Jump to content

Parliamo di: Conrad Johnson


5mare
 Share

Recommended Posts

Si tratta di un marchio che non conosco direttamente. Gode fama di avere un suono dalle caratteristiche, semplificando, marcatamente "eufoniche".

Avrei voluto leggermi qualcosa nelle vecchie discussioni, ma ahimè non è più possibile.

Perciò apro questo 3D per saperne di più personalmente (migliori abbinamenti con diffusori, capacità di pilotaggio, evoluzione/cambiamento del suono negli anni), ma anche per ricostituire un minimo di archivio.

 

grazie a tutti 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Io ho avuto un Premier Eleven XS con le EL34 ed era un suno molto bello, certo forse un pò colorato, ma di una bellezza unica, venduto solo perchè i miei diffusori richiedevano più benzina.

Link to comment
Share on other sites

Presumo che gli oggetti da tenere in maggiore considerazione del marchio siano quelli di livello non base.

Ho avuto i vecchi pv 12 e mv 55, non erano un granché sinceramente.

Non avevano abbastanza spinta.

Nella stessa fascia di prezzo, tra i valvolari, ho ascoltato di meglio, ad esempio Klimo o Lector.

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, FedeZappa ha scritto:

Presumo che gli oggetti da tenere in maggiore considerazione del marchio siano quelli di livello non base.

Ho avuto i vecchi pv 12 e mv 55, non erano un granché sinceramente.

Non avevano abbastanza spinta.

Nella stessa fascia di prezzo, tra i valvolari, ho ascoltato di meglio, ad esempio Klimo o Lector.

Credo tu abbia ragione. Ho avuto il PV15 letteralmente messo KO dal VTL 5.5 che uso tuttora.

Link to comment
Share on other sites

Come per tutti i marchi,vi sono modelli più o meno riusciti.

Da possessore ultratrentennale di Conrad Johnson,posso affermare che pochi marchi di elettroniche a valvole,ma anche ibride,vantano una alta  affidabilità nel tempo,e questo è il motivo della loro estinzione.

Link to comment
Share on other sites

Il 20/3/2021 at 11:55, 5mare ha scritto:

semplificando, marcatamente "eufoniche".

Sarei d'accordo se parlassimo di vecchi apparecchi, ma i più recenti non li trovo marcatamente eufonici. Direi piacevolmente caldi, quello che una volta veniva chiamato suono americano. Poi è chiaro che dipende da casse, valvole, sorgenti etc. 

Cmq ho un mv 52, un mv 60 e un pv12, se posso esserti utile.... 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, jimbo ha scritto:

Grande marchio,le valvole devono fare le valvole,se no si passa ai transistor,non dico che devono essere lenti e mollaccioni....ma insomma 

Sono d'accordo con te, troppi valvolari che suonano da ss oggi

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

25 minuti fa, Montez ha scritto:

Sono d'accordo con te, troppi valvolari che suonano da ss oggi

Potremmo definirlo come valvolare #moderno#

Link to comment
Share on other sites

Avuto un Premier Ten qualche anno fa. Non il pre più performante in termini dei consueti parametri audiofili (dettaglio, scena, ecc...) ma aveva un modo di porgere la musica spettacolare. Come è stato detto, piacevolmente caldo ma anche dinamico. Montava le 6gk5 valvole ormai scarsamente reperibili. Avuto anche in prova un pv9a. Altro bel pre che però nn raggiunge le vette del ten. 

Link to comment
Share on other sites

ho avuto per 10 anni un PV5, non un top di gamma quindi, assieme ad un finale Motif MS100 (praticamente una serie top Conrad Johnson a stato solido). Ne ho un ricordo meraviglioso, un pò eufonico si, ma forse è stato il sistema più musicale passato a casa mia. Cambiai il PV5 in favore di un ottima occasione per un Spectral DMC10 usato, mi sembrava un passo in avanti e in effetti quest'ultimo si è dimostrato un ottimo pre, sicuramente più neutro rispetto al Conrad Johnson, però alla fine ho rimpianto quest'ultimo. Attualmente ho in casa un pre a valvole Mc di cui sono più che soddisfatto, ma prima o poi, ogni tanto cerco pure in giro, credo che gli affiancherò un altro pre, magari di qualche serie storica, CJ.

