Jump to content

Vienna Mozart vs Vienna Mozart Grand


avv
 Share

Recommended Posts

Ho avuto modo di ascoltare solo le Mozart( diffusore a torre stretta con due mid woofer ed un tweet era) ma non ho potuto ascoltare la versione Grand.

Secondo voi c’è molta differenza.?

 Ed in cosa sono differenti?

grazie

Link to comment
Share on other sites

perdonami, ma a me risulta che le Mozart siano tutte Grand. ciò che le differenzia è la versione Grand e Grand SE (Symphony Edition) e forse una ancora più recente ma non ne sono sicuro.

 

 

saluti,
Stefano

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Nerodavola62
15 ore fa, avv ha scritto:

Ho avuto modo di ascoltare solo le Mozart( diffusore a torre stretta con due mid woofer ed un tweet era) ma non ho potuto ascoltare la versione Grand.

Le Mozart (senza Grand) sono la versione precedente; non le ho mai ascoltate, ma alle misure (e anche in base a qualche recensione che si trova su Internet) appaiono profondamente diverse e inferiori rispetto alla versione corrente.
Poi, come già indicato, esistono 2 versioni della Grand, che presentano però differenze più ridotte.

mauro

  • Melius 1
Link to comment
Share on other sites

Concordo con @Nerodavola62 sul dire che le Grand SE è la seconda versione di diffusori che ho avuto per anni che, se ben poszionati e ben pilotati sono una bellissima alternativa musicale per i nostri ascolti. Della versione ultima se ne è parlato anche in un thread abbastanza recentemente, prova a vedere se trovi qualche spunto di riflessione in più.

Detto ciò mi orienterei sull'ultima versione rispetto alla prima potendo.

Link to comment
Share on other sites

@Bufa ok, grazie.

Quindi è certo che esiste la versione Mozart, più vecchia, e la versione Mozart Grand ed ancora la Grand S.E.

Proverò a cercare sul Forum il thread indicato.

 

Link to comment
Share on other sites

Nerodavola62

@avv Esatto: Mozat e Mozart Grand sono progetti profondamente diversi.

Grand e Grand SE differiscono per il solo driver dei bassi e conseguente rivisitazione del crossover.

mauro

Link to comment
Share on other sites

@avv di niente, su queste casse se ne è parlato quì ma trovi info anche su altri portali. Sulle ultime cè anche un articolo di Fedeltà del Suono che puoi trovare in rete. Per il prezzo posso confermare quello che hai scritto, le mie che erano le ultime in colorazione cherry le vendetti alla cifra che hai menzionato 😊

Link to comment
Share on other sites

@avv @Nerodavola62 non so se vale anche per le Mozart, ma le mie Beethoven Baby Grand SE rispetto alle precedenti hanno anche un nuovo piedistallo molto più stabile, con punte più grandi e più facilmente regolabili.

 

saluti,
Stefano

Link to comment
Share on other sites

@essezeta larticolo di Fds l'ho trovato. Non ho trovato invece il thread dove se ne parlava.

Ne approfitto, ma le Haydn come si inseriscono tra Mozart e Beethoven?

Che caratteristiche hanno?

Non nascondo che mi preoccupa proprio quanto letto su Fds a proposito delle Mozart Grand: tweeter un po' esuberante, gamme di frequenze non perfettamente allineate.

Link to comment
Share on other sites

37 minuti fa, avv ha scritto:

Non nascondo che mi preoccupa proprio quanto letto su Fds a proposito delle Mozart Grand: tweeter un po' esuberante, gamme di frequenze non perfettamente allineate.

 

non direi, per quanto riguarda la mia esperienza con le sorelle maggiori!

 

le Haydn sono il modello più piccolo, da scaffale, deliziose, per quel poco che ricordo di un fugace ascolto anni fa e che mi convinse successivamente ad ascoltare ed acquistare la prima coppia di Beehtoven Baby Grand (non SE).

 

saluti,

Stefano

Link to comment
Share on other sites

@essezeta  ma in termini di "importanza" le Haydn come si inseriscono nel catalogo Vienna Acoustic.

Beh..comunque le Mozart che ho sentito io( il vecchio modello) ..insomma il tweeter si sentiva!

