Jump to content

1more triple driver around ear


giuca70
 Share

Recommended Posts

Cuffia molto musicale, 2 driver reali, 1 dinamico da 40mm e 1 piezoelettrico per le acute, 1 driver passivo "reflex" posteriore.

Design fantastico, indossabilità buonissima.

Acusticamente, suonano molto bene.

La mod acustica non è invasiva, e allinea le sub basse nel contesto finale. Direi i sub bassi ed i bassi sono molto convicenti cosi'.

Rock,  metal, jazz, sinfonica, va a nozze con tutto, e senza tanti fronzoli audiofili.

Piolate da un buon ampli, restituiscono ore di piacevole ascolto, senza stress.

Nelle foto la ghiera di alluminio, che ricorda il cerchione di una bellisima fuoriserie, è un pezzo di lavorato che piace all'occhio e al tatto.

Trattato con uno strato di assorbente, tagliato a modo, tiene fermo il vetrino, e smorza le vibrazioni in eccesso, causa di bassi "debordosi".

Ebbene si, ho preso da Drop la versione Gold, ancora più affascinante nel suo design riuscito. Ne avro' 2, e quando ripeto un acquisto, vuol dire che ne vale veramente la pena.

 

 

WhatsApp Image 2021-05-13 at 23.13.58.jpeg

WhatsApp Image 2021-05-13 at 23.13.58 (1).jpeg

WhatsApp Image 2021-05-13 at 23.41.59.jpeg

Link to comment
Share on other sites

Anche io ho la Gold da qualche anno, anche se ultimamente la sto trascurando perché per una questione di comodità sto usando le ATH-MSR7b. La versione Rosso-Nera dovrebbe avere lo stesso driver della Silver, giusto? Che differenze hai notato, se ce ne sono, tra la Gold e la Rosso-Nera?

Link to comment
Share on other sites

@giuca70 Ho fatto la stessa mod suggerita altrove sulle mie (versione argento) con ottimi risultati. Il basso, altrimenti troppo presente e lungo per i miei gusti, resta importante ma ora è godibilissimo con benefici anche sul resto dello spettro.

Sono cuffie che già apprezzavo molto in mobilità e che ora considero davvero molto molto valide.

 

 

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

@UpTo11 La Gold è in transito, e appena arrivera' ti faro' sapere.

La gold, aveva il driver in grafene, tutt'ora riproposta da DROP.

La silver aveva il driver in tinanio, più rigido, per alcuni aspetti pelo meno musicale, ma forse più definita.

La rero/rossa in grafene, ormai l'unico driver prodotto da 1more.

Trovando oggi una silver, avrebbe il driver in grafene, dunque.

L'ho presa per il fascino del colore gold.

E' una cuffia ben progettata, ed è validissima, al confronto con altre concorrenti di fascia.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Merito di Drop, finalmente ho fra le mani la Gold, col driver in titanio, rettifica d'obbligo, diversamente da quanto mi aspettassi, avendo la nero/oro il grafene, ed il sito Drop un po' confuso sul driver effettivo di questa 1More.

Stupenda, colore che fa innamorare a prima vista, cavo stock di ottima fattura, upgrade con microfono, molto ricercato negli anni, n.d.r. Poi lei, alluminio oro, che dire, uno spettacolo per gli occhi.

Scatola elegante, presentazione del prodotto che fa ben sperare per la fase successiva.

Custodia presente.

Appena aperta, il tempo di vederla un po' (è un oggetto veramente ben fatto), la inforco e la attacco allo smarty, nulla de che (lo smarty), sembra sia stata progettata per l'uso mobile... Metto su dei pezzi vari, ragazzi....

Di cuffie ne ho, non molte, ma parecchie sono passate sotto le mie mani, e pilotate da vari amplificatori, abbastanza per capire che l'ampli è un pezzo della catena che se c'è, ha il suo perchè...

La ascolto, e subito, ma proprio subito, l'idea di questa Gold con driver in titanio, viene a galla..

suono definito, preciso, armonia fra driver in titanio e piezo tweeter, nessuno scollamento, i bassi per niente lunghi, o slabbrati come era prima nella nero/rosso. Medi, voci, acuti, basso strumenti, c'è tutto.

