Jump to content

Ferragni, il fenomeno


OLIVER10
 Share

Recommended Posts

Chiara Ferragni è un marchio che sembra valere 40mil , si parla di quotazione in borsa.

Notizia di oggi , entra del cdm di tod's

della valle che tutto è fuorchè uno sprovveduto gli affida il mondo dei giovani per il suo marchio

 

Confesso all'inizio di averla perculata come tutti....ma evidentemente ci sono cose che io non capisco come persona normale e oramai vecchiotta per certi fenomeni

 

12 anni fa inizia con un blog....oggi un suo post su instagram rende sui 50.000 dollari

 

i miei complimenti, donna con le palle davvero

 

che ne pensate di questi fenomeni blogger da social ?  sono i nuovi pubblicitari o ancora di più.

Link to comment
Share on other sites

11 minuti fa, OLIVER10 ha scritto:

sono i nuovi pubblicitari o ancora di più.

Credo proprio sia così. Ieri in pausa-caffè sentivo un giovane consulente dire che stava cercando di raggiungere i 60Kfollower sul suo canale youtube in quanto quella era una sorta di "soglia" per la monetizzazione degli annunci e per ricevere in omaggio il materiale da provare (credo si interessi di stampa 3D). Citava altri youtuber che praticamente vivevano solo di quello e diceva di come fosse importante non apparire "pro". Devi risultare un semplice appassionato ciappinaro come il rappresentante medio del tuo target, questo piace molto agli inserzionisti.  Ascoltavo e mi pareva di sentire i racconti di un mondo sconosciuto, ed ho solo 30 anni più di lui.

 

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators
BEST-GROOVE
5 ore fa, OLIVER10 ha scritto:

oggi un suo post su instagram rende sui 50.000 dollari

 

da me nemmeno un penny .... puoi scommetterci.  :classic_sleep:

Link to comment
Share on other sites

1) Nessuno che abbia il coraggio di dire che se la Ferragnez somigliasse ad un comodino oggi farebbe altro (magari con successo, ma altro). E su questo c'è poco da stare allegri, il ruolo della donna anche sul web/social è ancora quello della bambolona. Anzi, oggi più che mai.

 

2) Bisognerebbe rileggere Guy Debord

 

3) Per una ferragnez ci sono migliaia e migliaia di ragazzetti che "ce stanno a prova' " e che non hanno nessuna speranza di guadagnare neanche 200 euro.

 

Detto questo, il dinamico duo ha perfettamente compreso ed in parte creato una fetta lucrosa di mercato che altrove (USA) era già ben vispa da anni.

Giustamente ne raccolgono i frutti, ed il fatto che non siano decerebrati come altre celebrità è positivo visto che sono degli idoli per molti. E se fanno/dicono cose eticamente giuste è cosa buona.

 

A parte la tamarrata di andare in giro a dare buste di soldi in Lamborghini, ovviamente.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Mai così tanta fuffa nella storia dell'umanità. 

A volte mi sento felice di, per ragioni anagrafiche ma anche culturali, di non essere parte di questo circo. 

Link to comment
Share on other sites

Eppure qualche domanda  da una prospettiva storica più alta... ce la dobbiamo porre... una volta il mercato della comunicazione pubblicitaria era in mano a pochi maschi alfa della comunicazione, dei veri propri Monopoli multinazionali.. inespugnabili, con un dominio sulla massa degli acquirenti-pecora, assoluto.

oggi con un po‘ di fortuna, sfacciataggine, capacità comunicativa.. chiunque c’è la può fare..

ed è un bene, per la società, nella sua complessa e variegata composizione.

Alla Fine.. basta uno smartphone e .. parlantina sciolta, sensibilità per l’immagine, capacità di forare lo schermetto del telefonino.. in teoria non serve altro.

che poi la Ferr.. se non avesse al momento „giusto“ trovato „chi“ la scoprisse e puntasse e investisse su di lei, lanciandola al di là delle transenne.. negli spazi dorati e nei parterre giusti...  probabilmente sarebbe rimasta nella massa informe degli aspiranti blogger... è più di un lecito dubbio... in parole povere, se non avesse trovato lo sponsor giusto... sarebbe ancora li ( e so anche chi è stato).

E se oggi la semplice notizia che la F sia entrata nel cda di Tod‘s facendone impennare le quotazioni.. la dice lunga su come stia cambiando il mondo...

 

Link to comment
Share on other sites

Dici giusto!

Come sta cambiando il modo!

Io vorrei scendere, ma mi hanno detto o ti adegui o vivi da eremita.

Ho scelto di fare l'eremita. Mai virus fu più utile!

Questo è il solo ed unico social che seguo, e solo la mattina prevalentemente.

Tempo che dedico alla musica.

Il pomeriggio qualche lavoretto e lettura, poi la sera un film o una partita o sport in generale, naturalmente non mancano i documentari.

