Jump to content

nuovo AMP cuffie - pareri sullo schiit Heresy


konalord
 Share

Recommended Posts

konalord

buon giorno a tutti, sto pensando di comprare un nuovo AMP cuffie, per ora piloterà la beyer 250ohm, ma in futuro stavo pensando ad una Fostex T50RP MK3  magari la versione Argon  moddata da MOD house...

 

Comunque avevo pensato al Magni 3 Heresy all'incirca sui 150 euro,  oppure all' SMSL 8s  che ne pensate?

Link to comment
Share on other sites

konalord

In realtà ci sarebbe anche il nuovo topping DX3+ a 200 euro, che sembrerebbe molto interessante... Ma se riesco a stare sui 150 euro tanto meglio, a meno che lo schiit abbia problemi di progettazione/distorsione  o quant'altro che io non conosca, tanto da farmi rimandare l'acquisto e prendere poi un topping DX3 o altro sulla fascia 200/250 euro...

Link to comment
Share on other sites

giuca70

Provo a darti qualche idea...

Il Magni ha questa topologia:

Topology: OPA1662 op-amp for voltage gain with local feedback, OPA1688 (8 stages) as output buffers with local loops, no overall loop feedback.

Il suono degli Opa è sia veloce, che con l'asticella che pende verso tonalità neutre piuttosto che calde.

Il rail di alimentazione dual 16 Volt, se ho ben capito, fa il resto, sulla carta.

L'smsl 8s non si capisce che Opamp monti, ma da quello che si intravede, ha troppi condensatori sulla linea del segnale, cosa non buona per i miei gusti.

Il Dx3+ vuol fare tante cose, ha i chip adeguati a farlo, sul DSD512 Xmos, il DAC ESS, sul BT certificato Qualcomm. E' sulla impedenza dei 250 Ohm che lo vedo ni. Forse per l'efficienza Beyer ce la fa.

Lo shit lo vedo progettato meglio, ma monouso, fa l'ampli cuffia con Opamp.

La Fostex, sui 50 Ohm, e bassina di efficienza soli 92 dB, e li' serve birra, cosa che tutti e tre gli ampli hanno su quel range di impedenza.

In generale, opamp suono veloce pelo freddino, ESS timbrica veloce dettaglio, pelo neutra forse a meta' strada fra freddino e caldo.

Trovandoli, un ampli che abbia Fet stadio pre, e Mosfet stadio in uscita, è unione di velocita', dettaglio, timbrica pelo calda, simil valvolare, per i miei gusti, il top. Saliamo di prezzo (circa 4 volte). Ma ne vale la pena, frutto del giardino elettronico di Alex.

Fermo restando che agli inizi, il suono Opamp ha il suo perchè, come anche quello delle codifiche ESS. Se poi individui prodotti con chip AKM, hai la timbrica più calda e d articolatamente veloce oggi migliore sul mercato (ricorda un suono analogico dei primi DAC Sony).

Rileggendomi, ho semplificato all'osso, non ne abbiamo a male gli intenditori (io non lo sono 😉).

Link to comment
Share on other sites

Possibile prova a costo zero...

Se hai un buon ampli vintage provane l'uscita cuffia... potresti avere delle sorprese... unica accortezza pulire prima bene l'uscita con cotton fioc imbevuto di alcool.

Poi prendi su Amazon uno degli ampli da te individuati (ma anche qualsiasi altro entro i 3-400 €)... vedrai che farai il reso...

 

My two cents

 

Cele

Link to comment
Share on other sites

konalord

@cele purtroppo ampli vintage non ne ho, ho solo un Denon PM520ae che è comunque recente ed economico e lo uso per i diffusori.

 

@giuca70  diciamo che per stare in quella cifra l'Heresy sarebbe il migliore... e invece il nuovo Topping L30 II come lo vedi messo?

Per ora ho un fulla 2 che uso con gli auricolari e cuffie M40x (sono in attesa che mi arrivino le DT990/880 BSE) e lo accoppierei all'ampli nuovo.

 

Capisco il discorso che sono in un segmento non molto "prestante" ma spendere 4 volte tanto per il momento mi sarebbe un pò difficile... ho dato un occhiata al frutto del giardino elettronico di Alex, in particolare all'AF-N , è molto molto interessante! a detta dei commenti con quelli potrei stare tranquillo anche con una Bayer da 600ohm ! non riesco a trovare dove si vende sarei curioso di conoscerne il prezzo...

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

giuca70

Per iniziare, le prove prima si fanno con quello che sia ha. Sarebbe già un buon inizio se il suono che ascolti piace.

Poi a crescere c'è tempo, le cose vanno fatte con calma.

I topping ero sul prenderli anche io, ma... mi sono fermato, ho tirato il freno a mano, me lo sono imposto.

Negli anni, ne ho provati tanti di ampli, non moltissimi, fino a quando me li sono fatti da me (solo saldati, non progettati).

Ho iniziato con un kit di Nuova Elettronica, poi ho assemblato un beta22, con la supponenza di realizzare un ampli molto complesso, che integrasse il pilotaggio Single Ended, a massa attiva, e bilanciato.

