Jump to content

Il cavo di un giradischi quanto influisce sul suono


jedi
 Share

Recommended Posts

Buonasera a Tutti gli amanti della musica in vinile.

Si parla del suono di una testina ,ma quanto influisci ul cavo di un braccio,

Ho adesso un giradischi Bergmann con il suo braccio tangenziale, testina My Soni Platinum è ho tre diversi cavi ;Uno Zavfino,un Ortofon e un cavo Agostinelli artigianale.

Ognuno ha un suo suono, ho il mio preferito nella catena ,ma non è questo il punto.

Vorrei sapere cosa ne pensate.

Buoni ascolti

Marco

Link to comment
Share on other sites

Forse sono la persona meno indicata   per un commento in quanto il mio giradischi Linn  Lp 12 in configurazione Klimax (alimentatore Radikal, braccio Linn Ekos II e fonorilevatore Kandid) ha il pre phono Urika all’interno dello chassis del giradischi stesso ma la differenza tra i vari cavi di alimentazione  da collegare all’alimentatore Radikal e’ notevole. Tra cavo in dotazione Linn, cavo Kimber Pk 14, Acrolink 6np4030 e Mit Shotgun  Ac1  le performance  del Mit sono notevolmente superiori rispetto agli altri tre. Per il cavo Rca e’ d’obbligo il Il cavo Linn Silver Rca che connette direttamente il pre phono all’interno del giradischi da collegare al pre. (Probabilmente tu ti riferisci a quest’ultimo.) 

Link to comment
Share on other sites

Il cavo phono, ha per me un peso maggiore nella catena di riproduzione rispetto ad un cavo di segnale che collega altri apparecchi, dovuto anche al fatto che deve trasmettere un debole segnale al pre phono, in una delicata sinergia.

Infatti, per il cavo phono, sono disposto a spendere anche qualcosa di più rispetto agli altri cavi di segnale, perché ritengo basilare il suo lavoro. Detto questo, cifre spropositate, non le spenderei mai per nessun cavo, dato che il loro apporto, nella migliore delle ipotesi, non peserà mai più del 5/10% del risultato finale. 

Link to comment
Share on other sites

sono contento che entrambi i miei gira abbiano i cavi "fissi".

non perchè non creda all'importanza di questi cavi -e tendenzialmente sarei d'accordo con iBan69- ma perchè così ho una variabile in meno e mi faccio meno problemi, illudendomi che chi ha progettato e prodotto quei gira lo abbia fatto al meglio, o comunque con un livello più che adatto al gira (al braccio, se preferite).

se avessi un gira coi cavi sostituibili, come ho avuto in passato, darei importanza a quei cavi e cercherei qualche ottimizzazione (in passato l'ho fatto), sempre senza esagerare.

Link to comment
Share on other sites

@daniele_g se i cavi fissi, sono di qualità hai sicuramente una variabile in meno a cui pensare ... ma, spesso, non sono un granché, soprattutto su giradischi più economici, e in questo caso, si è penalizzati. 

Link to comment
Share on other sites

I cavi phono rivestono una grande importanza per ottenere il massimo dalle nostre sorgenti analogiche . 

Sulle mie 2 basi il cavo phono costa almeno come il braccio ed anche il cavo di alimentazione nn va dimenticato , nn pensavo ci fosse tanto miglioramento in una posizione come quella lì . 

Link to comment
Share on other sites

12 ore fa, jedi ha scritto:

My Soni Platinum

È una mc caratterizzata da impedenza molto bassa (1.4 ohm), pertanto, lascia molta libertà riguardo il cavo.

I cavi phono sono estremamente critici, invece, con le testine mm che hanno impedenza alta, pertanto, la capacità collegata, se troppo fuori specifica, può fare dei casini.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share



×
×
  • Create New...