Jump to content

Sì alla candidatura di Ucraina e Moldavia per l'UE


Guru
 Share

Recommended Posts

https://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2022/06/23/si-alla-candidatura-ue-per-ucraina-e-moldavia_7ec9231c-6fc8-440e-85e6-1bdcfc4af9e8.html

Favorevoli o contrari? A favore un aiuto alla sicurezza di quei paesi e dell'Unione, potremmo avere quella manovalanza ora introvabile e arriveranno tante belle patatine.

Di contro quella manovalanza potrebbe portare un aumento della criminalità, altri aiuti UE per democrazie ancora immature e aumento delle inaffrontabili fiatelle mix agliocipollate, avvinazzate e tabaccate.   

Link to comment
Share on other sites

le patate quando non hanno più il problema del visto di soggiorno te le scordi

le badanti casomai

la manovalanza serve per tenere bassi gli stipendi, complimenti again, w il pd

 

Link to comment
Share on other sites

12 minuti fa, audio2 ha scritto:

le patate quando non hanno più il problema del visto di soggiorno te le scordi

Quindi, arrivando qua e potendo rimanere a tempo indefinito, la fauna femminile di quei paesi non si concederebbe più?

14 minuti fa, audio2 ha scritto:

la manovalanza serve per tenere bassi gli stipendi

La manovalanza serve anche per aiutare le nostre aziende che non ne trovano. Non vogliamo dare una mano agli imprenditori?

15 minuti fa, audio2 ha scritto:

w il pd

A proposito, la Lega che ne pensa di questa candidatura? Non ho sentito niente...

Link to comment
Share on other sites

Gaetanoalberto
20 minuti fa, audio2 ha scritto:

w il pd

Una mania c'avete. Quelli che li impiegano in nero sono mica quelli dell'altra sponda? 

Link to comment
Share on other sites

14 minuti fa, Guru ha scritto:

la Lega che ne pensa

Salvini è impegnato con il "festival del lavoro; la Meloni sta ringraziando Sallusti per il 10 in pagella.

 

Link to comment
Share on other sites

Sallusti un eroe: Scrivere quello della Meloni deve essergli costato non meno di 3 linidor da quanto si sarà venuto in braga...

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

tra un pò di anni quando ci saranno di nuovo casini a non finire ricordatevi di questi giorni

a parte che si alla candidatura mica vuol dire ingresso

perlomeno fino a che non c'è una pace riconosciuta da tutti se lo possono scordare

vale anche per la moldavia

Link to comment
Share on other sites

21 minuti fa, audio2 ha scritto:

si alla candidatura mica vuol dire ingresso

infatti, per il momento è da intendersi come "segnale politico" e/o "contentino".  Poi dovranno attraversare indenni le vasche degli squali venuti su a birra, broodje e leberpaste e la gabbia delle tigri allevate a goulash e porkolt...

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

bungalow bill

Come mai l'Ucraina non l'hanno ammessa prima della guerra ? E' forse per fare un affronto / dispetto alla Russia ?

Link to comment
Share on other sites

@ferrocsm "a pelle" saremmo tutti d'accordo, ma questa candidatura è un forte segnale politico alla Russia, e credo che se arriveremo all'ingresso di questi paesi nell'Unione aumenterà la nostra sicurezza. l'Unione Europea deve espandersi, non rimpicciolirsi. Peccato che abbiamo perso un pezzo importante come il Regno Unito. Un ucraina da ricostruire membro ué può rappresentare per le tante nostre aziende che costruiscono infrastrutture, un'occasione d'oro.

Link to comment
Share on other sites

ferrocsm
45 minuti fa, Guru ha scritto:

Un ucraina da ricostruire membro ué può rappresentare per le tante nostre aziende

Francesco a me veniva un poco da sorridere quando sentivo tutti i discorsi sulla Cina e sulla concorrenza sleale che faceva alle nostre industrie poco competitive nei suoi confronti dato che pagavano la manodopera con all'incirca il prezzo di una scodella di riso, porcaccia miseria dicevo io che nel mio settore oltre che con la Cina si doveva combattere (si fa per dire) anche con Romania Bulgaria Repubblica Ceca Ungheria Slovacchia, che anche loro pagavano la monodopera forse non con una scodella di riso, ma due. E questo serviva allora in gran parte alla Germania che avendone qualcuna ai suoi confini li faceva lavorare alle sue specifiche pagandole il corrispettivo al valore dei loro fiorini, zloty, lev, il grosso vantaggio poi fu anche quello che senza più barriere doganali e il libero passaggio delle merci e delle persone soprattutto per chi operava ai confini era davvero notevole, li vollero in una Unione Europea ma si guardarono bene dal farli entrare anche in una unione monetaria e se un polacco voleva nel caso comprarsi una Mercedes la pagava in euro. Senza Europa non ci stiamo perché da soli siamo nessuno, ma storture da correggere ce ne sono parecchie e questa è una di quelle. Quindi prima di pensare a futuri allargamenti correggiamo per quanto possibile il pregresso, mio avviso beninteso.  

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, bungalow bill ha scritto:

Come mai l'Ucraina non l'hanno ammessa prima della guerra

perchè della lunga lista dei requisiti per poter aderire non ne soddisfava

nemmeno uno

Link to comment
Share on other sites

Paperinik2021

Una manfrina, lo sanno tutti. E non so neanche quanto fosse opportuna.

E' il momento di raffreddare gli animi, non di scaldarli

Link to comment
Share on other sites

maurodg65
13 ore fa, audio2 ha scritto:

perchè della lunga lista dei requisiti per poter aderire non ne soddisfava

nemmeno uno

Balle.

 

https://www.linkiesta.it/2022/06/ucraina-adesione-ue-francia-germania/


“…Parliamo di due Stati – Germania e Francia – la cui responsabilità nella tragedia ucraina è particolarmente pesante. Sono stati loro a porre il veto all’ingresso dell’Ucraina nella Nato nel 2008. Sono stati ancora loro, sotto l’alto patronato della cancelliera Angela Merkel e del presidente Francois Hollande, a sponsorizzare gli accordi di Minsk del 15 settembre 2014. Sono stati loro, insieme ad altri (ad esempio l’Olanda di Mark Rutte) gli artefici della politica del rinvio sine die di qualsiasi prospettiva concreta di adesione dell’Ucraina all’Unione, anche dopo la Rivoluzione della Dignità del 2014.

È la Germania a essere responsabile dell’aberrazione politica del Nord Stream 2, denunciata a gran voce dai paesi dell’Europa centrale e orientale. È alla Francia, attraverso il suo campione nazionale Total, che dobbiamo faraonici investimenti in Russia, un vero e proprio affare di Stato, se si considera il sostanziale silenzio dei media e la scarsa voglia delle autorità politiche e giudiziarie francesi di cercare di fare chiarezza sull’affaire de Margerie, nonostante le circostanze dell’incidente in cui è morto il presidente del gruppo ricordino sinistramente il modus operandi dei servizi segreti russi. Il suo aereo in fase di decollo a Mosca si scontrò con uno spazzaneve che si trovava in mezzo alla pista, malgrado non nevicasse. …”

 

Link to comment
Share on other sites

 Share




×
×
  • Create New...