Vai al contenuto

m163

La confessione del soldato Usa

Messaggi raccomandati

m163

Ecco la raccapricciante confessione di un soldato Usa su questa orribile e inutile strage, che dimostra come la guerra sia il male assoluto e tiri fuori tutto il peggio che esiste nell'uomo:

 

Dal Corriere:

 

Strage di Mahmudiya: confessa un soldato Usa

 

 

«Ho voglia di entrare in una casa e uccidere un po´ di iracheni». Così il 12 marzo scorso, dopo essersi riempito di whisky e aver giocato a golf ad un ceckpoint, il soldato statunitense Steven Green incitò e convinse 4 commilitoni a stuprare e uccidere una ragazzina irachena di 14 anni e i suoi familiari (padre, madre e una sorellina di 5 anni) nel villaggio di Mahmudiya, a 30 chilometri da Baghdad.

 

Così ha raccontato James Barker (23 anni), uno dei 5 soldati statunitensi accusati della strage di Mahmudiya, a un´inquirente statunitense che ha testimoniato nell'udienza preliminare sulla strage svoltasi presso un tribunale militare nella capitale irachena. Il giorno dell´attacco i 4 soldati (oltre a Green e Barker: Jesse Spielman, 21 anni, Paul Cortez, 23, e Bryan Howard di 19 anni, tutti appartenenti alla 101/ma divisione aerotrasportata del Kentucky, che adesso rischiano la corte marziale) avevano bevuto del whisky iracheno «mescolato con drink energetico» e si erano «allenati a fare qualche tiro di golf» ad un ceckpoint a sud della capitale irachena. Ad un certo punto Steve Green (poi congedato dall´esercito per «problemi mentali») aveva detto di «aver voglia di uccider un po´ di iracheni» e i 5 si erano diretti verso una casa lì vicina. Avevano chiuso padre, madre e una bimba di 5 anni in una stanza e poi, a turno, avevano stuprato l´altra figlia di 14 anni.

 

«Mentre stavano stuprando la ragazzina Barker ha sentito dei colpi d´arma da fuoco- ha raccontato in aula l´inquirente statunitense – e poco dopo Steve Greeen è riapparso e ha detto di averli uccisi tutti. Dopo aver anche lui violentato la ragazzina le ha sparato in faccia, l´ha cosparsa di benzina e le ha dato fuoco».

 

I soldati, ancora in servizio attivo tranne Green, saranno giudicati in base all'articolo 32 del codice penale militare, che prevede l'istituzione di un gran giurì simile a quelli istituiti in base alla legge civile. Il procedimento in base all'articolo 32 servirà a determinare se vi sono prove sufficienti per procedere a un regolare processo. Un quinto uomo, il sergente Anthony Yribe, è accusato di aver mentito omettendo di denunciare i fatti di Mahmudiya di cui era al corrente.

 

La strage di Mahmudya ha suscitato profonda indignazione negli Stati Uniti e in Iraq. Tanto che il primo ministro iracheno Nuri al-Maliki ha esplicitamente chiesto 'annullamento della norma di non-perseguibilità in Iraq dei militari statunitensi. Ma l'orrore di Mahmudya non è il solo crimine che a visto coinvolte le truppe a stelle e strisce. Questo è infatti il quinto caso di crimini efferati compiuti da soldati statunitensi dopo il loro ingresso in Iraq. Tra le ultime stragi su cui il Pentagono ha aperto un'inchiesta c'è quella di Haditha (nella foto)dove furono uccidi 24 civili iracheni, tra cui donne e bambini.

 

 

 

 

Pubblicato il 08.08.06

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
JandB

quote:

 

'annullamento della norma di non-perseguibilità in Iraq dei militari statunitensi.

 


id=quote>id=quote>

 

I soldati USA (unico caso nel panorama mondiale) non possono essere giudicati se non da una corte statunitense.

Punto.

Se ammazzano qualcuno in Italia (vedi Cermis) non puoi nemmeno chiedere informazioni sull'accaduto.

Casi internazionali (vedi Calipari) vengono insabbiati e depistati.

E l'elenco si allunga all'infinito.

Forse fra 30 anni sapremo cosa è successo veramente in Iraq, un po' come per il Vietnam.

Saluti Alessio.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
orsanuova

E la strage di Ustica? Vogliamo dirla o no la verita'? CHI ha abbattuto il dc-9?

 

saluti

 

 

Giulio

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
n/a

no lasciamo perdere parlianmo dei morti di oggi,se riapriamo gli armadi saremo sommersi da schletri e teschi con bandierina affissa e su qualcuno non ci saranno solo le stelle e le striscie.