Link to comment
Share on other sites

Nerodavola62
54 minuti fa, avv ha scritto:

tweeter un po' esuberante, gamme di frequenze non perfettamente allineate.

Ma sai che mi pare incomprensibile ?

Le Mozart Grand (non SE) hanno proprio nella "coerenza" un punto di forza, e la gamma alta è tutt'altro che esuberante, anzi esattamente il contrario: talvolta sarebbe gradevole un poco di ariosità in più.

Se le SE, che preciso non ho mai ascoltato ed ho solo riscontri indiretti, compensano questi piccoli limiti personalmente lo riterrei un progresso; ma immaginare che la versione più aggiornata perda di coerenza ed abbia una gamma alta addirittura esuberante davvero mi stupisce.

Sul "vecchio" modello invece non ho esperienze da condividere.

mauro

Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, avv ha scritto:

ma in termini di "importanza" le Haydn come si inseriscono nel catalogo Vienna Acoustic.

 

se per "importanza" intendi la fascia di prezzo, sono le più economiche.

 

Link to comment
Share on other sites

51 minuti fa, avv ha scritto:

tweeter un po' esuberante, gamme di frequenze non perfettamente allineate.

Le ho avuto per due anni. L'unico piccolo difetto che ho riscontrato è un leggero effetto "loudness" nella gamma medio bassa. Mai avuto l'impressione di un tweeter al di sopra delle righe, anzi . Ma, come sappiamo, in un impianto il risultato finale non è imputabile soltanto ai diffusori... Se non ricordo male le S.E. hanno i due woofer che montava la Beethoven( le aveva mio fratello), più performanti ma anche un pelino più difficili da "domare"   

Link to comment
Share on other sites

4 minuti fa, Nerodavola62 ha scritto:

e la gamma alta è tutt'altro che esuberante, anzi esattamente il contrario: talvolta sarebbe gradevole un poco di ariosità in più.

Ho letto adesso il tuo intervento mentre postavo il mio e mi ci ritrovo perfettamente 

Link to comment
Share on other sites

Nerodavola62
4 minuti fa, gennaro61 ha scritto:

Se non ricordo male le S.E. hanno i due woofer che montava la Beethoven( le aveva mio fratello), più performanti ma anche un pelino più difficili da "domare" 

Citazioni incrociate, ne approfitto anch'io: sulle Grand SE il mio pusher di fiducia mi diceva che indicativamente si posizionano fra le Mozat Grand e le Beethoven.

Io le Beethoven le ho tenute a casa per una settimana, ma poi mi sono indirizzato sulle Mozart proprio perchè non avevo abbastanza spazio (aria) per posizionarle, e probabilmente - ai tempi - anche un'amplificazione adeguata per pilotarle a dovere.

Quindi confermo tuttto.
Le Grand "non" S.E. sono un poco più facili da posizionare e pilotare, estremamente musicali e coerenti, medio-basso ricco (come generalmente è nel mondo reale 😊), e tutt'altro che aggressive

mauro

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

17 ore fa, gennaro61 ha scritto:

L'unico piccolo difetto che ho riscontrato è un leggero effetto "loudness" nella gamma medio bassa. Mai avuto l'impressione di un tweeter al di sopra delle righe

@avv concordo con quanto è stato scritto. Le SE che ho avuto le ho trovate sempre molto ben presenti e mai affaticanti sui medi alti, anch'io ho sempre lamentato una, a mio parere, non perfetta riproduzione dei bassi ed è per questo che le ho cambiate.

Solo al momento della vendita mi sono invece ricreduto! L'acquirente portò il suo amplo un Hegel e l'abbinamento è stato folgorante! Il basso si allineò perfettamente senza quella sensazione un po' "woferata" che non mi convinceva. Quello che spesso si dice su queste casse a mio parere è veritiero, hanno bisogno di corrente e un corretto posizionamento. Rispetto alle sorelle maggiori B. non necessitano di ambienti eccessivamente ampi e quindi si riesce a posizionarle più facilmente anche.

Ripeto l'abbinamento Hegel è uno dei più belli che abbia sentito con queste casse.

Ti segnalo la precedente discussione sempre qui:

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...