Paragonando le dure 1More, Gold batte Nero/rosso 100a1, su tutti i parametri. E' una cuffia eccellente, e già con quel smarty, che nulla ha di esoterico.

Con calma, la ascoltero' sui diversi sistemi, ma già il verdetto è pieno. Strepitosa, e non esagero.

Non lo avrei mai detto, e mai mi sarei spinto con tale convizione a dirlo.

 

 

 

 

WhatsApp Image 2021-07-24 at 16.25.39.jpeg

Link to comment
Share on other sites

@rai63 la piccola mod, consiste nell'inserire sotto i raggi del cerchio Maserati/Ferrari, gomma adesiva di 1 mm di spessore, che serve ad attutire le eccessive vibrazioni del vetrino che la nero/rosso aveva, e che allungavano in maniera disdicevole il basso, fino a renderlo sovrastante su tutto.

La 1More nero/rosso si trova su amazon, la Gold è out of stock ovunque.

La nero/rosso ha il driver in grafene, come tutta la produzione odierna delle 1More Triple Driver.

Drop ha reso possibile il sogno: upgrade sul cavo del microfono (che puo' far comodo) e driver in titanio.

Sono 2 cuffie diverse, e credo proprio la nuova Gold ha già la mod sotto i raggi dei cerchi, il basso è semplicemente presente, profondo, netto, preciso, roba da bass reflex di quelli buoni, e tutto il resto è armonicamente coeso, in una parola la Gold, suona benissimo, per me, che ormai conosco le differenze fra titanio e grafene.

 

Link to comment
Share on other sites

Qualche 10 ore di rodo, e si dimostra una cuffia completa. Fa amare la musica. Il detto del CEO di 1More. Confermo.

i salti di qualità li restituisce tutti, step dopo step, una cuffia rivelatrice di cio' che sta a monte.

Suona bene già allo smarty-ciof, suona meglio al dac/amp, suona divinamente all'ampli desktop.

Best Buy ? Di più, molto di più. Grazie Drop.

 

Ludovico Einaudi - Fly

 

da brividi, che suono, lo ammetto ho il ventilatore a palla, ma che suono... deliziosamente profondo, netto, ampio, definito, nitido, spazioso, con un headstage ampio ben al di la' delle aspettative.

Per una volta, fuori da tutti gli schemi audiofili, e similia...

😍 estasiato

Link to comment
Share on other sites

A quanto la vendeva Drop? Con dogana ecc... quanto è costata alla fine della fiera?

La mia, pagata 139€ 3 anni fa esatti, comincia ad accusare l'uso, i pads ma soprattutto l'imbottitura sotto l'archetto che si sta deteriorando, magari facevo bene a prendermi una sostituta, chissà...

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

La consiglio vivamente, è un piccolo oggeto d'arte musicale. Lo slogan "fa amare la musica" è semplicemente azzeccato.

Se riaffermo che è strepitosa, non penso di sbilanciarmi invano.

Link to comment
Share on other sites

La tua attuale 1more, con i pad rovinati, non la tralasciare... c'è un modo per metterci pads nuovi, e addirittura renderla over ear. Ma sono di parte, essendo un accanito sostenitore delle migliorie acustiche, e non aime', di EQ.

Ma sono della vecchia scuola, oggi è tutto più digitalizzato, semplicemente si vuole semplificare tutto, con qualche curva fatta da altre menti e orecchie...

E' sicuramente più impegnativo, rivedere l'acustica, magari azzeccando in maniera nativa la propria curva, senza usare equalizzazioni fatte da altri. Tant'è, sono uno di quelli che vede classe A, e non vuole vedere quei cursori "bassi" "alti".

Saro' storto, sicuro, ma rimango io, e vivo felice senza capire cosa sia l'EQ, pur avendolo sperimentato e ascoltato, paragonato ed infine abbandonato.

Tornando alla mod per i padiglioni over ear, è molto semplice. Stacca gli attuali rovinati, sono incollati, ripulisci dalla colla residua, sperimenta gli XL nelle varie conformazioni, ibridi, pelle, microfibra, velluto, angolati. E poi scegli.

Internamente alla 1more, non ci sono mod da fare.

Se non piace, esistono i pad circolari small, anche trafoorati, non c'è limite all'ingegno, solo il proprio gusto.

