Jump to content
Melius Club
Sign in to follow this  
Ciacedda

Fallimento della Tripath

Recommended Posts

Ciacedda

Cari amici

 

Lo sapevate che la Tripath, famosa costruttrice dei chip per le amplificazioni digitali in classe T è fallita?.

Date un'occhiata quì:

"http://www10.edacafe.com/nbc/articles/view_article.php?section=ICNews&articleid=351417"

 

Ciao

 

Alfredo

Share this post


Link to post
Share on other sites
BLACKCIRCLE

quote:

Cari amici

 

Lo sapevate che la Tripath, famosa costruttrice dei chip per le amplificazioni digitali in classe T è fallita?.

Date un'occhiata quì:

"http://www10.edacafe.com/nbc/articles/view_article.php?section=ICNews&articleid=351417"

 

Ciao

 

Alfredo


id=quote>id=quote>

Vorrà dire allora che qualche azienda ne approfitterà per acquistare i chip in stock a prezzo fallimentare, per poi rimetterli sul mercato in amplificazioni super prestigiose a suon di migliaia di €uro?

 

Aloha

MarKo

http://www.jazzdisco.org/

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fabio Cottatellucci

I conti della Tripath non erano stati per lungo tempo entusiasmanti, ci fu un rapido rialzo contemporaneo al lancio del chip usato nel T-Amp e poi il titolo tornò al valore precedente al medesimo.

 

Se ne era parlato nel test del T-Amp su Videohifi: http://www.videohifi.com/15_TAMP1.htm'>http://www.videohifi.com/15_TAMP1.htm

 

Per la precisione, al momento la Tripath non è fallita ma ha presentato richiesta per l'equivalente (circa) del nostro vecchio concordato preventivo (Chapter 11).

 

Per inciso, scrissi lì e ripeto che non c'era nesso causale fra l'uscita del T-Amp ed il temporaneo rialzo delle azioni Tripath.

 

Fabio Cottatellucci

http://www.videohifi.com

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciacedda

Caro Fabio

 

Grazie per la preziosa precisazione!

 

Ciao

 

Alfredo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
orsanuova

Strano, eppure penso che di chip ne abbiano venduti.....non è che verrà assorbita dalla solita multinazionale?

 

 

 

saluti

 

 

 

Giulio

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bebo

La Tripath E' una multinazionale.

 

Ottime cose

 

Bebo Moroni

 

www.lucacoscioni.it

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
orsanuova

quote:

La Tripath E' una multinazionale.

 

Ottime cose

 

Bebo Moroni

 

www.lucacoscioni.it


id=quote>id=quote>

 

 

ah....ecco icon_smile_shy.gif

 

 

 

 

saluti

 

 

Giulio

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
straliccio

La Tripath E' una multinazionale.

Bebo Moroni

----------------------------------------------------------------------

non l'ho capita ma non importa.

la faccenda mi pare semplice: ha fatto un prodotto che il mercato non ha preso bene mentre sono presi meglio prodotti consimili e i conti sono affondati definitivamente.

Leone-Straliccio

 

(che farà adesso il maggior propagandista del TRI in Italia? comincerà a propagandare i moduli come modernariato oppure ci saranno suicidi di massa?)

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
dcg69

Cari amici

 

Lo sapevate che la Tripath, famosa costruttrice dei chip per le amplificazioni digitali in classe T è fallita?.

Date un'occhiata quì:

"http://www10.edacafe.com/nbc/articles/view_article.php?section=ICNews&articleid=351417"

 

Ciao

 

Alfredo

[/quote

 

Caspita, chi l'avrebbe detto. Fino a quattro giorni fa ero nella sede di San Jose della mia ditta, proprio nella stessa strada della Tripath .... a saperlo prima che erano falliti, magari mi mettevo d'accordo con Cadeddu per andare a rovistare nei cassonetti li' attorno alla ricerca di chip del T-amp icon_smile_big.gif

 

Ciao,

Carmelo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ace427

quote:non è che verrà assorbita dalla solita multinazionale?
id=quote>id=quote>

 

Pare che abbia acquistato tutto la Sony...