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Gingobiloba

Io possiedo un finale conrad johnson premier four con valvole EL34 che pilota delle magneplanar e le fa andare alla grande, spesso ho provato qualche altro finale per cambiarlo, in quanto è ingombrante e vorrei qualcosa di più piccolo, niente da fare questa macchina va molto bene e non c'è modo per quel poco che ho provato trovare un sostituto. Ha un suono da vero valvolare, molto rotondo e tridimensionale. Affidabilità assoluta, ce l'ho da 20 anni e per scrupolo gli ho fatto fare un tagliandino qualche anno fa e cambiare la valvole, un noto riparatore di milano mi ha addirittura sconsigliato di mettere valvole troppo pregiate in quanto secondo lui questa macchina suona già di suo.

Ho adesso un finale molto noto e apprezzato in prova ma non ci siamo, suona meglio il C.J.

 

Ricordo che chi compera questi oggetti deve essere cosciente che suonano come dei veri valvolari. 

 

Link to comment
Share on other sites

long playing

Io di Conrad & Johnson a livello ampificatori non ne ho mai avuti ma ne ho letto tantissimo sul marchio e vicissitudini . Tuttavia di questo storico marchio posseggo dal 1990 una coppia di diffusori Synthesis LM 210 , 2 vie da pavimento bass reflex , il modello piu' piccolo di quelli a pavimento facente parte di una serie di una linea di diffusori  che decisero di immettere sul mercato. Una produzione di durata relativamente breve che ando' all'incirca dal 1986 al 1993 , ne furono prodotte in numeto non alto e per questo rare e difficili da reperire.  Per questioni di marketing la linea di diffusori fu denominata appunto Synthesis , un po' come fecero per la linea di apparecchiature audio Sonographe e per la linea di ampificazione a SS denominata Motif. Da ricerche su siti statunitensi lessi un fatto singolare e cioe' che inizialmente furono costruite da C&J , incaricando il progettista David Fokos , per utilizzo " proprio " , su loro specifiche per testare appunto la loro produzione di amplificatori (non soddisfatti al meglio secondo i loro desideri di cio' che era presente sul mercato ) , ma solo  successivamente decisero di farne una produzione da immettere sul mercato al pubblico . Sempre da notizie statunitensi pare che C&J in concomitanza anche della fine della produzione di questa linea di diffusori , per il loro utilizzo di diffusori di riferimento sosituirono le Synthesis con diffusori della Wilson Audio...

Il modello piu' piccolo della linea era un bookshelf l'LM 20 , poi tutte torri dai modelli 200 , 300 e poi il modello top della linea che consisteva in un imponente e costosissimo sistema composta da 4 pezzi. All'epoca questa linea di diffusori suscito' grandi entusiasmi e recensioni eccellenti della stampa internazionale fra cui quelle italiane , SUONO testo' le LM 260 con la famosa prova di Ugo Stella che durante l'ascolto le posiziono' insolitamente " coricate "...  , Andio Morotti sempre su SUONO  scelse ed utilizzo' proprio le Synthesis LM 210 by C&&J  nella composizione di un impianto denominato " La Metafisica del Suono "  basato su diff. alta efficienza + amplificazione bassa potenza abbinate a 2 ampli , il finale C&J Evolution 250 ed in alternativa l'integrato francese ibrido Lectron JH 30 . Audioreview testo' le LM 200 , le successive LM 210 e le piu grandi LM 310 , per mano del Direttore Bebo Moroni che ne tesse grandi lodi. Le LM 310 , 3 vie in bass reflex , furono poi ultilizzate per un periodo come diffusori di riferimento nella sala ascolto di Audioreview.

Ormai sono circa 30 anni che ho le LM 210 , e posso dire che hanno un suono veramente gratificante , bello , con l'atout di una riproposizione scenica strepitosa , e se ricalcano come credo sicuramente , i dettami tecnici e sonori di C&J allora non posso che elogiare e confermare la nomea ed apprezzamenti cha ha riscosso storicamente questo mitico marchio. 