Mi resi conto che non ne valeva l'impegno (lunghissimi mesi per realizzare un 2 telai, 5 schede B22, 4 alimentatori S22, rail che impazzivano, e 6 schede di protezione sulla DC. Un vero macello.

Passai ad un meraviglioso VHF-1.2 (frutto del giardino) che bilancia, e forte dell'esperienza sul Beta22, ne feci un piccolo gioeiello (sempre saldando, e basta, ndr.)

Insomma, per farla breve, sono rimasto con un ibrido, pre a valvole e finale Mosfet in classe A, poliedrico, che presi su Drop. Non lo propongono più da allora.

Alla fine del giro di parole, i topping sono perfetti al banco prova, poi il loro suono potrebbe essere "fin troppo sterile" per me, che sono stato abituato al miele dei frutti del giardino.

Pero', tante persone ne parlano bene.

L'unica persona che puo' giudicare come ascolti, sei solo tu. E' un mondo dove le variabili sono oltremodo infinite, fermarsi a guardare la curva Harman, è limitativo.

Io personalemente, da qualche anno, affronto il problema da un punto di ascolto differente, l'acustica.

Se piace come suona (la catena audio, o solo la cuffia) è li' che concentro i miei interessi, pensando e realizzando le più opportune modifiche acustiche alle 3 camere di risonanza di ciascuna cuffia, interna, esterna, e se è stata progettata anche quella apparentemente invisibile, la 3° camera, dove ci sono riverberi e risonanza indotte.

In poche parole, mitigo le risonanze a mio piacimento, ed i risultati li apprezzo meglio con l'ascolto.

Le casistiche infinite, circa l'acustica di una cuffia, mandano a carte 48 la curva Harman, che se ci pensi bene è prodotta con una portante audio (dente di sega, ecc) che varia di frequenza. Una e sola portante audio. Puo' dare un'idea, ma non è scienza assoluta.

Ecco, adesso si scatenera' l'inferno, detrattori e percsecutori dell'una e dell'altra sponda.

Si, se puoi, rimani fermo all'ascolto con le tue orecchie e con le tue tasche.

 

Link to comment
Share on other sites

konalord

Per l esperienza che ho avuto in prestito una 990 pro posso dirti che tra il fulla 2 e il fulla 2 + un magni 3 cambiava solamente il volume, che ovviamente col magni 3 era molto più alto, e col fulla invece dovevo alzare quasi al massimo per avere un volume simili al quello del magni a ore 9.

 

Mentre se collegata alla scheda madre che avevo all'epoca, avevo lo stesso volume del magni 3(stranamente la mia vecchia Asus aveva un reparto AMP dedicato alle cuffie) ma il suuno era più caldo , le sibilanti non si sentivano molto forti ma era anche più o ovattato e meno dettagliato.

 

La cosa che mi sorprese è che col magni non avevo avuto nessun miglioramento per quanto riguarda la qualità sonora, però era comodo avere un po' di potenza in più... E deciso di non acquistarlo e restare col fulla 2

 

Adesso come dici tu , aspetteró le cuffie e vedrò con quello che ho, perché se devo spendere 150 euro per il topping L30 o per l'Heresy senza avere chissà quale salto, non li prenderó.

 

Nel frattempo sto guardando i frutti del giardino, e leggendo le varie opinioni, mi sta venendo voglia di farne uno! Il miele a cui sei abituato tu, a quanto pare piace a moltissima gente !

 

Per la parte dell'assemblaggio non ci sarebbero problemi, solo che dovrei acquistare i pezzi poco la volta...

 

Dato il costo magari risparmierei sul case facendomelo da me, in 3/4 mesi potrei riuscire a costruire un v5 😁

Credo che questo avrebbe senso nel mio caso, a parte la soddisfazione di aver assemblato un signor AMP!

Che  ne pensi?

 

Link to comment
Share on other sites

giuca70

Be', se sei in grado di saldare, allora il 90 % del lavoro DIY è quasi fatto.

Cosa ne penso ? La soddisfazione di veder suonare una scheda assemblata da se', messa in una scatola da scarpe, a cui si erano fatte le predisposizioni per il volume, le prese rca ed il reesto, vuoi mettere ?

Poi, dopo un po' di lavoro artigianale, è venuto fuori questo frutto (che rimpiango come un bambino)

.

560874305_IMG_0499(1).thumb.JPG.784d8818da32655fd8bcf525c0b0975e.JPG

.

lo swuìitch era per il gain. Nessun altro interruttore serviva per gestire tutte le uscite possibili, SE, bilanciato, con connettori Neutrik all-mode (Jack 6,3 se, o bilanciato, xlr 3 pin bilanciato, xlr 4 pin bilanciato. Bastava dargli in pasto un segnale bilanciato, poi merito di connessioni da far impazzire, tutto il resto veniva fuori da se'.