 

Livio Cucuzza

designer | zeroid=red>audio.itid=size1>

id='Century Gothic'>

www.DomusaudeA.comid=size3>id='Impact'>

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
berry3

Niente di male visti i risultati pessimi all'ascolto.Ma e' cosi' difficile poter arrivare ai 140 euro di listino del finale TProgress F2l?

 

ciao

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciacedda

Cari amici

 

E' anche successo che chi un tempo lo aveva osannato dopo ha pubblicato una recensione che esprimeva delle forti riserve a riguardo. In particolare le critiche erano rivolte ad alcuni moduli basati sul PDD (Power Digital Processing) implementato dai chip della Tripath. Bisogna anche dire che non sono stati espressi dalla stessa persona, ma da un suo collaboratore, presumo aderente alla linea editoriale della rivista online. Va comunque dato atto all'"Editor" di non aver dimenticata la pluralità e la democraticità delle opinioni anche in una rivista così "dura e pura".

 

Ciao

 

 

quote:

Niente di male visti i risultati pessimi all'ascolto.Ma e' cosi' difficile poter arrivare ai 140 euro di listino del finale TProgress F2l?

 

ciao


id=quote>id=quote>

 

Alfredo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pasquale SantoiemmaGiacoia

quote:

Niente di male visti i risultati pessimi all'ascolto.Ma e' cosi' difficile poter arrivare ai 140 euro di listino del finale TProgress F2l?

 

ciao


id=quote>id=quote>

 

e poi lei parla e si scaglia contro tutti e tutti...

il tal prodotto che consiglia lo vende lei mi pare.

è proprio lei magari l'importatore, pure.

lo promuove nella maniera più infima attraverso un

fantomatico nick, sperando che i lettori di "passaggio"

(non scrittori e/o lettori assidui che bene conoscono le sue

aberrazioni e stupidaggini)

che "passano" su questo forum, magari "coogolando",

notino l'imbeccata dello "ONESTO contestatore forumista".

 

e poi spara sentenze qui e la di denigrazione di tutto ciò

che lei non vende e/o non importa, spara contro i suoi

concorrenti in forma anonima e con una sequela di balle abissali.

 

la cosa più preoccupante per noi che gli apparecchi audio

LI ACQUISTIAMO e NON li vendiamo per mestiere come lei...

 

...è proprio una, questa, la domanda che sorge istintiva:

Ma chi è quello "stolto" che affida la distribuzione ed annessi

e connessi di un prodotto, che potrebbe essere pure ottimo e serio prodotto audio,

ad un personaggio come lei?

 

ha delle cose da dire "rivoluzionarie"?

sappia che esiste la pubblicità comparativa.

E' ammessa per legge ed è regolamentata con precise norme.

la utilizzi, con tanto di notaio, come dice la legge e

come dice la legge italiana, apponga il risultato comparativo

CERTIFICATO secondo i canoni che sono l'acquisto di

spazio pubblicitario ove lei potrà comunicare tutti i risultati

che l'istituto universitario ha dedotto a comparazione fra i suoi

prodotti e la concorrenza sua ove i risultati

sono stati certificati e verificati da notaio

come procedura attuata e rispettata.

 

cacci i soldi! direbbe il comico e faccia quello che farebbe

un vero "rivoluzionario" in questo campo ove lei si erge a robin hood

ridicolo carnevalesco e arrogante ...e anonimo pergiunta.

 

Io come acquirente appassionato audio, io li tiro fuori ogni volta che acquisto i soldi.

Lo faccia anche lei visto che scrive NON come comune appassionato

ma come un distributore, importatore, un commerciale quale è.

 

Caro, come utilizzano il caro, i suoi ultimi collaboratori nascosti

qua e la, a "sostegno" in questo forum...

LEI COMMERCIA PRODOTTI

QUI IN SUBDOLO INCOGNITO

e fa pure l'eroe che divulga la verità...

 

neppure la saluto,

quando entro in un negozio è il commerciante

che deve salutare per primo il cliente.

 

auguri per le sue prove certificate comparative.

 

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciacedda

Chi sarebbero questi collaboratori nascosti? Se è lecito chiedere?

Vista il suo eloquio così fluente ed improntato alla massima sincerità e schiettezza, ci informi con sincerità e schiettezza sull'"identità di queste persone".

Attendo risposta grazie!

 

Ciao

 

Caro, come utilizzano il caro, i suoi ultimi collaboratori nascosti

qua e la, a "sostegno" in questo forum...

