Jump to content

Consiglio per una sorgente CD top, vintage e a prezzo umano


Velvet
 Share

Recommended Posts

Vabbè, ricominciamo da qualcosa di vecchio ma nuovo dai...Questo forum vuoto mi mette tristezza..

 

Nei miei impianti il CD ha sempre avuto ruolo da Cenerentola, non mi sono mai convertito del tutto alla sorgente digitale ma per forza di cose qualche centinaio di CD li posseggo e quindi il lettore ci deve essere...

Per molti anni è stato un simpatico CD104 (di cui mai mi disferò), poi un Revox che non mi ha mai convinto a pieno come sonorità.

Quindi rivenduto bene sulla baia il Revox era il momento di investire il ricavato in un altro oggetto. Però avevo in mente diversi paletti: 

-contenere i costi nel budget ricavato dal Revox

-meccanica al di sopra di ogni sospetto, robusta e dotata di capacità di lettura/basso errore a prova di bomba

-uscite digitali su vari standard, Ebu compreso.

-convertitore esterno moderno

 

Voi direte che tutto ciò messo insieme è difficile...Invece no. Ecco l'accrocco che da qualche settimana allieta l'ascolto dei miei CD e che consiglierei a chiunque con questo budget (sotto i 400 euro):

 

_20210321_112756.JPG.3b49d1a5c3dbd48f632785f73194e272.JPG

_20210321_123835.JPG.1a3818e89ea190308ceceb81a54e6180.JPG

 

 

Un lettore Marantz professional PMD340 con la formidabile meccanica Philips CDM12 pro in metallo ( https://www.dutchaudioclassics.nl/Philips_cdm12_cdm-Pro/ ). Ha tutte le features desiderabili (comprese le uscite digitali su toslink, coassiale ed Ebu XLR) e suona già bene con il suo convertitore on-board.

Ma collegato alla scatoletta magica SMSL Sanskrit 10Mk2 (https://www.audiosciencereview.com/forum/index.php?threads/smsl-sanskrit-10th-mk-ii-dac-review.12148/ ) che vedete sopra nella foto, equipaggiata con DAC AKM, si apre un altro mondo. 

 

Proprio ora sto ascoltando il Daphne et Cloè di Ravel su RCA living stereo e confesso di sentire chiaramente dettagli e sfumature che non avevo mai sentito prima, e un'ambienza davvero coinvolgente. Tutto ciò unito ad una immanenza e precisione in gamma bassa notevoli.

 

Insomma, sono soddisfatto al 100% e non esito a consigliarvi questa accoppiata.

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

@Velvet Ciao Roberto, bentrovato. Mi chiedo e ti chiedo: ma dovendo utilizzare quello splendido lettore professionale in fin dei conti solo come meccanica, un qualunque lettore non così "top" ma con uscita digitale, non sarebbe andato bene lo stesso? In fin del conti, il suono finale lo genera (così come fa la testina in un giradischi) il Sanskrit....

Link to comment
Share on other sites

Adesso, ediate ha scritto:

@Velvet Ciao Roberto, bentrovato. Mi chiedo e ti chiedo: ma dovendo utilizzare quello splendido lettore professionale in fin dei conti solo come meccanica, un qualunque lettore non così "top" ma con uscita digitale, non sarebbe andato bene lo stesso? In fin del conti, il suono finale lo genera (così come fa la testina in un giradischi) il Sanskrit....

Ciao Edilio, bentrovato a te

Nell'ultimo periodo ho approfondito un po' la questione, in particolare in seguito ad un paio di thread proprio qui su Melius, e ho cambiato in parte prospettiva rispetto al passato. Nel caso di un sistema meccanica+convertitore la qualità del segnale digitale in uscita pare sia abbastanza influenzata sia dal sistema di lettura che dalle alimentazioni del lettore (le migliori meccaniche hanno alimentazioni discrete per ogni sezione alimentata) oltre che altre componenti.

  Sicuramente parliamo di sottigliezze ma visto che c'ero, perché no?

A questo aggiungiamoci che volevo un sistema affidabile (non una meccanica che morisse dopo poco o fosse una plasticosa derivazione cd-rom rumorosa come un frullatore) e che nella sezione di uscita prevedesse una certa flessibilità (questo ha tutti e tre gli standard elettrici utilizzati) per poterlo provare con diversi convertitori.

La differenza di una meccanica CD pro rispetto ad una casalinga la si percepisce molto bene anche durante l'utilizzo: skip di traccia in tempo reale, lettura della toc velocissima, lettura senza problemi apparenti anche di dischi molto rovinati, silenziosità totale.

Insomma, al prezzo con cui oggi si compra un CD entry level ci si può portare a casa un sistema che sia sotto il profilo meccanico/costruttivo che sotto quello sonoro (grazie al DAC esterno aggiornatissimo) se la batte con sistemi di ben altro lignaggio...

 

 

Link to comment
Share on other sites

Adesso, ediate ha scritto:

@Velvet bene, ottimo, quel Marantz che hai preso è bellissimo esteticamente, lo sarà sicuramente anche per tutto il resto. Complimenti!

Grazie Edilio...

A dirla tutta la versione nera fa un po' meno broadcast ed è più bellina, ma questo grazie ad una svista dell'inserzionista è venuto via ad un prezzo che meriterebbe una pagina nel thread "botte di cu..." 😁

Quindi bene così.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...