1° connettore a sx (SE in fase)

2° connettore al centro (SE controfase)

3° connettore a dx bilanciato

1° e 2° connettore bilanciato (jack 6,3 o xlr 3 pin)

volendo potevi collegare 1, 2 o 3 cuffie insieme (mandando a quel paese il Damping Factor, ma non più di tanto, per la bonta' progettuale frutto di Alex)

Link to comment
Share on other sites

konalord

@giuca70 gran bel lavoro!

 

Me la cavo nel saldare, imparai con le modifiche sulle schede madri dell'Xbox 360 per la mod RGH 😁

Link to comment
Share on other sites

konalord

Me la cavo anche il fai date e bricolage... Più ci penso e più mi piace l idea di potermi costruire un frutto del giardino!

La cosa che mi frena un po' e che se poi dovessi voler provare una cuffia bilanciata, l'attuale v5  ne è sprovvisto.

 

Link to comment
Share on other sites

giuca70

Ecco, ne è sprovvisto perche' semplicemente non serve bilanciarla. Cerco di spiegare.

In due parole, ai tempi le bilanciavo per avere maggiore musicalità, ma al contempo il DF quadruplicava il suo valore, perdendo il pieno controllo del driver (basso preciso, incisivo senza code, voci naturali, strumenti stagliati nell'etere, con una definizione eccellente, parlo del pilotaggio SE).

Bilanciare significa da un lato quadruplicare (circa 3 volete e mezzo in realta') la potenza del singolo amplificatore, ma significa anche quadruplicare il Damping Factor, che con cuffie rivelatrici (leggasi già buone come la DT990) lo si sente in un basso lungo, mal controllato, che in un primo omento si fa piacere, poi alla lunga ho preferito tornare al SE, per inciso, un signor SE, il v5 che attendo realizzato dal progettista. Io ormai, ho passato la quaglia, e giaà !! l'eta'...

 

Link to comment
Share on other sites

konalord

@giuca70 Se ho capito bene con v5 o un qualsiasi buon AMP non serve bilanciare la cuffia o meglio non è indispensabile... oggi mi son arrivate le 880 e le 990 BSE, non vedo l'ora di fare qualche prova! ovviamente una delle due le restituirò a meno che non siano completamente diverse 😋 

Quello che vorrei avere è un buona catena, composta da v5 fatto me (ormai ho deciso che lo farò! ) un buon DAC e una cuffia che una sarà la 990 probabilmente (o la 880)... poi una volta sistematomi sicurecamente vorro avere un altra cuffia con timbrica/carattere diverso... una papabile potrebbe essere la Fostex T50rp moddata da modhouse la Argon MKIII a cui ci sto dietro da tanto tempo... e infatti proprio su quella, mentre fantasticavo  avevo il dubbio sul single ended o  bilancito

 

5 ore fa, giuca70 ha scritto:

Io ormai, ho passato la quaglia, e giaà !! l'eta'...

l'importante è essere giovani dentro 🙂

Link to comment
Share on other sites

audio_fan
Il 3/8/2022 at 12:51, cele ha scritto:

un buon ampli vintage provane l'uscita cuffia... potresti avere delle sorprese...

Ma anche no... da quanto leggo l'uscita cuffie degli integrati (vintage e non) avrebbe un valore di damping sfavorevole in particolare con cuffie di bassa impedenza...

Link to comment
Share on other sites

audio_fan
5 ore fa, giuca70 ha scritto:

La soddisfazione di veder suonare una scheda assemblata da se',

In un' altra vita ho tentato la via dell' autocostruzione (cosa che mi da il privilegio di avere avuto un valvolare almeno una volta nella vita), ci vuole talento innato a fare le cose precise, senza sbavature, quel talento non ce l'ho ed ho mollato. Tanto condivido solo per concludere: l'autocostruzione non è cosa per tutti, arrivare all' eccellenza è cosa per pochissimi, e, soprattutto...

.

...il rischio di essere autoreferenziali è enorme, l'ho capito a fondo solo lavorando in gruppo (non nell' elettronica per mia fortuna), con altri con cui confrontarsi, con capi a cui rendere conto, con precisi obiettivi di qualità e vincoli di spesa stringenti...

 

Link to comment
Share on other sites

43 minuti fa, audio_fan ha scritto:

Ma anche no... da quanto leggo l'uscita cuffie degli integrati (vintage e non) avrebbe un valore di damping sfavorevole in particolare con cuffie di bassa impedenza...

Ovvio non parlo di iem... 

Link to comment
Share on other sites

konalord

@audio_fan son d'accordo con quello che hai detto, bisogna capire i propri limiti per poi scegliere di superarli o meno, e non tutti son in grado di farlo.

Io mi son messo in gioco tantissime volte facendo delle cacate e confrontandomi con molti esperti, e ho imparato molto.

Almeno nel fare saldatore precise ed evitare le saldature fredde e sbavature; ho fatto delle cose complicate ma non piccolissime e son riuscite bene.

Ma lo schema del v5 che ho visto non mi sembra particolarmente difficile da montare dato che la maggior parte del lavoro è nel circuito stampato, e secondo me è stato progettato  proprio per favorire l'autocostruzione.

 

La prova la farò! Devo solo comprare la punta nuova alla stazione saldante e una treccia nuova 😉

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share



×
×
  • Create New...