LEI COMMERCIA PRODOTTI

QUI IN SUBDOLO INCOGNITO

e fa pure l'eroe che divulga la verità...

 

 

 

 

 

Alfredo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
HR

quote:

Chi sarebbero questi collaboratori nascosti? Se è lecito chiedere?

Vista il suo eloquio così fluente ed improntato alla massima sincerità e schiettezza, ci informi con sincerità e schiettezza sull'"identità di queste persone".

Attendo risposta grazie!

 

Ciao

 


id=quote>id=quote>

Caro, come utilizzano il caro, i suoi ultimi collaboratori nascosti

qua e la, a "sostegno" in questo forum...

LEI COMMERCIA PRODOTTI

QUI IN SUBDOLO INCOGNITO

e fa pure l'eroe che divulga la verità...

 

 

 

 

 

Alfredo

 

Alfredo hai posta in pvt.

Ciao

 

Buoni ascolti.

HR

Art for the ear

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Decibel

Se ha rilevato il tutto Sony aspettiamoci l'invasione.

Altro che fare la "guerra" al t-amp da €30 e a chi dice che per quella cifra suona bene!

 

Magari tutto quanto il mercato propone avesse un rapporto q/p almeno paragonabile a quanto offerto dal t-amp.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pasquale SantoiemmaGiacoia

quote:

Chi sarebbero questi collaboratori nascosti? Se è lecito chiedere?

Vista il suo eloquio così fluente ed improntato alla massima sincerità e schiettezza, ci informi con sincerità e schiettezza sull'"identità di queste persone".

Attendo risposta grazie!

 

Ciao

 


id=quote>id=quote>

Caro, come utilizzano il caro, i suoi ultimi collaboratori nascosti

qua e la, a "sostegno" in questo forum...

LEI COMMERCIA PRODOTTI

QUI IN SUBDOLO INCOGNITO

e fa pure l'eroe che divulga la verità...

 

 

 

 

 

Alfredo

 

siamo al paradosso ...se non è lei il collaboratore, che problemi ha?

e poi il punto focale non era questo mi pare...

mi pare pure di ricordare che questo spazio spazio ove leggiamo e

scriviamo non sia un blog, una mailing list privata o pubblica

ma uno spazio forum di RIVISTA AUDIO.

Mi rattrista che forumisti attenti e gentili come Lei

non lo ricordino ed accettino anche che un commerciante aberrante

spanda merda su merda su tutto e su tutti.

 

Cordialmente, Pasquale.

 

 

 

Modificato da - pasquale santoiemma giacoia il 10/03/2007 10:57:21

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
orsanuova

quote:

quote:non è che verrà assorbita dalla solita multinazionale?
id=quote>id=quote>

 

Pare che abbia acquistato tutto la Sony...

 

Livio Cucuzza

designer | zeroid=red>audio.itid=size1>

id='Century Gothic'>

www.DomusaudeA.comid=size3>id='Impact'>


id=quote>id=quote>

 

 

Avete visto che la multinazionale, quella vera, alla fine è arrivata? icon_smile_big.gif

 

 

 

 

 

saluti

 

 

 

Giulio

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ace427

Ricordiamoci che il chip Tripath non è nato per uso audio Hi-Fi, bensi per equipaggiare dispositivi di home entertainment in genere, quali Tv al plasma, radio, etc, applicazioni dove le ridotte dimensioni e gli alti rendimenti fanno la differenza.

 

Che poi nel nostro ambiente qualcuno l'abbia beatificato è storia a se...commercialmente, immagino, poco rilevante.

 

Livio Cucuzza

designer | zeroid=red>audio.itid=size1>id='Century Gothic'>

www.DomusaudeA.comid=size3>id='Impact'>

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
lufranz

quote:

Se fosse acquistata da Sony, l'unica utilita' che Sony potrebbe avere e' quella di utilizzare i contenuti di alcuni brevetti per fare cose del tutto nuove e migliorate nei punti deboli.


id=quote>id=quote>

 

Sbaglio o era accaduta una cosa del genere con il tubo Trinitron ? Mi sembra di ricordare che Sony avesse acquistato l'idea dei 3 cannoni in linea è maschera a griglia da un'altra azienda che però non era riuscita ad ottenere risultati soddisfacenti. Poi ci hanno rimesso le mani ed hanno creato quello che probabilmente è il miglior tipo di CRT mai realizzato.

