Jump to content

Master tape prezzi alle stelle, cosa ne pensate?


Recommended Posts

1 minuto fa, Paolo 62 ha scritto:

un file ad alta risoluzione ricavato direttamente dal nastro master

Hai descritto un probabile provento di reato 😁

In realtà, la riproduzione nel dominio analogico di queste macchine è qualcosa di speciale, non facilmente descrivibile.

Link to post
Share on other sites

Non ho nastri master ma, come dice @lufranz, solo "nastrini". Ma quando ne ascoltai uno nel vecchio impianto con il Crown 800, venni veramente colpito da quello che stavo sentendo.

Ciò detto, non spenderei mai 450 euro, tranne forse, no, sicuramente come @musicante per TDSOTM😉

Link to post
Share on other sites

..per un master tape di uno di quegli album del Banco e della PFM, avessi il set up adatto, penso proprio farei la spesa.

Soprattutto per quello del banco, sia per motivi affettivi sia per superare la qualità delle registrazioni nei supporti ordinari, non proprio di alto livello.

Interessante il certificato di qualità...

 

LEGBAN001-CERTIFICATO.jpg

Link to post
Share on other sites

idem le note relative al nastro:
Il nastro che avete acquistato rappresenta lo stato dell’arte della registrazione analogica attualmente disponibile sul mercato. Per la realizzazione di questa edizione sono stati riprodotti i nastri master a due piste delle varie opere, utilizzando un registratore Studer A820 MKII equipaggiato con testine ‘Butterfly’ ad azimuth variabile e schede di uscita ‘trafoless’, dai quali sono state direttamente registrate le “Working Copy”, tramite un secondo registratore A820 MKII con le stesse caratteristiche di quello utilizzato per la riproduzione, senza nessuno stadio intermedio di elaborazione. I livelli di magnetizzazione del nastro registrato sono stati mantenuti invariati rispetto a quelli utilizzati all’epoca per il master originale. Non sono stati inseriti controlli di gain nella catena audio e non sono state effettuate modifiche al segnale di alcun genere, come riduzione di rumore o equalizzazioni, in modo da preservare la sonorità originale dell’opera. Il nastro che abbiamo deciso di utilizzare è l’ RTM LPR90 che presenta la stessa formulazione chimica del nastro RTM SM900 ma che consente una durata superiore in modo da poter includere l’intera opera all’interno di una unica bobina senza interruzioni nell’ascolto. Ogni possibile alterazione del segnale, come disturbi sulla linea di alimentazione, eventuali colorazioni del suono causate da cavi e connettori, o qualsiasi altra interferenza vengono accuratamente evitate utilizzando filtri di rete, stabilizzatori, e cavi di segnale di altissima qualità, gli stessi utilizzati negli impianti degli audiofili più esigenti. Queste procedure, unite alla perfetta taratura dei registratori utilizzati, contribuiscono a ridurre il rumore del nastro nello spettro di frequenze più basso e ad esaltare il calore delle armoniche tipiche delle registrazioni analogiche.

  • Melius 1
Link to post
Share on other sites

Ragazzi vedo in giro suv enormi ruote gigantesche è penso ognuno di noi ha le sue priorità e spende i propri soldi nell oggetto che gli dà la sensazione di benessere. Vi dirò che se avrei lo spazio e la disponibilità economica il mio benessere sarebbe un impianto a bobina e tutto ciò che ne deriva. 

  • Melius 1
Link to post
Share on other sites
Il 8/4/2021 at 22:07, MAX79 ha scritto:

dai quali sono state direttamente registrate le “Working Copy”, tramite un secondo registratore A820 MKII con le stesse caratteristiche di quello utilizzato per la riproduzione

Mi sembra di capire che le copie commercializzate dalla Sony sono riprodotte da queste "Working Copy" ( altrimenti detti production masters )quindi, di fatto, vengono vendute le copie delle copie. Peraltro non potrebbe essere diversamente, far girare 10 volte il master per produrre 10 copie da commercializzare sarebbe pura follia. 

Ritengo invece negativa la scelta di usare un nastro di spessore inferiore per far stare tutta l'opera su una unica bobina.

Questo sicuramente penalizza il massimo livello di registrazione, che nel caso del SM 900 può spingersi a +12 / + 15 db, nel caso del LPR 90 bisogna rinunciare almeno a 3, ma anche più decibel.....la dinamica non ringrazia.

Riguardo alla copia digitale del master originale......se fosse vero che è praticamente uguale al master, i tecnici non farebbero le copie intermedie su bobina........