Link to comment
Share on other sites

@5mare E' una questione di termini, sui quali dobbiamo metterci d'accordo.

Eufonico, significa bel suono. Quindi qualsiasi amplificatore, ben costruito e ben suonante è eufonico.

Nella accezione audiofila corrente, eufonico significa un suono piacevole, caldo, musicale (quello CJ lo definiscono "ambrato" forse influenzati dal colore champagne dei frontalini), con le medie-basse leggermente più in evidenza. "Marcatamente eufonico" inizia a non essere più un attributo positivo, intendendo un suono eccessivamente ruffiano, eccessivamente tendente alle tonalità calde, piacione, "valvolare" nella sua accezione negativa, tendente allo slabbrato e al gommoso.   

Un suono insomma di tipo contrario a quello che comunemente viene identificato come freddo, algido, radiografante, analitico, clinico e tutte le altre sfumature ospedaliere. 

Diciamo poi che il luogo comune identifica come eufonici gli apparecchi valvolari e come "neutri" (con tutta la gamma che va dal gradevole al trapanante) gli apparecchi a SS.

Ma ciò non è vero.   

Ho ascoltato qualche anno fa, per restare in casa CJ un PV14 (o 15?) ed alcuni Premiere e non era assolutamente marcatamente eufonico, anzi, secondo l'accezione comune sembrava uno SS. Il mio vecchio PV5 tendeva un po' al "marcatamente eufonico".  

Il mio PV12 lo trovo abbastanza neutro e mi ritrovo con Andio Morotti su Suono (ne ho approfittato per spolverare qualche recensione) che scriveva di suono corretto ed estremamente musicale, controllato, morigerato e quasi austero, privo di arrotondamenti inopportuni, aperto, ma autorevole e veloce, che non indugia in una atmosfera un po' zuccherosa dei pre valvolari delle precedenti generazioni ma che mantiene il velluto e la lucentezza delle valvole, con un bilanciamento tonale che definirei ambrato, di suono piuttosto caldo e corposo anche se ben contrastato e di grande intellegibilità. Dell'impianto formato dal PV12 e da un MV55 sempre Morotti parlava di dinamica, calore, corposità, articolazione, correttezza e musicalità.

Il mio MV60, secondo CJ il risultato delle esperienze e delle ricerche effettuate sul Premiere Eleven A (di cui utilizza anche i t.u.)  è un bel finalone molto corretto, arioso e luminoso e penso sia necessario interfacciarlo anche con delle buone casse non eccessivamente "dure" e lavorare bene sulle EL34.

Link to comment
Share on other sites

23 minuti fa, wow ha scritto:

Dell'impianto formato dal PV12 e da un MV55 sempre Morotti parlava di dinamica, calore, corposità, articolazione, correttezza e musicalità.

Potrei essere sostanziale d’accordo, ma non in senso assoluto.

Se quell’accoppiata e’ valida da quel punto di vista confrontata ad oggetti tendenzialmente economici, tende a ad avere meno “spinta” (non so come definire la velocità nella riproduzione delle percussioni) rispetto ad altre accoppiate non solo a stato solido, ma anche a valvole o ibride, almeno da quel che ho riscontrato nel mio vecchio setup (casse Spendor s8e e sorgente Rega p7).

Sicuramente con diffusori più veloci e reattivi (ad esempio klipsch o Jbl) la vedrei meglio, quindi non si tratta di bocciatura.

Hanno bisogno di abbinamenti studiati con oculatezza.

Link to comment
Share on other sites

Gingobiloba

Mi fa piacere che ci sono appassionati del marchio, che secondo me si può considerare fra i più importanti nella storia dell'HIFi, penso che se ne parla poco, secondo me si trovano in giro anche a delle cifre ragionevoli, il mio finale CJ premier four pesa 37 kg e pensare oggi di comperare la stessa macchina nuova sarebbe un bel costo.

Quando penso agli ampli americani, mi vengono in mente Mcintosh, Marantz, audio research e conrad johonson, li considero i padri dell'HIFI USA.

Sarebbe bello raccogliere qualche testimonianza di chi ha posseduto qualche CJ con le su considerazioni.

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...