Jump to content

Israele ed il vaccino che non vaccina


tigre
 Share

Recommended Posts

 

Israele, nuova ondata di contagi: aperture turistiche annullate, torna l’obbligo della mascherina. Tutto il Paese era stato vaccinato con Pfizer

 

Israele torna nell'incubo contagi per la variante Delta del nuovo Coronavirus: il Governo rinvia le riaperture ai turisti stranieri e ripristina l'obbligo della mascherina

di Peppe Caridi

 

 

Il governo dello Stato di Israele ha deciso di posticipare di almeno un mese l’ingresso di turisti internazionali a causa di una nuova ondata di contagi registrata nel Paese. Lo riferisce il quotidiano israeliano “Jerusalem Post”. Israele avrebbe dovuto iniziare ad accogliere nuovamente turisti stranieri a partire dal 1° luglio, in base alle indicazioni del ministero della Salute, ma due focolai di Covid-19 nelle città di Binyamina e Modi’in hanno portato il numero giornaliero di casi di contagi al picco più alto da aprile. Secondo la stampa israeliana, circa 200 studenti e 20 insegnanti sono risultati positivi alla variante delta del Covid-19 nei due focolai che si sono verificati nelle scuole, mentre nel Paese sono risaliti a 554 i casi attivi, quasi tutti erano già stati vaccinati nei mesi scorsi.

Israele, infatti, già nello scorso inverno aveva battuto tutti i record con la più veloce campagna vaccinale del mondo: utilizzando esclusivamente il vaccino Pfizer-BioNTech, tra gennaio e aprile il 78% dei 9 milioni di israeliani ha ricevuto entrambe le dosi raggiungendo la copertura totale (e un altro 4% ha ricevuto la prima dose, per un totale dell’82%). Considerando che non sono stati vaccinati i bambini e gli adolescenti, la quasi totalità della popolazione superiore ai 16 anni è stata vaccinata. A due mesi di distanza, però, la situazione si complica nuovamente e il Paese torna nello sconforto per il virus che ricomincia a circolare nonostante l’immunità vaccinale raggiunta dai tre quarti della popolazione.

Il ministero della Salute ha annunciato che adesso anche le persone vaccinate dovranno stare in isolamento in caso di contatti con i positivi, rispettando dieci giorni di quarantena. Durante la campagna vaccinale, invece, le autorità avevano approvato una normativa che esentava i vaccinati dall’isolamento in caso di contatti con positivi, nella speranza (evidentemente illusoria) che non potessero contagiarsi e contagiare. Adesso il dietrofront, dopo l’evidenza dei dati.

Inoltre, la nuova direttiva ha ripristinato l’obbligo di indossare la mascherina in aeroporto e nelle strutture sanitarie. E potrebbe essere solo l’inizio di nuove restrizioni. Infatti il Commissario per la lotta alla malattia, Nachman Ash, ha spiegato che gli esperti della sanità presenteranno al governo una serie di interventi da assumere, tra cui il ripristino dell’obbligo delle mascherine al chiuso.

Nelle ultime 24 ore i casi di infezione sono stati 110 (125 il giorno precedente): di questi 64 hanno riguardato bambini e adolescenti e anche 14 persone giunte dall’estero. “Stabiliremo – ha detto Ash ai media – quando reintrodurre le mascherine in spazi chiusi, potrebbe essere domani o anche dopodomani“. Oggi il premier Naftali Bennett – che ieri ha evocato una possibile nuova “insorgenza della malattia” – vedrà gli esperti

 

Link to comment
Share on other sites

É un articolo di qualche giorno fa.

Da mainstream e dai nostri virologi in tv ogni sera non ho sentito manco na frase, manco un cenno.

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Adesso, tomminno ha scritto:

problema del covid sono/erano le terapie intensive piene, se col vaccino, la nuova variante non le riempie siamo a posto (per il momento).

I cialtroni sembrano esser riusciti da mo' nell'intento.

Si stan formando associazioni di virologi e medici cialtroni in tutto il mondo. Alcuni fino a ieri luminari.. poi tutto d'un tratto fessi.

Sarà un complotto contro il mainstream.