A letto presto e buonanotte.

 

Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, alexis ha scritto:

ppure qualche domanda  da una prospettiva storica più alta... ce la dobbiamo porre... una volta il mercato della comunicazione pubblicitaria era in mano a pochi maschi alfa della comunicazione, dei veri propri Monopoli multinazionali.. inespugnabili, con un dominio sulla massa degli acquirenti-pecora, assoluto.

 

E' un po' più complesso di così ed articolato di così.

Diciamo che il mondo "tradizionale" della comunicazione commerciale ha faticato (e fatica ancora, per certi versi) a comprendere e dominare il mezzo della comunicazione social.

Oggi aziende ed agenzie assumono (si fa per dire) frotte di ragazzetti e ragazzette nel ruolo di "social manager", con risultati spesso tragicomici perché non è sufficiente avere 19 anni per riuscire a dominare un mezzo con potenzialità infinite sia in positivo che in negativo.

I frequenti strafalcioni e figuroni di palta rimediati da aziende e persone pubbliche nella comunicazione social sono dovuti anche a questo. Mancanza di preparazione "generale" che vada al di fuori del saper sparare post e tweet.

 

Ribadisco la questione: se la ferragnez somigliasse ad un comodino oggi sarebbe seduta nel CDA a fianco della vecchia volpe Della Valle? Ovvero sarebbe stata in grado di arrivare, attraverso la telecamera frontale del suo smartphone, dove è arrivata?

Certo, conta anche la testa (e lei ce l'ha), ma in primis cosa viene? Questo è l'aspetto triste, secondo me.

Link to comment
Share on other sites

Schelefetris

@Velvet  il tira più un pelo di... che un carro di buoi  è vecchio come il mondo e vorrà dire qualcosa? 

è sempre stato così, del resto 

 

La cosa paurosa è che la bellezza non solo è terribile, ma è anche un mistero. E’ qui che Satana lotta con Dio, e il loro campo di battaglia è il cuore degli uomini. 

Dostoyevsky

 

 

Link to comment
Share on other sites

@Schelefetris Ok, ma allora se il ruolo della donna (al di là del "be conscious" tanto di moda in tutto, e altrettanto fasullo) è ancora quello dei tempi dell'aratro trainato dal bue, di cosa dobbiamo gioire?

 

@alexis altro punto dolente: io, io, io, io, io.... I social sono la vetrina dell' "io", la fiera delle vacche dell'egomania. Si è passati da riflessioni sul "noi" inteso come società a gente che ti racconta i cavoli suoi (mi lavo i denti, faccio la cacca, faccio jogging, mi provo i vestiti, gioco al videogame) con un' enorme platea di guardoni che sta a vedere.

Manca un costrutto collettivo in tutto ciò.

Certo appare inevitabile ed inarrestabile, però qualche domandina ce la dovremmo fare.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Purtroppo quanto dici è vero, ma ricordo che quando ero ancora giovane, macalli faceva vedere i fatti degli sconosciuti.

La TV è stata di gran lunga precursore del mettere in piazza i fatti d'altri.

Link to comment
Share on other sites

@Velvet la ferr avrebbe avuto successo comunque, conta più la narrazione che la mera immagine. Ho amiche f da paura, altro chè F.. con i loro blog curatissimi, ma a fatica riescono a superare i 10 k di visualizzazioni.. solo una veleggia stabilmente sopra i 100k..

ma solo quando posta immagini ravvicinate di un bikini, o un altro angolino strategico dell‘epidermide.

oltre all’immagine che è cmq fondamentale.. conta il modo di raccontarla e costruirla nell‘immaginario dello spettatore.. ( di solito pirla... )

alla base del successo della F sta comunque l‘aiuto fondamentale ottenuto da un personaggio al vertice della catena alimentare del lusso, che le ha dato la spinta decisiva.

Ma come recita il vecchio adagio... quando la fortuna che è cieca bussa alla tua porta... ti vuol vedere pronta... e lei lo era, evidentemente.

Link to comment
Share on other sites

@terlino Diciamo che qui c'è un'illusione di scavalcamento del mezzo. Lì c'era una TV scritta e sceneggiata, qui (solo apparentemente) chiunque può prendere in mano lo smartphone e diventare il Magalli di sé stesso.

1 minuto fa, alexis ha scritto:

la ferr avrebbe avuto successo comunque,

Questo l'ho scritto anch'io. Ma in un altro settore, se avesse avuto le fattezze del comodino.

Link to comment
Share on other sites

Oltretutto la Ferragni, e anche il marito Fedez, si stanno dimostrando persone intelligenti. Hanno rifilato alcune staffilate al capitano dei cazzari che se avesse un minimo di dignità sarebbe già andato a seppellirsi.

Link to comment
Share on other sites

 Share




×
×
  • Create New...