Link to comment
Share on other sites

Ho letto tutti i commenti. Nessuno che abbia fatto una comparativa tra questa ed altre cuffie che possiede.

Limitarsi a scrivere: “eccezionale, stratosferica, meravigliosa, un suono bellissimo”, non serve assolutamente a nulla.

Chi vuole rendere un servizio agli altri, DEVE fare una comparativa e riportarla passo passo sul forum, solo così si lascia qualcosa di significativo agli altri utenti.

Le cuffie vanno comparate alle altre.

Altrimenti il forum così non serve assolutamente a nulla.

Link to comment
Share on other sites

@Max78 Benissimo, si è inperniato il discorso su un piccolo ma evidente segno, dal quale non si puo' prescindere:

"nel suo range di prezzo", quindi economico, non ha rivali.

Il paragone, fatto con cuffie dal costo triplo, anche 10 volte tanto, non ha IMHO senso, i parametri sono fuorvianti, sono cuffie diverse e suonano tutte a modo loro.

Poi se vuoi sapere con quale abbinamento sorgente, ampli, dac, spiace la 1more "nel suo costo" si accontenta, e suona "per me" stratosfericamente, senza sbattersi nello scegliere cosa e come abbinare.

Mi spiace non poterti essere di aiuto, non riuscirei a fare paragoni. Per chi si avvicina al mondo cuffie, consiglierei la 1More sicuramente.

Link to comment
Share on other sites

  • 11 months later...
giuca70

Riesumo questo TD, perche' credo valga la pena aggiungere alcune informazioni, frutto di ulteriori ascolti con quanto oggi c'è di smart sul mercato, distaccandomi dall'aspetto tipicamente audiofilo, inteso come catena sorgente --> DAC --> ampli --> cuffia.

Esistono ormai prodotti di fascia alta, che fanno abbastanza bene il loro sporco lavoro, e sebbene non sembra abbiano alcunchè di esoterico, invero lo hanno ed è nascosto, furbamente.

Parlo di qualcosa che va al di la' di una catena analogica, come un sordologo come me la conosce. Parlo di soluzioni firmware adottate ad hoc, per l'ottimizzazione del suono, da alcuni produttori su fascie premium. Dunque di soluzioni software a bordo chip "audio".

La sorgente che sta pilotando senza alcun intermezzo di DAC / Ampli la 1More Triple driver, cuffia efficente di suo, è un Lenovo Yoga Tab 13.

Direte, perchè ne parli ?

Perche' ha un suono timbricamente "caldo", molto analogico, per similia di aggettivi.

Nel suo insieme, ed in questa configurazione, la 1More si avvicina alla Corsair RGB Virtuoso Special Edition nella resa tonale generale. Il dettaglio è giocoforza un po' superiore.

In sostanza, se non si audiofili, e non si vuole avere sbattimenti (per carita' non è che poi ci facciamo mael ad averli), un prodotto che costa più degli altri, apparentemente senza una logica, ha qualcosa di più che è intrinseco nel suo firmware.

Nella catena analogica, ascoltiamo bene la musica, e se la sorgente digitale lo consente, apprezziamo anche le ultime frontiere Atmos.

Nella catena breve, smart, c'è un quid in più, se le licenze di utilizzo sono pagate dal produttore (ebbene si le pagate quando un prodotto costa di più, e si identifica appunto come fascia alta) si apre un multiverso di opportunità.

Le piattaforme di streaming audio e video, che rilasciano contenuti 3D, Atmos, Dolby Video (per questo c'è un capitolo a parte) si riescono ad apprezzare meglio.

Con un PC si assaggiano le opportunita', con un hardware progettato ad hoc, si riesce ad apprezzare quasi tutto, di quello che c'è dal mondo Dolby.

Tutta una prefazione per dirla breve, lei la 1more suona (quasi simile) come se fosse attaccata all'uscita del mio ibrido, con la possibilità di "ascoltarci" tutto, dai film, alla musica, agli effetti Atmos e Vision.

Se ne vale la pena ?

Avevo preso lo Yoga 13 per lavoro, peche' ha un processore snapdragon top gamma, 2K 13" IPS, android 12, HDMI in per sfruttarlo come secondo monitor per il mio 17" portatile.

Ne sto scoprendo con piacere, un altro aspetto, che ho appena cennato.

