Jump to content

Siamo pur sempre un paese a sovranità limitata..


Velvet
 Share

Recommended Posts

https://www.repubblica.it/cronaca/2021/04/03/news/ecco_come_sono_finito_nella_blacklist_di_trump_scambiato_per_un_trafficante_di_petrolio_-294888144/?ref=RHTP-BH-I0-P1-S9-T1

 

L'amministrazione governativa USA non si sa bene in base a quali meccanismi e quali accordi può bloccare per mesi ad un cittadino italiano residente in italia, operante in italia e che nulla ha a che fare con l'America, i conti correnti bancari ed ogni attività finanziaria sul territorio italiano.

 

Tutto ciò, stando a quanto afferma il malcapitato, senza che le autorità italiane e l'istituto bancario italiano muovano un dito per risolvere la tragicomica faccenda.

E senza che alla vittima venga riconosciuto uno straccio di risarcimento per i danni subiti a causa di un errore che avrebbe del comico se non avesse causato tanto disagio.

 

Trovo questa vicenda, se confermata, incredibile e spia di quanto ancora siamo uno stato a sovranità limitata. I tempi di Gladio in realtà forse non sono mai finiti.

 

Voglio proprio vedere se una qualsiasi autorità italiana ha facoltà di bloccare direttamente presso gli istituti bancari americani i conti correnti di un qualsiasi cittadino statunitense. Figuriamoci.

Link to comment
Share on other sites

appecundria
14 minuti fa, Velvet ha scritto:

stando a quanto afferma il malcapitato

Dice che la banca gli ha bloccato il conto per ordine di un governo straniero?

Link to comment
Share on other sites

10 minuti fa, appecundria ha scritto:

Dice che la banca gli ha bloccato il conto per ordine di un governo straniero?

Così dice l'articolo, o più probabilmente per ordine di un'agenzia governativa, ma non ho trovato smentite in giro.

4 minuti fa, extermination ha scritto:

Mi sfugge il nesso tra  titolo del 3d e la fattispecie capitata al malcapitato.

Mi sfugge come ti sfugga. Se un ente americano ha facoltà di bloccare conti privati di una banca italiana, senza passare attraverso la nostra magistratura, è chiaro che la sovranità del nostro paese ha qualche piccola falla.

Link to comment
Share on other sites

Non credo una banca possa bloccare conti in Italia senza l'ordine di un giudice italiano. Se gli sono bloccati conti in USA è diverso.

Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, meliddo ha scritto:

Non credo una banca possa bloccare conti in Italia senza l'ordine di un giudice italiano. Se gli sono bloccati conti in USA è diverso.

Leggete l'articolo almeno.. Sono stati bloccati conti presso una banca italiana e senza che la magistratura italiana  abbia notificato nulla 

Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, Velvet ha scritto:

Leggete l'articolo almeno

Fatto, ma c'è solo la versione del correntista, bisognerebbe sentire anche cosa ne dice la banca.

Link to comment
Share on other sites

extermination
4 minuti fa, Velvet ha scritto:

la magistratura

Se non c'è una " norma giuridica" cui far riferimento, la Banca non blocca un fico secco!! 

Link to comment
Share on other sites

Fourier_Transform

Quindi siamo un paese a responsabilità limitata. Lavoro per Compagnie Americane da 30 anni e so quanto grossolani e superficiali possano essere; capita continuamente di scoprire che società con cui intratteniamo rapporti commerciali improvvisamente vengano blacklisted senza spiegazioni (il più delle volte per omonimia o appunto per semplice superficialità). 
scandaloso comunque che una banca italiana prenda ordini dalla loro amministrazione....

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, meliddo ha scritto:

Fatto, ma c'è solo la versione del correntista, bisognerebbe sentire anche cosa ne dice la banca.

Se le nostre autorità interpellate hanno detto di non saperne nulla... 

Lo stesso sblocco pare sia partito direttamente dagli usa su iniziativa diretta del correntista. 

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, Fourier_Transform ha scritto:

scandaloso comunque che una banca italiana prenda ordini dalla loro amministrazione....

Questo è il punto, capire secondo quale meccanismo il governo usa possa eventualmente scavalcare il passaggio per il nostro sistema giuridico. Sarebbe veramente il colmo 

Link to comment
Share on other sites

Schelefetris

a me sembra strano. il c/c che io sappia, lo può bloccare solo la banca stessa per motivi di insolvenza et simili o un giudice. Può essere pignorato dall'agenzia delle entrare a fronte di cartella passata a titolo esecutivo o da un privato con titolo esecutivo previo sempre passaggio dal giudice quindi.

Non penso che una banca possa "obbedire" ad uno stato estero senza correre il rischio di risarcimento danni.

Link to comment
Share on other sites

Pasquale SantoiemmaGiacoia

Una cosa simile capitò ad una azienda meccanica mia cliente (esportazione di prodotti, frese per aeronautica, verso l'Iran).

La faccenda si risolse in un paio di mesi, I prodotti in questione erano regolari e fuori embargo in atto verso l'Iran.

Se non ricordo male, la questione è, appunto, il divieto (e/o limitazione) di commerciare verso Paesi sotto embargo.

Il commercio da e verso Paesi sotto embargo ha controlli e accordi sovranazionali di intervento immediato

da parte dei Dipartimenti del Tesoro dei singoli Stati che aderiscono all'embargo.

 

Qui c'è qualcosa in proposito:

 

http://www.dt.mef.gov.it/it/attivita_istituzionali/prevenzione_reati_finanziari/embarghi_finanziari/

 

https://home.treasury.gov/news/press-releases/sm1239

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

32 minuti fa, Fourier_Transform ha scritto:

scandaloso comunque che una banca italiana prenda ordini dalla loro amministrazione....

 

se vuoi continuare a lavorare in USA.......

Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, Pasquale SantoiemmaGiacoia ha scritto:

Una cosa simile capitò ad una azienda meccanica mia cliente

 

e' cosa che capita correntemente. 

Link to comment
Share on other sites

 Share




×
×
  • Create New...