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
JandB

quote:

E la strage di Ustica? Vogliamo dirla o no la verita'? CHI ha abbattuto il dc-9?

 

saluti

 

 

Giulio


id=quote>id=quote>

 

Abbattuto?! Quale DC-9?

No no, si è trattato di un "cedimento strutturale".

Un po' particolare, ma si sa: il mondo è bizzarro.

Saluti Alessio.

 

ps: riconsiglio la visione del film "Il muro di gomma".

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
n/a

ciao

Un prof di strutture aeronautiche all'università (ora in pensione)fece parte della commissione che indagò sulle cause del cedimento non ricordo se fece parte della indagine militare o civile,so solo che sebbene fosse un luminare riconosciuto anche a livello internazionale soprattutto in America,concluse che era stato cedimento strutturale.

 

A volte ci faceva delle lezioni(al posto del nostro prof ufficiale) evitava di parlarne però quando lo sapemmo lo incalzammo e passò un brutto quarto d'ora,naturalmente aveva costruito una teroia difficile da smontare,numeri alla mano.

Il problema è che in questo tipo di ricostruzione,e questo le sentenze non lo spiegano nè un giudice lo può capire avendo formazione diversa, c'è un momento od un punto in cui le possibilità di biforcano e li scegli la strada da prendere e questo ha una certa arbitrarietà,la maggiorparte delle volte che succedono questo tipo di incidenti chi l'ha provocato sa bene questo fatto.

 

Mentre il prof. cercava di annegarci in mezzo a complicate teorie e portarci nel suo campo in cui noi non avevamo speranze di uscirne vincitori,noi gli obiettammo proprio la ricostruzioe degli eventi su cui lui andava veloce senza addentrarsi ma e proprio li che si giocava la partita.

Siccome la cosa si fece animata e si capiva che stessimo mettendo in dubbio il suo essere super partes,se lo ricordò per bene e all'esame ed io ed i mei due amici ,candidati al 30(avendo 28 allo scritto) rovinammo sul 24 annegati in una serie di domande a trabocchetto e cavillose,proprio per farci capire che noi come potevamo contraddirlo quando non valevamo più di 24.

Da una parte mi sentii cornuto e mazziato,dall'altra eravamo vincitori perchè lavevamo costretto ad abbassarsi a prendersela con un povero studente segno che avevamo colpito nel centro.

Come dire che se esprimi le tue idee e cerchi di portarle avanti la paghi quasi sempre, ed è per questo che altri che la pensavano come noi stettero zitti ed altri ancora lo appoggiavano perchè era il più forte(gli fu reso all'esame!).

Questo accade da sempre ed in qualunque campo ,lavorativo ,giornalistico etc...

 

ciao

 

 

 

 

 

Modificato da - maurodigia. il 09/08/2006 15:50:31

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
m163

quote:

quote:

 

'annullamento della norma di non-perseguibilità in Iraq dei militari statunitensi.

 


id=quote>id=quote>

 

I soldati USA (unico caso nel panorama mondiale) non possono essere giudicati se non da una corte statunitense.

Punto.

Se ammazzano qualcuno in Italia (vedi Cermis) non puoi nemmeno chiedere informazioni sull'accaduto.

Casi internazionali (vedi Calipari) vengono insabbiati e depistati.

E l'elenco si allunga all'infinito.

Forse fra 30 anni sapremo cosa è successo veramente in Iraq, un po' come per il Vietnam.

Saluti Alessio.


id=quote>id=quote>

 

Questo è un vero scandalo, tale norma vessatoria nessun Paese libero dovrebbe accettarla, anche perchè è prorpio grazie alla percezione dell'impunità delle loro malefatte che i militari Usa pensano di essere in una zona franca per ogni tipo di misfatto.

 

Ciao, Andrea

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stanzani

quote:

Questo è un vero scandalo, tale norma vessatoria nessun Paese libero dovrebbe accettarla, anche perchè è prorpio grazie alla percezione dell'impunità delle loro malefatte che i militari Usa pensano di essere in una zona franca per ogni tipo di misfatto.

 

Ciao, Andrea


id=quote>id=quote>

cosa si puo' fare? comandano loro, sono i piu' forti. le regole le fanno loro: ha ragione chi e' piu' forte, non chi ha ragione ...

 

Marco -

http://www.uaar.it/laicita/otto_per_mille/

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
m163

quote:

quote:

Questo è un vero scandalo, tale norma vessatoria nessun Paese libero dovrebbe accettarla, anche perchè è prorpio grazie alla percezione dell'impunità delle loro malefatte che i militari Usa pensano di essere in una zona franca per ogni tipo di misfatto.

