Jump to content

Singoli musicisti vs trio-quartetti jazz: c’è più alchimia nei gruppi?


GuidoR
 Share

Recommended Posts

Un paio di esempi: Dave Brubeck e il quartet, con cui è uscito timeout, oppure Bill Evans e il trio, il trio ha prodotto album incredibili come waltz for debby.. spesso ci sono artisti che sembra lavorino meglio in gruppo che da soli. Stan Getz e Gilberto Gil in girl of ipanema? Penso ce ne siano tanti casi. 

Con i trio/quartetti ci si diverte di più? 

Che ne dite?

Link to comment
Share on other sites

Oste onesto

@GuidoR sicuramente l'interplay gioca un ruolo unico di arricchimento e stimolo alla performance del gruppo.

Poi esistono capolavori con singoli strumentisti, e lì il discorso è più intimo e ricercato.

C'è l'imbarazzo della scelta😁

Link to comment
Share on other sites

Anche Keith Jarrett, genio assoluto, nei gruppi diventa più comprensibile, più divertente e empatico. Si penso sia l’interplay che ammorbidisce e avvicina.

Link to comment
Share on other sites

Evans per me giganteggia sia in compagnia che da solo. Poi, certamente la dimensione del trio è quella che lo ha reso più famoso.

Però fai la prova ad ascoltare qualcosa da qui, anche solo il primo brano:

 

Link to comment
Share on other sites

Il confronto tra diverse visioni sul tema proposto, sicuramente è più foriero di stimoli ed intuizioni musicali; fa da detonatore dell'esplosione creativa. Indubbiamente.

Difatti i dischi in solo riguardano più che altro i pianisti, il che è abbastanza normale perché il pianoforte è uno strumento di per sé autonomo, in grado di riprodurre molti registri, timbri, effetti, echi di altri strumenti.

Ciò che ho imparato in tanti anni di ascolto della musica Jazz è che essa è poco influenzata, nella riuscita artistica, dal numero dei musicisti. C'è grande variabilità. Quello che conta sono le idee, cioè gli arrangiamenti, il dialogo tra le voci, la bravura anche tecnica degli attori.

Poi che siano in due, in tre, in cinque, in dieci, non è così determinante.

Alberto.

 

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

penso sia comunque una vista originale sulla quale riflettere: keith jarrett che suona senza spartiti chiaramente da solo ha molta più libertà che quando è in gruppo. il gruppo porta alla necessità di  condivisione, quindi il coordinamento potrebbe portare a più empatia.

concordo sul fatto che il pianoforte è uno strumento incredibilmente completo: tutti coloro che studiano al conservatorio devono fare un esame di pianoforte, non è un caso

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share



×
×
  • Create New...