

Probabilmente sì ma se il tuo suona bene e ti piace non ti crucciare. 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Westender ha scritto:

se il tuo suona bene e ti piace non ti crucciare.

si si , grazie 

come già detto nel 3D forse il patner ideale ( più che patner =altro ampli muletto/scorta) con lo ION 1 è un bel Creek 4040 , cercherò di trovarne uno in zona e di ascoltarlo

Link to comment
Share on other sites

Westender

@max56 Credo che in origine il 4040 fosse più economico dello Ion. Servirebbe un annuario dell'epoca per capirlo bene.

 

Link to comment
Share on other sites

23 minuti fa, Westender ha scritto:

Credo che in origine il 4040 fosse più economico dello Ion.

lo credo anch'io , la mia scelta è solo perchè "vorrei" un ampli muletto o di scorta , premetto che ho già preso un Nad 304 ma al primo ascolto non mi ha convinto come lo Ion o il Nad 302 che ho avuto tanti anni fa, forse , dico forse , dovrei dare qualche possibilità in più al 304 , nel senso che : l'ho portato a casa , l'ho attaccato , l'ho ascoltato per mezz'ora e ne ho tratto il risultato...forse una chance in più dovrei dargliela ......per questo che si chiami Creek o Nad.... o Arcam Alpha   o Exposure XV o altro , non è che sia così importante.

 

Link to comment
Share on other sites

ernesto62

Ho avuto  il Cyrus One , lA&R A60 e il Creek 4040 (prima serie con le entrate DIN)questo ultimo lo  ho attualmente , tra i tre il più raffinato è il Creek . L'A&R a seconda dei diffusori rendeva meglio ...con le ProAc One Sc era squisito ,con le B&W CDM 7 NT era pur sempre un bell'ascolto ma perdeva un po' di quella simbiosi magica . Il Cyrus era un po' più vellutato per così dire tre in generale . Il Creek fa della raffinatezza secondo me il suo cavallo di battaglia

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
oscilloscopio

A mio parere il Creek abbinato ai giusti diffusori in un ambiente di dimensioni medie o medio/piccole potrebbe considerarsi un punto di arrivo.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

andpi65
54 minuti fa, oscilloscopio ha scritto:

A mio parere il Creek abbinato ai giusti diffusori in un ambiente di dimensioni medie o medio/piccole potrebbe considerarsi un punto di arrivo.

Visto e considerata la cifra che chiedono attualmente sul mercato ( a partire da 200 euro circa)   e visto e considerato che al contrario di altri ha meno problemi di revisione nel tempo (pari a zero nel caso del mio che è una prima serie con RCA) , direi che per quella cifra è difficile trovare di meglio ( IMHO)

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, oscilloscopio ha scritto:

Creek abbinato ai giusti diffusori

con le serie Canton Gle /Quinto/Karat potrebe andare d'accordo ?

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
oscilloscopio

@max56  Si, anche se personalmente preferisco l'abbinamento con diffusori inglesi o americani.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Scusate, evidentemente diro’ una qualche inesattezza, ma nella foto illustrativa pubblicata da @78 giri colgo un dato che mi risulta strano.

Mi riferisco precisamente all’ultima pagina, quella relativa alla scheda tecnica    del Creek 4040 s2, dove si riporta una potenza di 35 watt su 8 ohm ed una potenza di 20 watt su 4 ohm.

Ma la potenza non dovrebbe  aumentare al diminuire dell’impedenza ?

 

 

Link to comment
Share on other sites

21 minuti fa, oscilloscopio ha scritto:

inglesi o americani.

Io ne starei meditando l’acquisto, sia per la curiosità suscitata dalle moltissime lodi lette negli anni sia perché lo userei come muletto (non nel senso dispregiativo del termine), mi sembra una buana scelta, considerata la somma a disposizione.

Pero’ i miei diffusori non sono Inglesi, e non sono Americani.

Desisto ?

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
oscilloscopio

@samana  Assolutamente no...il Creek pilota agevolmente anche diffusori non propriamente facili quindi la scelta è ampia ed orientabile in base ai propri gusti ed ambiente.

Link to comment
Share on other sites

Silencer
59 minuti fa, samana ha scritto:

Mi riferisco precisamente all’ultima pagina, quella relativa alla scheda tecnica    del Creek 4040 s2, dove si riporta una potenza di 35 watt su 8 ohm ed una potenza di 20 watt su 4 ohm.

Ma la potenza non dovrebbe  aumentare al diminuire dell’impedenza ?

Solo teoricamente si ha un raddoppio della potenza al dimezzarsi della impedenza

spesso si ha un aumento più o meno vicino al raddoppio ma non sempre

a volte si ha un decremento di potenza come in questo caso

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, max56 ha scritto:

con le serie Canton Gle /Quinto/Karat potrebe andare d'accordo ?

 

4 ore fa, oscilloscopio ha scritto:

Si, anche se personalmente preferisco l'abbinamento con diffusori inglesi o americani.

 

3 ore fa, samana ha scritto:

Pero’ i miei diffusori non sono Inglesi, e non sono Americani.

 

3 ore fa, oscilloscopio ha scritto:

Assolutamente no...il Creek pilota agevolmente a

questo Creek sembra andare d'accordo con tutti, meglio per noi ....ma  come suona sto Creek visto e constatato che va d'accordo sia con le Canton , che con le Celestion o con le Bozak  ( sono americane ? chissà perchè mi son venute in mente queste ) ?

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
oscilloscopio

@max56 È un amplificatore piuttosto neutro e dettagliato con una buona spinta che mette bene in evidenza le caratteristiche dei diffusori, quindi come ho scritto si abbina bene un po' con tutto, alla fine dipende dai propri gusti e dalla risposta dell'ambiente.

Link to comment
Share on other sites

bambulotto
6 ore fa, max56 ha scritto:

o con le Bozak  ( sono americane ? chissà perchè mi son venute in mente queste ) ?

Perchè probabilmente hai letto che con il Creek 6060 ci ho ho pilotato le mie Bozak B4000 Symphony.

P.S. Sono americane.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.