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

briandinazareth

Nelle ultime 24 ore i casi di infezione sono stati 110 (125 il giorno precedente): di questi 64 hanno riguardato bambini e adolescenti e anche 14 persone giunte dall’estero.

ovvero non sappiamo se vaccinati, probabilmente no, ma la cosa importante per quei pochi vaccinati che potrebbero ancora ammalarsi (siamo passati dalla totalità a meno del 20%) è che il decorso è molto meno pericoloso. 

in questo momento i numeri in israele spiegano bene che il vaccino sta funzionando egregiamente...

 

  • Melius 1
  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

In questo momento l'evento che più preoccupa le autorità sanitarie UE sono i 4 focolai ospedalieri in Finlandia, con 17 vittime su 98 contagiati dei quali 59 vaccinati monodose ed uno completo.  Tra le vittime  12 monodose, uno completo, e 4 non vaccinati. 

Nel gruppo dei contagiati abbiamo quindi:

 

61,2% vaccinati dei quali uno con doppia dose.

38.8% non vaccinati

Tra le vittime:

76,5% vaccinati dei quali 1 doppia dose

23,5% non vaccinati.

 

Percentuale di vaccinati monodose tra la popolazione generale finlandese = 56,5%, doppia dose 16%

 

Probabilmente sono eventi assolutamente trascurabili, e sarà sufficiente far asinare da qualche luminare della medicina le autorità sanitarie che si preoccupano inutilmente di una possibile sopravvalutazione dell'efficacia dei vaccini.

Link to comment
Share on other sites

tarantolazzi

SSSt! Zitto.  La terapia genica funziona, sempre e comunque!

Semmai 1) gli untori no vax, quelli sono i responsabili. Anatema su di loro.

2) le varianti! Ah, se tutto fosse invariante, sarebbe tutto cosi' semplice e migliore, mannaggia!

 

Proprio in Israele...... leggevo che alcuni non vaccinati, stanchi del clima discriminatorio innescatosi (ad esempio c'erano supermercati che richiedevano la vaccinazione per entrare, e altre oscenita' del genere) si sono cuciti sulla manica la stella di Davide.  Hanno fatto benissimo, individuando la comune matrice  di certe dinamiche psicologiche/storiche.

 

  • Confused 1
Link to comment
Share on other sites

21 minuti fa, tarantolazzi ha scritto:

Hai ragione, le case farmaceutiche ad esempio. O le oligarchie tecnocratiche/finanziarie che con la paura delle masse alimentano ed incrementano il loro potere.

Ma sei un fumetto o un bot?

  • Haha 2
Link to comment
Share on other sites

29 minuti fa, tarantolazzi ha scritto:

Hai ragione, le case farmaceutiche ad esempio. O le oligarchie tecnocratiche/finanziarie che con la paura delle masse alimentano ed incrementano il loro potere.

Saranno mica gli Illuminati ?

Chiamate subito Adam Kadmon !!!!

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

tarantolazzi
2 minuti fa, Jack ha scritto:

Ma sei un fumetto o un bot?

Grazie dell'interessamento. Non saprei risponderti, anche se tenderei ad una risposta negativa per entrambe le opzioni.

Non si sa mai pero', ma anche senza scomodare la meccanica quantistica o tante tradizioni sciamaniche/mistiche puo' darsi il caso di realta' parallele .  Qui XY, li' albo di Linus o BOT.  Esistono comunque ottimi fumetti, e anche buoni ordinari del Tesoro che soprattutto in passato davano rendimenti appetibili. Mi e' andata bene, nel caso.

 

Link to comment
Share on other sites

Ognuno fa il tifo per quello che gli pare. Io mi sono vaccinato che, come è ormai noto a tutti, contiene un chip liquido.

Ma consiglio di attendere i primi mesi del 2022, quando si prevede che uscirà quello quad-core, molto più potente e veloce.

Io mi sono già prenotato!

  • Haha 2
Link to comment
Share on other sites

Stamattina vaccinato il masculo, la prima l'hanno vaccinata gli svizzeri, le altre due le porto tra 15 minuti. Noi vecchi stamo apposto

#annoicelodicono

Link to comment
Share on other sites

 Share




×
×
  • Create New...