 

Tornando al T-Amp...ma qualcuno crede davvero che un tracollo della Tripath possa essere legato al rifiuto del chip da parte del mercato hi-fi, che è un infinitesimo di quello a cui il chip stesso è destinato ? Il t-amp è nato come amplificatore per le casse di milioni di PC, altro che per mille audiofili.

 

Ciao

 

 

 

Luca Franzesi

lufranz@f2n.it

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciacedda

Caro Igor

Concordo con te anch'io pienamente. Quando su un certo forum mi sono permesso di dire che, secondo me, il mio Yamaha AX 496 era complessivamente migliore del T Amp, mi sono sentito assalire come un viandante viene aggredito da un coacervo di cani rabbiosi ed ululanti! Non c'entrerà nulla con la vera Hi Fi, ma sapessi quante fazioni e quanti forum e siti di fans intransigenti e fondamentalisti ha creato!

 

Ciao

 

quote:

Concordo col fatto che l'hi-fi non c'entra nulla. Semmai c'entrano logiche industriali di altro tipo, e il fatto che, forse, non hanno venduto abbastanza chip tout-court, soprattutto nel mercato del multimedia e in quello dei televisori. Non penso proprio che abbiano basato il loro business plan sulla vendita di chip e schede nell'hi-end ;-), altrimenti meritano la bancarotta perche' sono dei pazzi :-)))))))

 

ciao

 

 

I.

http://www.videohifi.com


id=quote>id=quote>

 

Alfredo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
matrox

quote:

Quando su un certo forum mi sono permesso di dire che, secondo me, il mio Yamaha AX 496 era complessivamente migliore del T Amp, mi sono sentito assalire come un viandante viene aggredito da un coacervo di cani rabbiosi ed ululanti!

Alfredo


id=quote>id=quote>

 

Alfredo, ti posso capire.

Come possessore pluridecennale di amplificatori Yamaha (al momento uzilizzo un AX-497)ho la sensazione che ci sia una certa specie di ostracismo nei confronti di questo marchio, evidentemente ritenuto troppo consumer.

Si vede che Yamaha non è degna del mondo audiofilo...ma non me ne potrebbe fregare di meno!

Io intanto mi godo la musica. icon_smile_tongue.gif

 

Ciao icon_smile_wink.gif

 

 

hd650icon60x72bq9.jpg Bruno icon_smile.gif

---------------------------------

"Musica: crepuscolare medium tra spirito e materia" (Heinrich Heine 1797-1856)

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fabio Cottatellucci

Io possiedo un amplificatore due canali Yamaha AX 450 (credo), e secondo me dal punto di vista del suono è un'onesta macchina.

 

Fabio Cottatellucci

http://www.videohifi.com

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciacedda

Caro Bruno e caro Fabio

 

Posseggo lo Yamaha AX 496 da circa un anno e mezzo. Per i primi mesi ha pilotato delle vecchie Infinity RSb cannibalizzate e probabilmente con i condensatori del crossover rinsecchiti. Nel Giugno 2006 le quasi trentennali RSb sono definitivamente andate in pensione, non me la sono sentita di venderle perchè rappresentano un pezzetto del mio cuore e finchè vivrò mi faranno compagnia: troppo grandi sono state le emozioni che mi hanno dispensato e per tanti, tantissimi anni (scusate la parentesi nostalgica). Ritengo questo amplificatore Yamaha una macchina molto buona: bassi profondi e controllatissimi, medio pulito e naturale, acuti buoni, suono vivace e dinamico. Ho esagerato? Può darsi, ma a me piace molto. Noto purtroppo con amarezza di persone che, pur non avendolo mai ascoltato, lo bocciano pregiudizialmente come amplificatore-paria; quando ne parlo spesso l'interlocutore arriccia il naso in senso di disgusto e non vi dico i commenti. Un gentile signore di questo forum mi ha anche fatto capire che il suo uso più consono sarebbe stato quello di attaccarci un microfono per pubblicizzare prodotti caseari ai mercatini rionali (sic...). Ho invitato più volte diverse persone a casa mia per una sessione di ascolti, ma, una volta sentito qual'era il mio impianto, mai nessuno è venuto a trovarmi: probabilmente non lo ritengono all'altezza di una sessione di ascolti. Non dico di possedere il "non plus ultra" delle amplificazioni perchè sicuramente non lo è e stiamo parlando pur sempre di un amplificatore economico, ma ,ripeto, ritengo ingiustificata tanta sufficenza e snobismo nei confronti di un apparecchio che neanche si conosce. Penso che se qualcuno venisse ad ascoltarlo (siete invitati!) ci sarebbe una buona possibilità nel veder ridimensionato il proprio pregiudizio (per coloro che lo hanno)

