Jump to content

connessione i2s, che fare?


dover
 Share

Recommended Posts

Salve a tutti.

Sto per entrare in possesso di un dac che ha un ingresso i2s con connettore RJ45. Conosco la piedinatura del cablaggio del connettore (ho lo schema). Ora, volendo provare a collegare il dac al pc (uso wtfplay) in i2s...che devo fare? 

1) Aprire dentro il pc e in qualche modo che voi sarete così gentili da espormi, crearmi la "derivazione" i2s per il cavo rj45 che entrerà nel dac.

2) Comprare una interfaccia usb apposita che faccia di suo la conversione (ma mi chiedo: non è uno standard e rischio di avere una piedinatura rj45 errata lato interfaccia, e soprattutto ha un senso passare da usb a i2s???).

 

Grazie a chi vorrà chiarirmi le idee.

Ps: il motivo per cui faccio ciò è pura curiosità. Ho sentito talmente tanto in vecchi post sui forum decantare questa connessione i2s (se corta) che volevo togliermi lo sfizio...

 

 

Link to comment
Share on other sites

La prima ipotesi non é percorribile.

La seconda devi come dici individuare l'interfaccia che corrisponde allo standard del dac.

La soluzione piú semplice sarebbe un media streamer che esca in i2s (anche qui non é detto che corrisponde) oppure un raspberry con sopra un mudulo che esce in i2s e ce ne sono diversi e in questo caso trovi sicuro una corrispondenza, ma non potresti in entrambi i casi usare wtfplay

Insomma i2s non é uno standard plug and play

Link to comment
Share on other sites

Avrei trovato una interfaccia pci di nome pink faun bridge che me la da compatibile col mio dac... Quasi quasi la cerco sull'usato... 

Link to comment
Share on other sites

anche io ho un Aqua, occhio che il loro I2S non  e' un I2S "normale", e'  custom per collegare  la loro meccanica. Comunque se riesci a farlo funzionare in I2S seguo anche io con curiosita'...   

Link to comment
Share on other sites

@wanderb non so, mi hanno mandato lo schema della piedinatura della presa in ingresso rj45, in teoria non basterebbe quella e farsi fare un cavo rj45ad hoc che rispetti i pin della sorgente e del dac? Non sono molto pratico a dire il vero

Link to comment
Share on other sites

supertrichi

Il problema dell'interfaccia I2S è che non ha un connettore standard.

Spesso vien usato l'HDMI a volte l'RJ45 ma potrebbe funzionare quasiasi connettore sufficiente a collegare i 3 segnali fondamentali: il clock, il word ed i dati.

L'importante è rispettare la piedinatura in/out

Link to comment
Share on other sites

il Carletto

Come ti è stato scritto l'I2s, che nasce per collegamenti cortissimi all'interno dei cd player fra meccanica e convertitore interno, e non è standardizzato. Inoltre, per essere utilizzato all'esterno di un apparecchio, il segnale I2s viene "bilanciato" (LVDS) per minimizzare i disturbi che altrimenti quasi sicuramente capterebbe nel tragitto. A tutto ciò aggiungi che ogni casa ha una piedinatura, se non addirittura un connettore, diversi.

Con i pc tradizionali non c'è modo di estrarre il segnale, a meno di utilizzare una scheda Pink Faun, di costo elevato.

Nel passato mi sono cimentato nella costruzione di parecchi streamer con uscita I2s, dai quali andavo all'allora mio dac PS Audio Directstream tramite cavo hdmi, utilizzando come base dei Raspberry e Odroid, dai quali si può prendere tale segnale da dei piedini dedicati presenti sulla pcb. In quel caso il risultato era migliore al collegamento usb, con buona pace del suo progettista, Ted Smith, che affermava l'equivalenza qualitativa fra gli input. 

Ho anche posseduto delle interfacce Singxer e Hydra Z, con le quali convertivo usb-I2s.

Un paio di amici mi chiesero aiuto per attuare tale collegamento sui loro dac Aqua, ma onestamente non siamo mai riusciti a farlo funzionare. Se non ricordo male, ma potrei sbagliare visto che parliamo di 5/6 anni fa almeno e forse di più, c'era un piedino denominato mi pare Dale senza il collegamento del quale la connessione non funzionava. Probabilmente era il parametro mancante che permetteva il collegamento solo della sua meccanica, sulla quale invece era presente.

Non so se poi Aqua abbia in seguito modificato il pinout, permettendo anche l'uso di apparecchi non proprietari.

Link to comment
Share on other sites

@wanderb un mio amico aveva il La Scala e non è mai riuscito a farlo andare , adesso ha preso un la Voce e riesce ad utilizzare questo ingresso , devo chiedergli che streamer usa .

Link to comment
Share on other sites

il Carletto

@homesick Come ho scritto sopra sulla piedinatura de La Scala c'era quel pin Dale, mi pare fosse il n.1, che se non collegato non permetteva il funzionamento. Prelevando il segnale dal Raspy o dall'Odroid e andando verso la schedina LVDS, da quest'ultima non usciva nulla che potesse andar bene sul Dale.

Evidentemente su La Voce hanno cambiato qualcosa.

In aggiunta a quanto scritto sopra, in alcuni dac (non mi pare però fosse il caso di Aqua) la presa I2s ha pure bisogno di una tensione di 5V su uno dei piedini, pena il mancato funzionamento del sistema. Questo aggiunge ulteriore complicazione a chi si voglia cimentare con questo tipo di connessione.

Link to comment
Share on other sites

@dover anche io ci persi un po' di tempo dietro e poi decisi di lasciare perdere, mi sembrava troppo complicato. Uso con grande soddisfazione una Singxer SU6 collegata via AES/EBU al Formula xHD,  mi pare vada leggermente meglio della USB. Ma parliamo di sfumature...  

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share



×
×
  • Create New...