 

Ciao, Andrea


id=quote>id=quote>

cosa si puo' fare? comandano loro, sono i piu' forti. le regole le fanno loro: ha ragione chi e' piu' forte, non chi ha ragione ...

 

Marco -

http://www.uaar.it/laicita/otto_per_mille/


id=quote>id=quote>

 

La ragione della forza contro la Forza della Ragione...

Il sonno della Ragione genera i mostri (bush docet)

 

Una piccola buona notizia: nelle primarie del partito democratico Usa il democratico Lieberman, grande vecchio della politica, grande amico di Bush e sostenitore della Guerra in Iraq, appoggiato dalla macchina del partito, ha clamorosamente perso le primarie a favore di Lamont, uno che si è schierato apertamente contro tale disastro. Tutti gli analisti hanno sentenziato che proprio la guerra in Iraq è stata la causa della sconfitta di Lieberman, anche perchè nello stesso periodo un generale Usa ha dovuto ammettere di fronte alla Camera che oramai in Iraq c'è la Guerra Civile.

 

Ciao, Andrea

 

 

Modificato da - m163 il 10/08/2006 04:26:40

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
n/a

be non ci voleva tanto al ritmo di 50 morti al giorno e 500 ogni 10 giorni!

ma vi siete mai chiesti perchè tutti ma dico tutti i telegiornali fanno il computo delle morti giornaliere,ma nessuno si azzarda a dire che è guerra civile?

Come se stessero asepttando un nulla osta che non arriva mai!

 

Come quando si fà la rievocazione delle bombe di Hiroshima e Nagasaki si dà il numero dei morti(solo i 250.000 diquelli all'istante ,naturalmente,mica il milione in 10 anni solo per hiroshima e altrettanti per Nagasaki)

dicono oggi si rievocano le bombe cadute ,ma senza indicare mai chi le ha sganciate,come fosse stata una punizione divina.Incredibile.

Mentre dovrebbero solamente dire le bombe che l'America butto sui civili inermi,donne e bambini fusi all'istante,commettendo uno dei più grandi crimini di guerra dell'umanità sicuramente il più eclatante che porto nei 20 anni per morti di tumore e dformazion igenetiche circa 1.500.000-2.000.000 di morti di cui 500.000 all'istante.Accostando gli americani alla figura di Hitler.

A Pearl Harbour erano tutti militari in guerra e non è che se sono in guerra vviso con una telefonata,ma non erano civili inermi.

Come si vede la strategia americana di massacrare donne e bambini non è di oggi ma viene da lontano.

 

Senza contare che ormai la guerra era finita ed i giapponesi in rotta ..

 

Quindi niente di nuovo sotto al sole,purtroppo.

 

ciao

 

Modificato da - maurodigia. il 10/08/2006 03:12:12

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
l_pisani_54

Riguardo alla faccenda della funivia del Cermis, non dimentichiamo che l'Italia è un paese alleato degli Usa, ma anche un paese che ha perso la guerra e si è quindi dovuto assoggettare ai voleri dei vincitori, visto anche che, dopo averci salvato, ci hanno riempito di doni (leggi aiuti sotto varia forma).

Una volta ricevuto i doni, abbiamo dovuto evitare di competere in certi campi dove, una volta risollevati, dovevamo comprare a casa dei nostri padroni.

In proposito andatevi a leggere la storia del BZ 308, grande aereo per il trasporto civile, realizzato dalla Breda prima della guerra, la cui produzione fu bloccata dal veto Usa perché non intralciasse la loro industria.

 

buona musica

 

Leonardo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
orsanuova

quote:

quote:

Questo $B!&(Bun vero scandalo, tale norma vessatoria nessun Paese libero dovrebbe accettarla, anche perch$B!&!&(Bprorpio grazie alla percezione dell'impunit$B!&(Bdelle loro malefatte che i militari Usa pensano di essere in una zona franca per ogni tipo di misfatto.

 

Ciao, Andrea


id=quote>id=quote>

cosa si puo' fare? comandano loro, sono i piu' forti. le regole le fanno loro: ha ragione chi e' piu' forte, non chi ha ragione ...

 

Marco -

http://www.uaar.it/laicita/otto_per_mille/


id=quote>id=quote>

 

"Guai ai vinti" disse il generale Brenno ai romani quando quest'ultimi si accorsero che le bilance (piene d'oro) erano truccate: allora i romani, pur di non soccombere, si ribellarono e scacciarono i barbari......non dovremmo fare la stessa cosa con gli usa?

 

saluti

 

Giulio

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.672
    Discussioni Totali
    5.887.380
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×