Jump to content

Diffusori 4 o 8 ohm?


GuidoR
 Share

Recommended Posts

Buongiorno, 

 

Ci sono vantaggi ne prendere diffusori a 4 ohm rispetto a quelli ad 8? Se hanno 4 ohm serve più potenza per pilotati, d'altro canto gli amplificatori erogano più potenza a 4 ohm anziché a 4, quindi pare non cambi nulla . Ci sono vantaggi nei diffusori a 4 ohm rispetto a quelli a 8 o viceversa? La facilità di pilotaggio si misura dai db ? Grazie 

Link to comment
Share on other sites

@GuidoR vantaggi: nessuno poiché gli amplificatori danno più potenza ma aumenta anche la loro distorsione e si riduce il loro fattore di smorzamento, inoltre un diffusore da 4 ohm può scendere anche a due alle frequenze più critiche con sfasamenti considerevoli e quindi, dipende dall'ampli, potrebbe non farcela ed andare in protezione, questo non vuol dire che non ci siano diffusori da 8 ohm che non scendono molto in impedenza alle frequenze più critiche quindi il fattore va valutato di caso in caso, l'efficienza non dipende dall'impedenza ma, in primis, dalla tipologia di altoparlante installato nel diffusore.

SALVO

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

da quello che so è che diffusori a 4 ohm spesso scendono di più in alcune frequenze. Devi vedere qual'è l'impedenza minima e in base a quella vedi se è compatibile con il tuo finale/integrato. Le mie per es. sono dichiarati per 4 ohm ma hanno un picco in basso a 3,2 ohm a 199Hz

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

@GuidoR più l'impedenza è alta meno fatica l'ampli. Ma è bene premettere che l'impedenza del diffusore (tranne rarissimi casi) non è mai fissa, quella dichiarata dalla casa è il valore tipico, ma quello che conta è il valore minimo e la frequenza alla quale si manifesta questo minimo. Un diffusore da 4 ohm può benissimo avere una impedenza minima maggiore di uno dichiarata da 8 ohm ma magari con un minimo a 3 ohm. 

In soldono l'impedenza dichiarata da un diffusore non ha nessuna importanza nella scelta di cosa compare, è bene informarsi del carico eale che può essere ben diverso da quello dichiarato. I numeri possono essere fuorvianti, un minimo di 1 ohm a 20 hz, non sarà mai un problema (raro trovare musica a questa freuenza)mma un minimo di 2 ohm a 200 hz, ove è fanta la richiesta energetica con praticamente qualsiasi genere musicale, è molto più impegnativo

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

grazie, quindi nessun vantaggio reale. vedevo che diffusori come PMC, Sonus Faber e ATC lavorano ad 8 Ohm, Proac 4, mi domandavo se vi fossero dei vantaggi, ora ho le idee più chiare

Link to comment
Share on other sites

@GuidoR l'impedenza degli altoparlanti non è mai lineare. L'andamento viene poi caratterizzato dagli sfasamenti che la abbassano ulteriormente.

Dal punto di vista pratico bisogna scegliere il sistema di altoparlanti in funzione dell'amplificazione adottata. Un amplificatore a stato solido con un'alimentazione ben dimensionata può lavorare senza problemi fino a 2 ohm, mentre un valvolare è più sensibile all'andamento dell'impedenza. Cioè i 4 ohm li sopporta, ma l'impedenza dovrebbe avere un andamento il più regolare possibile.

Ad ogni modo, nonostante le dichiarazioni dei produttori, credo che si possano contare sulle mani i sistemi che hanno veramente 8 ohm di impedenza minima.

 

Link to comment
Share on other sites

Le B&W802 D3 dichiarano 8 Ohm (minimi 3) e 90 dB. (91 reali)

Le Dynaudio Heritage Special 4 Ohm (minimi 5) e 86 dB (85 rilevati).

Le seconde nel mio sistema danno l’impressione di suonare più forte a parità di manopola del volume. 
meno si complica la vita al l’amplificatore comunque meglio é…

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, GuidoR ha scritto:

quindi nessun vantaggio reale. vedevo che diffusori come PMC, Sonus Faber e ATC lavorano ad 8 Ohm, Proac 4, mi domandavo se vi fossero dei vantaggi

Ciao, un diffusore facile da pilotare, ovvero 6 Ohm stabili, e 90 dB, in linea di massima sarà meglio, a parità di qualità generale, di uno da 3 Ohm e 85 dB . . . 

Primo, perchè ci sarà un range più ampio di amplificatori in grado di pilotarle, poi perchè la riserva di potenza garantisce , in assoluto, miglior resa del sistema e minori rischi di parziali clipping e distorsioni, in caso di improvvise richieste di corrente del programma musicale e rotazioni di fase dei diffusori . . . 

Qui puoi leggere qualcosa in merito . . . 

https://www.digitec.ch/it/page/perche-i-watt-da-soli-non-ci-dicono-nulla-7324

.

saluti , Dario 

Link to comment
Share on other sites

Il 28/6/2021 at 13:58, meridian ha scritto:

parità di qualità generale, di uno da 3 Ohm e 85 dB

Non è un diffusore è una iattura. Capace di ridurre al silenzio molti ampli e con quasi 6 db rispetto ad un 90 significa di dover avere 4 volte la potenza utile a farlo suonare come il più efficiente. 

Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, giangi68 ha scritto:
Il 28/6/2021 at 13:58, meridian ha scritto:

parità di qualità generale, di uno da 3 Ohm e 85 dB

Non è un diffusore è una iattura.

Posso convenire con te, ma ce ne sono molti più di quanti si creda, di diffusori con simili dati, non di targa ovviamente, ma di esercizio !!! 

saluti , Dario 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share



×
×
  • Create New...