Jump to content

AA Crescendo Air Tech


Aqualung
 Share

Recommended Posts

Le Vienna acoustic sicuramente....poi dipende anche da budget, ambiente, tipo di musica ascoltata, ma diciamo che le Vienna in genere vanno molto bene con AA

Azzardo pure le Haydn se cerchi da stand oppure le Mozart se cerchi da pavimento. In tutti i casi, modello più recente, le SE....

 

Link to comment
Share on other sites

Per esperienza diretta posso confermare che le Vienna hanno un ottimo abbinamento con AA. La prima volta le ascoltai all'Oasi Audio di Bertini (promotore nonchè fautore della linea Airtech) in provincia di Pisa che aveva nella sala d'ascolto proprio le Mozart SE in abbinamento con Il Crescendo Airtech e da li mi folgorai. Per anni le ho abbinate prima ad un Puccini (1° versione) e poi successivamente con un Maestro 70 Aitech e la resa è sempre stata favolosa fino a quando non decisi di cambiare completamente sistema.

Link to comment
Share on other sites

@Bufa attualmente uso delle Indiana 504 torre. Vorrei più “ampiezza” della scena sonora . Dandole indietro aggiungerei sui 1000 euro. Stanza di dimensioni normali rettangolari.

Link to comment
Share on other sites

Anni fa ho avuto il piacere di ascoltare delle chario delphinius pilotate da un crescendo prima serie, lettore CD nad entry level, cavi Monster cable anche quelli entry level.

Risultato: un suono bellissimo, dolce, esteso, un pelo ambrato ma sul blues di Clapton, il jazz di Cassandra Wilson e un paio di pezzi un po' più cattivi dei Marlene kuntz veramente affascinante a fronte di una spesa molto contenuta. In negozio eravamo in 2, messo mano al portafoglio purtroppo comprò tutto un ragazzo arrivato poco prima di me (che aveva già 400 impianti mannaggia a lui), l'avrei chiuso nello sgabuzzino....

 

Link to comment
Share on other sites

Io ho le Delphinus e il loro suono deve piacere in quanto vogliono corrente, muscoli, ci vogliono ampli correntosi, c'è poco da fare. Non so se un crescendo le sappia fare suonare a dovere. Inoltre risentono molto dell'ambiente e del posizionamento. In una stanza non più grande di 20, max 25 mq. si esprimono al meglio. Sono un 2 vie ma il T38 è ancora tanta roba...danno ampiezza e profondità, questo è certo, il basso è giusto non eccessivo. Se non trovano l'ambiente giusto, il basso si indurisce.

Link to comment
Share on other sites

Salve,

ho avuto due ampli Audio Analogue, un Puccini 70 ed un Maestro 70, entrambi prima versione che suona piu’ morbida rispetto alla linea Air Tech.

Un buonissimo connubio e’ con le  B&W, una 703 cdm ce la vedrei ottimamente.

 Da possessore di una coppia di Chario Pegasus mk2 quoto le Delphinus e concordo che ci vuole corrente.

Ma ripagano alla grande.

Un’altra alternativa potrebbero essere le sempre valide Proac, le quali suonano bene con tutti i generi.

Con mille euro piu’ il ricavato delle Indiana Line ci si potrebbe portare via una coppia di Studio 140 mk2.

Ovviamente di alternative ce ne sarebbero altre.

Link to comment
Share on other sites

@Aqualung provo a darti il mio modesto contributo: di Audio Analogue avevo un Verdi 70 con cui pilotavo le ProAc Studio 130.

Oltre ad essere un bel vedere esteticamente (che non guasta mai), ne ricordo un medio alto pulito e dettagliato, gamma bassa non eccezionale ma ben presente. 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share



×
×
  • Create New...