Jump to content

parcheggio al sole o sotto gli alberi?


newton
 Share

Recommended Posts

L'altro giorno mi sono ritrovato la macchina ricoperta di resina dopo un giorno e una notte sotto un albero...in genere foglie nelle griglie, cacche e etc...in alternativa sotto casa ho bei posti al sole che di questi tempi sono anche più liberi. Quali preferire? Non sono un fissato della macchina pulita...però è quasi nuova....

 

Link to comment
Share on other sites

Al sole. A posteggiare ad esempio sotto un tiglio se poi piove anche solo un po', c'è da perderci il sonno a ripulire la vernice senza fare danni. E in autunno bisogna stare alla larga dagli ippocastani... bolli sul tetto assicurati.

Link to comment
Share on other sites

oscilloscopio

Evito come la peste i pini, gli altri alberi nella mia zona non mi danno problemi, ma piuttosto dei pini, sole tutta la vita...

Link to comment
Share on other sites

16 ore fa, Jack ha scritto:

Garage 

Lapalissiano, anche io posteggio in garage quando sono a casa. Ma quando siamo fuori casa o in viaggio? Non sempre è possibile trovare un garage coperto e tocca scegliere tra alberi e spazi scoperti. In quel caso cosa preferisci?

Link to comment
Share on other sites

8 minuti fa, Severus69 ha scritto:

il mio benessere è più importante dell'auto, che ricordo essere quattro ruote e lamiere...

Vero, ma togliere la resina da vetri e lamiere non è per nulla semplice, acqua e detersivo non sono sufficienti. Quando capitò a me, per pulire il parabrezza in modo decente dovetti usare l'acqua ragia. 

In ogni caso c'è sempre San Climatizzatore 😉 

Link to comment
Share on other sites

Con le temperature che stanno caratterizzando le Isole nelle ultime due settimane (37 gradi e anche di più al giorno, ogni giorno) sfido il migliore di noi a posteggiare la macchina al sole... quando posso cerco posti in ombra che poi, quando torno a recuperare l'auto, sono inevitabilmente al sole 😡. Ho notato però che la mia auto aziendale, di colore "rosso amore" della Fiat, non si surriscalda così tanto, tranne volante e cruscotto (neri) che non si possono nemmeno toccare.

Domanda ai costruttori di auto: visto il riscaldamento globale, non sarebbe il caso di tornare a fare gli interni delle auto bianchi o, comunque, chiari? Anche a richiesta, io li prenderei sempre chiari. D'altra parte, ci sono interni chiari di alcune vetture che sono stupendi (sedili grigi chiaro Mercedes o bianco panna Jaguar); va bene che la tristezza del disegno esterno delle auto "impera" anche negli interni inevitabilmente neri, però si potrebbe pensare qualche alternativa salutare...

Link to comment
Share on other sites

Mi sovviene 🤔 .... chissà se sarebbe possibile installare ( anche come accessorio, non intendo certo di primo equipaggiamento ... ) un prodotto simil-webasto ( magari alimentato con un piccolo pacco di super condensatori .. ) per il condizionamento dell'interno del veicolo, da metter in funzione in periodi programmati, durante la sosta, per far si che la temperatura non vada alla stelle con relativo superlavoro del condizione nel momento della movimentazione del veicolo ???

Link to comment
Share on other sites

oscilloscopio

@tapesrc  Il condizionatore ha un consumo importante in termini di energia, credo che anche utilizzando una batteria più capiente di quella standard, senza il motore che movimenta il compressore la batteria finirebbe ben presto KO.

Link to comment
Share on other sites

Il problema del sole a picco e del parcheggio senza ombra è indubbio; consiglio un telo isolante all'esterno del vetro (ce ne sono in vendita di fatti bene, su Amazon); si fissano bene alle portiere, e proteggono davvero cruscotto, volante e plastiche varie; la temperatura all'interno non va mai oltre i 32-35 gradi, ..che è cosa diversa dai 50.

Molto più efficaci dei soliti pannelli argentati da mettere all'interno del vetro.

C'è il rischio "potenziale " che venga tagliato e "vandalizzato" , ..ma pazienza.. da quando lo uso  bastano 5 minuti e l'auto torna confortevole.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, maverick ha scritto:

..che è cosa diversa dai 50.

Tanti anni fa con una Fiat Uno di un mio amico abbiamo provato a mettere un termometro in piena estate, risultato 78°! Ed era anche bianca...

Link to comment
Share on other sites

@tapesrc

6 ore fa, tapesrc ha scritto:

un prodotto simil-webasto ( magari alimentato con un piccolo pacco di super condensatori .. ) per il condizionamento dell'interno del veicolo, da metter in funzione in periodi programmati, durante la sosta, per far si che la temperatura non vada alla stelle

Credo che Toyota offrisse in passato qualcosa di simile sulle sue vetture (tipo installazione di pannelli solari sul tetto che alimentavano il condizionatore), ma non vorrei sbagliarmi...

Link to comment
Share on other sites

8 ore fa, Severus69 ha scritto:

che ricordo essere quattro ruote e lamiere...

Che si pagano con il sudore del lavoro...mica te le tirano addosso aggrattiss le macchine...

Link to comment
Share on other sites

@FedeZappa quello sembra un ottimo telo, .. ma non so come si faccia a impedirne una facile rimozione (e furto) dal primo stupido che lo vuole fare ...., specie se l'auto non è tanto in vista.

io ho preso questo

https://www.amazon.it/gp/product/B077RQ6WKQ/ref=ppx_yo_dt_b_asin_title_o05_s00?ie=UTF8&psc=1

Per carità, .. se vogliono, .. rubano anche questo, ma è un po' più difficile, e devono avere il tempo di farlo.

Link to comment
Share on other sites

8 ore fa, ediate ha scritto:

Credo che Toyota offrisse in passato qualcosa di simile

Si, sulla Prius c'era a richiesta il tetto a pannelli solari per tenere in carica la batteria e far così funzionare il compressore a/c (anch'esso elettrico) ad auto spenta. Se è vero non so, ma mi disse un ragazzo che lavora in Toyota che lo tolsero dal listino perché alla lunga i pannelli soffrivano di problemi dovuti alle vibrazioni della scocca durante la marcia.

Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, rai63 ha scritto:

Che si pagano con il sudore del lavoro...mica te le tirano addosso aggrattiss le macchine...

La società moderna da all'automobile un valore che va oltre il valore economico, è uno status simbol, un'esibizione di potere. Mi spiego meglio, un auto anche con la vernice un po' rovinata svolge lo stesso al 100% il suo compito che è quello di mezzo di trasporto. E lo deve fare in modo sicuro, confortevole, inquinando il meno possibile. Queste sono le cose fondamentali, non la brillantezza della vernice. Io la penso così, ma so di essere una mosca bianca...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...