Jump to content

Turisti sul lago Braies


ferdydurke
 Share

Recommended Posts

camaro71
13 minuti fa, ascoltoebasta ha scritto:

Conosco benissimo tutte le zone da te citate, quel paradiso che è predarossa sarà quindi presto invaso da cittadini in  E-bike?

per ora c'è l acceso limitato alle auto dietro pagamento di un pass rilasciato dal comune di val masino (50 auto al giorno)

sono convinto che quando sarà terminata questa pista di ciclisti ne gireranno parecchi perche si crea un anello da alpe granda-scermendone-predarossa-valmasino

Link to comment
Share on other sites

eccheqqua
1 ora fa, ascoltoebasta ha scritto:

io e mia moglie,dopo tante estati,conosciamo ormai anche il posizionamento dei sassi nei sentieri

Visto che sei appassionato non ho dubbi😊, il mio era un consiglio ai naviganti anche se rispondevo a te, si scoprono posti anche piú belli dove sei praticamente da solo. Spesso é sufficiente evitare i rifugi e portarsi tutto sulla groppa😁

Link to comment
Share on other sites

Panurge

La regola è andare dove servono almeno due-tre  ore di scarponi sul ripido. I balenghi non amano la fatica. 

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

ma porca miseria, passi per il primo incidente, ma il terzo è inconcepibile, si sapeva che il ghiaccio non aveva retto, bastava leggere i giornali locali, andarci ppoi con un bimbo di pochi mesi. speriaamo che ce la faccia ma che poi ai suoi tolgano la potestà genitoriale

Link to comment
Share on other sites

ascoltoebasta
20 minuti fa, eccheqqua ha scritto:

si scoprono posti anche piú belli dove sei praticamente da solo. Spesso é sufficiente evitare i rifugi e portarsi tutto sulla groppa😁

Come arrivare a Santa Maddalena e prendere uno dei numerosi sentieri o, oltre il confine entrare nella VillgratenTall.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Venerdì mattina giro dei covoli di Lumigliano, 50 minuti da casa, perfetta giornata di sole primaverile e pace assoluta mentre il borsellume planiziale era accodato verso il Cadore con le macchinine brum-brum. Pranzetto appagante al Ponte Botti, ruttino ai mulini di Mossano e chi s'è visto s'è visto. E non ho fatto nemmeno un selfie con la bocca a cul di gallina per instagram.. 😁

image.png.19f18e27d8e0aee34a1ca7615786265c.png

Link to comment
Share on other sites

bungalow bill

Io , l'unica volta che sono uscito da Milano ; al rientro , per percorrere 100 km. ho impiegato 5 ore . State a casa . 

Link to comment
Share on other sites

ferdydurke

@Martin pure io ho un po’ di percorsi “off the beaten track” che in genere tendo a non condividere perché voglio evitare di trovarci la ressa quando poi lo sanno tutti

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, ferdydurke ha scritto:

in genere tendo a non condividere perché voglio evitare di trovarci la ressa quando poi lo sanno tutti

Questo è un buon accorgimento. E per fortuna certi luoghi hanno una specie di "immunità" dal turismo massificato con flussi che rimangono tollerabili per buona parte dell'anno.

Link to comment
Share on other sites

OLIVER10
18 ore fa, cactus_atomo ha scritto:

passi per il primo incidente, ma il terzo è inconcepibile

saranno stati i soliti negazionisti

Link to comment
Share on other sites

eccheqqua

Poveri ragazzi, messi in mano a degli incoscienti impreparati. E dice pure: forse siamo stati superficiali? Fossi un genitore gli faccio passare le pene dell'inferno..

Inoltre prima di partire, oltre all'allerta meteo,  si controlla l'equipaggiamento, se si va in montagna, e io come responsabile apro gli zaini dei ragazzi uno per uno, visto che ho la responsabilitá. Ma come si fa...

Link to comment
Share on other sites

Io sono della zona e quella mattina c'era veramente un tempo da lupi, è stato proprio un azzardo da incoscienti.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Panurge ha scritto:

Ehh, cretini vestiti da bambini che portano in giro etc. etc. Stavolta è vero. 

Io sono stato uno scout del CNGEI (sarebbero gli scout laici). E' stato li che ho imparato quali sono i rischi che si corrono appena si esce dalla città e si va in montagna o al mare, ad abbigliarmi in modo adeguato, a prendere le necessarie precauzioni e a non fare danni in giro. 

Link to comment
Share on other sites

ferdydurke
6 minuti fa, wow ha scritto:

E' stato li che ho imparato quali sono i rischi che si corrono appena si esce dalla città e si va in montagna o al mare, ad abbigliarmi in modo adeguato, a prendere le necessarie precauzioni e a non fare danni in giro. 

Magari prima le cose funzionavano meglio…

Link to comment
Share on other sites

Panurge

Io ho imparato dal babbo, che mi trattava con la stessa delicatezza usata per  addestrare sottufficiali in gioventù. 

Link to comment
Share on other sites

 Share


×
×
  • Create New...