Chi ha voglia di unire lavoro, divertimento, e concedersi anche momenti in pieno spirito audiofilo, ed il tutto sia in mobilità, che su desktop, puo' farlo, alla fine bene e meglio di quello che ci si aspetti. Senza costruirci una catena diedicata. Merito dell'alta efficenza della 1More, e del suo sistema a 3 vie ( 2 reali, ed 1 bass reflex).

Acusticamente, la reputo una bella cuffia.

Per analogia, le manca il realismo iperdettagliato e arioso della AMT, ci mancherebbe pure.

Come suona ?

Voci femminili e maschili lievemte dietro, e ben inserite nel contesto, basso e medio basso presenti senza code, veloci gli attacchi, archi, violini, batterie, reattivamente avanti e non invadenti, nessuna sibilante in agguato.

Il suono del TAB Yoga, è esattamente quello di un ampli a SS di buona fattura, con stadio pre a FET, e finali a MOSFET, tendente al caldo (quindi al suono analogico) per nulla freddo o sterile.

L'abbinamento che da sempre preferisco, nelle mie catene analogiche avute e presenti.

E sempre in ambito acustico, per il quale considero l'aspetto "acustico" al primo posto rispetto le altre pur sempre care e conosciute variabili di giudizio nel valutare sia un prodotto che una cuffia, se proprio volessi fare un contronto con le altre cuffie, lo faro' riservandomi successivi ascolti.

 

Buona musica.

 

P.S. lato musica, doby atmos disattivato, EQ disattivato, tutto in flat. Attivarlo in modalità musica, aumenta percettivamente la spaziosità, senza alterare più di tanto l'insieme timbrico del messaggio sonoro.

Per es. 3D Classical London Philarmonic Orchesta - spatial audio - sia in modalita' Atmos ON che Off sul device, suona meglio in off. Perchè la traccia stereo è già in Atmos, mettere ad ON edulcora e rovina la resa. Basta saperlo, di Atmos ne stanno 3 tipi: Home teatre 7.4.1 su Blueray, Atmos incisa in studio ed in bypass sul device, e atmos su device (dei 3 il peggiore).

Per i film Netflix, la spazialità del Dolby Atmos modalità Film, unito al Dolby Vision (colori e scene rese con maggiore qualità rispetto HDR10+) è consigliabile, se piaciono gli effetti.

 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

giuca70

Volendo fare un confronto un po' dispari, dato il 3 vie che ne identifica il suo carattere, ci posso provare - per inciso, non si riesce ad ascoltare la scollatura fra dinamico e tweeter piezo, cosa che per 2 driver di diversa struttura, è un fattore molto comune, vedi la ESS 422H, dove in un mio TD ho dovuto "faticare" e non poco per allineare fase e "direzionalità" dei 2 driver differenti - vediamo cosa ne esce.

Dicevo che il suono della triple è musicale, si fa piacere senza tanti fronzoli e appennicoli vari.

Se vogliamo paragonarla ad una cuffia diversa, anche per filosofia di progettazione, visto che sto alternando le ultime entrate, è più corretta nel basso di una Steelseries 1 wireless, più definita.

Se vogliamo paragonare la Beyer DT990 BSE, forse le assomiglia per il dettagio strumentale, mentre la 990 trasporta maggiore impatto dinamico, in effetti è il suo preciso scopo, aumentare corpo e possenza strumentale, forse a V rispetto la sorella più neutra 880 liscia.

La stessa ESS 422H, cuffia difficile, già timbricamente è lontana dalla coesione armonica che ha la 1More.

Ovviamente, nella fascia 150-200, è una gran cuffia, timbricamente corretta, coesa, che suona già bene con un buco qualunque, poi scala se amplificata, anche se la sensazione di un effettivo miglioramento, netto, è inferiore a quello ascoltabile con altre cuffie, tipo la MSrb7, la stessa 990 BSE.

Apparentemente ci si direbbe, ma questa cuffia suona bene, cosi', senza che le cure da audiofilo diano gli effetti attesi.

Un po' lascia sconcertati, e questo lascia un amarognolo in bocca.

Ma se la preferenza è la portabilità, la praticita', e interessa ascoltare solo buon musica, è lei che preferisco, in versione Gold.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share



×
×
  • Create New...