 

Ciao

 

 

Alfredo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

beh. se la tripath (ma non creo che fossero così pazzi) pensava di fare soldi vendendo il t-amp cpme prodotto per pc era chiaramante fuori strada, per noi audiofili spendere 30 euro per un ampli e 30 euro per un alimentatore è un qualcisa di ridicolo, ma per miloni di uteti di pc, 60 euro per un ampli da 6 watt per canale sono decisamente troppi.

Cmq mi risulta ch ela tripath avesse difficoltà di bilancio ben pri a della presentazione del t.amp

Buona musica

enrico

 

quote:

[

 

Tornando al T-Amp...ma qualcuno crede davvero che un tracollo della Tripath possa essere legato al rifiuto del chip da parte del mercato hi-fi, che è un infinitesimo di quello a cui il chip stesso è destinato ? Il t-amp è nato come amplificatore per le casse di milioni di PC, altro che per mille audiofili.

 

Ciao

 

 

 

Luca Franzesi

lufranz@f2n.it

 


id=quote>id=quote>

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paolo Di Nanna

quote:

quote:

Se ha rilevato il tutto Sony aspettiamoci l'invasione.


id=quote>id=quote>

 

Nei Vaio e nei Bravia, forse.

Ammesso che sia vero.

[...]

 

I.

http://www.videohifi.com


id=quote>id=quote>

 

Red Wine Audio Signature 30, "Blue Moon Award - Realsization Award"

http://www.6moons.com/showcase/redwine/redwine.html

http://www.6moons.com/audioreviews/redwine4/30.html

"Chi avrebbe pensato che il concetto Sonic Impact T-Amp nascondeva questo tipo di potenziale nel cuore del suo piccolo processore digitale di potenza?" "Il Signature 30 [TK2051 chip] è una vera svolta." "Questo è uno dei tre migliori amplificatori a transistor che io abbia ascoltato finora" "E' il codice Da Vinci audiofilo.".

Supera in qualità i migliori amplificatori monotriodo di bassa potenza. Stabilendo - insieme ad amplificatori quale il Nelson Pass FirstWatt F3 - una nuova purezza che è quasi una nuova classe di suono. Il progettista, Vinnie Rossi (che peraltro ha usato una scheda Tripath http://www.tripath.com/downloads/RB-TK2051.pdf ed ha apportato dei miglioramenti), posto accanto a persone quali Peter Daniel, Nelson Pass, responsabili a detta del recensore di una rivoluzione nello stato solido. Una nuova classe di suono, battezzata "single ended transistor", sul modello di "single ended triode". "SET II" pertanto (SET sta per single ended triode).

"Blue Moon Award" è un riconoscimento accordato a componenti di rara eccellenza. Per le specifiche ragioni citate. "Realsization Award" è accordato a componenti che hanno prestazioni e costruzione del massimo livello, e presentano non di meno un prezzo conveniente.

 

Come lo armonizzi quanto precede con il tuo "Nei Vaio e Bravia, forse"

(Vaio sono computer della Sony, Bravia televisori)

 

Paolo Di Nanna

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Botmangt

Alla fine di tanto chiacchiericcio, perché fallì la Tripath?

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

@Botmangt la concorrenza è forte e spietata, il chip tripath è poco potente e non regge la concorrenza di altri moduli in classe d che possono avere applicazioni più generalista e con meno limitazioni. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
captainsensible

I chip Tripath arrivavano anche a 50 W pc, quindi non solo i 6 wpc del TA 2024.

La Tripath è stata acquisita dalla Cirrus Logic, società di semiconduttori texana.

CS

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Statistiche Forum

    303535
    Total Topics
    6778991
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy