Jump to content

Gli streamer suonano?


Gatto
 Share

Recommended Posts

Io titolo é provocatorio ma sottende alla domanda che pongo ai più esperti: uno streamer puro, ovvero senza dac, può influire sul suono o su altre caratteristiche (dinamica, bassi,...) della riproduzione. Ovvero se collego due streamer diversi collegati allo stesso dac non dovrei avere il medesimo risultato? 

Immagino uno streamer come un semplice apparecchio di trasporto che prende la musica da un provider e la porta al dac. 

Sbaglio? 

Leggendo alcuni post sembra che anche un software come roon possa intervenire sul risultato dell'ascolto

Grazie a chi vorrà rispondere 

Link to comment
Share on other sites

audio_fan

Non ho roon però avendo un problema di "salti di volume" tra un brano e l'altre nelle playlist di Qobuz (il problema sussiste perché vengono da album diversi) lessi che Roon si farebbe carico di normalizzare l'audio dei brani della playlist. Spero che non tocchi il resto (equalizzazione, dinamica e quant' altro), ma credo che se così fosse non sarebbe mai stato preso in considerazione dagli audiofili.

 

Quanto agli streamer se "per assurdo" qualcuno di questi rielaborasse il suono non sarebbe più uno streamer, ad esempio i sintoamplificatori multicanale (che non sono streamer) applicano (se non esclusa dall' utente) la equalizzazione ambientale, il PC (che non è uno streamer) può avere al suo interno un player come foobar dotato di equalizzatore grafico (se attivato dall' utente).

 

[imho] mentre un DAC, eventualmente anche quello presente in un streamer, viene valutato anche in base ad una sua peculiarità timbrica, diversa rispetto a quella dei prodotti concorrenti, uno streamer "puro" (con uscita digitale) ovvero la funzione streamer di uno streamer+DAC integrato si valuta in base a criteri di usabilità (in buona sostanza dalle caratteristiche della app di controllo o altro dispositivo di controllo) e dalla facilità di implementazione delle varie funzioni (in particolare per quanto riguarda l'aggiunta di album o brani da dispositivi in LAN).

Link to comment
Share on other sites

Uno streamer non è altro che un computer con le "ali tarpate". Quindi uno streamer incide sul suono tanto quanto può farlo un computer, sia per motivi hardware che software.

Link to comment
Share on other sites

il picchio

Io ho posseduto diversi streamer.  Non ho MAI colto differenze significative di suono tra uno e l'altro.  Le differenze erano altre ( software,  facilità d'uso, rapidità di connessione,  wifi o LAN, possibilità di connessione ad un dac esterno,  estetica, dimensioni....)

Link to comment
Share on other sites

stefano_mbp

… da cui si potrebbe affermare che un raspberry o se si vuole esagerare un Allo Usbridge Signature vanno benissimo …. il resto è lusso sfrenato

Link to comment
Share on other sites

Se all'interno di uno stesso marchio, come ad esempio questo:  https://432evo.be/index.php/432-evo-master-music-server/ è possibile acquistare due diversi streamer, il primo a circa 12 mila euro (432 EVO Master), ed il secondo a circa 5 mila (432 EVO AEON), presumo che differenze ce ne possano essere.

Idem nel catalogo Innuos: si può scegliere tra un meno costoso ZENith Mk3 e il top gamma Statement.

In Aurender si può acquistare un più economico N100, o salire fino ad arrivare ai costosissimi N20 ed N30 da poco entrati in produzione. Lo stesso avviene per altri marchi come Pink Faun, Antipodes o Melco.

Ci sarà sicuramente anche un discorso commerciale e di ''lusso'', ma fatico a pensare che non ci possano essere step migliorativi, anche grazie alle diverse alimentazioni utilizzate. Diversamente sarebbe una generale presa in giro da parte di tutti i marchi, nessuno escluso.

 

Che poi i componenti della catena che ti ''stravolgono'' il risultato finale siano altri, ne sono più che convinto.

 

 

Link to comment
Share on other sites

stefano_mbp

@bibo01 … appunto … sono macchine generalmente con processori di potenza modesta che fanno davvero molto poco.

I fitlet2 che tu hai proposto su AS e che mi pare abbiano riscosso un buon successo sono applicazioni industriali al pari di raspberry e simili.

Link to comment
Share on other sites

@naim ho fatto anche io il tuo ragionamento, ma spesso in questo settore la logica é stravolta. La sezione di alimentazione che si differenzia tra uno streamer e l'altro della medesima marca a mio parere non dovrebbe influire, non avendo l'apparecchio in sé necessità particolari id corrente non amplificano o elaborando il segnale. 

 

 

Link to comment
Share on other sites

stefano_mbp

il punto è quanto sei disposto a spendere per un miglioramento pari a … zero virgola un capello … se ti va bene spendere $10000 per questo il mercato te lo permette … poi la psicologia entra in gioco per gratificarti della enorme spesa …

Link to comment
Share on other sites

@bibo01 quindi potrei benissimo prendere, ad esempio, un mac book air o pro che equivarrebbe ad uno streamer puro anche di costo elevato.

mi serve saperlo perché sto giusto valutando l'acquisto di uno streamer senza dac.

Link to comment
Share on other sites

17 minuti fa, Evy ha scritto:

quindi potrei benissimo prendere, ad esempio, un mac book air o pro che equivarrebbe ad uno streamer puro anche di costo elevato.

mi serve saperlo perché sto giusto valutando l'acquisto di uno streamer senza dac.

Importante è verificare che il software di gestione risponda alle tue esigenze e che l'alimentazione non crei problemi al resto della rete.

Link to comment
Share on other sites

Usando Qobuz sicuramente funziona bene

l’alimentazione di un computer non dovrebbe creare problemi, inoltre la linea ha un magnetotermico dedicato 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, stefano_mbp ha scritto:

l punto è quanto sei disposto a spendere per un miglioramento pari a … zero virgola un capello

in impianti spazzatura

dove spazzatura entra e spazzatura 

esce.

Link to comment
Share on other sites

stefano_mbp
1 ora fa, Evy ha scritto:

un mac book air o pro che equivarrebbe ad uno streamer puro anche di costo elevato

… costo elevato, appunto … opinione del tutto personale è che un MacBook equivalga … ad andare a caccia di passeri con una corazzata … soprattutto se i Mac sono i nuovi con processore M1.

Non hai pensato ad esempio a un Allo Usbridge Signature?

Se proprio vuoi qualcosa di “definitivo” indagherei sul Auralic Aries G1, ha il Wi-Fi e una buona app, solo iOS/iPadOS, ma con quel che risparmi ti prendi un bel iPad e sei a posto.

Link to comment
Share on other sites

@stefano_mbp grazie Stefano per la tua risposta.

Tuttavia oggi un macbook air costa meno di 900 euro in offerta.

Però la domanda è,  al di là del fattore costo, se uso un PC, qualunque sia Apple piuttosto che altri marchi ormai tutti supportano l'applicazione qobuz, perdo in qualità nella riproduzione audio oppure no rispetto ad uno streamer?

Link to comment
Share on other sites

Per la mia esperienza, tra streamer e pc, ho notato piccole differenze,  in meglio per lo streamer, per me imputabili alla miglior pulizia della uscita usb, del secondo, rispetto al pc, ma non per il flusso di bit, che quelli sono.

A livello hw, secondo me la differenza sta nelle alimentazioni, che devono inquinare meno possibile il flusso dati, e nel sw, che non dovrebbe in teoria esserci, ma che nei pc, non sono così certo che non ci sia..

 

Link to comment
Share on other sites

stefano_mbp

@Evy riguardo al Mac non ne facevo una questione di costo ma di potenza … esagerata per lo scopo.

Come si diceva sopra la qualità, pelo più pelo meno, non dovrebbe cambiare.

