Jump to content

Un ciclista è devastante per il pianeta...


kauko
 Share

Recommended Posts

Membro_0014

Più che un fake mi sembra uno scherzo, del resto il tono sarcastico traspare in ogni frase…sono d’accordo anch’io ovviamente col contrario di ciò che c’è scritto ma c’ho riso su…

Link to comment
Share on other sites

non sapevo fosse un fake, la leggo per la prima volta oggi.

quand'anche non lo fosse, la troverei semplicemente ironica e di critica verso un criterio di giudizio esclusivamente  economico. credo che nessuno potrebbe prenderla sul serio, ad esempio anche per quanto scritto più su da Angelo83.

la frase chiave è 'persone sane non sono necessarie nè utili all'economia': mi pare ovvio che vuole essere paradossale per essere ironica.

se chi l'ha scritta (o detta) voleva essere serio, credo abbia comunque suscitato -involontariamente- sorrisi, se non risate.

Link to comment
Share on other sites

Questa cosa è da qualche annetto che la vedo girare nei gruppi FB riguardanti i "biciclettari urbani" come si definiscono loro. Che sia fake era abbastanza probabile perché il contenuto è puramente populista tipo "Andiamo a Montecitorio a cacciamo via tutti i politici", il tenore è molto similare. 
La mia disamina era rivolta non tanto al contenuto in se ma nei confronti di chi poi da addito e credito a quello riportato e in quei gruppi ne leggo veramente tanti. 
Per dirne una, una settimana fa, massimo due, a Roma hanno organizzato, senza nessuna autorizzazione, una sorta di protesta che si tiene una volta l'anno dove si danno appuntamento sui social e iniziano ad intasare le strade con le bici e lo fanno in orari dove ci sta gente che sta rientrando da lavoro e già sta avvelenato di suo (poi di questi periodi). Sono entrati in tangenziale (cosa poi assolutamente vietata), hanno dovuto bloccare il traffico già abbastanza esausto già di suo in una città come Roma. E loro che sui social che si beavano e prendevano per i fondelli quei poracci che si sono dovuti fare quasi due ore in più immersi nel traffico perchè loro hanno dovuto inscenare sta stronzata (passatemi il termine). 
Ecco, queste sono persone che credono in quelle parole e poi purtroppo per avvalorarle fanno queste cose qui. Per la Carità, a me sta bene tutto, la protesta, ci mancherebbe altro però nemmeno a fare cosi anche perchè tu oltre a creare un danno al povero cittadino ti stai prendendo anche le sue antipatie (che già sono molte normalmente). 
Io sono ciclista, mi piace andare in bici, ho fatto dei piccoli viaggi in bici perciò se esistessero ciclabili lunghe 1000km sarei uno dei più felici al mondo ma in tutto ci vuole una via di mezzo ed è per questo che non esco mai in gruppo ma vado sempre da solo, mi studio prima i tracciati se sono su strada li evito, se sono strade secondarie o sterrati controllo se ci stanno cancelli, proprietà private da attraversare cosi evito e cerco altre vie proprio per evitare discussioni e cercare di vivere l'esperienza ciclistica nel migliore dei modi e nella più rilassatezza possibile oltre nel rispetto altrui.

Link to comment
Share on other sites

Schelefetris

favorevole alle bici. però come per gli automobilisti, motociclisti, camionisti...  non tutti sono corretti.

Pedalare a ventaglio, fare i bisogni davanti cancelli altrui (a rischio di ritrovarsi su youtube ripresi dalle camere di sorveglianza 🙂 ), non rispettare semafori e strisce pedonali... non sono in pochi a fare ste cose e poi salire sul pulpito dell'ecologista modello.

Link to comment
Share on other sites

piergiorgio

 

3 ore fa, ferrocsm ha scritto:

sono convinto che salveranno il mondo anche se stanno un po' più a destra

chi l'avrebbe mai detto che i fascisti salveranno il mondo...

Link to comment
Share on other sites

piergiorgio
3 ore fa, ferrocsm ha scritto:

Tutto giusto

sono d'accordo, al limite qualche intervento ogni tanto per una clavicola rotta o altro incidente provocato da qualche automobilista o camionista

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, LUIGI64 ha scritto:

Soprattutto, sotto sforzo fa le puzzette, inquinando irrimediabilmente il pianeta

Però ci si scaccola meno e questo, almeno in parte, compensa.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, piergiorgio ha scritto:

o altro incidente provocato da qualche automobilista o camionista

Questa è proprio la principale ragione (unita all'eccessivo fiatone) per cui ho attaccato la bicicletta al chiodo, la maleducazione di parte degli automobilisti e camionisti che ti fanno pelo e contropelo, però siccome il vero stiamo cercando non è che si possa scrivere che i ciclisti siano immuni da colpe, perché io che viaggiano affiancati o che stiano un po' troppo lontani dal margine destro della carreggiata ne noto parecchi e sulle strade strette di montagna (collina)  con poco spazio per superarli che sono abituato a percorrere io sono un po' pericolosi sia per se che per gli altri. 

Link to comment
Share on other sites

come in tutte le 'categorie' (ammesso si possa usare questo termine) ci sono un po' di fanatici.

del resto, leggo spesso "j'accuse" contro i ciclisti, mentre di rado ne leggo, ad esempio, contro gli automobilisti, molti dei quali parcheggiano in doppia o tripla fila o comunque dove non potrebbero, eccedono i limiti di velocità, effettuano manovre pericolose, viaggiano o parcheggiano sulle piste ciclabili, vanno in contromano... con conseguenze generalmente (e comunque potenzialmente, ed è un distinguo fondamentale) ben peggiori di quelle causate dai ciclisti -alcuni o molti dei quali hanno ovviamente colpe, non voglio fare l'avvocato d'ufficio di nessuno.

però diciamolo: i ciclisti sono particolarmente presi di mira, ma, se guardiamo le cose da vicino, spesso con motivazioni deboli e 'asimmetriche' (è molto diverso il contromano di un'auto da quello di una bici, per dirne una). io credo che in ciò ci sia anche un tantino di frustrazione da parte di chi sta chiuso in un abitacolo -perchè costretto o per scelta. almeno questa è l'idea che mi sono fatto parlando con molti conoscenti che l'han su coi ciclisti. stringi stringi, vedi che le colpe dei ciclisti vengono ingigantite, mentre le stesse persone sono estremamente indulgenti verso le proprie.

inoltre, diciamoci anche questa: il ciclista è spesso visto come nemico in sè, non c'è bisogno che commetta scorrettezze; quelli che si comportano male sono usati come utile giustificazione del proprio astio generale. questa almeno è la mia esperienza, basata però sui commenti e comportamenti di molti conoscenti "no-bike".

conosco varie persone che meriterebbero il ritiro della patente o almeno delle multe molto salate, ma se parli loro di biciclette, ecco che diventano i più ferventi e farisaici paladini del codice stradale, e spesso se si parla di qualcuno che si è fatto male in bici (magari investito da un automobilista distratto) non si peritano di lasciarsi andare a un bel "ben gli sta".

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

 Share




×
×
  • Create New...