Jump to content

Tambaqui, questo sconosciuto.


P_one
 Share

Recommended Posts

Stando alle recensioni di stampa di settore, ma anche di chi lo possiede (all’estero), apprezzato sia da chi si affida alle misure (audio scienze review), ma anche da recensori che si affidano alle proprie orecchie per giudicare un prododotto audio, universalmente il Tambaqui ottiene un apprezzamento incondizionato. 
Vorrei sapere se qualcuno lo possiede o almeno ha potuto ascoltarlo in ambiente controllato e magari paragonato a qualche altro dac di alto livello qualitativo (alto livello = non necessariamente super costoso), e sa darmi qualche opinione.

Ho anche provato a scrivere al distributore italiano, per sapere dove poterlo ascoltare vicino a me, ma non ho ottenuto risposta. 
Il tambaqui mi sembra un prodotto poco considerato in Italia o sbaglio?

 

Link to comment
Share on other sites

Drummeria

Il mio pusher di fiducia ne ha uno in negozio (anche il pre ed i finali mono). Il dac ha anche un uscita cuffie e se si usano tidal o qobuz può essere usato con roon direttamente collegato via ethernet. Prima o poi cercherò di ascoltarlo. Da sue impressioni lo reputa un ottimo dac, ma gli preferisce il Rockna wavedream signature (più materico e "analogico" a suo dire).. 

Il prezzo è effettivamente molto impegnativo. 

Link to comment
Share on other sites

@Drummeria per quanto riguardanil Rockna, anch’io ho,sentito recensioni e opinioni notevoli, ma per quanto riguarda il prezzo, anche il Rockna non te lo regalano: il signature bilanciato xlr è sui 15000 euro.

Per  quanto riguarda l’impronta sonora, sempre stando alle recensioni, il Tambaqui sembra essere più neutro del Rockna e viene associato e confrontato col dcs bartok, risultando leggermente più “caldo” e inferiore per quanto riguarda l’uscita cuffie, che nel Bartok sembrerebbe eccellente. 
Ma tutto ciò, per quanto mi riguarda, rimene pura teoria, non avendolo mai ascoltato.

Link to comment
Share on other sites

Drummeria

@P_one esatto, il Rockna wavedream costa pure lui una follia. Io personalmente avevo provato il wavelight (sui 5k) e l'avevo già trovato ottimo, ma il tarlo del Mola Mola mi è rimasto. Altra cosa che mi riferiva il venditore è che scalda molto, manco fosse un ampli in classe A.. Probabilmente lo chassis è sottodimensionato per tutta la roba che ci hanno messo dentro.. 😅 

Link to comment
Share on other sites

Si, anch’io ho letto che scalda. Tuttavia Bruno Putzeys, un guru della classe d, progettista a quanto pare geniale, non credo che possa aver sbagliato un progetto a tal punto da sottodimensionare il case.... Però effettivamente è singolare la cosa.

Link to comment
Share on other sites

A proposito di temperatura ieri sera mi sono imbattuto in una recensione di un noto youtube 

 

 

Addirittura il buon Hans consiglia di averlo "bello caldo" prima di una qualunque valutazione.. 😅 

Link to comment
Share on other sites

A parte le battute, che comunque sono sempre ben accette, ma tornando all’oggetto in questione, mi sembra di capire tuttavia, che nessuno abbia avuto modo di ascoltarlo direttamente, o sbaglio?

l’unico che io conosca lo ha sentito al Monaco hi end di due anni fa, l’ultimo prima del funesto arrivo del Covid. 
Dice di esserne rimasto estramamente impressionato favorevolmente, ma che, in tutta onestà non si sentisse di esprimere un parere assoluto avendolo ascoltato in una sala e un sistema sconosciuti (il che depone a favore della sua onestà audiofila).

Link to comment
Share on other sites

@Cano scusami, non lo avevo capito. Ti va di parlarmene un poco di più? Purtroppo, come dicevo, non riesco a trovare chi ce l’abbia da ascoltare. In che situazione l’hai ascoltato?

Link to comment
Share on other sites

@P_one ascoltato a lungo in contesto che conosco bene 

meccanica lector, dac e ampli Mola Mola diffusori Vivid giya 

Premesso che il suono di queste elettroniche mi piace molto e confrontato con dac lector di naim...mi è piaciuto molto 

Trasparenza e ariosità sono i suoi punti di forza, mi ricorda molto un grande analogico, rispetto al naim ha meno impatto in gamma bassa, il lector ha più calore in gamma media, il tambaqui è preferibile invece in termini di neutralità 

Ha un livello di uscita molto elevato ma comunque regolabile 

Ha diverse funzioni tra cui anche il balance 

La mia preferenza, anche come rapporto q/p va al lector 

 

Link to comment
Share on other sites

@Cano grazie per le informazioni e le tue impressioni.
Un dac che vada nella direzione della trasparenza e neutralità mi interessa, purché non diventi “sterile” o poco coinvolgente. Bel dilemma. 

Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...
granosalis

Riapro questo thread dimenticato, sperando che il pesce in acquario sia ancora vivo 😅

Qualche altro parere su questo DAC? Qualche proprietario contento o scontento? 

Link to comment
Share on other sites

giordy60

c'è una cosa che non capisco.....

il dac sovracampiona tutto ad un frequenza che non è multipla ne di 44.1 ne di 48 khz ( 3.125mhz )

se ricordo bene anche il dac PS audio fa un sovracampionamento in dsd senza considerare i multipli di frequenza...🤔

Schermata 2022-06-01 alle 17.03.05.png

Link to comment
Share on other sites

_Diablo_

 

Il 8/5/2021 at 20:46, P_one ha scritto:

Il tambaqui mi sembra un prodotto poco considerato in Italia o sbaglio?

 

Non sbagli, giuro che sono entrato solo perchè avevo letto nel titolo "Trombaqui" 😂

  • Haha 2
Link to comment
Share on other sites

scroodge
Il 1/6/2022 at 17:11, giordy60 ha scritto:

c'è una cosa che non capisco....

il dac sovracampiona tutto ad un frequenza che non è multipla ne di 44.1 ne di 48 khz ( 3.125mhz )

neanche i 32 bit mi tornano... mah..🤔

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...