Il “difetto” che vedo nell’uso di un computer è che è decisamente più ingombrante di un tablet … inoltre la app di Qobuz per computer non ha la funzionalità Connect (come Tidal o Spotify) quindi saresti nella condizione di dover avere un dac connesso al computer con usb … seduto sul divano con un sacco di roba e cavi in giro diventa fastidioso.

Volendo rimanere sul computer lascerei da parte Windows per possibili problemi derivanti da drivers o aggiornamenti, per la mia esperienza i Mac sono decisamente più “stabili”.

Apprezzo molto Linux con le sue varie distribuzioni ma la mancanza di app dedicata rende la scelta non percorribile.

Link to comment
Share on other sites

40 minuti fa, Evy ha scritto:

Tuttavia oggi un macbook air costa meno di 900 euro in offerta.

Però la domanda è,  al di là del fattore costo, se uso un PC, qualunque sia Apple piuttosto che altri marchi ormai tutti supportano l'applicazione qobuz, perdo in qualità nella riproduzione audio oppure no rispetto ad uno streamer?

Questa è stata una prova che a casa mia ho fatto. Un macbook pro risultò sonicamente inferiore ad un BDP-1 Bryston. 

 

2 ore fa, Gatto ha scritto:

La sezione di alimentazione che si differenzia tra uno streamer e l'altro della medesima marca a mio parere non dovrebbe influire, non avendo l'apparecchio in sé necessità particolari id corrente non amplificano o elaborando il segnale. 

Riguardo a questo ho sempre ascoltato pareri differenti. Per un utilizzo audio, una alimentazione molto curata pare faccia la differenza anche per una motherboard od un'uscita USB diretta ad un dac. 

Link to comment
Share on other sites

considero lo streamer alla pari degli altri componenti, quindi va considerata la qualità dell'alimentazione, della scheda di rete, dell'uscita digitale, e secondariamente della qualità dello storage file nel caso lo streamer legga in locale e non da internet.

Da non sottovalutare l'importanza della rete; cavi e switch

  • Melius 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

massimojk
5 ore fa, il picchio ha scritto:

Le differenze erano altre ( software,  facilità d'uso, rapidità di connessione,  wifi o LAN, possibilità di connessione ad un dac esterno,  estetica, dimensioni....)

 

+1

 

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




  • Obiettivi Recenti

    • Great Content
      dago
      dago earned a badge
      Great Content
    • Superstar Member
      Coltr@ne
      Coltr@ne earned a badge
      Superstar Member
    • White Vinyl Badge
      jammo
      jammo earned a badge
      White Vinyl Badge
    • Helpful
      ferrocsm
      ferrocsm earned a badge
      Helpful
    • Superstar Member
      hinsubria
      hinsubria earned a badge
      Superstar Member
    • Superstar Member
      Glennascaul
      Glennascaul earned a badge
      Superstar Member
    • Great Content
      alexis
      alexis earned a badge
      Great Content
    • Helpful
      KIKO
      KIKO earned a badge
      Helpful
    • Gold Vinyl Badge
      Titian
      Titian earned a badge
      Gold Vinyl Badge
    • Superstar Member
      znorter
      znorter earned a badge
      Superstar Member
  • 173 Pink Floyd discografia essenziale

    1. 1. Quali sono, secondo te, i dischi immancabili dei Pink Floyd?


      • 1967 - The Piper at the Gates of Dawn
      • 1968 - A Saucerful of Secrets
      • 1969 - More
      • 1969 - Ummagumma
      • 1970 - Atom Heart Mother
      • 1971 - Meddle
      • 1972 - Obscured by Clouds
      • 1973 - The Dark Side of the Moon
      • 1975 - Wish You Were Here
      • 1977 - Animals
      • 1979 - The Wall
      • 1983 - The Final Cut
      • 1987 - A Momentary Lapse of Reason
      • 1994 - The Division Bell
      • 2014 - The Endless River
      • 1988 - Delicate Sound of Thunder (live)
      • 1995 - Pulse (live)
      • 2000 - Is There Anybody Out There?: The Wall Live 1980-1981
      • 2021 - Live at Knebworth 1990

  • Last Adverts

×
×
  • Create New...