Link to post
Share on other sites

@TetsuSan infatti, un "production master" è inevitabile. Interessante la tua affermazione sul tipo di nastro e le sue conseguenze sulla riduzione del volume massimo di registrazione, ma siamo sicuri che possa avere un impatto tangibile sul risultato finale?

Sarebbe davvero interessante avere impressioni da qualcuno dotato di un set-up all'altezza, nessuno qui sul forum ha neppure un vago interesse verso questa iniziativa?

Link to post
Share on other sites

Non lo trovo un costo esagerato... già un nastro 911 nuovo costa un botto...

solo che secondo me Rtr = stress da monomaniaci, dopo un po’ ci si stufa ( e parlo per esperienza... ) e un eccellente sistema analogico stupisce altrettanto... anzi a volte pure di più... 🤗

Link to post
Share on other sites

Io mi auguro che passi la moda dei cavi e degli accessori ultracostosi e si guardi più al concreto. Un registratore professionale in casa dà molta più soddisfazione di qualche cavo supercostoso e si può anche usare per registrare. Però bisogna tener conto che è una tecnologia del passato. I "bobine" non si fanno quasi più e quei pochi che si fanno ancora costano un occhio della testa. Tra dieci-vent'anni ci potrebbe essere il problema della riparabilità per i vecchi professionali. Anche i nastri costano, specie quelli preregistrati, quindi a meno di non essere molto ricchi non se ne possono comprare tanti. Secondo me i master copy di Sony Music, così come quelli di Hemiolia e i relativi registratori se li compreranno solo persone facoltose, che gli altri non se li potranno mai permettere. Purtroppo a fine anni '70 hanno smesso di fare i nastri in bobine preregistrati consumer che personalmente preferirei ai dischi specie se a due tracce a causa delle limitazioni intrinseche dell'LP. Per una persona medio-borghese la spesa per l'acquisto di un bobine consumer e relativi nastri preregistrati era ancora sostenibile solo che il pubblico ha preferito i dischi.

Link to post
Share on other sites
4 ore fa, senek65 ha scritto:
5 ore fa, MAX79 ha scritto:

ma siamo sicuri che possa avere un impatto tangibile sul risultato finale?

Direi no

E ti sbaglieresti. Un master tape analogico ha una dinamica immensa, molto più di qualsiasi supporto digitale (lascia perdere le misure, parliamo di ascolti a confronto). Togliere 3 db di picco massimo, considerato il notevole esborso, non è una bella cosa. Basterebbero 50 euro in più ( abbiamo fatto 30, facciamo 31 ) ed il nastro top, su due bobine, potrebbero dartelo.

Ma non lo faranno mai.

Un ricco premio a chi saprà dirmi il perché.

Link to post
Share on other sites
25 minuti fa, Paolo 62 ha scritto:

Secondo me i master copy di Sony Music, così come quelli di Hemiolia e i relativi registratori se li compreranno solo persone facoltose,

Beh........per sentire la copia master del "disco della vita" sarebbero comunque soldi ben spesi.

Mi sorge il dubbio che una buona copia master, su un RTR professionale a posto, in questo forum non l'abbiano sentita in tanti. Prima ascoltare, poi giudicare. Parlo di vere copie master, non certi tarocconi spacciati per tali.

@Paolo 62 Scusa, ma non ho capito. Quale vantaggio ?

  • Melius 1
Link to post
Share on other sites

Perché due bobine, nelle foto da forum, nasconderebbero, in parte, il mega-impianto da vantare con gli amici al bar .... non so se hai presente ... tipo una fiammante ferrari posteggiata fronte strada, con dinanzi due ciao in amorevole azzurrino piaggio, non si fa, perdinci !

Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Paolo 62 ha scritto:

Quelli di Hemiolia registrano un codice nelle tracce audio a frequenza inudibile che identifica il proprietario.

Scusa, ma non mi sembra un buon metodo. Ammesso che sia vero, cosa della quale nutro forti dubbio, solo Hemiolia potrebbe certificare l'autenticità del prodotto.

Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Paolo 62 ha scritto:

Il codice permette di trovare chi fa uso illecito dei loro nastri.

Non vorrei passare per presuntuoso, ma non vedo come. Dovrebbero comunque essere esaminati da Hemiolia, cosa non immediata. Poi ( e qui esagero, sia chiaro ) voglio vedere davanti ad un giudice chi la spunterebbe. Non si può essere parte lesa e perito di parte allo stesso tempo. Serve una terza parte che sia in grado di certificare l'illecito. Non vedo perché fare tutte queste complicazioni quando c'è il metodo del blank tape iniziale non trasferibile su altra bobina se non sul prodotto originale.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.